¡Guardias! ¿Guardias?

Mundodisco, 8

By

Publisher: DeBolsillo (Biblioteca Terry Pratchett,6)

4.3
(2045)

Language: Español | Number of Pages: 396 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Italian , Czech , Chi traditional

Isbn-10: 8497931866 | Isbn-13: 9788497931861 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Cristina Macía ; Illustrator or Penciler: Ron Kirby

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like ¡Guardias! ¿Guardias? ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Un ejército de enanos ha de viajar a Ankn Morpork para enfrentarse a un enorme dragón que aterroriza a los habitantes del lugar. Pero se trata de un ejército muy peculiar, pues, además de enanos, sus combatientes son unos cobardes recalcitrantes. Así las cosas, el panorama no parece muy alentador, aunque nunca se sabe...Una nueva entrega de la saga de ciencia ficción más hilarante de todos los tiempos.
Sorting by
  • 4

    L'ho divorato e ne sono entusiasta. L'impossibilità di staccare gli occhi è dipesa anche dalla strana edizione ebook - o dallo strano modo del mio lettore di leggere l'ebook - in cui erano scomparsi i ...continue

    L'ho divorato e ne sono entusiasta. L'impossibilità di staccare gli occhi è dipesa anche dalla strana edizione ebook - o dallo strano modo del mio lettore di leggere l'ebook - in cui erano scomparsi i capitoli. Che immagino esistessero. O forse no.

    È un libro stupefacente e ricchissimo nella sua linearità. È lineare nel senso che corre dall'inizio alla fine ma lo fa come i meandri di un fiume, dandoci a sorpresa cascate, svolte improvvise, paesaggi mozzafiato e perle di riflessione. E poi c'è Samuel Vimes, capo della guardia cittadina, in cui uno si innamora già alla prima apparizione: il che la dice lunga assai sulle capacità di Pratchett come narratore, visto che la prima apparizione di Vimes è sdraiato in uno scolo con l'acqua delle fogne che gli impregna i vestiti e fluisce sotto la corazza.
    Poi ci sono re, draghi, cospirazioni, ladri, la MORTE, altri draghi, magie, biblioteche, pieghe nel tempo e nelle dimensioni, un Primate e un'allevatrice aristocratica. C'è l'ambizione, la scupolosità, l'amore per una città, l'amore per una donna. E l'amore per i draghi.

    Insomma, un libro bellissimo.

    said on 

  • 5

    Tras nueva relectura diez años después

    ...continue

    Aunque para mi gusto no es el más divertido de Prachett, sigue siendo muy bueno, las notas aclaratorias son desternillantes:
    Un buen número de las religiones de Ankh-Morpork seguían practicando los sa

    Aunque para mi gusto no es el más divertido de Prachett, sigue siendo muy bueno, las notas aclaratorias son desternillantes:
    Un buen número de las religiones de Ankh-Morpork seguían practicando los sacrificios humanos, aunque la verdad es que ya no necesitaban practicarlos, porque se les daban muy bien. Las leyes de la ciudad decían que sólo se podía utilizar a criminales condenados, pero eso no tenía mayor importancia, porque en la mayoría de las religiones el negarse a presentarse voluntario para el sacrificio era un crimen castigado con la muerte.

    said on 

  • 4

    A me le guardie! è il romanzo della saga del Mondo Disco che segue cronologicamente Maledette piramidi, quindi l’ottavo. Terry Pratchett si sposta a Ankh-Morpork, il maggiore centro urbano del Mondo D ...continue

    A me le guardie! è il romanzo della saga del Mondo Disco che segue cronologicamente Maledette piramidi, quindi l’ottavo. Terry Pratchett si sposta a Ankh-Morpork, il maggiore centro urbano del Mondo Disco, per raccontarci le strampalate avventure delle guardie cittadine.
    http://www.ryo.it/2016/01/26/a-me-le-guardie-terry-pratchett-citazioni/

    said on 

  • 3

    Proseguo nell'esplorazione di Terry Pratchett, rimanendo più o meno della stessa opinione del precedente romanzo letto (Mort). Un buon romanzo, piacevole, ma che fa sudare la fine rallentando il ritmo ...continue

    Proseguo nell'esplorazione di Terry Pratchett, rimanendo più o meno della stessa opinione del precedente romanzo letto (Mort). Un buon romanzo, piacevole, ma che fa sudare la fine rallentando il ritmo proprio quando invece dovrebbe accelerare.

    In questo caso c'è anche una buona dose di satira, vengono messe subito in ridicolo le autorità e i meccanismi militari, la prima parte del libro va alla grande. Purtroppo la seconda metà sarebbe dovuta durare... la metà. Non arriva a rovinare l'esperienza, ma davvero tirare così per le lunghe un colpo di scena che si intuisce ben prima è un errore e quando finalmente si arriva alla risoluzione questa è un po' troppo sbrigativa.

    Memorabili alcuni personaggi, esplosivi alcuni giochi di parole. Come dire, la stoffa c'è, serve ancora un po' di esercizio.

    said on 

  • 4

    I nobili draghi non hanno amici. Quello che più si può avvicinare a tale concetto è un nemico ancora in vita.

    Come dice l'autore nell'introduzione, nelle opere fantasy le Guardie sono sempre molto bistrattate. In secondo piano, arrivano solo per fare brutta figura e poi morire da sciocchi.
    Qui, invece, le Gua ...continue

    Come dice l'autore nell'introduzione, nelle opere fantasy le Guardie sono sempre molto bistrattate. In secondo piano, arrivano solo per fare brutta figura e poi morire da sciocchi.
    Qui, invece, le Guardie sono le protagoniste. Nello specifico, lo sono quelle della povera, vecchia e sgangherata Guardia Notturna di Ankh-Morpork. Quattro uomini buffi, sempliciotti e demotivati che non sanno di essere speciali e di avere in mano il destino della loro città.
    La storia è costruita molto bene. Il mistero rimane quasi fino all'ultima pagina, le sorprese non finiscono quasi mai. A metà libro sembrava quasi che la storia dovesse concludersi da un momento all'altro, invece è proseguita tra numerosi colpi di scena.
    I personaggi sono dipinti tutti con grande maestria. Ogni membro della Guardia ha la sua peculiare personalità a cui affezionarsi indistintamente. Il mio preferito rimarrà comunque Carota, il grande nano alto due metri.
    Il libro è, in fondo, molto semplice, ma costituisce una lettura estremamente piacevole. Lo stile, la scorrevolezza, il realismo molto ben inserito in una storia fantasy e alcune piccole "surrealità" che si inseriscono alla perfezione nella storia compongono un romanzo leggero, ma ben strutturato e piacevolissimo da leggere.

    said on 

Sorting by
Sorting by