慘不忍睹

By

Publisher: 皇冠出版社

4.2
(7731)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 352 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , Chi simplified , Italian , German , French , Swedish , Polish , Portuguese , Dutch , Catalan , Japanese , Czech , Russian

Isbn-10: A000108293 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Horror , Mystery & Thrillers

Do you like 慘不忍睹 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Una de las novelas clásicas de Stephen king. En cuanto al argumento, un autor de éxito por una serie de novelas basadas en un personaje femenino, banales e intrascendentes pero auténticos bestsellers, ...continue

    Una de las novelas clásicas de Stephen king. En cuanto al argumento, un autor de éxito por una serie de novelas basadas en un personaje femenino, banales e intrascendentes pero auténticos bestsellers, sufre un accidente en una carretera nevada de las rocosas. Es rescatado por una mujer que se revelará como una de sus más fervientes seguidoras, pero al mismo tiempo está profundamente perturbada. A partir de ahí se desarrolla la novela en un ambiente opresivo y terrorífico hasta su desenlace.

    Hay una versión cinematográfica de la novela protagonizada por una magistral Kathy Bates y por James Caan.

    said on 

  • 5

    Ho appena finito di leggere questo fantastico libro, e quindi le mie impressioni, allegate a questa recensione, sono mosse da quella eccitante sensazione di aver letto qualcosa che ti porterai sempre ...continue

    Ho appena finito di leggere questo fantastico libro, e quindi le mie impressioni, allegate a questa recensione, sono mosse da quella eccitante sensazione di aver letto qualcosa che ti porterai sempre con te. Un thriller costruito da due personaggi e una stanza. Introspettivo, claustrofobico, intenso e impregnato di sudore e nausea, qualcosa che solo un bravo scrittore può trasmettere.
    ..Ora devo sciacquare disse lei e questo è il risultato.. Buona lettura

    said on 

  • 4

    ★★★★ e 1/2

    Non gli ho dato il massimo dei voti perché l'inizio è stato un po' lento. Se là fuori c'è qualche burba che ha abbandonato il romanzo per questo motivo, che lo riprenda subito in mano! La t ...continue

    ★★★★ e 1/2

    Non gli ho dato il massimo dei voti perché l'inizio è stato un po' lento. Se là fuori c'è qualche burba che ha abbandonato il romanzo per questo motivo, che lo riprenda subito in mano! La tensione si alza man mano che le pagine scorrono, il personaggio di Annie diventa sempre più inquietante e sinistro (e contante che lo è già fin dalle prime pagine) e la fine è magnifica.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Un thriller dalla doppia anima

    Misery è un thriller magistralmente costruito: colpi di scena al momento giusto, ritmo perfetto, personaggi ben caratterizzati. King conosce e padroneggia gli strumenti del mestiere di scrittore, senz ...continue

    Misery è un thriller magistralmente costruito: colpi di scena al momento giusto, ritmo perfetto, personaggi ben caratterizzati. King conosce e padroneggia gli strumenti del mestiere di scrittore, senza risultare banale. Unico momento sopra le righe, a mio parere, l'episodio del poliziotto in cantina: gore fine a sé stesso e mal incastrato nella trama e nella psicologia del personaggio.
    Misery è però anche uno spaccato sul mestiere di scrittore (in particolare di best seller) disincantato ed autoironico, con parecchi aneddoti e "trucchi" seminati tra le pagine.

    said on 

  • 3

    THRILLER ISTRUTTIVO

    Ottimo thriller, si sapeva (ottimo anche il film), solito stile collaudato e avvincente di King, con approfondita costruzione dei personaggi. La cosa che più mi ha colpito e sorpreso, però, è stata la ...continue

    Ottimo thriller, si sapeva (ottimo anche il film), solito stile collaudato e avvincente di King, con approfondita costruzione dei personaggi. La cosa che più mi ha colpito e sorpreso, però, è stata la ricchezza di considerazioni sul mestiere di scrittore e in particolare su quello che ritengo sia il modus operandi di King. In questo romanzo sono presenti molte utili indicazioni per aspiranti scrittori, più che in certi corsi di scrittura.

    said on 

  • 4

    In passato ero un grandissima fan di King. A distanza di tempo, con crescente disagio, mi sono però resa conto di non riuscire più a trovare i suoi romanzi altrettanto appassionanti - e non parlo di q ...continue

    In passato ero un grandissima fan di King. A distanza di tempo, con crescente disagio, mi sono però resa conto di non riuscire più a trovare i suoi romanzi altrettanto appassionanti - e non parlo di quelli nuovi, intendo dire che ad ogni rilettura dei titoli per cui prima stravedevo finivo per scovare difetti di stile e/o di trama che mi portavano a stancarmene e ad abbandonarli. L'unico romanzo "sopravvissuto" alla fase delle riletture è Misery. Immagino che il motivo principale sia formale: Misery è un'opera insolitamente sobria per gli standard di King - lo stesso numero di pagine contenuto lo comprova anche solo fisicamente. Gli sbrodolamenti riflessivi ridondanti e fondamentalmente inutili, la pesantezza delle descrizioni, la bulimia di spunti da aprire a prescindere dalla loro validità, nonché la presenza dei soliti cliché triti e ritriti qui mancano - e se non proprio del tutto, ché comunque un'impronta kinghiana resta, risultano finalmente razionalizzati, ridimensionati e dunque digeribili. Questo permette alla trama di emergere con la potenza che le idee di King, di per sé, hanno sempre, ma che viene in genere sperperata dalla sua prosa eccessiva (e dall'editing discutibile). Misery è un romanzo claustrofobico e grottesco, estremamente violento e con una costruzione interna molto interessante, grazie all'espediente del romanzo nel romanzo. E la cosa più disturbante di tutte è, probabilmente, la consapevolezza che si ha, nel voltare la sua ultima pagina, che nulla di ciò che si è letto è troppo incredibile per essere vero.

    said on 

  • 2

    La storia è costruita molto bene, c'è una tensione crescente, l'atmosfera descritta è realistica.
    Credo però che questo genere non faccia per me, ho avuto difficoltà a terminare la lettura per il sens ...continue

    La storia è costruita molto bene, c'è una tensione crescente, l'atmosfera descritta è realistica.
    Credo però che questo genere non faccia per me, ho avuto difficoltà a terminare la lettura per il senso di opprimente angoscia che dà la protagonista.
    Insomma, sono felice di aver finito questo libro e non penso ne sceglierò altri dell'autore.

    said on 

  • 3

    Ho appena terminato la mia prima lettura di un romanzo di S. King e devo dire che ripensando a tutte le 383 pagine che mi hanno accompagnata durante quest'ultima settimana, sono rimasta piuttosto indi ...continue

    Ho appena terminato la mia prima lettura di un romanzo di S. King e devo dire che ripensando a tutte le 383 pagine che mi hanno accompagnata durante quest'ultima settimana, sono rimasta piuttosto indifferente alla storia. Trama senza dubbio interessante, ma non mi ha lasciato senza fiato e tutta l'aura di mistero che aveva questo autore per me, si e sgretolata proprio lasciando al suo posto solo tanta delusione. Sicuramente leggerò qualcos'altro di suo... e magari cambierò anche opinione su di lui, ma per ora resta una lettura da "niente di che".
    Ah... ultimo ma non ultimo, per l'ennesima volta evidenzio errori ortografici nella traduzione e di battitura. Es. pag 25, 90, 123, 173, 324, 382. Fossi l'autore mi girerebbero parecchio....

    said on 

  • 5

    L'orrore che sgorga dalla quotidianità

    'Misery' è uno dei romanzi più riusciti di King.
    E se consideriamo che questo autore è un vero e proprio mito letterario, abbiamo già elencato gli ingredienti sufficienti per dire che stiamo parlando ...continue

    'Misery' è uno dei romanzi più riusciti di King.
    E se consideriamo che questo autore è un vero e proprio mito letterario, abbiamo già elencato gli ingredienti sufficienti per dire che stiamo parlando di un titolo imperdibile.
    L'abilità migliore di King è la capacità di suscitare ansia partendo dalle più banali situazioni che ognuno di noi può sperimentare nella quotidianità.
    In questo caso bastano un paio di coincidenze curiose per dare inizio alla tragedia.
    Uno scrittore di successo, dopo un abbondante nevicata, perde il controllo della sua auto su una strada isolata nel bel mezzo di un bosco fitto.
    Il traffico è scarso e l'eventualità di venire soccorsi è remota, anche perchè l'auto si è rovesciata e difficilmente può essere scorta dai pochi passanti.
    Un incidente relativamente banale può dunque rivelarsi davvero pericoloso.
    Ma fortunatamente una donna scorge l'auto e soccorre il malcapitato.
    Tra l'altro si tratta di una persona competente nelle tecniche di pronto soccorso, e per di più è anche una lettrice appassionata dei libri scritti dal protagonista.
    Si direbbero due coincidenze particolarmente felici.
    Ma trovandoci in un romanzo di King non c'è nulla di scontato.
    Questa donna si rivela un autentico incubo, ed ecco concretizzarsi l'orrore tipico di King che può scaturire dall'impensabile e che è destinato a spiazzare qualunque personaggio.
    La stanza in cui lo scrittore viene ricoverato si trasforma in una prigione.
    La soccorritrice, forte del suo controllo sulla vittima, diviene dispensatrice di premi o punizioni a seconda delle situazioni in cui viene accontentata o contrariata.
    La vittima cerca disperatamente di porsi in vantaggio rispetto al suo carnefice contando sia sulla propria astuzia che sul suo maggiore equilibrio mentale.
    Ma la frustrazione e l'insuccesso dei suoi tentativi di liberarsi, o di ottenere una passeggera benevolenza, rischiano in ogni momento di rovesciare le sorti dello scontro.
    La follia e la disperazione si concretizzano in un baratro sempre più minaccioso che può spegnere ogni speranza residua.
    La fine della vicenda, sia essa tragica o meno, diventa un desiderio angoscioso che consuma la vittima, perchè in ogni caso essa sarà liberatoria e porrà fine all'estenuante prova di forza a cui è sottoposto senza tregua.
    Se avete ancora bisogno di sapere dove nasce il mito di Stephen King come autore di culto, 'Misery' è uno dei titoli più adatti per scoprirlo.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by