Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Η κλέφτρα των βιβλίων

Μυθιστόρημα

By Markus Zusak

(0)

| Paperback | 9789604533947

Like Η κλέφτρα των βιβλίων ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Τι θα γινόταν αν έπρεπε να κρύψεις κάτι για να το σώσεις;

Όταν η νεαρή Λίζελ φτάνει στο σπίτι των θετών γονιών της έχοντας χωριστεί από τους πραγματικούς, το μόνο που κρατάει στα χέρια της είναι το εγχειρίδιο ενός νεκροθάφτη, το οποίο δεν μπορεί καν Continue

Τι θα γινόταν αν έπρεπε να κρύψεις κάτι για να το σώσεις;

Όταν η νεαρή Λίζελ φτάνει στο σπίτι των θετών γονιών της έχοντας χωριστεί από τους πραγματικούς, το μόνο που κρατάει στα χέρια της είναι το εγχειρίδιο ενός νεκροθάφτη, το οποίο δεν μπορεί καν να διαβάσει αφού δεν ξέρει γραφή και ανάγνωση. Αυτό θα είναι και η αρχή της καριέρας της ως... κλέφτρας. Μαζί με το φίλο της Ρούντι, η Λίζελ θα αρχίσει να κλέβει βιβλία - βιβλία από το σωρό που πετάνε οι Ναζί στη φωτιά για να τα κάψουν, βιβλία από τη βιβλιοθήκη του δημάρχου, βιβλία από τις πλούσιες οικογένειες της πόλης. Κι ενώ οι βόμβες των συμμάχων πέφτουν συνεχώς και οι σειρήνες ουρλιάζουν, η Λίζελ μοιράζεται τα βιβλία της στα καταφύγια και βρίσκει σ' αυτά παρηγοριά. Μέχρι που κάποια μέρα, η σειρήνα θα αργήσει να σφυρίξει...

Μια αξέχαστη ιστορία για τις ανατροπές και τις συμπτώσεις της ζωής, αλλά και για τη δύναμη των βιβλίων να θρέψουν την ψυχή μας.

1350 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Questo libro è terribilmente bello.... e anche se trattano per lo più avvenimenti infelici, credo sia giusto e doveroso leggere di questi libri, per non dimenticare mai ciò che la mente umana può generare.

    Is this helpful?

    Faiana said on Sep 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Prima i colori.Poi gli esseri umani.
    È così che di solito vedo le cose.O almeno ci provo.*** Un semplice fatto ***Prima o poi morirai.
    In tutta sincerità, mi sforzo la faccenda allegramente, anche se, a dispetto delle mie proteste, la maggior parte d ...(continue)

    Prima i colori.Poi gli esseri umani.
    È così che di solito vedo le cose.O almeno ci provo.*** Un semplice fatto ***Prima o poi morirai.
    In tutta sincerità, mi sforzo la faccenda allegramente, anche se, a dispetto delle mie proteste, la maggior parte delle persone trova difficile credermi. Per favore, fidati di me. Posso davvero essere allegra. Posso essere amabile. Affettuosa. Affabil. E queste sono le parole che cominciano per A. Non chiedermi di essere bella: essere bella non è da me.
    Facciamoci prendere per mano dalla signora Morte, che, in prima persona, ci racconta la dolce e amara storia della Ladra di libri, Lisiel Meminger: storia raccontata attraverso il libro scritto e abbandonato proprio dalla ragazza.
    *** Pagina 1 ***Faccio finta di non saperlo, ma so beneche tutto incominciò con il treno e la nevee mio fratello che tossiva.Quel giorno rubai il mio primo libro,un manuale per scavare le tombe,e lo rubai mentre venivo in Himmelstrasse ..
    Un romanzo che racconta di un libro, su una ragazzina che amava i libri e li rubava: come avrete capito i libri e le parole hanno un ruolo importante in questa storia.
    Una storia che ci porta dentro la Germania degli anni della seconda guerra mondiale, vista con gli occhi dei bambini di un piccolo villaggio vicino Monaco, Molching.
    Sono Lisiel Meminger, la bambina adottata dalla famiglia Hubermann, Hans e Rosa, dopo aver perso il fratellino preso dalla signora Morte in un lungo viaggio su un treno.
    Sono Rudy Steiner, uno dei figli della famiglia Steiner, che voleva diventare come Jesse Owens.
    E poi gli altri ragazzini con cui giocare a pallone sulla Himmelstrasse.
    O anche quelli con cui andare a rubare le mele ai contadini nelle campagne.
    Perché c'è tanta fame, nonostante siamo nella Germania di Hitler, del Reich millenario che sta sconfiggendo tutti gli eserciti europei.
    Perché mentre la ladra di libri, Lisiel, inizia a conoscere la sua nuova famiglia, la Morte deve compiere il suo duro lavoro: raccogliere le anime dei soldati che combattono al fronte.
    *** Piccolo ma significativo commento ***Nel corso degli anni ho visto tanti giovani che credonodi correre gli uni contro gli altri.Non è così.È verso di me che corrono.
    Partiamo da Lisie: il suo primo libro lo rubò dai becchini che stavano seppellendo il fratellino. Era il manuale dei necrofori, spiegava cioè come scavare bene una tomba.
    Il secondo libro, invece, lo estrasse ancora rovente, da una catasta di libri che i nazisti avevano mandato al rogo («ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri»). Uno si era salvato, “Un'alzata di spalle”. Gli altri li prese, o forse furono lasciati rubare, dalla biblioteca della moglie del sindaco: “L'uomo che fischietta”, “L'uomo che porta i sogni”, “L'ultimo sconosciuto” ..
    Sono libri che legge assieme al padre la notte, quando i suoi incubi vengono a trovarla e solo la presenza del buon Hans, l'uomo con la fisarmonica, riesce a tranquillizzarla.
    Ma Hans non è solo l'uomo buono, che non trova lavoro perché si è rifiutato di prendere la tessera del partito. Perché una volta ha aiutato un signore ebreo a ripitturare il negozio devastato dalle squadracce con la svastica. Hans Hubermann, oltre ad essere l'uomo che sopporta gli scoppi d'ira della moglie Rosa, è “l'uomo che mantiene le promesse”. Per un vecchio debito con un commilitone della prima guerra, decide di ospitare nella sua cantina un ragazzo ebreo, Max Vandenburg.
    È un ex pugile, che lotta coi pugni sulla strada da quando era ragazzino e che la notte sogna di prendere a pugni il fuhrer stesso. E di riuscire pure a piazzargli qualche dritto sul mento.
    La vita per la famiglia Hubermann diventa sempre più difficile: non è solo la miseria dovuta alla guerra, al fatto che nessuno da più lavoro ad un paria del partito nazista. Ora c'è un ebreo nascosto in cantina.
    Un segreto che non si può rivelare a nessuno, nemmeno a Rudy, il compagno di giochi, il palo mentre la ladra di libri fa il suo lavoro.
    Ma anziché diventare più stretto, per Lisiel il mondo all'improvviso si allarga: “entrambi erano approdati in Himmelstrasse in stato di grande turbamento. Entrambi avevano incubi”.
    Gli incubi di Max diventano prima un libro di immagini, dipinto nella cantina usando tempera e pennelli e le pagine sbiancate del “Meine kampf”: è la storia dell'uomo che sovrasta.
    “Per tutta la vita ho avuto paura degli uomini che mi sovrastano”.

    Ma un giorno, Max è costretto ad abbandonare la casa: lascia in regalo a Lisiel un libro, scritto nella notte sempre sulle pagine del libro di Hitler.
    E' la storia de “La scuotitrice di parole”:
    C'ERA UNA VOLTA uno strano ometto. Aveva preso tre decisioni importanti sulla sua vita:1. Avrebbe portato la riga dei capelli dal lato opposto agli altri.2. Si sarebbe fatto crescere dei curiosi baffetti.3. Un giorno avrebbe dominato il mondo.
    L'Europa è devastata dalla guerra: la guerra voluta da Hitler e da quelli che si sono lasciati soggiogare dalle sue parole. Lo strano ometto protagonista della favola per adulti di Max, scritta per Lisiel e per tutti noi. Una storia sul potere della parole, sul potere dei libri.
    Un potere devastante, visto che permette le barbarie che ci racconta, direttamente dalla sua voce, la morte nel suo diario. La morte che accglie gli umani, quando è giunto il loro momento.
    Diario della morte: il cielo di ColoniaSono certa che Lisiel Meminger dormisse sodo quando oltre un migliaio di bombardieri volarono su un luogo noto come Colonia. Per me il risultato furono più o meno cinquecento persone; altre 50000 vagabondavano senza tetto intorno a spettrali cumuli di macerie cercando di capirci qualcosa, a chi appartenessero le rovine delle case distrutte.Cinquecento.Le portavo tra le dita come le valige, oppure me le gettavo sulle spalle; solo i bambini li reggevo tra le braccia.
    Diario della morte: i parigini.Le loro anime si alzavano in piedi quando i loro corpi cessavano di cercare le fessure nella porta. Le loro unghie avevano graffiato il legno, e in qualche caso vi si erano piantate dentro con la loro pura forza della disperazione, e i loro spiriti venivano verso di me, tra le mie braccia, e ci arrampicavano fuori di quelle docce, sul tetto e più su ancora, nel respiro sicuro dell'eternità. Non cessavano di rifornirmi: un minuto dopo l'altro, una doccia dopo l'altra.Non dimenticherò mai il primo giorno ad Auschwitz, la prima volta a Mauthausen. In quel posto, mentre il tempo si consumava, ne raccolsi anche sul fondo del grande baratro ...
    Ma la parole hanno anche una forza positiva, perché proteggono dalla brutalità del mondo che è fuori, perché proteggono il mondo, le persone care e il loro ricordo.
    È con le parole lette dai suoi libri che Lisiel infatti riesce a tranquillizzare i vicini stretti in un rifugio sotterraneo, durante un bombardamento.
    È con le parole che Lisiel riesce a descrivere il cielo all'ebreo nascosto. E saranno proprio le parole scritte che la salveranno dalle bombe.

    Storia di una ladra di libri è un racconto allo stesso tempo delicato e potente, intenso e semplice, come le storie di amore e amicizia dei ragazzi che corrono e giocano nella Himmelstrasse. Come la dolcezza infinita dei genitori adottivi, sia Hans che Rosa (“un armadio con il cappotto” la prima impressione della piccola Lisiel). Dove la Morte accompagna il lettore ad ogni passo, anche anticipando alcuni destini prima che sia il loro tempo. Ma non è cattiva la morte. Siamo noi che le forniamo sempre nuovo lavoro, con la nostra stupidità, col nostro odio, con questi uomini ridicoli coi baffetti strani.
    Le sue ultime parole:
    Avrei voluto dire tante cose alla ladra di libri, parlarle della bellezza e della brutalità. Ma che cos'altro avrei potuto dire, che lei già non sapesse? Volevo spiegarle che da sempre mi capita di sovrastimare o sottostimare il genere umano .. di rado mi limito a stimarlo.
    Volevo domandarle come potesse una medesima cosa essere terribile e splendida allo stesso tempo, e le sue parole dure e sublimi insieme.Nulla di tutto ciò mi uscì dalla bocca.Riuscii solamente a volgermi verso Liesel Meminger, per confidarle l'unica verità che conosco davvero. La dissi alla alla ladra di libri, e adesso la ripeto a te.*** Ultima postilla ***Della vostra narratriceSono perseguitata dagli esseri umani

    Is this helpful?

    alduccio said on Sep 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando presi in mano questo libro ero un po’ titubante. Le storie sulle guerre non fanno per me, soprattutto quelle sulla seconda guerra mondiale, ma questo dovevo leggerlo, questo libro era diverso.
    Il titolo originale del libro è “La bambina che sa ...(continue)

    Quando presi in mano questo libro ero un po’ titubante. Le storie sulle guerre non fanno per me, soprattutto quelle sulla seconda guerra mondiale, ma questo dovevo leggerlo, questo libro era diverso.
    Il titolo originale del libro è “La bambina che salvava i libri” ma ora tutti lo conoscono con il nuovo titolo del film “Storia di una ladra di libri”. E’ appunto grazie al film che ho scoperto questo libro, ma dopo aver letto il libro il film è passato in secondo piano.
    “Storia di una ladra di libri” racconta la storia di una bambina sorprendentemente forte e tenace. Il suo nome è Liesel e ha due mamme, un papà, un fratello che la perseguita nei sogni, un ebreo in cantina, un bambino dai capelli color limone con cui ruba libri, e una straordinaria storia da raccontare.
    E’ la seconda guerra mondiale e a raccontare la storia è un’insolita osservatrice: la Morte, che ha il suo bel da fare su tutti i fronti. Corre da una parte all’altra del mondo, sollevando anime e incontrando spesso una coraggiosa bambina che le sfugge sempre.
    La prima volta che la incontrò fu durante un viaggio in treno, quando prese l’anima del fratello. La loro madre li stava portando in un paese al limitare della città di Monaco, per darli in adozione a una strana coppia tedesca che si sarebbe presa cura di loro. Arrivò solo Liesel.
    La seconda volta che la Morte incontrò la bambina fu quando un aeroplano si schiantò poco lontano dalla Himmelstrasse, la via dove viveva Liesel e i suoi genitori affidatari. Quella notte la Morte prese l’aviatore, e la vide ancora una volta, era vicino al ragazzo con i capelli color limone.
    La terza volta che vide la bambina la stava quasi per prendere, ma anche quella volta le sfuggì. Era l’unica superstite di tutta la Himmelstrasse, non era ancora arrivato il suo momento, Liesel doveva ancora vivere.
    Alla fine, naturalmente, la morte prese anche lei ma la cosa stupefacente era che prima aveva letto tutta la sua storia; di quando si intrufolava nella casa del sindaco per rubare i libri, di quando il bambino dai capelli color limone si tinse il corpo di nero per fingere di essere Jesse Owens, di quando nascose un ebreo in cantina e di quando si rese conto che le parole le avevano salvato la vita.
    La Morte vede il mondo attraverso i colori, ogni uomo ha il suo, Liesel però ne aveva tanti, di tante sfumature diverse, ma tre erano i colori che brillavano più degli altri: il rosso della bandiera, il bianco del cerchio al suo interno e il nero della svastica al centro.
    Questo libro non racconta solo una storia, non si limita a riempire le pagine bianche di parole, le inonda di colori, emozioni, e perché no? Anche di disegni.
    Attraverso questo libro puoi vedere la seconda guerra mondiale attraverso gli occhi di una bambina, che nasconde la guerra nello spazio bianco lasciato tra una parola e l’altra.
    Alle fine del libro ti arriva forte un grido: come si fa a condannare un intero popolo? Come si fa a giudicarli tutti? Come hanno fatto i tedeschi a svuotare tutto il loro furore sugli ebrei? E come facciamo noi ad incolpare tutti i tedeschi?
    Durante la seconda guerra mondiale ci sono stati molti errori, ma leggendo questo libro ti accorgi che l’errore più grande di tutti è stato quello di considerare ogni singolo individuo parte di un tutto.
    Questo libro è stato scritto utilizzando il punto di vista della Morte e le parole di una bambina, e quando arrivi alla fine, una risata dolce amara ti sale alla labbra proprio mentre l’ultima lacrima scende rigandoti il viso.
    Leggete questo libro per rendervi conto della più dolorosa delle verità: in guerra non esistono vincitori.

    Is this helpful?

    Toglietemi tutto, ma non i miei libri said on Sep 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    emozionante

    È difficile per me parlare di questo romanzo senza fare spoiler. ..
    è un libro che non ho letto ma ho ascoltato sottoforma di audiolibro, e devo dire che i protagonisti mi sono diventati cari come se li conoscessi veramente.
    mi è piaciuta la voce nar ...(continue)

    È difficile per me parlare di questo romanzo senza fare spoiler. ..
    è un libro che non ho letto ma ho ascoltato sottoforma di audiolibro, e devo dire che i protagonisti mi sono diventati cari come se li conoscessi veramente.
    mi è piaciuta la voce narrante, una presenza insolita, ho amato Rudy ma soprattutto ho apprezzato il tipo di guerra raccontata. È abbastanza raro nei film o romanzi avere il punto di vista dei tedeschi non ebrei. leggere della loro povertà, la loro fame, l'essere vittime di un governo che non li rappresenta mi ha fatto riflettere che forse non erano tutti delle SS, ma spesso subivano solo gli eventi di un regime o a cui dovevano adattarsi per sopravvivere.
    è un romanzo che consiglio a tutti ma in particolare ai nostri adolescenti, perché è un libro pieno di valori senza però cadere nella retorica o nel perbenismo.

    Is this helpful?

    Valentina Lorenzato said on Sep 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non è un capolavoro ma è sicuramente una storia commovente ed emozionante. La seconda guerra mondiale, il nazismo, l'olocausto, i bombardamenti degli alleati sulle città tedesche visti e "metabolizzati" attraverso il potere e la magia delle parole ra ...(continue)

    Non è un capolavoro ma è sicuramente una storia commovente ed emozionante. La seconda guerra mondiale, il nazismo, l'olocausto, i bombardamenti degli alleati sulle città tedesche visti e "metabolizzati" attraverso il potere e la magia delle parole racchiuse nei libri.Difficile non partecipare alle vicissitudini della protagonista cosi' come impossibile rimanere indifferenti davanti all'umanità del padre e di tutte le persone che la circondano. Geniale l'idea dell'Io narrante che è addirittura la Morte in persona: una "grande consolatrice" sarcastica, irriverente, stanca di essere quello che è, incapace di capire glu umani "io gli uomini spesso li ho sovrastimati, alcune volte sottostimati, ma difficilmente stimati".

    Is this helpful?

    No_one_there said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book