Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

! Scheda incompleta - eliminare dalla libreria !

Il generale nel suo labirinto

Di

3.6
(1254)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: A000050142 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace ! Scheda incompleta - eliminare dalla libreria !?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Forse uno dei più noiosi di Marquez, forse perchè non mi piacciono molto i racconti storici.
    In fondo non sembra un personaggio come gli altri "El Liberator".
    Personaggio tutt altro che lineare e semplice, che nemmeno nel suo ultimo viaggio verso la morte perde i suoi principi,l'ironi ...continua

    Forse uno dei più noiosi di Marquez, forse perchè non mi piacciono molto i racconti storici.
    In fondo non sembra un personaggio come gli altri "El Liberator".
    Personaggio tutt altro che lineare e semplice, che nemmeno nel suo ultimo viaggio verso la morte perde i suoi principi,l'ironia e le contraddizioni che l'hanno reso un grande uomo politico: Simon Bolivar.

    ha scritto il 

  • 3

    Forse per me è meglio non leggere altro di Marquez, forse è meglio rileggere “L’amore al tempo del colera” e fine! Immagino il valore storico e simbolico che possa avere in patria questo libricino, ma lo scrittore Gabriel non è riuscito a coinvolgere me, europea d’Italia, nel lento declino del ge ...continua

    Forse per me è meglio non leggere altro di Marquez, forse è meglio rileggere “L’amore al tempo del colera” e fine! Immagino il valore storico e simbolico che possa avere in patria questo libricino, ma lo scrittore Gabriel non è riuscito a coinvolgere me, europea d’Italia, nel lento declino del generale Simón Bolívar. 7

    ha scritto il 

  • 2

    4.5/10

    Probabilmente, se non l' avesse scritto Marquez, si sarebbe meritato anche meno. Non mi è piaciuto. Già la trama in sè non mi interessava particolarmente, ma, è così ingarbugliata e spiegata male che proprio mi ha annoiata e anche infastidita, perché facevo proprio fatica a capire anche solo cosa ...continua

    Probabilmente, se non l' avesse scritto Marquez, si sarebbe meritato anche meno. Non mi è piaciuto. Già la trama in sè non mi interessava particolarmente, ma, è così ingarbugliata e spiegata male che proprio mi ha annoiata e anche infastidita, perché facevo proprio fatica a capire anche solo cosa era in flashback e cosa no. L' unico libro di Marquez che non mi è piaciuto per niente e non consiglierei a nessuno, a meno che non ci sia qualcuno interessato a Bolivar che, un minimo, già conosca la sua storia.
    Le ultime parole dei ringraziamenti scritti alla fine del libro sono ' sull'orrore di questo libro'. Concordo.

    ha scritto il 

  • 3

    Senza una preventiva conoscenza della storia della rivoluzione e dei rapporti tra i suoi principali esponenti molte parti risultano alquanto incomprensibili. Le vicende private, seppur interessanti e ben distribuite, non compensano la noia delle parti storico politiche. Finito a fatica.

    ha scritto il 

  • 2

    Questo libro mi ha profondamente annoiata, sulla linea dell'Autunno del Patriarca. Mi è, però, piaciuto il fatto che, ad ogni meta del viaggio, ricollegasse vari ricordi della sua vita, soprattutto amorosi.

    ha scritto il 

  • 3

    Noioso

    Amo Marquez, ha scritto libri che considero tra i più belli che abbia mai letto, ma questo l'ho trovato noioso e l'ho terminato a fatica.

    Non so eccessive ripetizioni barocche, ma, trattandosi di Gabo, forse sono stato io un lettore poco valido quella volta.

    ha scritto il 

  • 3

    Il crepuscolo del Libertador.

    Riletto sulla scia della rilettura di "Cent'anni di solitudine".
    Sicuramente, e non poteva essere diversamente,al di sotto del capolavoro pluripremiato.
    E' il crepuscolo privato, soprattutto privato, del Libertador. Tra risposte fulminanti dell'eroe e una storia non sempre raccontata ...continua

    Riletto sulla scia della rilettura di "Cent'anni di solitudine".
    Sicuramente, e non poteva essere diversamente,al di sotto del capolavoro pluripremiato.
    E' il crepuscolo privato, soprattutto privato, del Libertador. Tra risposte fulminanti dell'eroe e una storia non sempre raccontata all'altezza dell'immenso Gabo.

    ha scritto il 

  • 3

    Muy probablemente, no es el mejor libro de Gabo.
    Un ensayo de novela històrica, presentada bajo una forma de relato biogràfico.

    Lo que se cuenta son los ultimos tiempos de Bolìvar, presentado en la magnitud de la derrota.
    Sin embargo, algo arranca mal en la primera parte del li ...continua

    Muy probablemente, no es el mejor libro de Gabo.
    Un ensayo de novela històrica, presentada bajo una forma de relato biogràfico.

    Lo que se cuenta son los ultimos tiempos de Bolìvar, presentado en la magnitud de la derrota.
    Sin embargo, algo arranca mal en la primera parte del libro, en la cual ciertos "gabismos" estéticos no ayudan a entender donde estamos, y porque.

    ha scritto il