Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

偷书贼

By Markus Zusak

(234)

| Paperback | 9787544238212

Like 偷书贼 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

  这是一个关于文字如何喂养人类灵魂的独特故事。
  一个撼动死神的故事。
  1939年的德国,9岁的小女孩莉赛尔和弟弟被迫送往慕尼黑远郊的寄养家庭。6岁的弟弟不幸死在了路途中,被埋在火车铁轨旁。在冷清的丧礼后,莉赛尔意外得到她的第一本书《掘墓人手册》。
  这将是14本给她带来无限安慰的书之一。她是个孤苦的孩子,父亲被打上了共产主义者的烙印,被纳粹带走了;母亲随后也失踪了。在弹奏手风琴的养父的帮助下,她学会了阅读。尽管生活艰苦,她却发现了一个比食物更难以抗拒的东西——书。她忍不住开始偷书。 Continue

  这是一个关于文字如何喂养人类灵魂的独特故事。
  一个撼动死神的故事。
  1939年的德国,9岁的小女孩莉赛尔和弟弟被迫送往慕尼黑远郊的寄养家庭。6岁的弟弟不幸死在了路途中,被埋在火车铁轨旁。在冷清的丧礼后,莉赛尔意外得到她的第一本书《掘墓人手册》。
  这将是14本给她带来无限安慰的书之一。她是个孤苦的孩子,父亲被打上了共产主义者的烙印,被纳粹带走了;母亲随后也失踪了。在弹奏手风琴的养父的帮助下,她学会了阅读。尽管生活艰苦,她却发现了一个比食物更难以抗拒的东西——书。她忍不住开始偷书。
  这个故事罕见地让“死神”来叙述故事,死神随着莉赛尔目睹一件件偷窃事件。这个被死神称为“偷书贼”的可怜女孩,在战乱的德国努力地生存着,并不可思议地帮助了周围同样承受苦难的人:她读书给躲在她家地下室的犹太人听,在空袭时为躲入防空洞中的街坊邻居朗读故事,安慰了战火下每颗惶惶不安的心。在最后一次死神在悉尼要带走偷书贼时,还是想要问问她:同样是人,怎么有人如此邪恶,有人却又如此光明灿烂?而人类写下的文字及故事,怎么一样具有毁灭性也同时具有光辉呢?
  故事看来轻描淡写,夜深人静阅读起来,却有逃脱不了的沉重感。孩子们单纯快乐的童年生活中,飘着纳粹的乌云。残酷而阴暗的纳粹德国天空下,是向往自由、内心充满恐惧的人们。小说的主题是沉重的,然而情节如满天繁星,颗颗闪亮;语言如潺潺溪水,清澈纯净。
  偷书贼住在天堂街,作者用了多么明显的反讽,不断面临生存的压力与思想的桎梏,眼泪、哭喊、奔跑、睁着眼的静默、拖着腿的行进,支撑主角灵魂去面对现实的,不是真正的天堂,而是这些偷来的书!有台面上希特勒亲笔写的《我的奋斗》,也有父女床边《掘墓工人手册》、《耸耸肩》、《监看者》、《吹哨客》(虽然都是偷来的)……唯有写下才能留下,最后偷书贼写了一本《偷书贼》,自己的故事,她在书中最后写说:
  “我讨厌文字,我也喜爱文字。我希望我发挥了文字的力量。”

1329 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Storia carina, niente di più. Scritta male, anzi malissimo. Dedicato a chi ha molto tempo da perdere e non ha mai letto buoni libri.

    Is this helpful?

    BetaFi said on Aug 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    " Sottoterra ,a Monaco, in Germania due persone parlavano in una cantina. Sembra l'inizio di una barzelletta : << Allora , ci sono un ebreo e una tedesca in una cantina...>> Tuttavia non era una barzelletta.

    Questo libro va "vissuto" non letto. Sulle sue pagine ho pensato, mi sono arrabbiato o compreso e persino pianto.

    Storia di una ragazza forte, che passa attraverso perdite , fame e guerra. Impara a leggere libri che "ruba" dalla neve dal fuoco. ...(continue)

    Questo libro va "vissuto" non letto. Sulle sue pagine ho pensato, mi sono arrabbiato o compreso e persino pianto.

    Storia di una ragazza forte, che passa attraverso perdite , fame e guerra. Impara a leggere libri che "ruba" dalla neve dal fuoco.

    Sullo sfondo la stupidità della Germania Nazista vista dagli occhi di una ragazzina.
    Un libro bellissimo!

    Is this helpful?

    the00blue said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    Non tutti i tedeschi rimasero incantati dalle parole del Fuhrer, non tutti obnubilarono le loro coscienze fino a perdere la propria dignità e la propria umanità. Alcuni ebbero il solo torto di subirlo, avendone giustamente paura. A volte pagando per ...(continue)

    Non tutti i tedeschi rimasero incantati dalle parole del Fuhrer, non tutti obnubilarono le loro coscienze fino a perdere la propria dignità e la propria umanità. Alcuni ebbero il solo torto di subirlo, avendone giustamente paura. A volte pagando per un gesto di umanità, o semplicemente per un figlio morto in guerra, o con la loro stessa vita sotto i bombardamenti. Ci fu chi nascose anche ebrei in soffitta, o in cantina, come nel caso della famiglia di cui si narra la storia. Una storia drammatica, come la sorte impone ai più deboli e indifesi specie durante una guerra, ma a tratti anche gioiosa, come può essere la vita di tutti i giorni tra persone che vivono strettamente a contatto, con cui si è solidali, talvolta anche volendosi bene pur chiamandosi spesso vicendevolmente porco, stronzo e mandandosi facilmente affanculo (talvolta litigando aspramente) in una comunità suburbana ai margini di una grande città come Monaco di Baviera. Perché le parole servono anche per ingannare (come Hitler incantò un’intera nazione al suono delle sue), ed è per questo che bisogna conoscerle, come imparerà la giovane Liesel, la ladra di libri figlia adottiva di un suonatore di fisarmonica e di una stiratrice che cucina pessimamente, bisogna saperle dire (al momento giusto), leggere e magari anche scrivere. Come le insegna Max, l’ebreo nascosto in cantina.
    Ma questa storia non ci viene narrata dalla bambina , o da un qualsiasi altro testimone, ma da una strana personificazione della morte, a tratti pietosa, spesso inesorabile, apertamente incapace di comprendere appieno gli umani, le loro passioni, i loro scopi, la loro insensatezza.
    Naturalmente è un artificio, un coup de theatre che a taluni è risultato falso o comunque sgradito: un po’ perché questo narratore non sta alle regole del gioco e talvolta anticipa fatti che accadranno in seguito; un po’ perché per altri non c’era bisogno di questo elemento aggiunto in una storia tanto potente già di se stessa.
    Era un elemento necessario? Mi pare la domanda fondamentale. Il mio parere è che sì, lo è. E’ proprio attraverso questo artificio che il romanzo assume un valore anche fiabesco, che introduce un equilibrio tutto suo tra realtà, memoria e invenzione, tra l’amara crudezza dell’orrore e della paura e la tenera dolcezza dei giovani protagonisti (sarà difficile non dimenticare Rudy, il compagno di giochi e di furti di Liesel, in perenne attesa di un di lei bacio) trasportando la vicenda in una dimensione aliena, che non permette di indulgere nell'orrore, nel patetico o nello zuccherino, e dove chi narra non si può permettere (anche se è capace di comprendere la sofferenza) di giudicare. Perché non è suo compito: raccogliere le anime è semplicemente il suo lavoro, e le guerre non fanno che renderlo più duro e faticoso.
    Così da sempre e per l’eternità.

    Is this helpful?

    carloesse said on Aug 20, 2014 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Bellissimo!! La storia è commovente, alla fine nelle ultime pagine è impossibile che non scenda qualche lacrima. Mi è piaciuta moltissimo la scelta di far raccontare la storia alla Morte, è originale e pensando al periodo che tratta è azzeccata, mi s ...(continue)

    Bellissimo!! La storia è commovente, alla fine nelle ultime pagine è impossibile che non scenda qualche lacrima. Mi è piaciuta moltissimo la scelta di far raccontare la storia alla Morte, è originale e pensando al periodo che tratta è azzeccata, mi sono piaciuti i capitoli suddivisi in sottocapitoli con un titoletto per ogni avvenimento e mi sono piaciute anche le postille in eretto. Che dire non ho trovato una pecca! Sia per come è scritto, sia la storia ti coinvolge e ti fa restare incollato alle pagine! E' una lettura molto scorrevole e nonostante l'argomento pesante è raccontato molto bene, anche le parti più crude riesce a raccontarle in modo da non scandalizzarti o disgustarti. Lo consiglio a tutti!!

    Is this helpful?

    Eli P90 said on Aug 17, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Avevo aspettative altissime su questo libro: era nella mia wish-list da anni, ma mi sono convinta a prenderlo solo quando, dopo l'uscita del film, hanno cominciato a leggerlo praticamente tutti e a proclamarlo "il miglior libro che abbia mai letto", ...(continue)

    Avevo aspettative altissime su questo libro: era nella mia wish-list da anni, ma mi sono convinta a prenderlo solo quando, dopo l'uscita del film, hanno cominciato a leggerlo praticamente tutti e a proclamarlo "il miglior libro che abbia mai letto", "un romanzo meraviglioso"...e in effetti è piaciuto veramente a tutti quelli che conosco, da coloro che in genere non vanno molto d'accordo con la lettura ai lettori più accaniti.
    "Ok", mi sono detta quando stavo per iniziarlo, "credo di avere tra le mani un libro che entrerà dritto nella mia Top 10..."
    E invece.
    Pur avendo tutti i requisiti necessari per piacermi (sono da sempre molto interessata alla Seconda Guerra Mondiale; la protagonista è una bambina che ama e salva i libri, e per questo ero sicura che l'avrei venerata; la narratrice è la Morte, il che mi intrigava assai; inoltre ci sono pure dei disegni nel libro, e in genere trovo ciò molto cute), non mi ha preso quasi per nulla.
    So di andare molto controcorrente (e nei casi più gravi di rischiare un linciaggio di massa), ma sono arrivata a pagina 200 a fatica. Non mi piace come è scritto (frasi molto brevi, stile "simpatico-ma-profondo" - non so se mi spiego), ho trovato i personaggi insipidi (a parte, forse, Hans) e la trama, a mio parere, non ingrana (o almeno, non fino a dove sono arrivata io - e ripeto che sono passate 200 pagine su 500 circa).
    Forse lo riprenderò più in là. Tuttavia sono curiosa di guardare il film: magari è uno di quei rari casi in cui la versione cinematografica è migliore di quella su carta.

    Is this helpful?

    Smoothie said on Aug 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello

    Non ho visto il film che mi dicono per l'Italia non sia stato doppiato. In ogni caso il libero è bello, scritto e tradotto bene, coinvolgente ed ha l'innegabile pregio di far vedere il dramma delle guerra da un'angolazione diversa.

    Is this helpful?

    Badsteve said on Aug 15, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection