Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

貧民窟宅男的世界末日

奧斯卡.哇塞短暫奇妙的一生

By Junot Diaz

(170)

| Paperback | 9789866858994

Like 貧民窟宅男的世界末日 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

奧斯卡的個性甜蜜、浪漫多情,卻是美國紐澤西州貧民窟裡的超級巨胖大宅男,鎮日沉迷於科幻奇幻作品與角色扮演遊戲,外加暗戀女生。他不是典型的多明尼加男生,球場和情場上的打擊率都是零,倒楣的日子大概過了廿多年,以為自己到死都會是一枚處男。

  他老姊的男朋友尤尼爾,自告奮勇替奧斯卡展開改造人生計畫。他發現奧斯卡家族的幾代成員,個個孤單、固執、瘋狂,而且,他們的愛情只會開出惡果。在多明尼加過著上流生活的外祖父阿貝拉,為了保護妻女被打入黑牢;脾氣火爆的美麗老媽貝麗因為愛上壞男人而慘遭痛毆、火燒,只 Continue

奧斯卡的個性甜蜜、浪漫多情,卻是美國紐澤西州貧民窟裡的超級巨胖大宅男,鎮日沉迷於科幻奇幻作品與角色扮演遊戲,外加暗戀女生。他不是典型的多明尼加男生,球場和情場上的打擊率都是零,倒楣的日子大概過了廿多年,以為自己到死都會是一枚處男。

  他老姊的男朋友尤尼爾,自告奮勇替奧斯卡展開改造人生計畫。他發現奧斯卡家族的幾代成員,個個孤單、固執、瘋狂,而且,他們的愛情只會開出惡果。在多明尼加過著上流生活的外祖父阿貝拉,為了保護妻女被打入黑牢;脾氣火爆的美麗老媽貝麗因為愛上壞男人而慘遭痛毆、火燒,只得逃亡到美國。奧斯卡在大學校園結識了投緣的女孩,原以為幸福唾手可得,不到三個月內即慘遭分手。尤尼爾與奧斯卡不得不相信,這一切是傳說中的敗亡惡咒作祟。

  尚未嘗過初吻滋味的奧斯卡,在那個失意的夏天回到多明尼加,奇蹟似地愛上鄰家的妓女。他湧生出空前的勇氣和力量,準備破繭而出,他是否能夠順利擺脫、並終止綿延家族三代人的詛咒?

  本書藉由怪咖男主角奧斯卡,帶出橫跨三代家庭成員的喧鬧人生,也輻射出現代美國跨文化∕跨語言的樣貌。作者朱諾.迪亞茲在小說中大量運用街頭俚語、新世代語言、電玩遊戲與奇幻科幻文學典故,下筆富含幽默與洞見,營造出獨特的語言趣味,令人目眩神迷。評者以為,這部作品確立了迪亞茲是當代最令人興奮的優秀作家之一。

424 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Così è la vita. Tutta la felicità che riesci a mettere insieme viene spazzata via come se niente fosse. Se volete la mia opinione, non credo che esistano le maledizioni. La vita, da sola, basta e avanza."

    Questo libro racconta la storia di Oscar Wao, ma anche quella della madre Belì e del nonno Abelard, ambientato nella Repubblica Dominicana sotto la dittatura di Trujillo.
    Oscar è un ragazzo che ama tutte le donne, ma le donne non amano affatto lui a ...(continue)

    Questo libro racconta la storia di Oscar Wao, ma anche quella della madre Belì e del nonno Abelard, ambientato nella Repubblica Dominicana sotto la dittatura di Trujillo.
    Oscar è un ragazzo che ama tutte le donne, ma le donne non amano affatto lui a causa dei suoi chili eccessivi e del suo linguaggio ricercato e complicato che prende spunto dalla sua passione per i fumetti, libri e film fantasy, lui è un ragazzo nerd, che vive da escluso, rigettato dalla società, la cui famiglia è stata colpita da un orribile FUKU'(sfiga), ogni componente della sua famiglia, mamma e nonno, vivranno grandi passioni, ma alla fine la morte arriverà.
    Un libro dalla scrittura veloce, serrata, diviso in capitoli, dove vengono raccontate le storie di Oscar, della madre Belì, della sorella Lola, del fidanzato della sorella Yunior, del nonno Abelard e della sua famiglia, peccato per i continui richiami al fantasy, per chi non è appassionato come me in fondo al libro c'è il glossario, ci sono varie appendici in fondo alle pagine durante il racconto per richiami storici sui vari crimini e misfatti del dittatore Trujillo e il linguaggio a tratti per i miei gusti è stato veramente troppo scurrile.
    Un libro comunque che non mi è dispiaciuto perchè in fondo racconta che la vita (fukù o no), non è mai troppo semplice, soprattutto se vissuta in regime di dittature e da emarginati, ma alla fine l'autore inneggia alla vita che va vissuta sempre e comunque fino alla fine.
    In definitiva La meravigliosa vita di Oscar Wao sorprende e diverte, mi sono immaginata di godermelo all’ombra del banano e sorseggiando rum, indossando un costume anni '50 con in testa un grande cappello di paglia.

    Is this helpful?

    Matik said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A distanza di più di un anno da quando l'ho letto mi rimane ancora l'impressione di aver preso in mano uno dei migliori libri degli ultimi anni, fresco, scritto in maniera leggera, ma con argomenti pesanti e tragici.
    Uno di quei libri che ti lascia u ...(continue)

    A distanza di più di un anno da quando l'ho letto mi rimane ancora l'impressione di aver preso in mano uno dei migliori libri degli ultimi anni, fresco, scritto in maniera leggera, ma con argomenti pesanti e tragici.
    Uno di quei libri che ti lascia un sapore dolce-amaro in bocca.

    Is this helpful?

    Alex Bertoli said on Jul 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La sfiga domenicana è tenace, non molla! Perseguita la famiglia di Oscar e la fa innamorare perdutamente delle persone sbagliate, così sbagliate da portarla alla rovina. Caraibicamente fantastico!

    Is this helpful?

    toc said on Jul 10, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    "Non sono mai i cambiamenti desiderati, quelli che cambiano tutto"

    Vita di Oscar, nerd dominicano che vive a New York, puro dell’amore e della vita, fanatico di fantascienza e giochi di ruolo, intelligente e oltremodo autoironico, il cui unico sollievo è una sorella che lo adora. Anomalia grassa in un popolo di bell ...(continue)

    Vita di Oscar, nerd dominicano che vive a New York, puro dell’amore e della vita, fanatico di fantascienza e giochi di ruolo, intelligente e oltremodo autoironico, il cui unico sollievo è una sorella che lo adora. Anomalia grassa in un popolo di bellissimi, innamorato di ogni ragazza che gli passa accanto, disprezzato, emarginato, maltrattato, infelice.

    Epopea delle diverse generazioni della sua famiglia, della sorella e della madre, della provvidenziale nonna/zia e dei veri bisnonni dal tragico destino, in un paese tormentato per decenni dall'atroce e perverso regime di Trujillo e dai suoi violenti e fanatici tirapiedi.

    Un destino che sembra ripetersi nelle generazioni, tra fukù e zafa, diaspore, sogni premonitori, sventurati amori e preghiere che salvano.

    Un libro che è forse una piccola cosa, ma che si legge d’un fiato, con potenti personaggi femminili che ricordano le donne dei grandi romanzi sudamericani e una massiccia dose di umorismo, le cui ultime pagine, lo confesso, mi hanno spiazzato, commuovendomi come non immaginavo.

    Is this helpful?

    Splendini said on Jun 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Unica grande pecca, che poi è una sua peculiarità: troppe note! Alla fine non andavo neppure più a cercare in appendice. Quelle a piè di pagina sono parte integrante del romanzo, invece.
    Però, che banale, favolosa, tragicomica vita, Oscar Wao!

    Is this helpful?

    Nuvola said on Jun 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nostro Signore dei Nerd

    “Oscar ricorda di aver sognato che una mangusta gli parlava. Ma non era una mangusta qualsiasi, era la Mangusta.
    Cosa scegli, muchacho? Gli chiese. Ancora o basta?
    Per poco non disse basta. Era tanto stanco e gli faceva male dappertutto – Basta! Bast ...(continue)

    “Oscar ricorda di aver sognato che una mangusta gli parlava. Ma non era una mangusta qualsiasi, era la Mangusta.
    Cosa scegli, muchacho? Gli chiese. Ancora o basta?
    Per poco non disse basta. Era tanto stanco e gli faceva male dappertutto – Basta! Basta! Basta! – ma poi in un angolo del cervello vide spuntare l’immagine della sua famiglia. Lola, sua madre e Nene Inca. Ricordò quando era più giovane e ottimista. Il cestino del pranzo accanto al letto, la prima cosa che vedeva al risveglio. Il pianeta delle Scimmie.
    Ancora, rispose con voce lugubre.
    …. ,disse la Mangusta, e poi il vento lo respinse nell’oscurità.”
    Oscar Wao: Ci vuole una gran forza a non essere nessuno, a non contare niente. Oscar è un ghetto-nerd dominicano obeso e goffo, vive una vita fatta di giochi di ruolo e di letture di fantascienza. Non ha mai neppure baciato una ragazza e s’innamora a ripetizione di donne che neppure lo considerano un essere umano. Oscar è uno SFIGATO, e di quelli cosmici. Quelli come lui sono fondale, tappezzeria, contorno. Quelli come lui sono note a margine che nessuno legge, troppa fatica. Eppure Oscar, campione di inutilità e nerditudine con un piede nel patetico e uno nel ridicolo, si rivela un cardine dell’universo, un’asse portante, un volano di storie e di Storia. In questo bellissimo libro di Junot Dìaz, la figura di oscar viene composta dalle proiezioni ascendenti e discendenti dei membri della sua famiglia: sua madre Belicia, sua sorella Lola, il suo compagno di stanza all’Università Yunior, persino i suoi sfortunati nonni Abelard e Socorro. In questo libro c’è una buona dose del realismo magico sudamericano che io adoro, quello alla Marquez, per capirci, dove le favole della nonna, diavolo, non sono mica favole! C’è davvero in corso una lotta tra Bene e Male. Davvero la famiglia di Oscar è afflitta da una maledizione, perseguitata dall’Uomo senza Volto e aiutata dalla Mangusta dagli Occhi Dorati. Junot prende uno che agli occhi di molti, moltissimi non conta nulla, lo scompone in mille sguardi diversi e ci racconta la storia di Santo Domingo del secolo scorso, che non è solo il paradiso dei turisti bianchi, ma è stata la sede di una delle più sanguinose, terribili, spaventose dittature che il Sudamerica conosce, quella di Trujillo.
    Lo dice anche il titolo, “la breve favolosa vita di Oscar Wao”, non può finire bene. Ma la vita del grassone nerd che nessuno vuole sarà si breve, ma sarà a modo suo favolosa.

    Is this helpful?

    Dr. Frankensteen said on May 23, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book