Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

玫瑰的名字

By

Publisher: 皇冠文化出版有限公司

4.4
(22302)

Language:繁體中文 | Number of Pages: 448 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi simplified , Spanish , Italian , German , French , Catalan , Russian , Finnish , Polish , Dutch , Portuguese , Hungarian , Norwegian , Slovak , Slovenian , Swedish , Czech , Greek , Turkish , Romanian , Korean

Isbn-10: 9573302926 | Isbn-13: 9789573302926 | Publish date:  | Edition 3

Translator: 謝瑤玲

Category: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Do you like 玫瑰的名字 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
故事以中世紀修道院為背景,一間原本就被異端的懷疑和僧侶個人私欲弄得烏煙瘴氣的寺院。卻又發生一連串離奇的死亡事件。一位博學多聞的聖芳濟修士負責調查真相,卻被捲入恐怖的犯罪之中……。

本書為艾可的第一部小說,也是最膾炙人口的經典之作,中文版出版多年,一直有穩定的銷售,本次為方便讀者閱讀,特別重新以大字排版,並更換新封面,希望給讀者耳目一新的感覺。

 舊版原已有名家張大春導讀,本次改版又特別再增加的最新導讀。

 本書自1980年出版以來,即迅速贏得各界一致的推崇及好評,除了獲得義大利和法國等國的文學獎之外,也席捲歐美各地的排行榜,銷售迄今已超過一千六百萬冊,並被翻譯成三十五國語言。並曾被改編為同名電影,史恩康納萊主演。

◎關於安伯托‧艾可

生於一九三二年,義大利亞歷山卓亞人。他是當前極負盛譽的記號語言學權威,也是知名的哲學家、歷史學家、文學評論家和美學家。現居米蘭,執教於波隆納大學,研究範圍從聖湯馬士‧阿奎納到詹姆士‧喬伊思到超人,極為廣博,發表過十餘本重要學術著作,包括著名的《讀者的角色──記號語言學的探討》一書。《玫瑰的名字》是他的第一本小說,在一九八○年出版後,立刻博得各界一致的推崇和好評,不但贏得法國和義大利最重要的文學獎,銷售亦達五十萬冊以上,席捲歐美各地的暢銷排行榜。第一本小說獲得了非凡的成就,他卻遲至八年後才再出版第二本小說──《博科擺》,一如各方所預期的,這本書再度在歐美引起了極大的轟動。

Sorting by
  • 5

    Ormai un classico della letteratura italiana

    Questo libro, che ha avuto un largo e meritato successo, è ormai a tutti gli effetti un "classico" della letteratura italiana.
    Non è certo una lettura agevole, soprattutto nella parti in cui Eco approfondisce - con dovizia di particolari - le dispute politiche e teologiche dell'epoca, ma va ...continue

    Questo libro, che ha avuto un largo e meritato successo, è ormai a tutti gli effetti un "classico" della letteratura italiana.
    Non è certo una lettura agevole, soprattutto nella parti in cui Eco approfondisce - con dovizia di particolari - le dispute politiche e teologiche dell'epoca, ma vale la pena di fare lo sforzo.
    Inoltre, il giallo è portato avanti con grande maestria.
    Mi lascia solo un po' perplesso la spiegazione finale: tanti morti, misteri, intrighi per un segreto che non sembra poi così determinante.

    said on 

  • 4

    Omicidi all'abbazia

    Mi sono accostata a questo libro con un certo timore vista la fama di Eco. Devo dire che il libro complessivamente mi è piaciuto molto anche se non gli dò il massimo punteggio poiché la narrazione è rallentata da troppe descrizioni e digressioni colte, molto lunghe e, dal mio punto di vista, fine ...continue

    Mi sono accostata a questo libro con un certo timore vista la fama di Eco. Devo dire che il libro complessivamente mi è piaciuto molto anche se non gli dò il massimo punteggio poiché la narrazione è rallentata da troppe descrizioni e digressioni colte, molto lunghe e, dal mio punto di vista, fine a se stesse (insomma 6 pagine di descrizione del portale della cattedrale del monastero oppure 3 sul significato delle pietre degli anelli dei porporati sono davvero un po’ troppe!). Ho apprezzato, invece, forse anche perché più funzionali alla narrazione, le parti storiche sugli eretici e su fra Dolcino.
    Eco è un grande narratore. Quando racconta gli eventi, i delitti o nei dialoghi tra personaggi fa davvero un ottimo lavoro. L’evoluzione dei due personaggi principali, Adso, giovane voce narrante, e Guglielmo, frate dalle grandi capacità deduttive, è interessante soprattutto in relazione a come entrambi reagiscono alla soluzione del mistero dei delitti dell’abazia.
    Lo consiglio assolutamente… magari con l’astuzia di saltare qualche pagina qua e là :-PPP

    said on 

  • 5

    In pochi non hanno mai avuto il piacere - o il dispiacere, dipende dai punti di vista - di sentir parlare de Il nome della rosa; chi per motivi scolastici, chi per la fama quasi ingombrante che questo libro ha nella nostra cultura.
    Sono questi gli aspetti che solitamente intimidiscono di pi ...continue

    In pochi non hanno mai avuto il piacere - o il dispiacere, dipende dai punti di vista - di sentir parlare de Il nome della rosa; chi per motivi scolastici, chi per la fama quasi ingombrante che questo libro ha nella nostra cultura.
    Sono questi gli aspetti che solitamente intimidiscono di più i lettori, senza alcun dubbio.
    La paura di dover affrontare una lettura pesante e troppo impegnativa dilaga tra chi preferisce solitamente leggere qualcosa di più "leggero".
    Eppure oggi il mio tentativo sarà proprio quello di demolire il mito della lettura impossibile, pesante e noiosa di questo libro per fare spazio a una visione un pochino più positiva, nel limite delle mie capacità ovviamente!

    Romanzo storico ambientato nel 1327, Il nome della rosa è teatro di un giallo assolutamente moderno ed affascinante, ma soprattutto intelligente ed acuto.
    Nulla a che vedere con i molteplici libri di serie zeta che si spacciano per romanzi storici nei vari bookstores.

    Fonte di ispirazioni per numerose riflessioni etiche e religiose, coinvolge il lettore fin dalle prime pagine.
    Il registro linguistico, un tantino forbito, potrebbe essere un piccolo scoglio da superare per il lettore.
    Eppure, non si può che ammettere come proprio questa caratteristica peculiare dia quel tocco in più a tutte le vicende; parliamo di latinismi, e varie citazioni in latino, e di un lessico molto ricercato, che però calzano a pennello il mondo complesso, curioso, articolato, cupo e peccaminoso dell'abbazia benedettina sperduta nei monti dell'Italia settentrionale in cui soggiornano Guglielmo da Baskerville e Adso da Melk per sette giorni.
    Per continuare a leggere: http://lagiovanelibraia.blogspot.it/2014/11/bookreview-recensione-il-nome-della.html#more

    said on 

  • 5

    "L'Anticristo può nascere dalla stessa pietà, dall'eccessivo amor di Dio o della Verità, come l'eretico nasce dal Santo e l'indemoniato dal veggente"

    "Cosa vi terrorizza di più nella purezza?", chiede Adso.
    E Guglielmo risponde: "La fretta".

    said on 

  • 5

    “Della rosa rimane ormai solo il nome, nomi nudi ci rimangono.”

    Il nome della rosa mi è piaciuto innanzitutto per l’originalità dell’ambientazione: una misteriosa abbazia ai tempi del medioevo.. mi è piaciuto perché ho trovato troppo interessanti le disquisizioni sul potere temporale e del Papa e dell’imperatore e troppo affascinante l’apocalisse.. mi è piaci ...continue

    Il nome della rosa mi è piaciuto innanzitutto per l’originalità dell’ambientazione: una misteriosa abbazia ai tempi del medioevo.. mi è piaciuto perché ho trovato troppo interessanti le disquisizioni sul potere temporale e del Papa e dell’imperatore e troppo affascinante l’apocalisse.. mi è piaciuto perché fa del mistero e dell’intrigo il filo conduttore di tutto il romanzo, e non puoi non finirlo se non arrivi all'ultima pagina per leggere chi è l’assassino e capire la ragione che lo muove.. mi è piaciuto perché ti tiene incollato fino alla cinquecentesima pagina, e, tranne brevi boccate di ossigeno, è un’apnea continua e meravigliosa.. mi è piaciuto perché sin dalla prima pagina ho adorato il protagonista, frate Guglielmo da Baskerville.. un maestro troppo saggio, troppo dotto, troppo intuitivo, troppo acuto, troppo ironico per non innamorarmene.. Il nome della rosa mi è piaciuto perché ho provato una profonda tristezza quando l’abbazia è andata in fiamme.. mi è piaciuto perché ho provato insieme ad Adso una forte nostalgia quando parecchi anni dopo egli ritorna su quelle montagne e trova solo rovine ed erba.. mi è piaciuto perché ho perso un amico che mi ha fatto compagnia per quasi un mese e ne sento ancora adesso la mancanza.. mi è piaciuto perché mi mancano le massime, i proverbi e semplicemente le frasi di frate Guglielmo che arricchiscono tutto il libro di ironia e saggia verità.. la prima che mi viene in mente adesso: “Mi mancò il coraggio di inquisire sulle debolezze dei malvagi, perché scoprii che sono le stesse debolezze dei santi.”
    Questo è un libro che si commenta da solo.. non è da tutti scrivere cinquecento pagine intrise di citazioni latine, parole altisonanti, espressioni e aggettivi ricercati senza sfiorare la pesantezza o la noia. Il linguaggio aulico, maestoso, anche si commenta da solo.. per questo mi limito a descrivere il libro raccontando e cercando di trasmettervi le stesse emozioni e sensazioni che questo libro ha trasmesso a me.
    Eh, si.. Umberto Eco, con questo romanzo mi hai proprio atterrito.. credo che saremo compagni d’avventura ancora a lungo, ho ancora tanto da scoprire e imparare da te!

    said on 

Sorting by