Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

獻給阿爾吉儂的花束

Flowers for Algernon

By

Publisher: 皇冠文化出版有限公司

4.5
(2449)

Language:繁體中文 | Number of Pages: 320 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , Japanese , Chi simplified , Italian , French , Catalan , German , Russian , Czech , Polish , Hungarian , Romanian

Isbn-10: 9573327015 | Isbn-13: 9789573327011 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Hardcover

Category: Fiction & Literature , Health, Mind & Body , Science Fiction & Fantasy

Do you like 獻給阿爾吉儂的花束 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
如果那些歧視變得可以理解,如果愛情不是不可能,如果過往的記憶漸趨鮮明……真的會比較幸福嗎?

  《24個比利》作者最膾炙人口的經典代表作!
  45週年紀念版全新完整譯本

  當我從他們眼中的白痴變成了天才,
  當我從眾人的笑柄變成了不可思議的「怪物」,
  我才漸漸懂得,
  世界上有一種悲傷叫作心痛,有一種殘酷叫作理解……

  很多人都笑我。但他們是我的朋友我們都很快樂。查理吃力地將這兩句話寫在〈進步報告〉。他患有智能障礙,最希望能「變聰明」,純真地以為這樣就能交到很多朋友,再也不會感到寂寞。

  聲稱能改造智能的科學實驗在白老鼠「阿爾吉儂」身上獲得突破性的進展,下一步急需進行人體實驗,個性和善、學習態度積極的查理於是成為最佳人選。手術成功後,查理的智商高速進化,然而那些從未有過的情緒和記憶也逐漸浮顯出來……

  他終於明白那些「朋友」說「去整查理.高登」是什麼意思;他終於知道為什麼看到愛麗絲會心跳加速、手足無措;他終於回想起那段童年陰影,原來那就是痛苦、悲傷、恐懼這些辭彙的意思。而當心理醫師宣稱自己是「天才查理」的造物主,他再也忍無可忍!

  然後,憤怒與懷疑變成查理對周遭世界的反應。我是我生命的全部,或只是過去這幾個月的總合?我做過什麼,為什麼有股無法言明的罪惡感席捲而來?就在此時,阿爾吉儂發生了異常的變化,實驗真的成功了嗎?查理深陷在自我認同的重重迷障中,而更大的危機即將到來……

  在這部一鳴驚人的處女作中,丹尼爾.凱斯藉由查理.高登的蛻變日記,細膩又寫實地反映出心智障礙者置身現實世界的模糊定位與艱難處境,字裡行間更展現了他對自私人性的犀利控訴!無可取代的題材、扣人心弦的文筆和發人深思的意涵,即使在經過多年之後,依然是絕對不能錯過的必讀經典!

作者簡介

丹尼爾.凱斯 Daniel Keyes

  一九二七年生於紐約,擁有布魯克林大學心理學學位。一九五○年代早期進入科幻小說雜誌《Marvel Science Fiction》工作,隨後轉換跑道,成為時裝攝影師與中學教師。凱斯在教學之際,利用課餘時間在布魯克林大學進行英美文學研究,再獲得文學學位。

  一九五九年,凱斯在《奇幻與科幻》雜誌首度發表作品即一鳴驚人,短篇處女作《獻給阿爾吉儂的花束》並為他贏得「雨果獎」的肯定,而在擴展成長篇後又再榮獲「星雲獎」,一舉囊括了科幻小說界最重要的兩項大獎!這部探討心智障礙主角查理與白老鼠阿爾吉儂在醫療介入後,身體與心理所產生的變化的作品,更屢屢受到影劇圈的青睞,一九六八年先被改編拍成電影「落花流水春去也 」(Charley),讓男主角雷夫.尼爾遜拿下奧斯卡最佳男主角獎的殊榮;而NHK也在二○○三年改編成電視劇「獻花給倉鼠」,法國、波蘭與英國則先後改編成舞台劇。

  在《獻給阿爾吉儂的花束》大獲成功之後,凱斯又陸續推出了《撫觸》、《第5位莎莉》、《24個比利》、《比利戰爭》及回憶錄《阿爾吉儂、查理與我》等作品,其中《第5位莎莉》與《24個比利》均以探討多重人格障礙為主題,也使得凱斯成為讀者心目中最擅長以醫療背景描寫人類心理的作家!《24個比利》呈現了美國第一個犯下重案、卻被無罪釋放的精神病患比利體內所共存的二十四種人格,扎實的研究與出色的情節安排,讓凱斯贏得德國「科德.拉斯維茲獎」的最佳外國小說,並榮獲美國偵探作家協會「愛倫坡獎」提名,美國華納電影公司也改編拍成電影「擁擠的房間」(The Crowded Room)。

  凱斯的作品已賣出三十種以上語文版權,全球銷量超過六百萬本。一九八八年,布魯克林大學頒發榮譽校友獎章給凱斯;二○○○年,美國科幻協會則頒發「榮退作家獎」,以表揚他在科幻小說上的卓越成就。

譯者簡介

陳澄和

  台大歷史系畢業,義大利Siena大學文學院研究。大半生在平面媒體打滾,以國際財經新聞為主業,業餘譯有多種英文、義大利文譯著。
Sorting by
  • 4

    Es uno de esos libros que te puede gustar más o menos pero que no te deja indiferente. Una historia humana que nos acerca a una realidad que muchos desconocemos. Sin duda te hace pensar.

    said on 

  • 5

    L'intelligenza non è tutto

    “Il dotor Strauss dicie che dovrei skrivvere quello che penso e riccordo e tutto quello che mi sucederà dora inavanti. Non lo so il perché ma lui dicie che importante perché così vedranno se potrò ser ...continue

    “Il dotor Strauss dicie che dovrei skrivvere quello che penso e riccordo e tutto quello che mi sucederà dora inavanti. Non lo so il perché ma lui dicie che importante perché così vedranno se potrò servire a cualcosa. Spero di sì perché Miss Kinnian dicie che forse riusiranno a farmi diventare inteligiente. Vollio esere inteligiente. Michiamo Charlie Gordon e lavvoro nela paneteria di Donner indove che il signor Donner mi dà 11 dollari a la setimana e pane o torta se volio. Ho 32 anni e il mese prossimo sarà il mio compleanno”.

    Fiori per Algernon è un romanzo del 1959. La storia parla di Charlie, un ritardato mentale di trentadue anni che viene scelto, per via della sua forte motivazione ad imparare, come cavia per un esperimento neuro-psicologico volto ad aumentare l’intelligenza.
    Prima, durante e dopo l’esperimento deve scrivere rapporti giornalieri sui suoi progressi, sui suoi pensieri e sui suoi sogni. Charlie è una persona che vuole piacere agli altri e che ha il sogno di diventare intelligente per poter finalmente imparare a leggere e a scrivere senza errori.
    La stessa operazione è già stata effettuata in precedenza con successo su un topolino, Algernon, che è riuscito a triplicare così la sua intelligenza. Osservando Algernon in qualche modo Charlie riesce a vedere in anticipo i risultati dell’esperimento che sarà condotto su di lui.
    L’esperimento ha successo anche su Charlie, che vede con estrema gioia la sua intelligenza crescere poco per volta.
    Comincia a ricostruire il suo passato e a rendersi conto, tramite momenti di flashback, di molte cose non particolarmente piacevoli: del fatto che i suoi amici in realtà ridevano di lui, che gli scienziati che considerava dei superuomini sono persone normali, che la madre lo picchiava e lo trattava malissimo per via della sua diversità, di tanti episodi dolorosi accaduti nel suo passato. Si rende conto di avere sempre avuto desiderio di amore, desiderio di essere “accettato” dalla madre:

    “Ma io non smisi mai di desiderare di essere il bambino intelligente che lei avrebbe voluto, affinché potesse amarmi”.

    Tutto il romanzo non è che la trascrizione dei resoconti quotidiani di Charlie, all’inizio sgrammaticati e estremamente difficili da leggere, poi man mano che la sua intelligenza aumenta, sempre più leggibili e dettagliati.
    Charlie prima dell’esperimento è buono, rispettoso, sempre pronto ad aiutare gli altri, stupido ma felice. Crede che tutti ridano insieme a lui mentre in realtà ridono di lui. Diventando intelligente capisce come sono fatte veramente le persone, ne riceve una delusione, diventa fragile emotivamente ma anche saccente sentendosi superiore agli altri. E rimane solo.

    “L’esperimento serviva a renderti intelligente, non a renderti il beniamino di tutti”.

    Charlie diventa un genio, ma purtroppo iniziano le prime allucinazioni: vede lo “stupido” Charlie che lo osserva e lo atterrisce con la sua umanità. E inizia a capire che l’intelligenza del topo prima e la sua poi iniziano un processo irreversibile di regressione. Dopo uno struggente incontro con la madre che gli farà capire le ragioni dei suoi problemi di emotività, tornerà in modo abbastanza veloce allo status mentale iniziale. Mi ha ricordato un po’, verso la parte finale, il film “Risvegli”.

    Fiori per Algernon è un bellissimo libro. Si potrebbero trovare un paio di difettucci, ossia che il tempo di miglioramento iniziale sia troppo breve e che l’aumento di intelligenza sproporzionato. Ma nonostante queste piccole pecche, rimane un libro molto molto bello, purtroppo molto triste (a tratti devastante) e che ci fa interrogare su temi morali importanti, quali il legame tra intelligenza e felicità, tra intelligenza e capacità di gestire i rapporti umani, la gestione delle diversità, le ambizioni dei ricercatori scientifici, l’attesa della morte, il rapporto tra felicità e amore.
    Credo che alla fine il libro voglia sottolineare quanto i sentimenti siano parte fondamentale del nostro essere.

    "L'intelligenza è uno dei più grandi doni umani. Ma la ricerca della conoscenza esclude anche troppo spesso la ricerca dell'amore. Questa è un'altra cosa che ho scoperto per mio conto molto di recente. Gliela offro come un'ipotesi: l'intelligenza, senza la capacità di dare e di ricevere affetto, porta ad un tracollo mentale e morale, alla nevrosi e forse anche alla psicosi. E io dico che la mente assorta e chiusa in se stessa come un fine centrato sull'io, a esclusione dei rapporti umani, può condurre soltanto alla violenza e al dolore".

    Cinque stelle piene.

    said on 

  • 5

    Una vita da "persona intelligente"

    E’ uno dei pochi romanzi che sono riuscita a leggere nel formato ebook, poiché preferisco di gran lunga il cartaceo. 
    Una storia intensa, amara, tenera… che induce alla riflessione. Sicuramente molto ...continue

    E’ uno dei pochi romanzi che sono riuscita a leggere nel formato ebook, poiché preferisco di gran lunga il cartaceo. 
    Una storia intensa, amara, tenera… che induce alla riflessione. Sicuramente molto coinvolgente, ben scritto… un solo appunto : il lasso di tempo in cui Charlie impara a scrivere e leggere è troppo esiguo e quindi poco credibile. Tuttavia questo è davvero poco importante ai fini della storia che rimane una splendida storia sulla “diversità” in senso lato e che viene affrontata in modo eccelso dal punto di vista emotivo. Protagonista è Charlie, un trentaduenne disabile che, in seguito ad un esperimento, si trova ad affrontare una vita da “persona intelligente”. Riaffiorano così frammenti del suo passato: ricorda che da piccolo era stato picchiato, ricorda d’aver sofferto perché rifiutato dalla madre, ricorda di essere stato abbandonato…e si rende conto, per la prima volta, delle difficoltà dei rapporti interpersonali.
    Ho letto questo romanzo in pochi giorni e ogni volta che riprendevo la lettura tornavo indietro per leggere e rileggere alcuni passi che mettevano in evidenza il fortissimo e umanissimo bisogno d’amore.
    Sicuramente uno dei libri più emozionanti che ho letto ultimamente e di cui comprerò anche la versione cartacea :)

    said on 

  • 5

    "Chi può dire che la mia luce sia migliore della tua tenebra?"

    Ecco un romanzo che veramente spiazza, ti pone davanti ad un sacco di interrogativi, morali, etici ed umani, e lo fa in un modo semplice, diretto... come solo la letteratura di calibro riesce a fare. ...continue

    Ecco un romanzo che veramente spiazza, ti pone davanti ad un sacco di interrogativi, morali, etici ed umani, e lo fa in un modo semplice, diretto... come solo la letteratura di calibro riesce a fare.

    La storia viene definita di fantascienza (anche se di fantascientifico in effetti ho trovato poco, per l'idea che ho io di fantascienza), risale al 1959, e tratta di un esperimento scientifico che viene effettuato quasi in parallelo su due cavie: un topo, Algernon, e un minorato, Charlie ... Eh si', un minorato è trattato come come una cavia al pari di un topolino, pari dignità, quasi stesso trattamento etico (E già qui puo' partire un infinito dibattito: quale uomo puo' ergersi a giudice di un altro uomo e decidere che lui è meno uomo e sottoporlo ad esperimenti scientifici di dubbio risultato perchè ha un minor valore in quanto meno intelligente? Sulla base di quale assunto?). L'esperimento ha lo scopo di acuire l'intelligenza di entrambi, topo e Charlie, e questo avviene perchè "anche un uomo debole di mente vuole essere come gli altri. Un bambino può non essere capace di mangiare o non sapere come nutrirsi, ma ha fame ugualmente".

    Lo sviluppo del racconto avviene tramite mano di Charlie stesso, che, tiene dei diari di "presa coscienza", in cui descrive ciò che gli accade. La scelta stilistica è d'effetto, si vede l'evoluzione del linguaggio di Charlie, che dapprima scrive in modo quasi illeggibile e, man mano che l'esperimento prende il corso e l'intelligenza di Charlie cresce in maniera rapida e smodata, assistiamo alla trasformazione di Charlie che passa da un estremo all'altro dell'eccezionalità umana (da minorato a genio).

    Charlie cresce d'intelligenza ma la crescita intellettuale di Charlie non è sostenuta da una crescita emozionale, per cui Charlie si trova, nonostante il QI elevatissimo, di fronte a problemi comportamentali cui non ha gli strumenti per rispondere. ("I problemi emotivi non possono essere risolti come i problemi intellettuali", "intelligenza senza la capacità di dare e ricevere affetto porta ad un tracollo mentale e morale, alla nevrosi e forse alla psicosi", " a tormentarmi è il fatto che non so esprimere come mi sento", "come si fa ad imparare il modo di comportarsi con un'altra persona? Come fa un uomo a imparare il modo di comportarsi con una donna?", "Sono lontano da Alice con un quoziente d'intelligenza di 185 cosi' come lo ero con un quoziente di 70").

    Con l'acquisizione di coscienza di Charlie, acquisiamo coscienza del rapporto che Charlie aveva con la madre Rose, col padre Matt, e con la sorella Norma, e, questo uno degli aspetti del romanzo che mi ha maggiormente angosciato. Diciamola tutta, il rapporto di una famiglia a contatto con la diversità, il rapporto di una intera umanità che (a parte qualche rara eccezione) fatica a relazionarsi sempre e comunque con la diversità.

    La mamma di Charlie, Rose.
    "La cosa piu' importante era sempre stata per lei quello che pensavano gli altri... le apparenze, prima di se stessa o della sua famiglia"
    "Norma doveva vestirsi bene; la casa doveva avere bei mobili; Charlie doveva essere tenuto in casa affiche gli altri non sapessero che non era normale"
    "Capisco adesso che mentre Norma fioriva nel nostro giardino, io ero diventato un erbaccia e mi si permetteva di esistere soltanto dove non ero visibile, negli angolini e nei luoghi bui"

    La sorella, Norma.
    "Non è il mio vero fratello! E' soltanto un ragazzo che abbiamo preso in casa perchè ci faceva compassione. La mamma me lo ha detto, e ha soggiunto che ormai posso rivelare a tutti come non sia il mio vero fratello"

    Il padre, Matt, non riesce ad opporsi e porre freno al rifiuto di Rose e Norma e cede all'imperativo di Rose "Ricoverlalo. Forse in clinica, con altri come lui, sarà più felice. Non so più cosa sia male o bene. So soltanto che adesso non sacrificherò mia figlia per Charlie"

    Facile indignarsi di fronte a questi comportamenti una volta che non ne veniamo direttamente a contatto, ma in realtà:
    "Quante persone conosce lei che sarebbero disposte a prendere in braccio un uomo adulto e ad allattarlo con il biberon? E a correre il rischio che il paziente urini o defechi addosso a loro?"
    "Vi sono molte persone disposte a dare denaro o materiale, ma pochissimi disposti a dare tempo e affetto"

    Quante si approcciano alla diversità pensando che: "I ragazzi normali crescono troppo rapidamente e non hanno piu' bisogno di nessuno... se ne vanno per conto loro ... dimenticano chi li ha amati e ha avuto cura di loro. Ma questi fanciulli hanno bisogno di tutto ciò che siamo in grado di dare... per tutta la vita"?

    Ma soprattutto... è l'intelligenza che dà la felicità? Siamo proprio sicuri che questa sia la soluzione? Charlie quando era più felice? A che estremo della eccezionalità? Solo la normalità è la soluzione? E se la ricerca scientifica fallisce quale la soluzione? Quella prospettata da Charlie con la domanda che pone al professore che lo ha operato.: "Mi dica..ho appena dato un'occhiata al forno per rifiuti con il quale eliminate gli animali degli esperimenti. Che progetti sono stati fatti per me?"

    Domande molteplici e che continuamente si richiamano tra loro.

    Insomma un'altra lettura bella ruminante (come dice Sabri)... Proibito rilassarsi :D!
    Grazie all'amica anobiana che mi ha permesso di leggere questo introvabile romanzo!

    said on 

  • 4

    7,5

    El libro es capaz de despertar muchas emociones encontradas en el transcurso de pocas páginas. Muy humano y emotivo. De lectura ágil y bien narrado. El rol que juega la ciencia ficción propiamente dic ...continue

    El libro es capaz de despertar muchas emociones encontradas en el transcurso de pocas páginas. Muy humano y emotivo. De lectura ágil y bien narrado. El rol que juega la ciencia ficción propiamente dicha en la trama de la historia es menor, es simplemente una excusa para poder narrar una historia humana de descubrimiento PERSONAL, de los otros y del mundo. También encontraremos una crítica enconada contra la praxis científica.

    said on 

  • 5

    開頭配合查理智商,特意的錯字連篇讀起來有點辛苦...
    隨著智商增加,深奧的內容讀起來也很辛苦XD
    (kidding..)

    當翻開書的那時,悲傷的結局顯而易見...
    卻仍不由自主的陷入故事洪流...

    said on 

  • 4

    Lo spazio interno

    Un tempo la fantascienza era anche questo, non solo esplorare lo spazio esterno tramite futuristiche astronavi, ma anche un pretesto per esplorare lo spazio interno. Come un altro capolavoro credo anc ...continue

    Un tempo la fantascienza era anche questo, non solo esplorare lo spazio esterno tramite futuristiche astronavi, ma anche un pretesto per esplorare lo spazio interno. Come un altro capolavoro credo ancora piu' misconosciuto di questo, "l'occhio del purgatorio" di J. Spitz, anche in questo libro la fantascienza e' solo un pretesto per raccontare in maniera originale l'essere umano.
    E come l'altro libro da me citato, anche questo libro non e' invecchiato per niente, ancora attuale, mentre tanti presunti "capolavori" dello spazio esterno gia' poco leggibili alla loro uscita ora sono sull'orlo del ridicolo. Non posso negare di aver avuto una stretta allo stomaco soprattutto nel finale, quando c'e' un cambio di stile che quasi spezza il cuore. Se vi e' piaciuto questo libro, vi consiglio anche "Morire dentro" di Silverberg, uno dei libri di fantascienza piu' belli che abbia mai letto.

    said on 

  • 3

    有分新舊版本,新版本皇冠出版,我借的是舊版本,這位作者是寫《24個比利》那位,上個月剛過世......
    是在不清楚這本書寫什麼內容的情況下看的,這本一直很多網友推薦。一開始讀發現錯字超多到不可思議,還有別人已經用鉛筆或黑筆在上面訂正,讀了好幾頁發現原來是故意的錯字─覺得釋懷。
    我看完之後...沒有特別感受0_0,也許在別人身上反應會比較大一點。讓我想到也滿多人推薦的《銀河便車指南》說超好笑又經典, ...continue

    有分新舊版本,新版本皇冠出版,我借的是舊版本,這位作者是寫《24個比利》那位,上個月剛過世......
    是在不清楚這本書寫什麼內容的情況下看的,這本一直很多網友推薦。一開始讀發現錯字超多到不可思議,還有別人已經用鉛筆或黑筆在上面訂正,讀了好幾頁發現原來是故意的錯字─覺得釋懷。
    我看完之後...沒有特別感受0_0,也許在別人身上反應會比較大一點。讓我想到也滿多人推薦的《銀河便車指南》說超好笑又經典,但我借來之後只有序的一個笑點讓我笑噴(我看書會從序開始看),內容卻看不下去,最後沒有看完。
    阿爾吉儂是一隻老鼠,我想像牠是同事養的那種老鼠

    said on 

Sorting by
Sorting by