購物狂的異想世界

By

Publisher: 馥林文化

3.8
(2743)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 368 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Italian , Spanish , Catalan , Finnish , German , Dutch , Polish , Swedish

Isbn-10: 9866996352 | Isbn-13: 9789866996351 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Humor , Romance

Do you like 購物狂的異想世界 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
蘇菲.金索拉的作品全球暢銷超過2,000,000冊,
購物狂系列已被譯為22種語言,即將改編為電影劇本
我是《成功理財》雜誌社的記者,工作就是告訴讀者如何理財;
但是在我的閒暇時間,卻無法克制自己瘋狂購物的欲望。
  多年來,我處在一個購物的迴圈中,有點像是農家的輪種體系。不同的是,農家是小麥-玉米-大麥-休耕,而我的迴圈則是衣服-化妝品-鞋子-衣服(我通常不擔心休耕的問題)。說真的,購物其實和耕種很相似,你不能老是買同樣的東西,總得有些變化,不然生活會變得很無聊,不是嗎?
  問題是,我的薪水根本負擔不起這些昂貴的消費,銀行的催款信件更是讓我煩惱不已……我嘆口氣,看著窗外那些熙來攘往,提著購物袋的女孩們。我是如此渴望加入她們的行列,我不由自主地把身體傾斜過去,就如同一株渴望陽光的植物。我渴望商店中那明亮的燈光、那暖洋洋的氣氛,哪怕是收銀機發出的聲音也是我所渴望聽到的。
  也許我應該買一些小首飾,或者靴子。沒錯,我需要新的靴子,還要順便看看美麗的衣服。天哪!一天過後,我真該享受一下,而且由於工作上的需要,我必須添購幾雙襪子和一把指甲刀,或者一本在地鐵上消磨時間的書。
  當我在星巴克排隊等待付款時,果然已經開心多了!
Sorting by
  • 1

    La curiosità spesso mi porta a leggere libri che appartengono a generi che non tanto mi piacciono. Lo faccio soprattutto con i romanzi best seller, adoro scoprire il motivo di tanto successo e poi non ...continue

    La curiosità spesso mi porta a leggere libri che appartengono a generi che non tanto mi piacciono. Lo faccio soprattutto con i romanzi best seller, adoro scoprire il motivo di tanto successo e poi non riesco a non leggere un libro che viene proclamato all’unanimità bellissimo. Molte volte trovo libri validi e che riescono a regalarmi emozioni forti, altre volte invece mi fanno pentire di aver buttato ore preziose in una lettura stupida e insensata. E purtroppo, quest’ultimo, è il caso di I love shopping scritto da Sophie Kinsella.

    Se siete fan del libro e\o della saga vi sconsiglio di proseguire la lettura di questo articolo, quello che state per leggere è lo sfogo di una lettrice delusa da un best seller definito da tanti bellissimo e divertente.
    Partiamo dall’inizio: il libro mi è stato regalato dal mio ragazzo sotto mia richiesta, fortunatamente è costato solo 2€ in quanto acquistato in una rivendita di libri usati. Ho chiesto questo titolo poiché, gironzolando sul web, ho trovato solo recensioni entusiaste. Su tante valutazioni viste la percentuale di giudizi negativi era davvero irrisoria. Insomma, si è da subito presentata come una storia che non poteva non essere letta. In più dal libro è stato anche tratto un film e ha dato vita ad una saga di non so quanti volumi. Potevo mai pensare di trovarmi fra le mani una boiata epica? Così, spinta dalla curiosità, ho voluto vedere di cosa trattasse. Sia il titolo che la copertina non mi hanno fatto capire nulla, se non la passione sfrenata per lo shopping della protagonista. Ho letto la trama, che vi riporto di seguito, e mi ha fatto pensare ad una lettura leggera e divertente, così non è stato anche perché quest’ultima contiene delle piccole imprecisioni:

    Becky è una giornalista che dalle colonne di un prestigioso giornale londinese (non è vero, scrive su una testata secondaria e spesso si vergogna anche di dire il nome) consiglia risparmio e investimenti sicuri. È carina, piena di inventiva, determinata (non è vero! E’ una deficiente, bugiarda e con una fortuna sfacciata). E ha una irrefrenabile passione: lo shopping. Irrefrenabile al punto di diventare una sorta di malattia, che la spinge a comprare abiti, accessori, cosmetici, ma anche dolci, biancheria e articoli per la casa… Niente e nessuno possono trattenerla: non le pressanti lettere di sollecito delle banche per i suoi molti conti in rosso, non i manuali che insegnano a risparmiare, non i buoni propositi di contenere le proprie spese. I love shopping è un romanzo brillante e intelligente (non è vero! E’ la sagra del no sense, definirlo tale significa credere che la popolazione mondiale sia costituita da stupidi), in cui si susseguono situazioni paradossali ma non improbabili (non improbabili? Eh? Ma quale bancario ti segue per il paese chiedendoti quando rientri sul conto?). Perché Becky è tutte le persone che vanno in fibrillazione quando vedono la scritta SALDI, e che, quando ricevono l’estratto conto della carta di credito, pensano immediatamente a un errore… Insomma, Becky è un po’ tutti noi (No! Becky non è tutte noi, esiste anche gente intelligente).
    continua su: http://giuseppinabiondi.altervista.org/recensione-distruttiva-un-odioso-best-seller-love-shopping-sophie-kinsella/

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Mi aspettavo molto più umorismo

    Posso solo dire che è stato strategico il fatto che abbia letto altri libri della Kinsella e non subito questo, perchè mi ha deluso, mi aspettavo qualcosa di più.
    Avendo visto il film, godibilissimo, ...continue

    Posso solo dire che è stato strategico il fatto che abbia letto altri libri della Kinsella e non subito questo, perchè mi ha deluso, mi aspettavo qualcosa di più.
    Avendo visto il film, godibilissimo, mi aspettavo molto più umorismo e meno tentativi inutili e discutibili di uscire dal baratro in cui si andava sempre più affossando.
    E' vero che la storia era incentrata sullo shopping ma a lungo andare può anche stufare, mentre in secondo piano c'erano le altre storie che se sviluppate ulteriormente potevano fare la differenza da un sufficiente ad un buono.
    L'ho trovato triste e ho fatto fatica a finirlo.

    said on 

  • 0

    NON POSSO DARE NEANCHE UNA STELLA .. se vi è piaciuto non continuate a leggere la mia opinione.

    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    E' una minchiata colossale! Quando dovrebbe far ridere questa mentecatta? Mi ha dato sui nervi dopo un capitolo, non riesco proprio a capire come poss ...continue

    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    -
    E' una minchiata colossale! Quando dovrebbe far ridere questa mentecatta? Mi ha dato sui nervi dopo un capitolo, non riesco proprio a capire come possa aver fatto così tanto successo questa idiozia colossale. Lo stile della Kinsella è simpatico ho già letto alcuni suoi libri, ma questo è decisamente, come dire.. uno schifo.

    said on 

  • 4

    Non credevo mi sarebbe piaciuto un libro con argomento lo shopping...
    ... ma poi ho iniziato a ridere, a ridere, a ridere...
    Consigliato sotto l'ombrellone!

    said on 

  • 2

    discretamente divertente

    Ahimè nulla di più di quanto mi aspettavo. Certo la protagonista desta simpatia e il racconto è allegro, con un intreccio originale ed un finale bello e positivo. Tuttavia mi viene da dire che la stor ...continue

    Ahimè nulla di più di quanto mi aspettavo. Certo la protagonista desta simpatia e il racconto è allegro, con un intreccio originale ed un finale bello e positivo. Tuttavia mi viene da dire che la storia, soprattutto nella prima parte, mi è sembrata fin troppo esagerata, oserei dire quasi senza ritegno, ed essendo io stessa tanto diversa dall'atteggiamento della protagonista, ha quasi scatenato dentro di me una sensazione di fastidio ed irritazione.
    In definitiva un libro piacevole ma da leggere senza troppe aspettative.

    said on 

  • 4

    perfetta lettura estiva

    Mentre ero al mare ho voluto iniziare una lettura leggera e divertente e questo libro è proprio perfetto.
    Io ho visto il film prima di leggere il libro (non mi capita praticamente mai) ma la storia è ...continue

    Mentre ero al mare ho voluto iniziare una lettura leggera e divertente e questo libro è proprio perfetto.
    Io ho visto il film prima di leggere il libro (non mi capita praticamente mai) ma la storia è differente in alcuni punti (come il 99,99% dei casi) quindi ero comunque incuriosita dalle vicende narrate e questo mi spingeva a leggerlo...
    Consigliato

    said on 

  • 1

    Chick-lit de che ???

    Mah...signorina Kinsella...sinceramente mi lascia con un certo moto di perplessità...è un po' la stessa reazione che si può avere di fronte al discorso di un lontano parente ubriaco ad un matrimonio, ...continue

    Mah...signorina Kinsella...sinceramente mi lascia con un certo moto di perplessità...è un po' la stessa reazione che si può avere di fronte al discorso di un lontano parente ubriaco ad un matrimonio, che tenta di prender parola e formulare frasi di senso compiuto...imbarazzante.

    said on 

Sorting by