Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

中性

By

Publisher: 上海译文出版社

4.3
(5321)

Language:简体中文 | Number of Pages: 645 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , Chi traditional , Portuguese , German , French , Italian , Swedish , Catalan , Dutch , Indonesian , Czech

Isbn-10: 7532744000 | Isbn-13: 9787532744008 | Publish date: 

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Do you like 中性 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
  主人公斯蒂芬尼德斯出生过两次:第一次是1960年1月出生在底特律的一个没有烟雾的日子,那时他是个女婴儿;第二次是1974年8月出生在密执安州皮托斯基附近的一个急诊室里,那时他是个十几岁的男孩子。他原名卡利俄珀(Calliope),出生时是个漂亮姑娘。童年至少年她无忧无虑地生活。直到1974年她14岁,就读于家乡的女子中学时,越来越觉得自己与其他女孩不同:身高5英尺10英寸,体重130磅,更可怕的是身体上竟出现了一些男孩应有的特征。在父母陪同下她来到医院,医生告诉他们:她是个两性人。14岁的卡利俄 珀决心不再做女孩,于是“她”变成了“他”——卡尔(Cal),他剪短头,搭车来到旧 金山寻找新出路。  作品的写作手法十分丰富,既有对人物的现实主义的描写,又有许多现代小说中常见的心理描写,行文幽默而流畅。古老的写作手法与现代手段相结合,按照作家本人的话来说:“就像人体内古老的基因以完全不同的方式组合在一起,从而创造出一个完全不同的人。我希望通过将所有这些因素结合,创造出新东西。”作品给人以一种耳目一新的感觉。  简要目录  第一卷  银匙/做媒/不得体的婚约/丝绸之路  第二卷  亨利·福特的英语融化锅/弥诺陶洛斯/关系冷淡的婚姻/骗术/单簧管小夜曲/国际新闻/万物出自于蛋  第三卷  自制影片/啊,着了!/米德尔塞克斯/地中海地区的饮食/狼獾队/热蜡脱毛抒情诗/那朦胧的人儿/提瑞西俄阿坠入情网/肉与血/墙上的布枪  第四卷  模糊的外阴/在韦氏大词典中查找我自己/到西部去,年轻人!/在旧金山的性别焦虑/赫马佛洛狄忒斯/空中漂游/最后的停靠点
Sorting by
  • 5

    Questo libro l'ho letto con calma perché l'ho trovato fin da subito molto bello e molto strambo.
    E non parla di un ermafrodito, parla di Callie o Cal, come vogliamo chiamarla/o.
    Parla della sua famigl ...continue

    Questo libro l'ho letto con calma perché l'ho trovato fin da subito molto bello e molto strambo.
    E non parla di un ermafrodito, parla di Callie o Cal, come vogliamo chiamarla/o.
    Parla della sua famiglia, partendo dai due strambi nonni che scappano da Smirne per andare nel Middlewest negli anni 20, parla dei cambiamenti socio culturali americani e mondiali da quell'epoca ai giorni quasi nostri, parla della paura d'amare perché ci si sente diversi per tanti motivi, dei suoi genitori, di suo fratello e del percorso che affronterà.
    Ma non è triste, anzi, per quanto il percorso sia duro, i nonni, le radici e la gioia di vivere della sua famiglia sono sempre presenti.
    È un libro di appartenenza, di radici cha affondano lontano, in quella nave che portò in America Desdemona e Lefty.
    Bellissimo, per me.

    said on 

  • 4

    "Siamo tutti fatti di molte parti, di molte metà. Non solo io."

    In questo romanzo bellissimo e affascinante il protagonista (o la protagonista) dovrebbe essere Calliope:una bambina, che nell'età più critica, la pubertà, scopre di essere in realtà Cal, o meglio: sc ...continue

    In questo romanzo bellissimo e affascinante il protagonista (o la protagonista) dovrebbe essere Calliope:una bambina, che nell'età più critica, la pubertà, scopre di essere in realtà Cal, o meglio: scopre di essere una rara forma di ermafrodito. Ti aspetteresti che Cal ti raccontasse il suo lungo, doloroso ed estenuante percorso per accettare e superare questo grave problema dell'"identità di genere". E invece no, Cal si mette un po' in disparte e preferisce raccontare la sua storia e la sua trasformazione partendo da molto lontano: Da quando i suoi nonni fuggono dalla Turchia, e da una delle sue innumerevoli guerre, per raggiungere l'America. Preferisce raccontarci i mille segreti, i mille scandali e le mille avventure della sua strampalata, originalissima, e veramente fuori dal comune, amata famiglia. Un bellissimo e imperdibile viaggio attraverso un secolo di storia, di sogni e di bugie.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Bel libro, ma alla fine non mi ha colpito piu' di tanto. Il tema e' interessante e lo stile scorrevole, ma molte scelte dell'autore non mi hanno convinto, in primis quella di dedicare cosí largo spazi ...continue

    Bel libro, ma alla fine non mi ha colpito piu' di tanto. Il tema e' interessante e lo stile scorrevole, ma molte scelte dell'autore non mi hanno convinto, in primis quella di dedicare cosí largo spazio alle vicende dei nonni e genitori di Cal. Capisco che e' una scelta con un suo perché, ma renderla cosí importante da far apparire il protagonista solo a meta' libro mi sembra un po' esagerato. Capitoli che ho indubbiamente apprezzato, ma che, andando avanti e guardando indietro, mi sembrava che avessero poco a che fare col resto del libro. La parte peggiore penso sia stata quella dell'infanzia di Cal, trattata in un modo superficiale che, per contrasto, emerge ancora di piu', mentre quella migliore, per me, e' stata quella sulla sua adolescenza e la scoperta della sessualita'.
    Lo stile, a parte i rari slanci "omerici" ogni tanto, alla fine e' abbastanza semplicistico, non colpisce granché. In sostanza é stata una lettura piacevole, ma non mi e' sembrato questo grande libro di cui molti mi hanno parlato.
    Voto: 6,5

    said on 

  • 5

    Middlesex, La storia di una famiglia

    Pensavo che questo libro parlasse di una ragazza che poi si scopriva un ragazzo e della sua vita sicuramente non semplice, ma questo libro è molto di più di tutto questo. E' la storia di una famiglia, ...continue

    Pensavo che questo libro parlasse di una ragazza che poi si scopriva un ragazzo e della sua vita sicuramente non semplice, ma questo libro è molto di più di tutto questo. E' la storia di una famiglia, la famiglia di Calliope o Callie o se volete Cal, parla dei suoi nonni e della loro bizzarra storia d'amore durante gli anni '20 del '900, parla dei suoi genitori e della loro tormentata storia d'amore, di suo fratello e poi di lei, della sua infanzia e della sua adolescenza e di tutte le esperienze che farà dopo aver scoperto di essere un ermafrodito. In questo libro c'è talmente tanto che si può dire che c'è tutto, i personaggi sono ben caratterizzati e si sviluppano durante la narrazione, si vedono le loro vite e le loro scelte e soprattutto è bello vedere i cambiamenti culturali, sociali, politici ed anche familiari che avvengono durante la storia che si protrae per tutto il secolo del '900. Tutto questo è raccontato da Cal che ci dice che oggi ha circa 40 anni ed è un uomo che ha paura di amare ma vuole disperatamente amare ed essere amato per quello che è, ci racconta la normalità e l'accettazione di essere un ermafrodito. E' un bellissimo romanzo familiare, fatto di persone, di sentimenti, di stravolgimenti, di imprevisti e di cose comuni. Se non lo avete ancora letto, leggetelo perché è semplicemente perfetto. L'unica cosa negativa? è finito troppo in fretta, 600 pagine divorate in pochissimo tempo, ma che mi hanno lasciato davvero tanto!

    said on 

  • 4

    Dunque. Middlesex.
    Middlesex parla di un ermafrodito? Molto e molto poco. Middlesex racconta le storie immense delle nazioni (Grecia, Turchia e poi gli Stati Uniti più volgari e l'Europa più intellett ...continue

    Dunque. Middlesex.
    Middlesex parla di un ermafrodito? Molto e molto poco. Middlesex racconta le storie immense delle nazioni (Grecia, Turchia e poi gli Stati Uniti più volgari e l'Europa più intellettual-raffinata), quelle piccole e meschine degli individui, quelle infinite delle famiglie e quelle incomprensibili di chi, nella sua pelle, non c'è mai stato del tutto bene. Middlesex è potente, quando parla del fuoco che consuma l'allora greca Smirne, è squallido, quando parla della provincia più 'provinciale' americana. E' deprimente quando parla delle miserie umane, della piccolezza di papà, mamma, dei fratelli, delle zie ed è grandioso quando di questi miserabili falliti fa il ritratto da consegnare ai posteri, fotografandoli impietoso come una macchinetta per le fototessere dove NON SI PUO' venire bene, mai. Middlesex sei tu, che c'è stato o ci deve ancora essere (ma ci sarà) un momento nella tua vita in cui dirai: "ma chi sono? A che servo?" e anche "Come vuoi che io sia, per amarmi e non lasciarmi mai?". Questo è Middlesex. Non è solo la storia di uno con due sessi. Ottimo libro.

    said on 

  • 4

    È il terzo romanzo di Eugenides che leggo, e devo dire che trovo questo autore molto interessante. Ha uno stile pulito, preciso, che non si incaglia in virtuosismi ostentati ma al tempo stesso è estre ...continue

    È il terzo romanzo di Eugenides che leggo, e devo dire che trovo questo autore molto interessante. Ha uno stile pulito, preciso, che non si incaglia in virtuosismi ostentati ma al tempo stesso è estremamente piacevole e permette di immergersi totalmente nelle vicende narrate. Insomma, padroneggia decisamente bene la penna, sceglie soggetti particolari, trame interessanti, che permettono di aprire finestre su interi mondi che vanno oltre le sole vicende dei suoi protagonisti. Eppure, nonostante tutti questi elementi più che positivi che lo fanno apparire ai miei occhi un autore decisamente interessante da "tenere d'occhio", ogni volta che lo leggo mi sembra ci sia qualche elemento che stoni. O meglio, è come se le varie parti del romanzo fatichino a diventare un tutto unitario, lasciandomi con un senso di disgregazione. Presi singolarmente, tutti gli elementi dei suoi romanzi sembrano funzionare, sono ben scritti, interessanti, hanno un senso ed una ragion d'essere, ma ad uno sguardo più ampio, guardando alla totalità dell'opera fatico a cogliere un'immagine unitaria, mi sembra di vedere sempre soltanto tanti elementi distinti appoggiati uno in fila all'altro, senza che vi sia alcuna connessione tra di loro.
    Paradossalmente, proprio in questo romanzo dalla struttura così circolare, dove tutto sembra ripetersi e convergere verso un unico scopo, questa poca coesione delle parti mi sembra più evidente. "Middlesex" narra la storia di Cal, nato Calliope, e del viaggio che un raro gene recessivo ha dovuto intraprendere per incontrare un suo gemello proprio nel corpo di Cal-liope, trasformandolo in un ermafrodito (a quanto capito, fra l'altro, questo termine dal punto di vista scientifico è scorretto, eppure nel romanzo viene continuamente utilizzato). A narrare le vicende è prorpio il quarantenne Cal, che subito dichiara di essere nato due volte: la prima come bambina, la seconda, a quindici anni, ragazzo. L'interesse e la curiosità per la sua vicenda dunque si accendono subito, eppure bisognerà aspettare all'incirca trecento pagine per poter leggere di queste vicende: tutto infatti ha inizio negli anni venti in Turchia, con le vicende di Lefty e Desdemona in uno sperduto villaggio in cui i matrimoni fra consanguinei erano assai frequenti, per trasformarsi in una bella saga familiare. Una saga familiare che si intreccia a importanti momenti storici, all'incendio di Smirne del 1922, alle fughe per mare per poter emigrare in America, alla Detroit delle fabbriche e alla Depressione; e poi una nuova generazione, la Grande Guerra, le rivolte dei neri, gli anni Sessanta e quelli Settanta. Pagine che scorrono con un'estrema facilità, che appassionano e incuriosiscono, ma che, nonostante si sappia essere preambolo necessario e imprescindibile alla storia di Cal, appaiono totalmente slegate da quest'ultima. Infatti, quando finalmente Calliope inizia ad agire in prima persona come personaggio, il romanzo rimane altrettanto piacevole, eppure tutto, nell'atmosfera della narrazione, sembra essere radicalmente cambiato. È un'altra storia. Un'altra bella, interessantissima storia, ma che, nonostante tutti gli elementi comuni, sembra avere poco a che fare con le pagine precedenti.
    Sia chiaro, questo libro mi è piaciuto veramente molto, è solo che sono quasi dispiaciuta per questa mancanza di coesione, perché se il passaggio fosse stato meno netto credo che "Middlesex" sarebbe entrato a far parte del novero dei "miei" libri, quelli che mi emozionano al di là di tutto. Non è così, purtroppo, ma rimane comunque un "signor" libro, che mi resterà impresso per aver unito la scienza ai moduli e i topoi della tragedia classica. C'è un ritmo, una fatalità che percorre questo romanzo che arriva direttamente dalla classicità, ma lo fa in maniera molto discreta, senza apparire forzata, e si combina perfettamente a temi importanti ed estremamente interessanti come la parte che il condizionamento sociale può giocare nell'identificazione di genere. La moira, un destino ineluttabile a cui l'essere umano non può sottrarsi che al tempo stesso trova una spiegazione negli eventi passati che lo hanno costruito. Una spiegazione che tuttavia risponde a domande sulle cause materiali di un tale destino, non certo a quelle finali. Insomma, la dimostrazione che l'antichità classica non é affatto qualcosa di stantio e confinato ad una biblioteca frequentata solo da persone che vivono fuori dal mondo, ma può e deve intrecciarsi alla modernità, illuminarne dei tratti e al tempo stesso lasciarsi illuminare da essa.

    said on 

  • 4

    un libro su cui pensare

    iniziato on scetticismo, solo perchè consigliato da una persona speciale, mi sono ricreduto in fretta. Un libro crudo ma delicato e avvincente. Nonostante sia molto lontano dall emie convinzioni, l'ho ...continue

    iniziato on scetticismo, solo perchè consigliato da una persona speciale, mi sono ricreduto in fretta. Un libro crudo ma delicato e avvincente. Nonostante sia molto lontano dall emie convinzioni, l'ho trovato molto bello e mi ha fatto ricredere, o per lo meno mi ha messo un tarlo, sull'impossibilità di intendere due generi così nettamente separati. MA allora dove nasce il confine fra lecito e illecito? Se l'educazione può influenzare sulle caratteristiche di genere, allora come ci si deve porre verso le nuove "mode" della famiglia omo-genere? Come saranno influenzati i figli adottati o acquisiti?

    said on 

  • 5

    MIDDLESEX (Jeffrey Eugenides)

    Un fantastico viaggio che comincia così:
    “Sono nato due volte, bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente la seconda, nell’ ...continue

    Un fantastico viaggio che comincia così:
    “Sono nato due volte, bambina, la prima, un giorno di gennaio del 1960 in una Detroit straordinariamente priva di smog, e maschio adolescente la seconda, nell’agosto del 1974, al pronto soccorso di Petoskey, nel Michigan”.
    Un incipit che racchiude in sé già tutto il romanzo narrato dalla stessa protagonista, Calliope/ Cal , che a un certo punto scopre di essere diversa, vittima di un gene misterioso che fa di lei un ermafrodito.
    Il tema dunque è quello della diversità, della scelta di sè e di ciò che si vuole essere a dispetto della biologia (“Il sesso è biologico, il genere è culturale”), della ricerca della propria identità non solo sessuale ma anche culturale; è fondamentalmente una storia di cambiamenti, quello personale di Calliope in Cal ma anche la trasformazione di un intera nazione, gli Stati Uniti , e di un popolo, il popolo greco lì emigrato ma con forti difficoltà e anche una sorta di resistenza ad adattarsi alla nuova patria tanto da parlare ancora in greco, mantenendo una propria comunità e conservando i propri valori e le proprie tradizioni.
    Mi è piaciuta la struttura che è quella di più storie dentro la storia, ben tre generazioni e l’idea da tragedia greca di una colpa che le attraversa , scaturita dall’amore incestuoso tra due fratelli Desdemona e Lefty, i nonni di Calliope/Cal . E’ proprio grazie alla ricostruzione della storia dei propri antenati che Cal arriverà a capire se stesso, a scegliersi come persona più che come donna o uomo, quasi a dire che in fondo siamo il frutto della nostra storia.
    Le 600 pagine sono dense di avvenimenti storici che si intrecciano con le vite dei vari personaggi: si va dalla Turchia degli anni 20’ all’immigrazione, c’è l’America del proibizionismo, quella della depressione con la grande crisi del 29’, degli scontri razziali, fino ad arrivare al miracolo economico degli anni 50. Ci sono delle vere perle: l’assedio e l’incendio di Smirne, il viaggio dei nonni sulla nave dalla Grecia in America, la descrizione della catena di montaggio …tanta tanta roba! Eppure la lettura scorre incredibilmente, perché lo stile è davvero particolare e accattivante. E’ infatti lo stesso protagonista che racconta con ironia e leggerezza, ma sempre con grande partecipazione, rivolgendosi direttamente al lettore in un continuo alternarsi di ricordi e presente, avvisandolo quando la narrazione sta per tornare indietro o quando sta per correre avanti nel tempo, rassicurandolo, anticipando i suoi dubbi, le sue perplessità, dando risposte ai suoi interrogativi, insomma rendendolo in qualche modo partecipe e sempre all’erta. Mentre con altre saghe familiari corpose e ricche di personaggi spesso ci si perde e bisogna tornare a leggere le pagine indietro per riprendere il filo qui, malgrado i continui flash-back, non mi è mai successo!
    C’è un connubio secondo me riuscitissimo di elementi che stanno agli antipodi: tragedia e comicità, superstizione e scienza, presente e passato, una specie di incrocio tra l’Odissea e Il mio grosso grasso matrimonio greco.
    Un libro che ti lascia quella sensazione di pienezza, sazietà, appagamento…assolutamente da leggere!

    said on 

Sorting by