Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

心兽

By Herta Müller

(3)

| Paperback | 9787214064462

Like 心兽 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

316 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Romania sotto Ceausescu

    Non sempre di facile lettura. E’ scritto con uno stile che definirei evocativo, fatto di frasi brevi, di descrizioni, ma a volte anche di digressioni. Questo risulta a tratti affascinante a tratti faticoso.
    La lettura mi è stata facilitata dal fatto ...(continue)

    Non sempre di facile lettura. E’ scritto con uno stile che definirei evocativo, fatto di frasi brevi, di descrizioni, ma a volte anche di digressioni. Questo risulta a tratti affascinante a tratti faticoso.
    La lettura mi è stata facilitata dal fatto che avevo già letto “Cristina e il suo doppio” sempre della Muller che racconta, ma in stile più semplice e piano, alcuni episodi riportati anche in questo romanzo.
    La storia verte su un gruppo di ragazzi che vivono nella Romania di Ceausescu, di come il regime li controlli e li minacci perché percepiti come oppositori anche che se nel raccontare la storia non si fa mai cenno ad una vera attività di opposizione al dittatore da parte dei giovani.

    Is this helpful?

    LaCitty said on Oct 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    mi duole ammetterlo ma è stato uno dei peggiori libri che abbia mai letto. l'ho trovato povero sia nei contenuti che nella forma. dal punto di vista letterario è davvero scarso, sembra di leggere un'autrice alle prime armi, non un premio Nobel. che p ...(continue)

    mi duole ammetterlo ma è stato uno dei peggiori libri che abbia mai letto. l'ho trovato povero sia nei contenuti che nella forma. dal punto di vista letterario è davvero scarso, sembra di leggere un'autrice alle prime armi, non un premio Nobel. che poi c'è da chiedersi con che criteri lo abbiano assegnato, visto il risultato, "considerato il suo romanzo più importante", recita la didascalia in quarta di copertina. immagino che in parte il mio giudizio sia da attribuire alla resa dal tedesco all'italiano, colpa della traduttrice, forse non troppo competente. leggendo fin dall'inizio ho inevitabilmente paragonato il libro ad un altro letto di recente, La Trilogia della Città di K. di Ágota Kristóf, un'altra storia cupa e arida, che rende molto meglio il clima di nera disperazione di una vita vissuta all'ombra di una guerra inutile. di contro il romanzo della Müller è a tratti incomprensibile, con una caratterizzazione dei personaggi pari a zero, con una protagonista insulsa che finge un lessico da ragazzina per poi in realtà utilizzare un vocabolario molto più complesso. davvero fastidioso. spero di non leggere mai più un romanzo del genere, letto oltretutto per un gruppo di lettura. quindi completato così da poter essere commentato in seguito. pessimo.

    Is this helpful?

    Thomas Anderson said on Oct 6, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Lola, Teresa e la bestia del cuore

    Ho dovuto mettere a punto un modo per tenerlo tra le mani senza ferirmi (Il paese delle prugne verdi ha l'aspetto di un cardo selvatico e, corazzato di punte, respinge).
    Cautela e pazienza mi sono servite per capire l'esigenza che giustifica ...(continue)

    Ho dovuto mettere a punto un modo per tenerlo tra le mani senza ferirmi (Il paese delle prugne verdi ha l'aspetto di un cardo selvatico e, corazzato di punte, respinge).
    Cautela e pazienza mi sono servite per capire l'esigenza che giustifica (e rende necessari) un libro come questo e la forma nella quale è scritto (simile, per certi versi, ad una cantilena infantile, il romanzo è un arcipelago di schegge di ricordi e sensazioni distillati da esistenze vissute come muti, ciechi, sordi, anche se si hanno voce per parlare, occhi per vedere, orecchie per sentire, un cervello per pensare e abbastanza cuore per morire di dolore).
    Un grido disperato, silenzioso, che in me ha smosso poco.

    Is this helpful?

    alice said on Aug 9, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quattro amici...

    ...un'amicizia nata da un suicidio e cementata dalla paura e dell'angoscia, la lenta e continua persecuzione da parte della polizia, l'atmosfera angosciante e angosciata di una dittatura. Ambientato in Romania, scritto in tedesco dall'autrice fuggita ...(continue)

    ...un'amicizia nata da un suicidio e cementata dalla paura e dell'angoscia, la lenta e continua persecuzione da parte della polizia, l'atmosfera angosciante e angosciata di una dittatura. Ambientato in Romania, scritto in tedesco dall'autrice fuggita in Germania (ma appartenente ad una minoranza rumena di lingua germanica). E' un romanzo breve, cupo, privo di speranza, l'angoscia dei protagonisti viene da lontano e quello che sanno esprimere meglio è la propria disperazione e cupezza.

    Is this helpful?

    Morena said on Jun 23, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection