蒼穹一粟

Pebble in the Sky

By

Publisher: 貓頭鷹出版社股份有限公司

4.0
(1669)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 288 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Italian , Spanish , French , Portuguese , Czech , Polish , Hungarian , Dutch , Swedish , German

Isbn-10: 9867001133 | Isbn-13: 9789867001139 | Publish date:  | Edition 1

Translator: 葉李華

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like 蒼穹一粟 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
《蒼穹一粟》是艾西莫夫《銀河帝國系列》的最後一部,當時銀河帝國已建立起來。由於時間距離我們這個時代最遠,因此全書充滿了超現實的儀器、都市結構和社會制度。故事情節緊湊,主線清晰,是一部讓人一旦投入即難以停止的精彩科幻小說。 艾氏在書中也充分展露化科學知識於情節、洞察社會體制並以誇張手法表現和諷刺的技巧;此外,艾氏想像力之豐富,能讓你對未來世界的生活充滿了想像。 如果你是艾西莫夫迷,當然不能錯過這個名列艾氏科幻三大經典之一的《銀河帝國系列》的最後一部:《蒼穹一粟》。如果你從未接觸艾氏科幻,這一部短小精悍的科幻,也足以喚起你對科幻的信心與興趣,因為艾西莫夫一向以說故事見長,你根本不會被其中的科學知識所難倒。
Sorting by
  • 3

    Guerra batteriologica!!!

    Asimov è capace di incentrare scenari futuristici attualissimi che vengono dal passato è innegabile il suo valore, la sua bravura, il suo acume, ma si vede che alcuni libri son stati allungati adatta ...continue

    Asimov è capace di incentrare scenari futuristici attualissimi che vengono dal passato è innegabile il suo valore, la sua bravura, il suo acume, ma si vede che alcuni libri son stati allungati adattati per dare un po' di pagine alle stampe, resta la trama interessante, una Terra, radioattiva, ridotta a venti milioni di abitanti, derisa dagli altri pianeti, Paria dei cieli che decide di vendicarsi con le armi batteriologiche!!! Stranoooooooo !!!!!!!

    Peccato per le interminabili minuziosi pagine di nulla

    6--/10

    said on 

  • 3

    La Terra, il più antico pianeta dell'Impero, è ora radioattiva e arida, un territorio inospitale dove sopravvivono in condizioni pessime gli ultimi discendenti dei grandi esploratori spaziali che un t ...continue

    La Terra, il più antico pianeta dell'Impero, è ora radioattiva e arida, un territorio inospitale dove sopravvivono in condizioni pessime gli ultimi discendenti dei grandi esploratori spaziali che un tempo colonizzarono la Galassia. Reietti dell'Impero, i terrestri sono considerati feccia da tutti gli altri mondi "civilizzati" che hanno ormai dimenticato da tempo la storia galattica ed è per questo che alcuni terrestri tramano nell'ombra una terribile vendetta.
    Un altro bel romanzo di Asimov che come al solito riesce a trattare temi piuttosto scomodi in modo molto pacato e razionale. Lo stile è sempre scorrevole e condito di nozioni scientifiche accurate e plausibili ben integrate nella trama che aiutano il lettore ad appassionarsi alla storia, anche se questa è piuttosto lineare. Come sempre, quando si inizia a leggere un suo romanzo risulta sempre difficile staccarsene.
    Con questo libro si conclude il ciclo dell'Impero (secondo l'ordine di lettura stilato dallo stesso autore), ora sotto con la miglior produzione di Asimov: il ciclo della fondazione.

    said on 

  • 0

    Nel nono secolo dell’era galattica, la Terra non è più una leggenda, è uno dei tanti pianeti sotto il controllo dell’impero, ma è radioattiva e poco ambita. Il fatto che i terrestri possano essere sta ...continue

    Nel nono secolo dell’era galattica, la Terra non è più una leggenda, è uno dei tanti pianeti sotto il controllo dell’impero, ma è radioattiva e poco ambita. Il fatto che i terrestri possano essere stati i progenitori di tutta l’umanità (teoria dell’irraggiamento) è solo un campo di indagine, un’ipotesi decisamente in contrasto con l’archeologia ortodossa, la quale sostiene l’evoluzione indipendente di vari ceppi umani sui diversi pianeti integratisi in epoca antichissima (teoria della fusione).
    Su questo sfondo si muovono le vicende dei protagonisti (tra cui un vecchio sarto proveniente dal… 1949), sfiorando anche temi importanti.
    Inizio interessante, storia che tiene bene, crescendo di suspense nel finale. Forse il migliore dei tre romanzi del ciclo dell’impero.
    Una bella citazione di Browning apre e chiude il romanzo: “Invecchia con me! Il meglio deve ancora venire, l’ultima parte della vita di cui la prima è solo il preludio…”.
    Decimo libro della saga che comprende il ciclo dei robot, dell’impero e delle fondazioni (ma il primo scritto da Asimov).

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Tra migliaia di anni una Terra radioattiva vuole sterminare l'intera galassia. Un uomo dei giorni nostri salta nel tempo, diventa una specie di medium e sventa il complotto.

    said on 

  • 4

    Ciclo dell'Impero

    Le correnti dello spazio
    Il tiranno dei mondi
    Paria dei cieli

    Il "Ciclo dell'Impero" è certamente quello meno importante dell'intera saga galattica creata da Isaac Asimov; è una sorta di passaggio obb ...continue

    Le correnti dello spazio
    Il tiranno dei mondi
    Paria dei cieli

    Il "Ciclo dell'Impero" è certamente quello meno importante dell'intera saga galattica creata da Isaac Asimov; è una sorta di passaggio obbligato tra i meravigliosi "Ciclo dei Robot" e "Ciclo della Fondazione".

    Questo dipende molto probabilmente dal fatto che i tre libri raccontano episodi piuttosto isolati rispetto a cosa sta succedendo o meglio dovrebbe succedere nell'intera galassia.

    Nelle intenzioni di Asimov c'era l'idea di scrivere altri libri per cercare di unire meglio questo ciclo (scritto tanti anni fa) agli altri due, però come sappiamo non ne ha avuto il tempo, del resto lui non era immortale, a differenza delle sue opere.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Segregación y Conspiración

    Primer novela de Isaac Asimov que luego fue incluida en el tríptico del imperio. No está relacionada con ninguna de los dos anteriores entregas, siendo este uno de sus puntos donde flaquea. El final e ...continue

    Primer novela de Isaac Asimov que luego fue incluida en el tríptico del imperio. No está relacionada con ninguna de los dos anteriores entregas, siendo este uno de sus puntos donde flaquea. El final es otro de estos puntos bajos, ya que se resuelve de una manera apresurada y algo fantasiosa. Sin embargo, el texto se apega a la ciencia ficción dura con tintes de distopía combinado esto con una narración entretenida y clara, siendo meritorio esto ya que fue la primera obra del autor. La historia comienza con el viaje en el tiempo de un anciano, debido a un accidente nuclear, un tema bastante utilizado pero en este caso el autor describe duramente la química atómica que produjo este incidente, aunque destaca que la causa del mismo es que no conocemos aún cómo funciona la energía nuclear. En aquel futuro, millones de planetas fueron colonizados a lo largo y a lo ancho de la Galaxia y la Tierra es sólo un planeta más, un Guijarro en el Cielo, donde la misma humanidad ha olvidado sus propios orígenes terráqueos. La sociedad interestelar es gobernada por el Imperio, y los propios imperiales son segregacionistas para con los terrícolas, por lo que la trama central es la sublevación mediante una conspiración permanente de los habitantes de la tierra contra el Imperio. El viajero en el tiempo, que adquirió poderes sobrenaturales debido a una intervención experimental, será clave en la sucesión de hechos que terminarán desmantelando esta conspiración. La recomiendo por tres razones: Ciencia Ficción Dura, Distopía y Política Conspirativa.

    said on 

  • 5

    Asimov e il suo primo romanzo

    Per una volta siamo sulla Terra, cosa che nelle mie esperienze asimoviane non è la normalità. È la Terra del tempo dell’Impero Galattico in cui il pianeta Trantor funge da capitale e che assegna ad og ...continue

    Per una volta siamo sulla Terra, cosa che nelle mie esperienze asimoviane non è la normalità. È la Terra del tempo dell’Impero Galattico in cui il pianeta Trantor funge da capitale e che assegna ad ogni pianeta, Terra inclusa, un Procuratore imperiale. Il tutto ricorda molto l’Impero Romano a cui, peraltro, pare Asimov si sia realmente ispirato. Il tutto per dire che dovremmo essere dopo “Il ciclo dei Robot” e in una posizione antecedente a “Il Ciclo della Fondazione” e con “Paria dei cieli” siamo ne “Il Ciclo dell’Impero”. L’ordine di lettura giusto? “Paria dei cieli” dovrebbe essere cronologicamente l’ultimo del trittico del “Ciclo dell’Impero” (correggetemi se sbaglio), successivo, in ordine, a “Il tiranno dei mondi” e “Le correnti dello spazio” ma è stato il primo romanzo dei tre ad essere scritto.

    Veniamo al giudizio. È un romanzo la cui stesura è sicuramente importante da collocare: siamo nel 1950 infatti quando “Paria dei cieli” viene pubblicato. Gli orrori del conflitto mondiale sono ricordi recenti e si fanno sentire vividi nei temi affrontati da Asimov. Incontriamo infatti discriminazioni razziali, un mondo radioattivo ma anche molto altro: l’amore, il senso dell’invecchiare e poteri che sembrerebbero più fanta che scientifici se non ci fossero le splendide solite spiegazioni asimoviane che paiono rendere scientificamente possibile l’impossibile (è tutto scientificamente obsoleto come ricorda pure la postilla dell'autore ma va bene così!). Per finire uno splendido senso di umanità che viene già regalato al lettore nelle prime pagine del libro con la magnifica citazione di Robert Browning. Per tutto questo (e ci sarebbe altro ancora) è facile amare “Paria dei cieli” dalla prima pagina fino alla fine, è una lettura che scivola via veloce e fa quasi rimpiangere di finire così in fretta… anche questa volta Asimov non delude.

    said on 

Sorting by