一九八四

Nineteen Eighty-Four

By

Publisher: 小知堂文化事業有限公司

4.5
(33044)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 336 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Spanish , Russian , Chi simplified , Portuguese , Italian , German , Norwegian , Catalan , Dutch , Japanese , Swedish , Hungarian , Polish , Slovenian , Greek , Basque , Galego , Czech , Danish , Indian (Hindi) , Turkish

Isbn-10: 9570405856 | Isbn-13: 9789570405859 | Publish date:  | Edition 1

Translator: 林淑華

Also available as: Hardcover , Softcover and Stapled

Category: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Do you like 一九八四 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
西元1984年4月4日,世界呈現大洋國、歐亞國、東亞國三國鼎立的局面。這三個國家相互交戰頻繁,並且敵友時常易位。大洋國是個獨裁國家,黨的權威至高無上,運用極權體制、愚民教育、政治神話、無處不在的秘密警察,以及操之在國的資訊系統,壟斷一切傳播視聽,嚴格監控人民的行動、言談、生活與思想。 主角溫斯頓.史密斯在大洋國的真理部工作,這個部掌管新聞、娛樂、教育和藝術,名為真理部,實為謊言部。他的工作是修改歷史和變更各種資料,以配合黨的實際需要。然而他竟不自覺地在日記上重複寫著“打倒老大哥”。 作者文筆犀利、洞察人性、描寫深刻、想像力驚人,對獨裁政治和恐怖的極權主義,以及人類未來的前途,展現了大膽而精彩的剖析,堪稱劃時代的力作。 本書是作者嘔心瀝血、享譽全球之作,與俄國薩米亞丁的《我們》、英國赫胥黎的《美麗新世界》並稱負面烏托邦三部曲。
Sorting by
  • 3

    illuminante ma triste

    L'ho letto per la sua fama, all'inizio l'ho trovato lento, triste, al punto da lasciarlo. L'ho ripreso in un secondo momento e piano piano mi ha coinvinto a terminarlo, illuminante, probabilmente da ...continue

    L'ho letto per la sua fama, all'inizio l'ho trovato lento, triste, al punto da lasciarlo. L'ho ripreso in un secondo momento e piano piano mi ha coinvinto a terminarlo, illuminante, probabilmente da rileggere ma io non lo farò...

    said on 

  • 4

    Vuoi perché si rivela come un'esplicita critica al governo di Stalin, vuoi per le tematiche ancora oggi oggetto di racconti, vuoi per l'inquietante presagio che forse non è o non è stata tutta finzion ...continue

    Vuoi perché si rivela come un'esplicita critica al governo di Stalin, vuoi per le tematiche ancora oggi oggetto di racconti, vuoi per l'inquietante presagio che forse non è o non è stata tutta finzione, fatto sta che "1984" è indubbiamente un pilastro della letteratura inglese del ventesimo secolo. Cosa si cela però, nella mia modesta opinione, dietro una tale popolarità?

    Innanzitutto, il libro si presenta diviso in tre parti corrispondenti all'inizio, allo svolgimento e alla conclusione della storia. Mentirei se dicessi che fin da subito sono rimasta coinvolta, quando invece il mio interesse è cresciuto di pari passo con ogni sezione. La prima parte si limita infatti a dipingere un quadro psicologico del protagonista, a mostrarci il suo lavoro, gli ambienti che Winston frequenta, .. Manca, dunque, totalmente d'azione. Per i lettori in grado di sormontare questo iniziale scoglio si presenta successivamente una seconda parte già più avvincente, magari non da tenere incollati alle pagine ma quantomeno capace di apportare curiosità. È nella terza, infine, che Orwell fa sfoggio della propria magistrale abilità linguistica, della capacità di suscitare emozioni per lo più negative e di sdegno, di descrivere situazioni agghiaccianti con un tratto secco e preciso, di sganciare insomma la reale bomba che fa smuovere il romanzo.

    Riguardo i personaggi, il rapporto tra Winston e Julia è un amore non propriamente romantico quanto più effimero e basato sull'odio verso il Grande Fratello e il Partito, o, perlomeno, questa è l'impressione che mi ha dato.
    Spostandoci invece su O' Brien, merita senza dubbio il titolo di personaggio più riuscito: pressoché come il Severus Snape potteriano, affascina irrimediabilmente con la propria aria da intellettuale, con l'eleganza nel movimenti e con la lucida analisi che compierà della società totalitaria in cui si svolge la vicenda, tra digressioni, considerazioni, soliloqui, mosso dalla passione pura e sincera per gli ideali in cui crede, è insomma la figura più "squisita" e che conferisce maggior sapore a un romanzo oggettivamente pesante sia dal punto di vista linguistico che da quello psicologico. Affascinante anche il rapporto quasi patologico che Winston instaura con lui, accostabile a una vera e propria Sindrome di Stoccolma.

    Riassumendo, per terminare "1984" è necessario mantenere un minimo distacco dagli eventi narrati e gustarlo a piccole dosi, onde evitare di rimanerne eccessivamente turbati o di lasciarlo a metà nonostante si tratti complessivamente di un libro decisamente interessante e bello

    said on 

  • 5

    Splendida analisi sociale e umana, libro ancora molto attuale seppur con sfumature differenti visto come sono andate le cose dal dopoguerra ad oggi, ma resta comunque un capolavoro non tanto per la t ...continue

    Splendida analisi sociale e umana, libro ancora molto attuale seppur con sfumature differenti visto come sono andate le cose dal dopoguerra ad oggi, ma resta comunque un capolavoro non tanto per la trama del romanzo ma a parer mio per gli spunti di riflessione che la lettura di questo libro provoca.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by