Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

海上教堂

La Catedral del Mar

By

Publisher: 圓神出版社有限公司

3.9
(7337)

Language:繁體中文 | Number of Pages: 678 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Catalan , Italian , Polish , French , German , English , Swedish , Portuguese , Slovenian , Dutch

Isbn-10: 9861332650 | Isbn-13: 9789861332659 | Publish date:  | Edition 1

Translator: 范湲

Category: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature , History

Do you like 海上教堂 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

  ◎西語版斥資千萬發行,一路狂銷220萬冊!32國好評搶先跟進!

  ◎「西班牙的丹布朗」席捲全球目光、媲美馬奎斯的文學鉅著!

  ◎榮獲西班牙「巴斯克文學獎」最佳小說、西班牙出版雜誌Que Leer圖書?、「義大利薄伽丘文學獎」最佳外語作者

  ◎國際媒體好評讚譽&四面八方讀者震撼推薦!

  ◎李立亨、李清志、方文山、郝廣才、貴婦奈奈……國內各界名人感動閱讀.熱愛推薦!

一部勇敢追尋自由信仰的磅礡史詩;
一段不畏戰亂烽火的可貴友情;
一個純真守候至情摯愛的感人故事……
只要我們活著,一切都變得可能!

  《海上教堂》以十四世紀的巴塞隆納為主要場景,是充滿母性撫慰懷抱,光輝而動人的故事。

  主角亞諾身為農奴之子,從小跟著父親逃到巴塞隆納,失去母親的他一直把海上教堂裡的聖母當成自己的母親一般述說心事,後來也成為參與建造教堂的功臣──大力士,以及長期捐獻者。他的人生完全與這座教堂的興建合而為一,無論經歷多少愛恨情仇,都能在聖母的撫慰下找到心靈的歸屬……

作者簡介

伊德方索.法康尼斯(Ildefonso Falcones)

  西班牙備受推崇的「國民作家」。與妻子、四名兒女住在巴塞隆納,為該地執業律師,且每週固定飛馬德里,在兩地都有事務所。

  自處女作《海上教堂》在西班牙出版後,隨即引爆一股全球暢銷旋風,已有32國搶得發行權,並榮獲諸多國際文學獎項:西班牙「巴斯克文學獎」最佳小說、西班牙出版雜誌Que Leer圖書?、「義大利薄迦丘文學獎」最佳外語作者。

  在知名律師的光環下,寫作是美麗的偶然,或可說是他表達對故鄉熱情的一種方式。法康尼斯說:「我只是寫故事給大家看的人,希望每個人都會看到讓自己感動的篇章。」從來自全世界讀者的廣大共鳴看來,他真的做到了!

譯者簡介

范湲

  西班牙納瓦拉大學語言學碩士,曾任西班牙文口譯,教過英文、西班牙文,近年多從事新聞相關工作,目前定居奧地利薩爾斯堡近郊。

  已出版譯作:《風之影》《Good Luck──當幸運來敲門》《無形之城》《這一生都是你的機會》《你就是自己的幸運星》《時間推銷員》《浪漫騎士唐吉訶德》《露露》等(皆由圓神出版)。

Sorting by
  • 3

    Osservando la costruzione di una Cattedrale sul Mare

    E per cominciare: Spagna

    Iniziamo da qui, la Spagna, un paese che conosco davvero poco attraverso i libri. Per cominciare ho scelto un romanzo ambientato in una città che ho visto, anche se tanti anni ...continue

    E per cominciare: Spagna

    Iniziamo da qui, la Spagna, un paese che conosco davvero poco attraverso i libri. Per cominciare ho scelto un romanzo ambientato in una città che ho visto, anche se tanti anni fa. Ho scelto Barcellona per l’inizio del mio viaggio, perché è stata una delle prime mete che ho visitato anni fa. E se Barcellona mi ha insegnato l’amore per i viaggi non poteva che essere un buon auspicio per il mio percorso letterario. Il romanzo che ho scelto è ‘La Cattedrale sul mare’ opera prima di Ildefonso Falcones.
    La trama

    Siamo nel XIV secolo nei dintorni di Barcellona e siamo nel pieno dei festeggiamenti per il matrimonio di Bernat Esanyol con Francesca Eseve. Tutto parte da qui, e più precisamente dal figlio della coppia Arnau Estanyol. Arnau è di umili origini, nasce come servo della gleba senza alcun diritto. Proprio per questo suo padre stanco degli innumerevoli soprusi del suo signore del luogo, lo porta con sé alla volta di Barcellona. Il romanzo ci guida attraverso la vita di Arnau in un iperbole che lo porterà da servo della gleba a cambiare il suo stato grazie alla sua forza di volontà e coraggio.
    Perno intorno cui ruota la narrazione è la cattedrale di Santa Maria del Mar, la Basilica viene costruita proprio durante lo scorrere delle pagine. Impareremo a conoscere questa cattedrale proprio sulle sponde del mare, costruita e voluta dalla gente che lavorava sul mare e scelta dalla confraternita dei Bastaixos come luogo per le loro preghiere.

    I bastaixos, che non conoscevo affatto prima dell’acquisto di questo libro, si occupavano ai tempi dello scarico e del carico delle merci dal porto, una confraternita di povera gente che nei sessant’anni di costruizione dell’opera è stata tra i principali contribuenti soprattutto trasportando le pesanti pietre dalla cava alla chiesa senza ricevere alcun compenso. I Bastaixos saranno i primi ad accogliere Arnau, quando poco più che un bambino rimarrà solo al mondo. Ed Arnau rimarrà con i Bastaixos anche durante le alterne vicende della sua vita, saranno tanti i cambiamenti che dovrà affrontare e tante le persone che incontrerà.
    Quello che mi è piaciuto

    Protagonista assoluta è Santa Maria del Mar con la sua Madonna in legno. Bellissimo affresco della costruzione di questa Cattedrale, il suo racconto è probabilmente l’aspetto che più porterò con me dell’intero romanzo. Con Arnau osserviamo il posizionamento della prima chiave di volta e di tutte le altre fino alla sua conclusione. La Cattedrale per il lettore diventa la rappresentazione fisica di una città in continua evoluzione come Barcellona, sinonimo di fede, speranze e fiducia verso il futuro. Ed è quindi l’elemento che più di ogni altro caratterizza l’intero romanzo. Ho amato Barcellona durante la mia visita, ma questa Cattedrale non la ricordo, ed è diventata una delle ragioni per cui vorrò ritornare presto o tardi in questa città.
    Mi è piaciuta la ricostruzione storica durante la narrazione, non vi ho detto molto della trama ma sono tanti gli avvenimenti storici che caratterizzano in un modo o nell’altro la vita di Arnau. La sua situazione di servo della gleba prima, bastaixos poi e la sua rapida ascesa al potere. Arnau si mescola alla gente è un uomo di cuore e proprio per la sua bontà sono in molti quelli che si avvicinano a lui. E così la trama si arricchisce e si approfondiscono tantissimi temi come il rapporto tra signori e servi della gleba, la vita di una ricca cittadina mercantile, gli scambi tra porti ma anche la storia del prestito, il rapporto tra cattolicesimo ed ebraismo in quei tempi ma anche la pagina più complessa dell’inquisizione.

    Interessante anche l’approfondimento degli usi e dei costumi di quel periodo, sono molti gli anneddoti ed aspetti che non conoscevo e che grazie a questo volume ho imparato. Un esempio è il ‘via fora’ ovvero quando l’intera città di Barcellona era incitata ad andare a combattere qualche signorotto di turno dal suono ridondante delle campane. Tutti gli uomini in età avevano il compito di riunirsi nelle piazze principali e dirigersi verso i territori giudicati nemici dalla città.
    Le mie impressioni lati positivi e negativi

    Il ‘via Fora’ è uno dei tanti esempi, come lo è il mondo dei Bastaixos ed i tanti elementi di racconto che sono inseriti nella trama del romanzo. Scopo di Falcones a mio parere è di raccontare al grande pubblico com’era la vita secoli fa, tramite l’utilizzo di espedienti narrativi. Il modo di scrivere è semplice, mai ripetitivo oppure pedante ma lo spazio che viene dedicato alla spiegazione di usanze ed attività tipiche del periodo è decisamente molto. Ovviamente il pro è quello di fare conoscere una realtà, per lo più sconosciuta ai lettori. Gli insegnamenti sono tanti, e sono tante opportunità di approfondimento.
    Il lato negativo, ed è l’unico che ho riscontrato, è che questo va ad incidere sui personaggi in un modo o nell’altro. Se l’autore decide di far prendere una piega particolare al suo romanzo, purtroppo il personaggio prescelto è costretto a seguirla anche se questo comporta una sostanziale modifica nel suo carattere.

    Non posso entrare molto nei dettagli, per evitare anticipazioni, ma sono una lettrice che ama l’approfondimento del carattere dei personaggi ed ho subito con delusione il fatto che certi personaggi hanno fatto scelte totalmente incoerenti con quelli che erano appena qualche pagina prima.
    Conclusioni

    Questo romanzo mi è piaciuto molto soprattutto per le tante cose che ho imparato anche se tralascerei un pochino la parte puramente narrativa perché un po’ costretta dal percorso scelto dall’autore. Sicuramente leggerò gli altri volumi scritti da Falcones ‘La mano di Fatima’ e ‘La regina Scalza’, e quindi mi troverò a viaggiare con la fantasia verso nuove magnifiche città spagnole.

    said on 

  • 3

    La versión mala de Los pilares de la Tierra

    Pues eso, demasiado parecido a la obra de Ken Follet, pero con mucho menos nivel. Graves errores históricos (o interpretaciones de la historia). No me ha enganchado

    said on 

  • 5

    Via Fora!!!

    Uno straordinario affresco storico sullo sfondo della Barcellona del XIV secolo, all'ombra della Cattedrale di Santa Maria del Mar, in costruzione, fra intrighi, amori e persecuzioni religiose.
    L'ho a ...continue

    Uno straordinario affresco storico sullo sfondo della Barcellona del XIV secolo, all'ombra della Cattedrale di Santa Maria del Mar, in costruzione, fra intrighi, amori e persecuzioni religiose.
    L'ho amato. Peccato non averlo letto prima di aver visitato Barcellona lo scorso agosto.

    said on 

  • 3

    In un contesto storico ben caratterizzato, con riferimenti agli usi e alle leggi dell'epoca, precisi e molto interessanti, narra l'improbabile ascesa di un uomo che, nato umile, raggiunge un elevato s ...continue

    In un contesto storico ben caratterizzato, con riferimenti agli usi e alle leggi dell'epoca, precisi e molto interessanti, narra l'improbabile ascesa di un uomo che, nato umile, raggiunge un elevato status economico e sociale, intrecciando le sue vicende a quelle dell'erigenda cattedrale di Santa Maria del Mar, nella Barcellona del 1300.

    E' una lettura leggera, ma non banale, consigliata a chi ama questo genere (anche se, personalmente, per potenza narrativa, personaggi e vicissitudini, ho apprezzato in misura maggiore "I pilastri della terra").

    said on 

  • 5

    Per chi ama Barcellona e i romanzi ad ambientazione storica, va assolutamente letto! Il numero delle pagine non pesa assolutamente perchè le vicende vissute dal protagonista sono coinvolgenti e appass ...continue

    Per chi ama Barcellona e i romanzi ad ambientazione storica, va assolutamente letto! Il numero delle pagine non pesa assolutamente perchè le vicende vissute dal protagonista sono coinvolgenti e appassionanti. Duro in alcune vicende narrate, crudele in altre, è una buona fotografia della vita del popolo all'epoca dei fatti. Consigliatissimo!

    said on 

  • 5

    Via fora! Via fora!

    Ho appena terminato questo romanzo d’esordio di Ildefonso Falcones e devo dire che mi pento di non averlo letto prima.

    Siamo a Barcellona nel quattordicesimo secolo, qui vi abita un bambino molto curi ...continue

    Ho appena terminato questo romanzo d’esordio di Ildefonso Falcones e devo dire che mi pento di non averlo letto prima.

    Siamo a Barcellona nel quattordicesimo secolo, qui vi abita un bambino molto curioso di nome Arnau insieme a suo padre, Bernat, un servo fuggiasco.
    La loro vita non è per nulla facile e sarà piena di insidie e soprusi, ma Arnau riuscirà a trovare la pace pregando la Madonna proprio nella nuova chiesa in costruzione, la chiesa di Santa Maria del Mar.
    Lui stesso parteciperà alla costruzione di questa importante cattedrale arrivata fino ai giorni nostri, bella ed imponente come ci viene descritta nel libro.
    Arnau e Bernat attraverseranno uno dei momenti peggiori di Barcellona con: la fame, i soprusi da parte della nobiltà e l’Inquisizione.
    Arnau un giorno troverà Joan un bambino altrettanto sfortunato.
    Arnau insieme al padre decideranno di prendere in famiglia questo piccino che diventerà a tutti gli effetti suo fratello.
    Questo bimbo sarà altrettanto fedele alla Madonna ed imparerà grazie agli insegnamenti del fratello ad adorarla e rispettarla come fosse sua madre.
    Crescendo Arnau perderà il padre in una morte tragica e si sposerà, ma tutto ciò non lo porterà alla felicità che tanto sperava.

    Anche questa volta lo scrittore è riuscito ad incantarmi con le sue parole e le sue descrizioni approfondite di questa magnifica città europea.
    Al lettore sembrerà di percorrere le stesse strade e di fare le stesse fatiche che i protagonisti devono affrontare.
    L’odio dei cristiani per gli ebrei mette in evidenza quelle tragedie che si ripeteranno in maniera ancor più violenta nel corso della storia.
    Arnau attraverserà la sua vita in diverse condizioni economiche prima come schiavo e successivamente riuscirà a conquistare la sua libertà con grande fatica, ma senza abbandonare mai la fede.
    La vita gli farà attraversare diverse situazioni davvero macabre, ma la sua purezza d’animo e la sua forza non lo lasceranno mai nell’oblio.

    Che altro dire?
    Ho trovato questo romanzo davvero piacevole, molto scorrevole e con una trama piena di particolari e di descrizioni approfondite.
    Molte spesso mi sembrava di essere al fianco del protagonista principale e di vivere le sue stesse impressioni e fatiche.

    Se amate i libri storici questo romanzo non dovete lasciarvelo sfuggire!

    Buona lettura!

    said on 

Sorting by