Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

«If» e poesie scelte

Testo inglese a fronte

By Rudyard Kipling

(40)

| Others | 9788817107877

Like «If» e poesie scelte ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Rudyard Kipling nacque a Bombay nel 1865, e la sua prima lingua ful'indostano. Non studiò a Oxford ma a Lahore. Fino a ventiquattr'anni fece ilgiornalista e iniziò allora a scrivere racconti e poesie di vitaanglo-indiana. Visse fino al Continue

Rudyard Kipling nacque a Bombay nel 1865, e la sua prima lingua ful'indostano. Non studiò a Oxford ma a Lahore. Fino a ventiquattr'anni fece ilgiornalista e iniziò allora a scrivere racconti e poesie di vitaanglo-indiana. Visse fino al 1936. Cantò la nobiltà e la miseriadell'imperialismo vittoriano, l'avvento delle macchine, la tragedia dellaprima guerra mondiale. Le sue poesie sono imperniate su una situazione, undestino, una storia, individuale o corale. I suoi eroi sono il soldataccio, iltecnico, il self-made man. Si ritenne un versificatore, non un poeta, ma isuoi versi si imprimono nella memoria per il ritmo da ballata, perl'asciuttezza dell'immagine e l'emozione adolescenziale che li anima.

2 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Se riesci a tenere la testa a posto quando tutti intorno a te
    L'hanno persa e danno la colpa a te,
    Se puoi avere fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te,
    Ma prendi in considerazione anche i loro dubbi.
    Se sai aspettare senza stancarti de
    ...(continue)

    "Se riesci a tenere la testa a posto quando tutti intorno a te
    L'hanno persa e danno la colpa a te,
    Se puoi avere fiducia in te stesso quando tutti dubitano di te,
    Ma prendi in considerazione anche i loro dubbi.
    Se sai aspettare senza stancarti dell'attesa,
    O essendo calunniato, non ricambiare con calunnie,
    O essendo odiato, non dare spazio all'odio,
    Senza tuttavia sembrare troppo buono, né parlare troppo da saggio;

    Se puoi sognare, senza fare dei sogni i tuoi padroni;
    Se puoi pensare, senza fare dei pensieri il tuo scopo,
    Se sai incontrarti con il Trionfo e la Rovina
    E trattare questi due impostori allo stesso modo.
    Se riesci a sopportare di sentire la verità che hai detto
    Distorta da furfanti per ingannare gli sciocchi,
    O guardare le cose per le quali hai dato la vita, distrutte,
    E piegarti a ricostruirle con strumenti logori.

    Se puoi fare un solo mucchio di tutte le tue fortune
    E rischiarlo in un unico lancio a testa e croce,
    E perdere, e ricominciare dal principio
    e non dire mai una parola sulla tua perdita.
    Se sai costringere il tuo cuore, tendini e nervi
    A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,
    E a tenere duro quando in te non c'è più nulla
    Tranne la Volontà che dice loro: "Tenete duro!"

    Se riesci a parlare alle folle e conservare la tua virtù,
    O passeggiare con i Re, senza perdere il contatto con il popolo,
    Se non possono ferirti né i nemici né gli amici affettuosi,
    Se per te ogni persona conta, ma nessuno troppo.
    Se riesci a riempire ogni inesorabile minuto
    Dando valore ad ognuno dei sessanta secondi,
    Tua è la Terra e tutto ciò che è in essa,
    E — quel che più conta — sarai un Uomo, figlio mio!"

    Is this helpful?

    Wally said on Feb 25, 2013 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Se un poeta...

    Pochi poeti hanno suscitato tante controversie attorno a sè come questo autore, il più britannico dei britannici ma nato quanto più lontano possibile dalle Isole, vero e proprio emblema di un'epoca e delle sue infinite contraddizioni.
    Celebrato canto ...(continue)

    Pochi poeti hanno suscitato tante controversie attorno a sè come questo autore, il più britannico dei britannici ma nato quanto più lontano possibile dalle Isole, vero e proprio emblema di un'epoca e delle sue infinite contraddizioni.
    Celebrato cantore dell'imperialismo più sfrenato o umile poeta da caserma con uno sguardo disincantato su quella che in molti si affrettavano a definire "gloria"?
    Questa raccolta, che contiene poesie ben note anche ai non addetti ai lavori ma anche alcune vere e proprie chicche, non azzarda risposte ma riformula tutte le domande su di una personalità così sfaccettata.
    Così, anche un lettore occasionale che si avvicini per la prima volta a questo autore non può non rimanere catturato dalla forza evocativa delle sue poesie giovanili, sorridere amaramente di fronte alle Barrack-Room Ballads (vera e propria lirica collettiva di quei beggars in red, i Figli della Vedova che offrivano il proprio sangue per costruire uno dei più grandi Imperi della storia umana), lasciarsi incantare dai racconti dei Seven Seas, o ancora discutere sulle sottili ironie delle poesie sull'imperialismo (dal famoso "Fardello dell'uomo bianco" fino all'inquietante "Canzone dei bianchi").
    Ma la forza maggiore, anche dal puro punto di vista emotivo, non possono averla che gli epitaffi, mirabile esempio di sintesi poetico-narrativa, per certi versi assimilabili alla migliore poesia giapponese in quanto ad economia di vocaboli e struttura, in rapporto al valore del loro significato.
    Un piccolo volumetto, dunque, che può fungere da ottimo punto di partenza per chi voglia avvicinarsi ad un autore forse "politicamente scorretto" ma che ha ancora molto da dire al nostro tempo.

    Momento Amarcord: Conosco e sono affezionato a Kipling dai tempi degli scout (ero orgogliosamente iscritto al laico e anglosassone CNGEI, non all'AGESCI). Quante volte lo leggevamo alle luci dei falò di notte o nelle nostre riunioni le domeniche mattina.
    Sono anche molto legato per motivi personali al film de "L'Uomo che Volle Farsi Re" (un film con Michael Caine e Sean Connery che si rubano la scena ogni minuto non può che essere un capolavoro).
    Infine, una trascrizione di "If" campeggia dietro di me, nella bacheca del mio ufficio.
    Tutto questo per dire che, sì, lo confesso, Kipling mi piace. E parecchio.

    Is this helpful?

    Sinclair said on Apr 10, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (40)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 358 Pages
  • ISBN-10: 8817107875
  • ISBN-13: 9788817107877
  • Publisher: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Publish date: 2003-01-01
Improve_data of this book