È una vita che ti aspetto

Voto medio di 7131
| 773 contributi totali di cui 670 recensioni , 103 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il percorso di Francesco è quello di molti ragazzi d'oggi, che si accorgono di esistere senza vivere davvero, come se mancasse loro qualcosa, e un giorno decidono che così non va. Ha un lavoro stressante, amche se remunerativo, che fa per ... Continua
Ha scritto il 18/06/17
Libro scorrevole che si fa leggere in fretta, come credo siano un po' tutti i suoi libri, storia decente ma non poi così originale. Forse sbaglio ma sembra che questo libro, come quelli di altri autori, sia pronto a diventare un film prima o poi.
  • Rispondi
Ha scritto il 30/01/17
Primo libro letto di Fabio Volo, cosa posso dire? Per l'età in cui l'ho letto era davvero carino (15 anni) ma ripensandoci ora è carino e basta, niente di esaltante. Però tutto sommato è un libro scorrevole.
  • Rispondi
Ha scritto il 24/07/16
insulso, superficiale, noioso e stilisticamente scolastico (inteso nel senso più deteriore della definizione).
  • Rispondi
Ha scritto il 20/07/16
A me Volo stava simpatico, quando faceva dei programmi, anche interessanti, su MTV e quando non si dava arie da scrittore. Ma forse il problema sono i suoi fans, non lui.Il romanzo in questione è comunque leggibile, a tratti può far anche ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 07/07/16
“Ho pensato che, quando si incontra una persona, quell'incontro crea cose nuove. Dà vita a pensieri, riflessioni, sentimenti, azioni, che appartengono solo alle due persone che si sono incontrate. L'amore che circola tra loro deve essere sempre ..." Continua...
  • 4 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Apr 15, 2016, 12:48
Mi sono tornate alla mente le parole di Giovanni: "Sei malato di non vita. Hai paura di vivere".Pazzesco scoprire che sai come si muore, ma non come si vive.Non significa niente amare tanto o amare poco. Si può solo amare o non amare.Ormai avevo ... Continua...
Pag. 34
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 21, 2013, 09:58
Sembra stupido da dire, ma per la prima volta mi sono sentito un essere umano. E questo mi ha fatto sentire libero. Non ero figlio, marito, dottore, fratello, amico o altro. Nessun ruolo principale. Essere umano, quindi, come le tartarughe quando ... Continua...
Pag. 148
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 21, 2013, 09:56
Non c'è da capire, c'è da amare. Ma io non ne ero capace. Poi con il tempo ho imparato una cosa importante. Cambiare posto al cuore con il cervello. Ho imparato a pensare con il cuore e ad amare con la testa. Pensare con il cuore mi costringeva ad ... Continua...
Pag. 134
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 21, 2013, 09:54
"Ma io sono un essere umano" mi ripetevo. Pensieri, bellezza, passione, sentimenti, emozioni: tutto questo lo dovevo spesso reprimere perché non avevo tempo. Era come prendere un uccellino che può cantare e volare e fargli arare un campo come ... Continua...
Pag. 117
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 18, 2013, 17:46
Ma scendere dalla giostra voleva dire fermarsi. E io, ad esempio, non ne ero capace. Dovevo sempre essere in movimento, sempre impegnato, sempre pieno di cose. Era una vita che scappavo, che correvo, che fuggivo dalle mie paure, da una continua ... Continua...
Pag. 78
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi