Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

偷书贼

By

Publisher: 南海出版公司

4.3
(6793)

Language:简体中文 | Number of Pages: 376 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , English , French , Chi traditional , Italian , Portuguese , Japanese , Russian , Dutch , Norwegian , Danish , Catalan , German , Finnish , Polish , Swedish , Czech , Greek

Isbn-10: 7544238210 | Isbn-13: 9787544238212 | Publish date: 

Translator: 孙张静

Category: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Do you like 偷书贼 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
  这是一个关于文字如何喂养人类灵魂的独特故事。
  一个撼动死神的故事。
  1939年的德国,9岁的小女孩莉赛尔和弟弟被迫送往慕尼黑远郊的寄养家庭。6岁的弟弟不幸死在了路途中,被埋在火车铁轨旁。在冷清的丧礼后,莉赛尔意外得到她的第一本书《掘墓人手册》。
  这将是14本给她带来无限安慰的书之一。她是个孤苦的孩子,父亲被打上了共产主义者的烙印,被纳粹带走了;母亲随后也失踪了。在弹奏手风琴的养父的帮助下,她学会了阅读。尽管生活艰苦,她却发现了一个比食物更难以抗拒的东西——书。她忍不住开始偷书。
  这个故事罕见地让“死神”来叙述故事,死神随着莉赛尔目睹一件件偷窃事件。这个被死神称为“偷书贼”的可怜女孩,在战乱的德国努力地生存着,并不可思议地帮助了周围同样承受苦难的人:她读书给躲在她家地下室的犹太人听,在空袭时为躲入防空洞中的街坊邻居朗读故事,安慰了战火下每颗惶惶不安的心。在最后一次死神在悉尼要带走偷书贼时,还是想要问问她:同样是人,怎么有人如此邪恶,有人却又如此光明灿烂?而人类写下的文字及故事,怎么一样具有毁灭性也同时具有光辉呢?
  故事看来轻描淡写,夜深人静阅读起来,却有逃脱不了的沉重感。孩子们单纯快乐的童年生活中,飘着纳粹的乌云。残酷而阴暗的纳粹德国天空下,是向往自由、内心充满恐惧的人们。小说的主题是沉重的,然而情节如满天繁星,颗颗闪亮;语言如潺潺溪水,清澈纯净。
  偷书贼住在天堂街,作者用了多么明显的反讽,不断面临生存的压力与思想的桎梏,眼泪、哭喊、奔跑、睁着眼的静默、拖着腿的行进,支撑主角灵魂去面对现实的,不是真正的天堂,而是这些偷来的书!有台面上希特勒亲笔写的《我的奋斗》,也有父女床边《掘墓工人手册》、《耸耸肩》、《监看者》、《吹哨客》(虽然都是偷来的)……唯有写下才能留下,最后偷书贼写了一本《偷书贼》,自己的故事,她在书中最后写说:
  “我讨厌文字,我也喜爱文字。我希望我发挥了文字的力量。”
Sorting by
  • 2

    Un libro che non decolla mai. E' lì, con i motori pronti, potenzialmente in grado di farci fare un bel viaggio e invece si perde in descrizioni superflue, personaggi stereotipati degni dei best seller di Moccia e sintassi da sbadiglio.

    said on 

  • 5

    Il libro è scritto quasi come un gioco, una bambinata ma così dolcemente ed orrendamente intriso di emozioni. Non amo questo tema, degli ebrei, della seconda guerra mondiale e di tutto quello strazio, ma libri come questi non sono banali e analizzano l'umanità. Se non sapessi che sono fatti realm ...continue

    Il libro è scritto quasi come un gioco, una bambinata ma così dolcemente ed orrendamente intriso di emozioni. Non amo questo tema, degli ebrei, della seconda guerra mondiale e di tutto quello strazio, ma libri come questi non sono banali e analizzano l'umanità. Se non sapessi che sono fatti realmente accaduti penserei che è tra i migliori romanzi distopici..

    said on 

  • 5

    Toccante e poetico

    Non so se sia possibile recensire questo libro nel modo che merita. Insegna che con l'amore per le parole si può sopravvivere alle brutte esperienze - anzi, possono anche salvarti la vita. Insegna che la Morte non è cupa e tetra ma ironica e compassionevole - anche se è un narratore che non ama l ...continue

    Non so se sia possibile recensire questo libro nel modo che merita. Insegna che con l'amore per le parole si può sopravvivere alle brutte esperienze - anzi, possono anche salvarti la vita. Insegna che la Morte non è cupa e tetra ma ironica e compassionevole - anche se è un narratore che non ama la suspence, anticipando spesso eventi e finali. Insegna a leggere in modo nuovo le tristi tematiche della seconda guerra mondiale, guardandoli con gli occhi curiosi e singolari di una bambina. E infine ci ricorda gli amori e gli affetti dell'infanzia, ritrovando l'amore tra i capelli color limone del vicino di casa, tra le strizzate d'occhi di papà e i rimproveri di mamma ( Saumensch!)

    said on 

  • 4

    Markus Zusak ha fatto un colpaccio. Ci ha consegnato un romanzo ben scritto, scorrevole, adatto ad utenze eterogenee di lettori e, come ho potuto testare, capace di appassionare anche quelli meno assidui (qualità non da poco).
    http://www.temperamente.it/recensioni-3/contemporanei/l… ...continue

    Markus Zusak ha fatto un colpaccio. Ci ha consegnato un romanzo ben scritto, scorrevole, adatto ad utenze eterogenee di lettori e, come ho potuto testare, capace di appassionare anche quelli meno assidui (qualità non da poco).
    http://www.temperamente.it/recensioni-3/contemporanei/ladra-libri-libro-film/?code=AQCp2QApOsji16gbOUE0PkTm6Q3SBDNFgWoBLhKCW9PVXTjWDkLIMRraM4hwJaQIiINV64Og0XAOu-S65xUZfQ5of9yBQYMotQwCgmvUVNf6VFcHJwHxHHVzhA5gqs4gKLvSeZITfiyo_6YGTexAX3gyQG9WfYWE6fzfhXZN-o9JkbnROoJDRYBKliO5OrqtCWBUpt4FQk9MB8WkOUWjMGtejG-hpo7EctcXowIKNoUIYxWTl3xuNJkRCPlm63jrt2cGzzxlAQVMDUGJNNzdNVg5ulzkKFvG4o5kwZ-fJ6FJv7d-98GrONv3QKFrHfSyDwA#_=_

    said on 

  • 5

    Ho visto la Morte avere paura.

    Dove ci sono ideali ci sono pareri; dove ci sono i pareri ci sono anche i confronti; i confronti portano alle discussioni; le discussioni cavalcano l’onda del litigio; il litigio sfocia in guerra; la guerra annega nella morte.
    La morte.
    Chi meglio di lei poteva raccontarci questa stor ...continue

    Dove ci sono ideali ci sono pareri; dove ci sono i pareri ci sono anche i confronti; i confronti portano alle discussioni; le discussioni cavalcano l’onda del litigio; il litigio sfocia in guerra; la guerra annega nella morte.
    La morte.
    Chi meglio di lei poteva raccontarci questa storia?
    Personalmente, una storia così, avrei voluto ascoltarla solo da lei. Solo pronunciate da lei tutte quelle parole avrebbero avuto un senso, e così è stato.
    Me la sono fatta amica, la morte. L’ho guardata negli occhi tante volte mentre raccontava, con il suo filo di voce, e in quegli occhi, ho visto lampi di terrore.
    Ho visto la morte avere paura.
    L’ho vista, la seconda guerra mondiale, sui libri di scuola.
    Ho visto anche Hitler, i campi di concentramento, gli ebrei, le docce, la fame, la miseria, la paura, la morte.
    Sono cose a cui ti preparano, a scuola. Te lo ricordano il 27 Gennaio di ogni anno e poi tutto si ferma li.
    Con la Ladra di Libri niente si ferma. Tutto resta.
    Ho visto un treno fermarsi, un bambino seppellito sotto la neve, e una ragazzina che raccoglieva un libro.
    Ho visto occhi d’argento prendersi cura di una bambina come ci si prende cura solo delle cose speciali, fragili.
    Ho visto una mamma, con la pelle colore del cartone, sciogliersi nel momento giusto.
    Ho ascoltato insulti, mangiato minestre orribili, giocato a pallone, rubato libri.
    Ho avuto paura.
    Ho visto capelli come piume e capelli color limone.
    Li ho amati, quei capelli.
    Li ho toccati tante volte, quei capelli, mentre i personaggi della storia continuavano la loro vita fra le pagine del libro. Uno rinchiuso in cantina, a rubare squarci di cielo. L’altro col volto dipinto di nero a correre nel vento.
    Ho visto la guerra, ho respirato la polvere e percepito il suo sapore sulla lingua impastata.
    Ho pianto.
    Svegliati Jesse Owens.
    E’ un libro che non può non essere letto. Non può non lasciarti niente.
    A me resta tutto, e più di tutto, resta il suono di una fisarmonica – che respira – nell’aria e un paio d’occhi argento che mi guardano sorridendo.

    said on 

  • 4

    La ladra di Libri

    L'inizio non è dei migliori, poi inizi ad apprezzare la particolare capacità narrativa dell'autore. Rischia sempre di diventare banale, ma non lo diventa mai. Interessante vedere la seconda guerra mondiale raccontata da una famiglia tedesca: le razioni, i bombardamenti, i ragazzi morti, etc

    said on 

  • 4

    Commovente e coinvolgente, scritto con attenzione e maestria, questo libro ti trascina con sé, a fianco della Morte, in quegli anni terribili e crudeli.

    said on 

Sorting by