Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Ο πύργος των Καρπαθιών

By Jules Verne

(0)

| Mass Market Paperback | 9789602402603

Like Ο πύργος των Καρπαθιών ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

16 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    denuncia all'ignoranza

    Quando ho sentito parlare di questo libro come un insolito horror scritto da Verne non ho potuto fare a meno di leggerlo.
    L'orrore di questo romanzo io l'ho intenso come l'ignoranza, in tutta sincerità ho provato anche un pò di pena per il Barone Ro ...(continue)

    Quando ho sentito parlare di questo libro come un insolito horror scritto da Verne non ho potuto fare a meno di leggerlo.
    L'orrore di questo romanzo io l'ho intenso come l'ignoranza, in tutta sincerità ho provato anche un pò di pena per il Barone Rodolphe de Gortz, in fin dei conti voleva solo starsene in pace a casa sua, mentre un paesino di superstiziosi cocciuti cercano in tutti modi di disturbarlo...

    Is this helpful?

    luke said on Sep 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mistero

    Si tratta probabilmente del libro più ''dark'' che ho letto di Jules Verne. Le descrizioni, l'ambientazione e la storia in generale mi hanno molto colpito sotto questo aspetto. Tutti gli elementi, compresi i personaggi, mi hanno portato ad assegnarli ...(continue)

    Si tratta probabilmente del libro più ''dark'' che ho letto di Jules Verne. Le descrizioni, l'ambientazione e la storia in generale mi hanno molto colpito sotto questo aspetto. Tutti gli elementi, compresi i personaggi, mi hanno portato ad assegnarli quattro stelle come valutazione.

    Is this helpful?

    Wanderer said on Aug 18, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Ormai datato, però garbato

    Trama: **1/2
    Un vecchio e malfamato castello della Valacchia pare essere sede di eventi misteriosi: fumo, luci, voci dal nulla. Come può il popolino di Wrest vivere all’ombra di tale maleficio?

    Piacevolezza: ***
    Divertissment di un Verne illumini ...(continue)

    Trama: **1/2
    Un vecchio e malfamato castello della Valacchia pare essere sede di eventi misteriosi: fumo, luci, voci dal nulla. Come può il popolino di Wrest vivere all’ombra di tale maleficio?

    Piacevolezza: ***
    Divertissment di un Verne illuminista un poco cinico, che si diverte a sfruttare la credulità delle genti naif per presentarci un’avventura dal gusto gotico.

    Stile: ***
    Mi piace la scrittura ricca e citazionista, che descrive bene personaggi, moti dell’animo, spazi. Sebbene i personaggi rappresentino ciascuno una certa monodimensionalità quasi macchiettistica, il risultato è gradevole da leggersi. Romanzo con omaggi al gotico, ambientato in Transilvania, offre un’avventura senza impegno nei tempi passati.
    Molto prevedibile al giorno d’oggi, dobbiamo immaginarcelo all’epoca della fine ‘800, quando la scienza e la tecnica parevano infallibili risposte a ogni fenomeno ed il positivismo imperava.
    Richiede quindi di calarsi nell’epoca di cui fa parte, 1892, pensando ad un mondo ormai scomparso ma mai dimenticato con una visione semplicistica della realtà.
    Siamo nel secolo in cui “non nascono più leggende e la ragione ha il sopravvento”, nel momento più alto del positivismo, in cui la scienza è il faro infallibile cui rivolgersi, quindi la prospettiva della risoluzione sarà più scientifica che fantastica.
    E ormai anche noi, approdati nel XXII secolo, come potremmo pensare altrimenti?

    Consigliato: -
    Se poi è troppo palese, oggi, o persino un poco banale, si abbia pazienza. La drammaticità, le segrete del castello, i presunti fantasmi, il mal d’amore e le svenevolezze ora non s’usano più, però è piacevole ricordarle.
    Per chi ama le avventure di quando si poteva pensare di raggiungere tutto.

    Quest'opera di Mmorgana è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

    Is this helpful?

    Mmorgana (lettrice onnivora) said on Jul 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I

    Questa storia non è fantastica, è solo romanzesca. Ma poiché è inverosimile, dobbiamo forse concludere che non è vera? Sarebbe un errore. Apparteniamo a un'epoca in cui accade tutto - anzi in cui si potrebbe dire che tutto è accaduto. Se il nostro ra ...(continue)

    Questa storia non è fantastica, è solo romanzesca. Ma poiché è inverosimile, dobbiamo forse concludere che non è vera? Sarebbe un errore. Apparteniamo a un'epoca in cui accade tutto - anzi in cui si potrebbe dire che tutto è accaduto. Se il nostro racconto non è verosimile oggi, può esserlo domani, grazie alle risorse scientifiche che sono patrimonio del futuro e nessuno oserebbe metterlo sullo stesso piano delle leggende. Del resto non si inventano più leggende al declinare di questo secolo diciannovesimo pratico e positivo. Non si inventano in Bretagna, il paese dei feroci spiriti maligni, o in Scozia, la terra dei brownies e degli gnomi, on in Norvegia, la patria degli asi, degli elfi, dei silfi e delle valchirie, e nemmeno in Transilvania, dove la cornice dei Carpazi si presta così naturalmente a tutte le evocazioni psicagogiche. Ma è opportuno ricordare che la Transilvania è ancora molto legata alle superstizioni del tempo antico.

    Is this helpful?

    mayol56 said on Mar 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Insolito racconto, dai risvolti noir e inquietanti, che si rivelano alla fine un ben congegnato intrigo. Le doti di scrittore di Verne non sono certo limitate agli argomenti (fanta)scientifici!

    Is this helpful?

    Luccio said on Dec 23, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book