Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

中性

By

Publisher: 上海译文出版社

4.3
(5371)

Language:简体中文 | Number of Pages: 645 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , Chi traditional , Portuguese , German , French , Italian , Swedish , Catalan , Dutch , Indonesian , Czech

Isbn-10: 7532744000 | Isbn-13: 9787532744008 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Do you like 中性 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
  主人公斯蒂芬尼德斯出生过两次:第一次是1960年1月出生在底特律的一个没有烟雾的日子,那时他是个女婴儿;第二次是1974年8月出生在密执安州皮托斯基附近的一个急诊室里,那时他是个十几岁的男孩子。他原名卡利俄珀(Calliope),出生时是个漂亮姑娘。童年至少年她无忧无虑地生活。直到1974年她14岁,就读于家乡的女子中学时,越来越觉得自己与其他女孩不同:身高5英尺10英寸,体重130磅,更可怕的是身体上竟出现了一些男孩应有的特征。在父母陪同下她来到医院,医生告诉他们:她是个两性人。14岁的卡利俄 珀决心不再做女孩,于是“她”变成了“他”——卡尔(Cal),他剪短头,搭车来到旧 金山寻找新出路。  作品的写作手法十分丰富,既有对人物的现实主义的描写,又有许多现代小说中常见的心理描写,行文幽默而流畅。古老的写作手法与现代手段相结合,按照作家本人的话来说:“就像人体内古老的基因以完全不同的方式组合在一起,从而创造出一个完全不同的人。我希望通过将所有这些因素结合,创造出新东西。”作品给人以一种耳目一新的感觉。  简要目录  第一卷  银匙/做媒/不得体的婚约/丝绸之路  第二卷  亨利·福特的英语融化锅/弥诺陶洛斯/关系冷淡的婚姻/骗术/单簧管小夜曲/国际新闻/万物出自于蛋  第三卷  自制影片/啊,着了!/米德尔塞克斯/地中海地区的饮食/狼獾队/热蜡脱毛抒情诗/那朦胧的人儿/提瑞西俄阿坠入情网/肉与血/墙上的布枪  第四卷  模糊的外阴/在韦氏大词典中查找我自己/到西部去,年轻人!/在旧金山的性别焦虑/赫马佛洛狄忒斯/空中漂游/最后的停靠点
Sorting by
  • 5

    Nel mezzo

    Leggere Middlesex ha fatto tornare in me domande che ormai pensavo assopite, quesiti a cui pensavo di aver fato risposte esaustive, ma invece non era cosí.

    Come comportarsi quando non di sa cosa si é? ...continue

    Leggere Middlesex ha fatto tornare in me domande che ormai pensavo assopite, quesiti a cui pensavo di aver fato risposte esaustive, ma invece non era cosí.

    Come comportarsi quando non di sa cosa si é? Cosa fare quando non si é a conoscenza del proprio io?

    Con una prosa accattivante, dai toni ironici e volutamente radical chi, ci viene dipanata la storia di Cal, rappresentazione umana del mito greco di Ermafrodito. Uno stile divertente che con leggerezza affonda nel profondo.

    Raccomandato e raccomandabile.

    said on 

  • 3

    Non so di preciso cosa davvero mi aspettassi da Middlesex. L’incipit prometteva una riflessione intimista e un’analisi sulla sessualità che poteva anche escludere il discorso ermafrodito. I dubbi sull ...continue

    Non so di preciso cosa davvero mi aspettassi da Middlesex. L’incipit prometteva una riflessione intimista e un’analisi sulla sessualità che poteva anche escludere il discorso ermafrodito. I dubbi sulla propria sessualità, e soprattutto su come approcciarla, possono averli chiunque, non solo persone nate sia uomo che donna. Sarebbe stato interessante indagare su questo aspetto, anche se le dimensioni del libro potevano risultare un po’ eccessive per un argomento del genere e rischiavano di annacquarlo troppo con discorsi evitabili. La trama infatti è ben altra cosa. Sotto un certo punto di vista giustifica le 600 pagine del romanzo, accompagnando il lettore con una prosa che si fa ben volere e si lascia leggere. La storia è un’epopea familiare lunga tre generazioni. Non stupisce che Eugenides abbia vinto il pulizer con questo romanzo. La scelta narrativa è quella che più si adatta a raccontare non solo una storia ma la Storia di una parte di America, ovvero Detroit. La vita della/del protagonista è solo un pretesto, tant’è che compare a più di metà del libro nonostante la sua voce ne sia il narratore unico.
    Da un certo punto di vista mi ha ricordato l’italico La gang dei sogni, mentre da un altro un qualsiasi libro di A.M. Homes che non sia La fine di Alice. Per il romanzo italiano è facile intuirne il motivo, visto che anche il libro di Di Fulvio usa l’espediente degli immigrati in America per raccontare più di una generazione di personaggi; il paragone al lavoro di A.M. Homes è dovuto invece ad altri due libri. Se infatti Le vergini suicide poteva essere visto vicino a La fine di Alice, non tanto per temi trattati o per stile quanto piuttosto per impatto e bellezza, Middlesex si fa esattamente quanto è successo ai lavori di Homes: c’è qualcosa, soprattutto nello stile che cambia sensibilmente diventando molto più mansueto, che trasforma l’autore di un ottimo libro in autore di buoni libri. Middlesex scorre che è una meraviglia, si lascia leggere, e finisce per mantenere un buon ricordo, ma gli manca qualcosa, magari l’asprezza che il suo predecessore aveva, l’idea geniale di come narrare una cosa, di come piegarla per farne vedere aspetti che altrimenti non si sarebbero notati. Middlesex è appunto un buon libro, così come lo sono gli altri di A.M. Homes, ma non si avvicina alla bellezza di Le vergini suicide. Se è vero che uno scrittore deve sempre reinventarsi per cercare di scrivere il suo capolavoro, provando di superarsi a ogni libro, con Middlesex pare che Eugenides non ci abbia neppure provato, ma si sia limitato a scrivere. Poi la sua bravura a fatto si che ne uscisse fuori un libro godibile, ma questa è un’altra storia.

    said on 

  • 4

    “Sono nato due volte: bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente, la seconda, nell’agosto del 1974, al pronto soccorso di P ...continue

    “Sono nato due volte: bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente, la seconda, nell’agosto del 1974, al pronto soccorso di Petoskey, nel Michigan." Questo è l'incipit di Middle Sex straordinario romanzo di Jeffrey Eugenides che vince il Pulitzer 2003. Middlesex è la storia di un viaggio molto particolare: il viaggio di un gene attraverso diverse generazioni fino ad arrivare a Calliope, o meglio Cal, bhè insomma sia Calliope che Cal, una rara specie di Ermafrodito.
    E' un viaggio nella memoria, un viaggio di libertà e consapevolezza in cui un ormai adulto Cal ripercorre la storia della sua famiglia in un intreccio magistralmente scritto che apre uno scorcio su una parte di storia che spesso viene accantonata: la guerra tra Turchia e Grecia. Ed è proprio lì che inizia il viaggio del "gene", passando poi attraverso l'America del proibizionismo, fino a Detroit.
    Eugenides è un narratore che prende l'eredità di grandi autori, spesso accostato a Roth o a Nabokov, ha una prosa liscia e delicata, crea immagini minuziose, e con maestria e delicatezza racconta una storia drammatica.
    Vivere in un corpo che non è il proprio, vederlo cambiare in modo innaturale, scoprirsi e accettarsi affondando i dubbi nelle proprie radici. Middlesex è questo ma anche molto altro.
    Una lettura che reputo necessaria sia a livello storico che stilistico ma soprattutto per entrare a contatto con una realtà spesso ignota ai più.
    Veronica Nerozzi

    said on 

  • 5

    La storia di Cal Stephanides mi ha tenuto compagnia per un mese. Un mese in viaggio nel tempo e nello spazio. Cal (o Calliope, se si preferisce) vuole raccontare la sua storia, però per poterne parlar ...continue

    La storia di Cal Stephanides mi ha tenuto compagnia per un mese. Un mese in viaggio nel tempo e nello spazio. Cal (o Calliope, se si preferisce) vuole raccontare la sua storia, però per poterne parlare, deve prima di tutto affrontarne il principio assoluto. “Per andare avanti bisogna tornare indietro dove si è cominciato”: è così che la sua voce ci trasporta per generazioni della sua famiglia, a partire dall'amore tra i suoi nonni, sbocciato durante il viaggio della speranza dalla Grecia in America. Straordinariamente capace di adattare il ritmo della storia dalla calma con cui indaga nei sentimenti più tumultuosi dei tanti personaggi e comparse che hanno preso parte agli avvenimenti della sua vita, sin da quando non era neanche un embrione, alla rapidità degli avvenimenti che hanno caratterizzato la storia della sua famiglia. La meraviglia dei suoi nonni di approdare con la nave in America e di scoprire un mondo e una libertà mai assaporata fino ad allora, lascia ben presto spazio ad un ritmo ossessivo, con cui negli anni Venti Lefty si trasforma in un Charlie Chaplin al servizio della nuova America industriale. Ogni suo gesto è scandito dal cronometro rigidamente regolato dalle grandi società automobilistiche. Ma poi ancora cambiamenti, nel mondo e nelle vite dei personaggi, che fanno della storia della famiglia una storia comune, fatta di amori, litigi, migrazioni. Una famiglia che però lascia a Cal un patrimonio genetico custodito al riparo da secoli..
    Ho apprezzato tantissimo lo stile di Jeffrey Eugenides, ironico e allo stesso tempo profondo come pochi. Il suo approccio a determinati argomenti come l’intersessualità non è mai banale: la storia di Cal non viene mai vista con commiserazione, ma semplicemente per quella che è.

    said on 

  • 3

    Ho impiegato più del previsto a terminare questo libro, forse perché letto in un periodo particolare della mia vita, posso comunque dire che mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato. E' molto bella l'i ...continue

    Ho impiegato più del previsto a terminare questo libro, forse perché letto in un periodo particolare della mia vita, posso comunque dire che mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato. E' molto bella l'idea di narrare a ritroso la vita della famiglia Stephanides, passando dalla Grecia luogo di partenza originario, e di cui la famiglia manterrà gelosamente molte tradizioni gastronomico-culturali, all'America, mitico luogo dove per tutti era possibile farsi un'altra vita. Il punto centrale del libro avrebbe dovuto essere l'ermafroditismo di Calliope, che però non ho trovato così centrale, in gran parte del testo anzi domina la saga familiare; molti passi li ho trovati prolissi o eccessivamente elaborati, pur non cadendo mai nella noia o nella pesantezza. Diciamo che da un premio Pulitzer mi sarei aspettato qualcosina in più, la scrittura è sicuramente apprezzabile, un po' meno lo sviluppo della trama. Voto 3,5

    said on 

  • 5

    Questo libro l'ho letto con calma perché l'ho trovato fin da subito molto bello e molto strambo.
    E non parla di un ermafrodito, parla di Callie o Cal, come vogliamo chiamarla/o.
    Parla della sua famigl ...continue

    Questo libro l'ho letto con calma perché l'ho trovato fin da subito molto bello e molto strambo.
    E non parla di un ermafrodito, parla di Callie o Cal, come vogliamo chiamarla/o.
    Parla della sua famiglia, partendo dai due strambi nonni che scappano da Smirne per andare nel Middlewest negli anni 20, parla dei cambiamenti socio culturali americani e mondiali da quell'epoca ai giorni quasi nostri, parla della paura d'amare perché ci si sente diversi per tanti motivi, dei suoi genitori, di suo fratello e del percorso che affronterà.
    Ma non è triste, anzi, per quanto il percorso sia duro, i nonni, le radici e la gioia di vivere della sua famiglia sono sempre presenti.
    È un libro di appartenenza, di radici cha affondano lontano, in quella nave che portò in America Desdemona e Lefty.
    Bellissimo, per me.

    said on 

Sorting by