Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Τρεις σε μια βάρκα

Χωρίς να πούμε και για το σκύλο

By Jerome K. Jerome,ΤΖΕΡΟΜ Κ.ΤΖΕΡΟΜ

(1)

| Mass Market Paperback | 9789605171193

Like Τρεις σε μια βάρκα ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Είναι ένα απ' τα πιο διασκεδαστικά βιβλία που γράφτηκαν ποτέ, ηλικίας 180 χρόνων, που παραμένει απίστευτα δροσερό κι απολαυστικό. Γευθείτε το ανεπιφύλακτα.

636 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    A volte moderno, a volte risente degli anni - gli darei tre stelle e mezzo, ma preferisco dargliene 4

    Is this helpful?

    Norbert Spina said on Aug 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che sente il peso dei suoi anni, e che può risultare noioso nelle parti descrittive e di riflessione che si concede l'autore. "Tre uomini in barca" parla di un viaggio che Jerome compie con due amici e il suo cane in barca, il tutto interval ...(continue)

    Un libro che sente il peso dei suoi anni, e che può risultare noioso nelle parti descrittive e di riflessione che si concede l'autore. "Tre uomini in barca" parla di un viaggio che Jerome compie con due amici e il suo cane in barca, il tutto intervallato da aneddoti più o meno divertenti. Questo libro descrive una Londra che non esiste più e che in quanto ad innocenza e a natura ricorda le piccole realtà paesane. Infatti le varie storie divertenti che Jerome e i suoi amici raccontano mi hanno ricordato gli episodi che mi racconta un mio amico che passa molto tempo in un paesino dell'appennino Tosco-Emiliano.

    Is this helpful?

    Lasca said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Come si fa a scrivere 200 pagine su una gita?
    Il perché lo capisco. Lo faccio pure io. Torno da un viaggio e scrivo un resoconto per gli amici su dove sono stata, cosa ho visto, qualche accenno storico tanto per gradire, delle scenette comiche che co ...(continue)

    Come si fa a scrivere 200 pagine su una gita?
    Il perché lo capisco. Lo faccio pure io. Torno da un viaggio e scrivo un resoconto per gli amici su dove sono stata, cosa ho visto, qualche accenno storico tanto per gradire, delle scenette comiche che coloriscono, un po' di melanconia paesaggistica e qualche piatto tipico. Lo capisco. E so che la gente li legge volentieri.
    Ma io scrivo dieci pagine a farla lunga! Come ha fatto lui a scriverci un libro intero?

    La domanda in realtà è retorica, o almeno a metà. So come fare per rendere dieci pagine cinquanta. Sbrodoli tantissimo, infili roba che potevi anche non infilare, rompi pure un po' le balle a chi voleva leggere del viaggio e non di tutti i resoconti paesaggistico-storici che infili ovunque, allunghi il brodo. Che è quello che ha fatto Jerome.
    Ma da cinquanta a duecento... ci passa il Tamigi.

    In buona sostanza non so se considerarlo un libretto tanto per, che dice poco o niente, che non ha valore e che potevo vivere benissimo senza leggere... o se ritenere l'autore un genio, in grado di compiere il miracolo delle duecento pagine con una storiellina del genere, in grado di farmi ridere sonoramente in più di un'occasione e di farmi sorridere in innumerevoli altre, un maestro a cui inchinarmi e da cui prendere ispirazione.

    L'equilibrio, molto probabilmente, sta nel mezzo.
    Come la loro barca quando passa una lancia a vapore :D

    Is this helpful?

    Bee said on Jul 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Divertentissimo

    Tre amici e il cane che decidono di passare una vacanza diversa dal solito risalendo il Tamigi in barca. Tanti piccoli e grandi inconvenienti quasi fantozziani. Mi ha fatto davvero ridere sia quando l'ho letto a scuola, che ora dopo tanti anni!Sarà c ...(continue)

    Tre amici e il cane che decidono di passare una vacanza diversa dal solito risalendo il Tamigi in barca. Tanti piccoli e grandi inconvenienti quasi fantozziani. Mi ha fatto davvero ridere sia quando l'ho letto a scuola, che ora dopo tanti anni!Sarà che adoro il famoso humor inglese?

    Is this helpful?

    Marlene said on Jul 15, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book