Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ángeles y demonios

By

Publisher: Umbriel

3.7
(23489)

Language:Español | Number of Pages: 508 | Format: Board Book | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Chi traditional , German , Portuguese , French , Catalan , Swedish , Italian , Russian , Dutch , Slovenian , Romanian , Japanese , Greek , Polish , Turkish , Czech

Isbn-10: 849561877X | Isbn-13: 9788495618771 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Paperback , Audio CD , Hardcover , Mass Market Paperback , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Ángeles y demonios ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
El arma más poderosa creada por el hombre, una organización secreta sedienta de venganza... y apenas unas horas para evitar el desastre. La eterna pugna entre ciencia y religión se ha convertido en una guerra muy real.

En un laboratorio de máxima seguridad, aparece asesinado un científico con un extraño símbolo grabado a fuego en su pecho. Para el profesor Robert Langdon no hay duda: los Illuminati, los hombres enfrentados a la Iglesia desde los tiempos de Galileo, han regresado. Y esta vez disponen de la más mortífera arma que ha creado la humanidad, un artefacto con el que pueden ganar la batalla final contra su eterno enemigo. Acompañado de una joven científica y un audaz capitán de la Guardia Suiza, Langdon comienza una carrera contra reloj, en una búsqueda desesperada por los rincones más secretos de El Vaticano. Necesitará todo su conocimiento para descifrar las claves ocultas que los Illuminati han dejado a través de los siglos en manuscritos y templos, y todo su coraje para vencer al despiadado asesino que siempre parece llevarle la delantera.

El autor de El Código Da Vinci nos arrastra a una espiral de acción sin pausa, un impactante thriller donde se suceden las sorpresas y se revelan algunos de los más oscuros enigmas de la historia. Fuerzas que han permanecido  ocultas durante siglos y que ahora planean destruir la Iglesia... literalmente.
Sorting by
  • 4

    Ti tiene in sospeso fino all'incredibile finale, inaspettato tra l'altro. libro da leggere tutto di un fiato, appassionante a prescindere dal fatto che gli avvenimenti storici siano veri o meno..Trama intricatissima, scrittura perfetta, un ottimo protagonsita e grandiosi comprimari. Consigliatiss ...continue

    Ti tiene in sospeso fino all'incredibile finale, inaspettato tra l'altro. libro da leggere tutto di un fiato, appassionante a prescindere dal fatto che gli avvenimenti storici siano veri o meno..Trama intricatissima, scrittura perfetta, un ottimo protagonsita e grandiosi comprimari. Consigliatissimo!

    said on 

  • 2

    Un po' pesante...

    E' un libro che ho letto con fatica, perchè lo stile mi risulta "pesante"...


    Ma può essere anche un'idea personale visto che io amo le letture scorrevoli...


    Mi può piacere il contenuto...però quando la lettura è pesante...io esprimo i miei dubbi...


    Dovendo scegliere io prefer ...continue

    E' un libro che ho letto con fatica, perchè lo stile mi risulta "pesante"...

    Ma può essere anche un'idea personale visto che io amo le letture scorrevoli...

    Mi può piacere il contenuto...però quando la lettura è pesante...io esprimo i miei dubbi...

    Dovendo scegliere io preferisco il film al libro...

    Con le immagini infatti si rimedia alle lacune

    descrittive dello scrittore...

    Saluti.

    Ginseng666

    said on 

  • 1

    Angeli e Demoni... forse il libro peggiore che io abbia mai letto in vita mia, come e piu' del suo predecessore (come pubblicazione italiana) "codice da Vinci". Storia che non sta in piedi, irreale come nei peggiori B-movie italiani degli anni'60 e '70. Scrittura elementare e senza un minimo di q ...continue

    Angeli e Demoni... forse il libro peggiore che io abbia mai letto in vita mia, come e piu' del suo predecessore (come pubblicazione italiana) "codice da Vinci". Storia che non sta in piedi, irreale come nei peggiori B-movie italiani degli anni'60 e '70. Scrittura elementare e senza un minimo di qualita' stilistica. Insomma libro consigliato a chi ha bisogno di pareggiare l'altezza di una gamba del tavolo di cucina.

    said on 

  • 5

    Marchiati a fuoco, prima di essere barbaramente uccisi ed esposti come monito per le strade di Roma. Questa è la sorte che toccava agli Illuminati, l'antica setta di scienziati perseguitata in secoli oscuri dalla Chiesa cattolica. Un rituale crudele, ben conosciuto da Robert Langdon, lo studioso ...continue

    Marchiati a fuoco, prima di essere barbaramente uccisi ed esposti come monito per le strade di Roma. Questa è la sorte che toccava agli Illuminati, l'antica setta di scienziati perseguitata in secoli oscuri dalla Chiesa cattolica. Un rituale crudele, ben conosciuto da Robert Langdon, lo studioso di iconologia del "Codice da Vinci". Ma quando la storia si ripresenta, il fascino si trasforma in raccapriccio. Svegliato in piena notte e trasportato dagli Stati Uniti in Svizzera, Langdon è costretto a esaminare, nei laboratori del CERN di Ginevra, un cadavere orrendamente mutilato. Sul petto della vittima, impresso a fuoco, il terribile segno degli Illuminati: lo scienziato ucciso ha difeso fino all'ultimo il segreto di un'arma sperimentale rubata dagli assassini.

    said on 

  • 1

    Banalmente scorrevole

    Tutti i romanzi di Dan Brown sono molto scorrevoli, ma l'interesse suscitato dalle prime pagine di questo romanzo viene pian piano smorzato da una corsa mozzafiato verso un finale banale e tragicomico.
    A meno che da un libro non si ricerchi solo la scorrevolezza, lasciate perdere que ...continue

    Tutti i romanzi di Dan Brown sono molto scorrevoli, ma l'interesse suscitato dalle prime pagine di questo romanzo viene pian piano smorzato da una corsa mozzafiato verso un finale banale e tragicomico.
    A meno che da un libro non si ricerchi solo la scorrevolezza, lasciate perdere queste porcate e pescate altrove.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    L'antimateria fa chic

    Dan Brown ha l'abilità di scrittore di un sedicenne.
    I dialoghi sono spesso banali, come l'azione in sé: al CERN c'è un post it su una colonna dorica con scritto "questa colonna è ionica", e l'autore fa dire a Langdon la battuta più scontata della storia; oppure ancora, quando finalmente La ...continue

    Dan Brown ha l'abilità di scrittore di un sedicenne.
    I dialoghi sono spesso banali, come l'azione in sé: al CERN c'è un post it su una colonna dorica con scritto "questa colonna è ionica", e l'autore fa dire a Langdon la battuta più scontata della storia; oppure ancora, quando finalmente Langdon si trova faccia a faccia con l'assassino, c'è lo scambio di battute più fiacco della storia dei romanzi, in cui l'assassino che ha una gran voglia di parlare esordisce con il classico "così, ci incontriamo di nuovo" (che immagino sia anche un problema di traduzione, visto che nella lingua povera inglese dovrebbe essere un più d'effetto "so, we meet again").
    Al solito il thriller mescolato all'arte/architettura Rinascimentale italiana è un espediente per celare una trama di per sé parecchio fiacca.
    Se questo romanzo doveva proprio nascere con l'idea della "distruzione del Vaticano", non vedo perché ci si dovrebbe dare tanta pena in un elaborato simbolismo dei quattro cardinali - e gli unici in grado di risolvere il mistero sono il solito Robert Langdon, con l'orologio di Topolino al polso, e la bellezza/genio di turno.
    Come non vedo il motivo di utilizzare un composto potenzialmente instabile come l'antimateria, molto difficile da procurarsi e pericolosissimo da trasportare in loco, malgrado i soliti espedienti che solo la mente di Brown sa partorire - come il cilindro a tenuta stagna con campi magnetici con una batteria che dura ESATTAMENTE 24 ore - se non per soddisfare un'altra parte dell'inutile simbolismo.
    Si capisce che il cattivo finale è il Camerlengo a metà libro; i discorsi che Brown gli mette in bocca sono forzati e gonfiati, su Dio, la religione e la scienza, e il modo in cui l'autore risolve la trama è a dir poco ingarbugliato: il Papa ha avuto un figlio segreto con una suora, ma solo grazie all'inseminazione artificiale, e questi è il Camerlengo, per l'appunto. Il che è tutto dire.

    Un Dan Brown scrittore lascia molto a desiderare.

    said on 

  • 4

    作者對於歐陸歷史及符號學門的深厚底子,讓我真是全心佩服。但是這就是一本像是一部劇情緊湊、緊張刺激的大長篇電影,看完直呼過癮,然後不會有什麼想要再看一次的念頭。頂多就像是偶然轉電視台轉到會看一下而已。

    另外,在下身為基督徒,對其中的基督教相關劇情,只抱著「這是一部文學作品」觀點來看待,順便操練以自己對信仰的認知是否看得出書中錯謬之處。我仍然覺得這小說寫得很好看!

    said on 

  • 5

    Troppe analogie col Codice da Vinci

    Il protagonista si ritrova disturbato nel cuore della notte da una chiamata da parte di uno sconosciuto e qualcuno che necessita il suo aiuto, che gli mostra una foto di un uomo anziano, assassinato, trovato nudo e con un simbolo proprio sopra il petto. Si scoprirà quindi che con l'omicidio av ...continue

    Il protagonista si ritrova disturbato nel cuore della notte da una chiamata da parte di uno sconosciuto e qualcuno che necessita il suo aiuto, che gli mostra una foto di un uomo anziano, assassinato, trovato nudo e con un simbolo proprio sopra il petto. Si scoprirà quindi che con l'omicidio avrà a che fare un'antica setta segreta, da sempre in conflitto con la Chiesa, riemersa dopo tanti anni.
    Una parente stretta della vittima, aiuterà il protagonista a venire a capo di una serie di intrighi che si susseguono nella storia.
    Un assassino misterioso agisce per conto di un suo superiore, mai visto né conosciuto, che lo incarica di uccidere delle persone e portare a termine un compito per interesse personale.

    Si parla del Codice da Vinci o di Angeli e demoni?

    Dopo aver finito il Codice e aver letto le prime pagine di "Angeli e Demoni", ho trovato le analogie abbastanza patetiche. E penso che sarebbe stata un buona scusa per molti, per piantare lì il romanzo. Però a me lo stile di Dan Brown non dispiace affatto e quindi non mi sono fatta scoraggiare da qualche triste somiglianza che c'è nella trama fra i due romanzi.
    Non me ne sono pentita, ovviamente per lo sviluppo della storia i due libri si distaccano completamente, e personalmente non saprei decidere quale dei due, alla fine, mi sia piaciuto di più. Come ho già detto nella recensione del Codice da Vinci, i collegamenti storici sono sempre molto interessanti, così come quelle piccole curiosità che rendono più intrigante la storia. Il finale mi ha colpito davvero, non è stato così scontato o prevedibile come credevo. La scrittura è sempre piacevole, non si perde troppo in descrizioni e riesce a dare assuefazione senza annoiare (considerando che ho letto quasi metà libro in un viaggio di dieci ore in traghetto!).
    Forse un po' troppo fantasioso qua e là, come la scena della fuga dall'Archivio Vaticano o quella della lotta nella fontana senza che ci sia qualcuno nei paraggi che se ne accorga... abbastanza improbabile, soprattutto considerando che siamo a Roma e non in una qualsiasi cittadina di provincia con 150 abitanti.
    Però sono riuscita comunque ad apprezzarlo per i colpi di scena e la scorrevolezza della storia. Magari 5 stelle possono sembrare troppe a questo punto, ma considerando che non mi è pesato, l'ho trovato avvincente, lo consiglierei sicuramente e magari tra un bel po' di anni potrei anche rileggerlo, mi sembra corretto.
    Ad ogni modo, prima di divorare il prossimo romanzo di Dan Brown, penso che mi prenderò una pausa.

    said on 

Sorting by