Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

質數的孤獨

By

Publisher: 寂寞出版社股份有限公司

3.4
(26191)

Language:繁體中文 | Number of Pages: 312 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , English , Spanish , Portuguese , Catalan , French , Dutch , Finnish , German , Chi simplified , Polish

Isbn-10: 9868461464 | Isbn-13: 9789868461468 | Publish date:  | Edition 1

Translator: 林玉緒

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like 質數的孤獨 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

「哪樣比較孤獨?是活在自己的世界裡,誰也不愛;還是心裡愛著一個人,卻始終無法向愛靠近?」

☆義大利出版史上,最驚人的處女作暢銷紀錄。兩年銷售逾120萬本,上榜近100週
☆ 34國版權售出,暢銷全歐逾500萬本,在西班牙成為唯一超越《龍紋身的女孩》與《暮光之城》的小說
☆ 義大利最高文學獎「史特雷加文學獎」得獎作
☆ 於義大利掀起三十世代讀者的迷戀狂潮,書迷們甚至在城市各角落塗鴉書中佳句。

他們就像一對中間只隔一個數字的「孿生質數」,如此相似、如此接近,卻又永遠無法真正靠在一起......

兩個質數,代表兩個不幸的小孩、兩個孤獨的青少年、兩個脆弱的大人。

艾莉契討厭滑雪,卻在父親的逼迫下不得不去上滑雪課,因此遭逢了生命中最大的意外。

馬提亞有一個智能不足的雙胞胎妹妹,父母卻總是硬將他們綁在一起。當終於有同學願意邀請他們去參加生日餐會的那天,馬提亞做出了讓他一生懊悔的抉擇。

兩個人生曾經面臨缺憾的青少年,在另外一場生日會上相遇了...他們如此相像,卻又如此不同;如此接近,卻又難以真實碰觸,像兩個「孿生質數」,緊密卻又非獨自存在不可。他們,究竟會面對怎樣的未來?

這是個關於童年經驗、孤單與愛的動人故事。看完之後你會想問:當你愛上另一個人時,是否還能保有自己的完整性?為何越是相愛的人,卻越是無法彼此靠近?

26歲便和安伯托.艾可同樣榮獲義大利最高文學獎的裘唐諾知道,生命,是由殘缺不全卻極為珍貴的片段所組成的。而這一切的不完美,讓我們不得不陷落在整個故事中無法自拔。

作者簡介

保羅.裘唐諾 Paolo Giordano

生於1982年,目前正在攻讀粒子物理學博士學位。2008年1月於義大利出版處女作《質數的孤獨》,兩年內售出逾34國版權,全歐暢銷逾500萬冊,贏得五座文學獎,包括義大利最重要的史特雷加文學獎,成為該獎項有史以來最年輕的得主。得過該獎項的都是義大利重量級小說家,包括安伯托.艾可、《週期表》作者普利摩.李維等人。

譯者簡介

林玉緒

政大統計系畢。七年半的公務員生涯之後,辭職前往義大利中部語言大學就讀,選修文化組;之後,又考上翡冷翠大學,選讀義大利近代文學。旅居義大利近九年。曾為特約記者,現為自由文字工作者。

Sorting by
  • 0

    Incipit

    Alice Della Rocca odiava la scuola di sci. Odiava la sveglia alle sette e mezzo del mattino anche nelle vacanze di Natale e suo padre che.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/la-solit ...continue

    Alice Della Rocca odiava la scuola di sci. Odiava la sveglia alle sette e mezzo del mattino anche nelle vacanze di Natale e suo padre che.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/la-solitudine-dei-numeri-primi-paolo-giordano/

    said on 

  • 4

    Note:一段愛與糾結的故事。

    1.看完才明白為什麼是《質數的孤獨》而非〝孤獨的質數〞。
    2.如男主角所說,倆人就像是孿生質數,始終保持著間隔,卻並肩平行前進。
    3.根本PTSD的兩位都沒有放過自己的意思,幸好他們並未失去嘗試再愛一次的能力。
    4.非常容易讀。ED讓人扼腕又不得不同意,好個歐式浪漫。

    said on 

  • 3

    Come nasce un best-seller?

    Domanda: come può un libro carino, ben scritto ma assolutamente niente di più trasformarsi in un best-seller, ispirare un film (peraltro, conseguenza del punto precedente), far parlare così tanto di ...continue

    Domanda: come può un libro carino, ben scritto ma assolutamente niente di più trasformarsi in un best-seller, ispirare un film (peraltro, conseguenza del punto precedente), far parlare così tanto di sé etc. etc.?
    Non dico certo che è un'opera da buttare, ma per me rimane un mistero il suo successo.

    said on 

  • 3

    Llevaba tiempo queriendo leer este libro porque me lo habían recomendado en más de una ocasión y la verdad es que no me ha gustado nada el libro . Es sencillo de leer pero no me gustó nada el tono tan ...continue

    Llevaba tiempo queriendo leer este libro porque me lo habían recomendado en más de una ocasión y la verdad es que no me ha gustado nada el libro . Es sencillo de leer pero no me gustó nada el tono tan pesimista que inunda todo el libro, con personajes con problemas que no logran superar en todo el libro .

    Una historia triste dirigida principalmente a un público joven, con un final abierto a la imaginación del lector y en línea con el tono general del libro.

    De momento, no tengo intención de leerme más libros de este autor

    said on 

  • 1

    Io non so come parlare di questa cosa rimanendo calma, non rientra nelle mie capacità.
    Certamente, ognuno è libero di scrivere quello che gli pare e piace e di inviarlo alle case editrice, nella spera ...continue

    Io non so come parlare di questa cosa rimanendo calma, non rientra nelle mie capacità.
    Certamente, ognuno è libero di scrivere quello che gli pare e piace e di inviarlo alle case editrice, nella speranza di farselo pubblicare. Che le case editrici pubblichino certe porcherie è triste, ma capisco che, pur di guadagnare soldi facili che le mantengano in vita, si metta nel proprio catalogo anche un titolo del genere.
    Trovo inaccettabile che un premio come lo Strega, che dovrebbe premiare il meglio della produzione letteraria italiana, si abbassi a premiare romanzetti di consumo di questa risma, studiati appositamente per diventare il prossimo caso letterario a buon mercato.
    Non basta trattare di "tematiche alte&impegnate" per scrivere un buon romanzo. Tu, autore del romanzo alto&impegnato, devi anche saper trattare in maniera adeguata ciò di cui stai parlando per evitare di scadere nel patetismo e neilla sagra dei luoghi comuni. Paolo Giordano non sa trattare temi delicati come l'anoressia e l'autolesionismo, si vede ed è riuscito a trasformare un romanzo che poteva avere una trama vagamente interessante nella sagra dei luoghi comuni e nella ricerca di patetismo più spinta.
    Alice e Mattia non sono due personaggi, sono due stereotipi viventi, la loro completa esistenza letteraria è totalmente assorbita dalle loro malattie (di cui l'autore sa poco e nulla).
    Mattia non è una persona che soffre di autolesionismo, è il classico stereotipo del genietto di matematica, secchione e sfigato, che, invece di imbracciare un fucile e fare una strage in un campus statunitense o diventare un serial killer, si taglia. Ma non si taglia come "un comune autolesionista", lui si taglia come un qualsiasi cretino che non si sia mai nemmeno lontanamente documentato sul problema dell'autolesionismo e pretende di parlarne. L'Autolesionista si taglia ogni volta che i suoi polsi sfregano su una superficie liscia (ma in quale universo parallelo?); si taglia in tutti i modi, in tutti luoghi e in tutti i laghi, anche quando ci sono persone che lo vedono e anche in maniera spettacolare (ma in quale universo parallelo?); e chissene frega se l'Autolesionista sembra un figurino bidimensionale che non prova emozioni, la lacrimuccia di pietà a buon mercato scatta comunque: guardatelo, poverino, si taglia!
    L'Anoressica ha gli stessi problemi. Non si capisce perché lo sia diventata, l'unica cosa che traspare è che si vede troppo grassa, sebbene sia scheletrica, invidia il corpo delle sue compagne di classe fighe, gongola perché i suoi vecchi pantaloni le stanno larghi e nasconde il cibo nel tovagliolo (e nessuno fra chi è seduto al suo tavolo se ne accorge, tra l'altro...). Viva i luoghi comuni!
    Vogliamo parlare della fatica di doversi inventare una motivazione che vada al di là del "voglio essere figa" e del dover parlare di problemi derivanti dall'anoressia? Io non ho visto, nella seconda parte del romanzo, la ragazza devastata da complicazioni quali l'osteoporosi, la perdita di capelli, la pelle macchiata, i denti bucati, difese immunitarie bassissime, problemi all'apparato digerente, la scomparsa del ciclo mestruale e così via. Non ricordo che questi danni collaterali dell'anoressia vengano citati; ma anche venissero citati, compaiono semplicemente en passant, solo per poter dire "Ehi, anch'io so usare Google!". No, Giordano, NO! Tu non puoi semplificare fino all'osso due problemi del genere, limitandoti ad attaccare addosso ai personaggi delle etichette: li devi anche rendere credibili. Chi è ignorante in materia potrebbe essere facilmente abbindolabile (ma trovo inconcepibile che ci sia stata così tanta gente coi prosciutti sugli occhi da non rendersi nemmeno conto che li si stava prendendo per i fondelli con personaggi che hanno come scopo quello del pietismo a buon mercato): peccato che qualcuno sappia di cosa si sta parlando.
    Non parlo nemmeno di tutti gli altri problemi del romanzo, i personaggi secondari ridicoli, la struttura spezzettata della narrazione, la quale rende ancora più incomprensibile come i due protagonisti siano caratterizzati male, lo stile povero, scarno e troppo freddo. Cose del genere si cancellano di fronte al vomito generale che la strumentalizzazione dell'autolesionismo e dell'anoressia che viene compiuta in quella porcheria di libro.

    said on 

  • 2

    Solitudini inconciliabili e dolore fisico di esseri differenti. Sembra che il sapiente Giordano abbia manipolato a suo vantaggio le carte di gioco. La scrittura è sciatta, irriguardevole, mediocre. I ...continue

    Solitudini inconciliabili e dolore fisico di esseri differenti. Sembra che il sapiente Giordano abbia manipolato a suo vantaggio le carte di gioco. La scrittura è sciatta, irriguardevole, mediocre. Il successo che ne è scaturito è incomprensibile.

    said on 

  • 4

    riflessivo!!!

    molto molto bello... ti fa capire molte cose ma sopratutto la cosa che amo di questo libro e che concentra la sua storia su due numeri gemelli, eternamente uguali e attratti fra di loro ma divisi da u ...continue

    molto molto bello... ti fa capire molte cose ma sopratutto la cosa che amo di questo libro e che concentra la sua storia su due numeri gemelli, eternamente uguali e attratti fra di loro ma divisi da un numero pari che si impone per sempre fra di loro... loro sono consapevoli di essere uguali ma non possono unirsi nell amore che aspettavano da una vita rimanendo nell eterna solitudine!!! molto fluido... forse un po troppo negativo ... e un pizzico sopravvalutato dal web!

    said on 

  • 1

    Da non consigliare...

    Questo romanzo ha vinto il Premio Strega e il Premio Campiello...ma...non sarà stato sopravvalutato? Ho iniziato a leggerlo per via dei pareri favorevolissimi letti in rete, ma personalmente ho trovat ...continue

    Questo romanzo ha vinto il Premio Strega e il Premio Campiello...ma...non sarà stato sopravvalutato? Ho iniziato a leggerlo per via dei pareri favorevolissimi letti in rete, ma personalmente ho trovato questo romanzo una vera e propria delusione, pur giustificando il fatto che è il primo romanzo, il romanzo d'esordio, di un ragazzo classe 1982.
    La scrittura a tratti risulta piacevole, a volte avvincente, ma mi è parso come se l'autore abbia perso dei pezzi della storia per strada: una caratterizzazione, almeno fisica, dei personaggi completamente assente, spunti interessanti non ripresi. Il tema della solitudine poi è trattato in modo davvero acerbo, brusco, quasi fastidioso, portando come esempi degli adolescenti al limite della vita, descrivendo i loro drammi con una scioltezza tale da farli sembrare quasi irrilevanti. Un libro che non consiglierei.

    said on 

  • 4

    Leggermente sopravvalutato

    Premettiamo che il libro in sé è scritto bene. La narrazione è fluida, l'intreccio narrativo funziona, così come i personaggi che, se a detta di alcuni, possono sembrare un po' troppo pessimisti o ali ...continue

    Premettiamo che il libro in sé è scritto bene. La narrazione è fluida, l'intreccio narrativo funziona, così come i personaggi che, se a detta di alcuni, possono sembrare un po' troppo pessimisti o alienati, rispecchiano uno spaccato della società odierna. L'ho letto in un paio di giorni e questo dimostra di quanto sia bravo Giordano a far restare attaccato il lettore. Quello che mi ha lasciato perplesso è tutto il clamore che si è accumulato intorno a questo libro. Lodato dalla critica, ha vinto svariati premi, oltre a vendere un mucchio di copie. Beh, se devo esser sincero, non ci ho trovato nulla di così eccezionale. Una storia come tante. Ben scritta, questo è vero, ma pur sempre non una rarità. Con ciò non intendo sminuire l'opera in sé che rimane valida e interessante, ma sinceramente non l'ho trovato un capolavoro.

    said on 

Sorting by