!! SCHEDA DOPPIA !! Il processo

collana di La Repubblica

Di

Editore: Altri

4.2
(7850)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Portoghese , Inglese , Chi tradizionale , Tedesco , Chi semplificata , Francese , Ceco , Spagnolo , Svedese , Olandese , Polacco , Greco , Catalano , Rumeno

Isbn-10: A000087669 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: eBook , Paperback , Altri , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , Cofanetto

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Filosofia

Ti piace !! SCHEDA DOPPIA !! Il processo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Attenzione: questa scheda è doppia!
Non aggiungerla alla tua libreria o, se già presente, rimuovila sostituendola con quella corretta:

http://www.anobii.com/books/Il_processo/9788481305401/010621dee4a6a08e42/
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    It's quite bizarre that for such an incomplete work, it's acclaimed (at least) as one of the best novels in the 20th century ?! In this translation/edition, after the last chapter of the novel, "THE ...continua

    It's quite bizarre that for such an incomplete work, it's acclaimed (at least) as one of the best novels in the 20th century ?! In this translation/edition, after the last chapter of the novel, "THE END", there is an additional section called "FRAGMENTS" which contains 6 pieces of short stories that the editors weren't sure where to put them in the main novel. The most naked incompleteness is at the end of the 4th fragment ("STRUGGLE WITH THE VICE PRESIDENT") which ends as "got off the desk and sat" --- without even a full stop / period ! Because of the incompleteness, the progress of the story seems jumpy and at the end, suddenly two guys came to take K. to die. I guess that's what a meaningless life is like.

    The circumstances are weird as the protagonist, Josef K., needed to defind himself against an unknown charge. He was "arrested" and yet he could apparently walk around freely. On one hand, K. felt so powerless in trying to fight the court; on the other hand, K. somehow could wander almost freely in various court rooms and offices and deal with those apparently "low" officials of the court system. It's like in a totalitarian state that there are no real system and rules that you may follow to fight for your rights. But somehow, Josef K. still kept fighting in his own way, without relying on his lawyer and those who claimed to be able to help him. Even facing a great chance of failure and death, he perhaps tried to follow his own path in his life and use his own methodology to tackle his problems and live his life, rather than relying on any secret and unknown forces or promises.

    The processes seem a little comedic, bizarre and ridiculous. I constantly wonder what the author was thinking when he wrote all these. It doesn't have the whimsical and magical mood in many of the novels of Haruki Murakami, which I prefer. In some sense, this author was more in the developing ages of existentialism and absurdism. Murakami has got almost a century more in time and probably also in knowledge and development. And Murakami's novels are felt like more artistic and skillfully crafted because after all, they're completed novels :-)

    The translator mentioned the inconsistency of the meeting time at the cathedral on p.xxi (lines 5-6) of "TRANSLATOR'S PREFACE". Though I forgot about this while reading, I have actually noticed it myself that on p.203 (2nd line from the bottom), the meeting time was supposed to be "around ten"; nevertheless, on p.206 (lines 9-10), it said "K. had arrived punctually; it was striking eleven just as he entered". A noticeable discrepancy of 1 hour :-)

    p.4 (last 2 lines): "furniture coverlets china and photographs" should probably have a couple commas in between ?!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Per i meandri bui del labirinto kafkiano

    'Il processo', incompiuto, è una surreale "storia satura d'infelicità e di poesia" (per citare la Nota del traduttore di Primo Levi). La lettura che ne dà lo stesso Levi, tra l'altro, pervade il letto ...continua

    'Il processo', incompiuto, è una surreale "storia satura d'infelicità e di poesia" (per citare la Nota del traduttore di Primo Levi). La lettura che ne dà lo stesso Levi, tra l'altro, pervade il lettore di inquietanti suggestioni per le consonanze biografiche dello scrittore italiano e il destino degli ebrei 15-20 anni dopo la prima pubblicazione di questo libro: "Dunque è così, è questo il destino umano, si può essere perseguiti e puniti per una colpa non commessa, ignota, che 'il tribunale' non ci rivelerà mai; 'e tuttavia, di questa colpa si può portar vergogna, fino alla morte' [virgolette mie] e forse anche oltre" (ibidem).

    Perché "il mondo stravolto, dove tutte le attese logiche vanno deluse" è una declinazione possibile del nostro mondo; Joseph K. vaga "per meandri bui, per vie tortuose che non conducono mai dove ti aspetteresti", ma d'altra parte è la vita stessa - come un libro oscuro e pieno di trappole - che trova la sua migliore metafora, il simbolo definitivo, nel labirinto; un labirinto che peraltro è rappresentato magistralmente dall'Orson Welles della riduzione filmica del capolavoro dello scrittore praghese, che vanta un cast ricco quant'altri mai di grandi nomi: A. Perkins (K.), lo stesso Welles (l'avvocato Huld), R. Schneider (Leni), J. Moreau (la signorina Burstner) e E. Martinelli (la moglie dell'usciere del tribunale).

    Kafka si compiace, è ovvio, nell'ammantare ogni situazione di un velo onirico, che dal comico va verso l'incubo passando per il grottesco. Lo dimostrano i ridicoli mostri quotidiani che infestano i corridoi per cui si perde il protagonista; lo dimostra la coercizione che puntualmente lo stanca e lo porta all'esasperazione; lo dimostrano i lunghi, logorroici discorsi incongrui che gli confondono le idee anziché chiarirgliele; lo dimostra l'oscuro squallore degli scenari che fanno da sfondo al suo peregrinare; lo dimostra la visione globale che ne esce fuori della donna, sempre vista dal punto di vista di un maschio infoiato nel colmo di un sogno pieno di turbamenti, erotici e non.

    Ma le donne svolgono un ruolo interessante, simbolico. Sono lascive, sembrano concedersi e lo stanno quasi per fare del tutto, salvo frustrare il sognatore negandosi sul più bello. Come ancora brillantemente fatto notare, o meglio lasciato più o meno volutamente intuire, da P. Levi, il comportamento contraddittorio del protagonista nei confronti di Leni, quella che sembra potersi dare a lui con più facilità, ha una notevole affinità con la trama generale del libro: "Teme di essere punito e ad un tempo lo desidera".

    A questo aggiungerei che il comportamento ambivalente di K. verso le donne è il comportamento di chi giustamente nutre sospetti per chiunque, visto che ogni personaggio che compare nella storia sembra uno dei tanti attori del claustrofobico complotto burocratico-giuridico ordito contro K. Tutti, persino le importune bambine dell'episodio del pittore, fanno paradossalmente parte del Tribunale, le cui segreterie sono sparse assurdamente un po' ovunque, anche nel solaio di altri palazzi.

    Tutto è Legge, quindi tutto è disperazione, qui, in questo sconfortante mondo parallelo in cui nessun'interpretazione può essere l'interpretazione definitiva: la stessa conclusione cui, in fin dei conti, giunge K. al termine della conversazione con il sacerdote a proposito della storia dell'uomo di campagna e del guardiano, peraltro già raccontino a parte e primo germe, si può credere, del romanzo. "Quella storia semplice era diventata informe", pensa K. dopo tutto quel moltiplicarsi di interpretazioni contorte e deliranti.

    In realtà, spesso è bello lasciare (andare) i sogni così, da soli, senza darne troppe letture, ma limitandosi solo a subirne il fascino oscuro dato dall'inquietudine e dalla continua interrogazione che ingiungono a chi sogna, o a chi legge (che poi, in casi come questi, è meravigliosamente la stessa cosa). Almeno finché non ci si risveglia, ritrovandosi cambiati, in quanto arricchiti di una nuova visione, di una nuova prospettiva sulla realtà e, in ultima analisi, di un maggior livello di coscienza.

    ha scritto il 

  • 5

    "Qualcuno doveva aver calunniato Joseph K."...

    Con lo stile semplice che gli è proprio, quasi con noncuranza, come se narrasse una piccola disavventura capitata ad un uomo qualunque in un giorno qualunque, Franz Kafka racconta l'incubo, l'angoscia ...continua

    Con lo stile semplice che gli è proprio, quasi con noncuranza, come se narrasse una piccola disavventura capitata ad un uomo qualunque in un giorno qualunque, Franz Kafka racconta l'incubo, l'angoscia, i passi insidiosi e inesorabili di qualcosa che si impadronisce della vita di un promettente impiegato di banca. Quello che all'inizio sembra essere solo uno scherzo di cattivo gusto, col passare del tempo si rivela un peso opprimente da cui è difficile liberarsi e che suscita vergogna. E' un dito puntato contro, un'accusa non meglio specificata contro la quale Joseph K., il protagonista, deve difendersi. Il tribunale che tratta la sua causa - lo stesso imputato non osa dirlo ad alta voce - si trova in un solaio, a cui si accede attraverso un labirinto di corridoi dall'aria irrespirabile. Nessuna certezza su ciò che è giusto o sbagliato fare, nessun appiglio che dia garanzie di affidabilità. Così, pur professandosi innocente, K. appare sempre più rassegnato al destino che giudici sconosciuti hanno deciso per lui. Nel libro c'è l'assurdo tipicamente kafkiano, che a volte fa persino sorridere, ci sono personaggi (fino a che punto coinvolti non è dato sapere) che se ne escono a sorpresa con frasi inquietanti, lasciando intravedere una verità che aleggia fin dalle prime pagine: la condanna, se non è già scritta, è quasi certa. Il finale è agghiacciante, un autentico pezzo di bravura. Qualcuno ha visto in quest'opera una premonizione della Shoah (lo scrittore boemo apparteneva ad una minoranza ebraica di lingua tedesca), ma è solo una delle chiavi di lettura di un romanzo che mette implacabilmente in luce le paure più profonde dell'essere umano.

    ha scritto il 

  • 5

    Non so dire se mi sia piaciuto o meno, però a mente fredda credo che se l'obiettivo dell'autore era di angosciare il lettore, ci è riesce in pieno. Soprattutto nei due ultimi capitoli ci sono tanti in ...continua

    Non so dire se mi sia piaciuto o meno, però a mente fredda credo che se l'obiettivo dell'autore era di angosciare il lettore, ci è riesce in pieno. Soprattutto nei due ultimi capitoli ci sono tanti interrogativi, che credo rimarranno irrisolti, che affollano la mente del lettore, forse l'immagine più angosciante e misteriosa è presente nell'ultima pagina del romanzo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Per Gregor Samsa tutto è compiuto. O quasi. La scoperta della condizione di insetto è poco più di una sorpresa, un fastidioso contrattempo. Ed anche la morte, in fin dei conti, non comporta sconvolgim ...continua

    Per Gregor Samsa tutto è compiuto. O quasi. La scoperta della condizione di insetto è poco più di una sorpresa, un fastidioso contrattempo. Ed anche la morte, in fin dei conti, non comporta sconvolgimenti di sorta. La mela conficcata nel carapace è poco più che un fatale epilogo in un percorso le cui tappe sono ormai tutte scoperte.
    Nel Processo vediamo quello che nella Metamorfosi ci è negato.
    K, sicuro di sé, nel pieno delle forze e della carriera, ride dell'assurdità di una procedura insensata, volgare, meschina, apparentemente destituita di ogni legittimità.
    Ma dovrà rendersi conto con amaro stupore di come questa insensatezza permei ogni ambito su cui egli s'illudesse di vantare un rispettabile dominio.
    Dalle soffitte luride e opprimenti di quartieri indecenti, le cancellerie si ergono a centro nevralgico della vita intera, la quale si scopre dominata e diretta da un'insuperabile ed incomprensibile mostruosità, quasi fatale, contro la quale ogni sforzo è infine destinato a soccombere, nello strisciante fluire della rassegnazione e dello sconforto.
    Le relazioni sono il viatico di tale lento ed inesorabile declino, della perdita di libertà che infine conduce K. a seguire obbediente il sentiero verso il patibolo, in un culmine d'insensatezza, sconfitta e squallore.
    Le relazioni lavorative, le piccole invidie, l'ipocrisia, l'opinione dei familiari, l'influenza delle donne, presenza consolatrice ed al contempo lusinga alla perdizione.
    Questa fitta ragnatela si stringe lentamente intorno a K., strangolando quella baldanzosa libertà con cui al principio egli si ergeva sull'inconsistenza di un'umanità piccola e squallida, fino a trasformarlo in un insetto.
    Eccolo l'insetto che striscia consenziente verso un letamaio dimenticato, accettando un oscuro verdetto, pronunciato da chissà quale imperscrutabile autorità. Eccolo quest'uomo rassegnato e trasformato, che osserva impassibile il coltello fatale passare di mano in mano ai propri insulsi carnefici, omuncoli insignificanti che lo accompagnano ad un fine infame ed oscena.
    Quest'uomo che attende di essere ammazzato come un cane dal proprio prossimo, un'umanità delegittimata e arrogante. Rinunciando anche all'estremo guizzo di dignità e soccombendo nella vergogna.
    Su tutto regna una Praga meravigliosa, inquietante ed irraggiungibile, teatro spettrale del delirante tramonto del sogno borghese.

    ha scritto il 

  • 4

    L'inespiabile eppure ogni attimo espiata colpa d'essere un uomo. Un uomo, dico, non un dio, cui invece disperatamente si tendono le braccia. E nemmeno una bestia, laddove per bestia s'intende uno del ...continua

    L'inespiabile eppure ogni attimo espiata colpa d'essere un uomo. Un uomo, dico, non un dio, cui invece disperatamente si tendono le braccia. E nemmeno una bestia, laddove per bestia s'intende uno del volgo profano, orda di creature ottuse se non grifagne, cittadine d'un mondo d'incubo nel quale davvero la crudeltà insensata è naturalmente dietro l'angolo, basta aprire la porta d'uno stanzino. Chi non vi s'adegua – perché non vuole o perché non sa, non conta – è destinato alla soccombenza, unica e infine deisderata via di liberazione. Un terribile geroglifico illustrato con parole umane.

    ha scritto il 

  • 5

    "Il processo" è per sempre

    Dice Levi : “Nel Processo c’è un’ intuizione precoce, che la violenza viene dalla burocrazia, questo potere crescente, questo potere irresistibile che è frutto del nostro secolo.”

    Poi:” Nel lager ...continua

    Dice Levi : “Nel Processo c’è un’ intuizione precoce, che la violenza viene dalla burocrazia, questo potere crescente, questo potere irresistibile che è frutto del nostro secolo.”

    Poi:” Nel lager ti imbatti continuamente in qualcosa che non ti aspetti, ed è abbastanza tipico di Kafka aprire una porta e di trovare non quello che ti aspetti, ma una cosa diversa, completamente diversa”.

    Levi nega la comicità in K. E per una volta non concordo con lui: ridere di Joseph K. è un gesto un po’ liberatorio, un po’ crudele ma necessario per illuderci (Franz compreso) di essere perfettamente nel pieno delle nostre facoltà e che al posto suo avremmo trovato una via d’uscita al “morire come un cane” .
    Forse morire no ma subire come una canazzo sì…
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    Agenzia delle Entrate.
    Ha sito che offre una prenotazione online. Si compila un modulo e ti spediscono data, ora e n°di prenotazione, con motivazione della richiesta al tuo indirizzo mail.
    Anche in terronia è arrivata la modernità. Per la civiltà si vedrà ma sono speranzosa.
    Appuntamento 11.15. Arrivo alle 10.45. Folla davanti l’ingresso, folla nel pronao vetrato. Il file stampato è in bella vista esibito come giustificazione al mio sfacciato incedere. Lo porgo al metronotte che funge da usciere (lo intuisco); mi fa un gesto muto verso la banconata, detta front office, dove un altro tizio mi strappa il foglio e digita “il mio numero”, dandomi indietro uno scontrino con scritto C-001. - Primo piano, seconda porta a sinistra, l’hanno già chiamata!-
    Ma l’appuntamento era alle 11.15, tento di dire ma già sento un friccichino da panico in arrivo. Adocchio la scala e mi dirigo verso quella che sembra la sala d’attesa dell’aeroporto di Nizza: circolare e affollatissima di gente demoralizzata, seduta in attesa con lo sguardo a tabelloni elettronici dove compaiono numeri.
    Salgo di corsa per quanto posso. Al pianerottolo una sala d’attesa e un angusto corridoio. Entro curva come a scusarmi, adocchio la stanza e la funzionaria. Mi siedo e sto per raccontare la mia odissea lunga due anni. M’interrompe – Ma chi le ha detto di venire qua?- tento un: scusi al bancone… - Al front office vorrà dire – E’ così che scopro un altro segno di modernità … Mostro lo scontrino con il numero e la motivazione che le sembrano confliggere. “Tistia” (un muovere la testa tra il perplesso e l’incazzato) e chiama qualcuno. Chiude e mi dice di andare al terzo piano passando per il front office e consegnare la carta d’identità al metronotte.
    Scendo. Il metronotte mi guarda, anzi mi squadra schifiato. Vuole sapere chi mi ha indirizzato da lui e se ho appuntamento con quest’altro funzionario. Spiegacchio. Temo che mi respinga al pronao. Mi indica, invece, la scala e rifiuta il documento.
    Oso: L’ascensore? Guasto, risponde. A questo punto sento addensarsi su di me tre, quattro capi d’imputazione.

    Trafelata per i tre piani, trovo la funzionaria. Non mi dice di sedermi e mi chiede il motivo della mia comparsa non annunciata. Spiegacchio, stavolta un po’, solo un po’, incazzata. Mi accusa di avere sbagliato al front office ma ribadisco di avere mostrato il loro modulo. Chissà che ha detto, insiste. Non ho detto niente, ho solo mostrato … protesto per il guasto all’ascensore. Mi invita a calmarmi. Le rispondo di essere calmissima. Ero preparata: sto leggendo il Processo, le dico. Dopo un po’ mi manda al I^ piano.
    Il terzo funzionario è peggio. Anche lui mi lascia in piedi dopo un’attesa in cui sperava una mia miracolosa sparizione, quindi ha il dente avvelenato. Mi siedo d’imperio rimarcando la sua inciviltà. Se ne fotte. Insiste sugli errori che avrei fatto io, ma mi inalbero sventolandogli il pizzino del front office e la prenotazione online.
    Mi sbarella verso un altro funzionario che avevo già incontrato su tutti i piani, fresco e pettinato. (L’ascensore ce l’hanno, eccome!) Stavolta mi siedo senza aspettare inviti, senza scusarmi nè rimproverare. Ricomincio. Accenna alla solita litania, con tono perplesso, ma sono inchiodata e non mi smuove nessuno. Mette mani svogliato al data base. Trova il mio fascicolo, guarda, caccia fuori da un cassetto sotto la scrivania un opuscolo e me lo sbandiera indicando un rigo: il punto dice che ho torto. Gli dico che quel punto non mi riguarda e che l’opuscolo lo so a memoria. Fosse stato qualche mese prima avrei fatto la fine di Joseph K. In più, estraggo “il mio punto” fotocopiato dalla borsa. Dice che ho ragione.
    Dopo il “tribunale” domani mi aspetta Huld – il mio commercialista - medito un'omicidio, mi serve per sfogarmi. Poi striscerò come il commerciante di Kafka.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo (incompiuto) assurdo, dalla struttura “labirintica”, senza una trama vera e propria, sembra di assistere ad una commedia sulla colpa di esistere! Ma si capisce già dopo le prime pagine la t ...continua

    Un romanzo (incompiuto) assurdo, dalla struttura “labirintica”, senza una trama vera e propria, sembra di assistere ad una commedia sulla colpa di esistere! Ma si capisce già dopo le prime pagine la triste sorte del protagonista, che non sarà tutta rose e fiori, il quale è rimasto inconsapevolmente (ma soprattutto senza una logica!) invischiato in un assurdo processo.
    I capitoli sono frammentari, alcune parti sono oscure, pregne di simbolismo e dettagli e la lettura può sembrare complessa da decifrare.
    Arrivato al capitolo nove, dove compare la parabola “Davanti alla legge”, ho capito di essere di fronte ad un grande pezzo di letteratura, un capitolo veramente spettacolare oltre che essere la chiave di lettura dell'intero romanzo!

    Dietro i romanzi incompiuti di Kafka (Il processo, Il castello) c'è chi addirittura ci vede dietro messaggi subliminali o chiavi di lettura poco credibili, ma a mio modesto parere, alla fine il messaggio è la decadenza e la crisi di identità dell'uomo moderno, e si può dire che insieme ad altri grandi scrittori ci ha visto giusto.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per