質數的孤獨

By

Publisher: 寂寞出版社股份有限公司

3.4
(26836)

Language: 繁體中文 | Number of Pages: 312 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , English , Spanish , Portuguese , Catalan , French , Dutch , Finnish , German , Chi simplified , Polish

Isbn-10: 9868461464 | Isbn-13: 9789868461468 | Publish date:  | Edition 1

Translator: 林玉緒

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Teens

Do you like 質數的孤獨 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

「哪樣比較孤獨?是活在自己的世界裡,誰也不愛;還是心裡愛著一個人,卻始終無法向愛靠近?」

☆義大利出版史上,最驚人的處女作暢銷紀錄。兩年銷售逾120萬本,上榜近100週☆ 34國版權售出,暢銷全歐逾500萬本,在西班牙成為唯一超越《龍紋身的女孩》與《暮光之城》的小說☆ 義大利最高文學獎「史特雷加文學獎」得獎作☆ 於義大利掀起三十世代讀者的迷戀狂潮,書迷們甚至在城市各角落塗鴉書中佳句。

他們就像一對中間只隔一個數字的「孿生質數」,如此相似、如此接近,卻又永遠無法真正靠在一起......

兩個質數,代表兩個不幸的小孩、兩個孤獨的青少年、兩個脆弱的大人。

艾莉契討厭滑雪,卻在父親的逼迫下不得不去上滑雪課,因此遭逢了生命中最大的意外。

馬提亞有一個智能不足的雙胞胎妹妹,父母卻總是硬將他們綁在一起。當終於有同學願意邀請他們去參加生日餐會的那天,馬提亞做出了讓他一生懊悔的抉擇。

兩個人生曾經面臨缺憾的青少年,在另外一場生日會上相遇了...他們如此相像,卻又如此不同;如此接近,卻又難以真實碰觸,像兩個「孿生質數」,緊密卻又非獨自存在不可。他們,究竟會面對怎樣的未來?

這是個關於童年經驗、孤單與愛的動人故事。看完之後你會想問:當你愛上另一個人時,是否還能保有自己的完整性?為何越是相愛的人,卻越是無法彼此靠近?

26歲便和安伯托.艾可同樣榮獲義大利最高文學獎的裘唐諾知道,生命,是由殘缺不全卻極為珍貴的片段所組成的。而這一切的不完美,讓我們不得不陷落在整個故事中無法自拔。

作者簡介

保羅.裘唐諾 Paolo Giordano

生於1982年,目前正在攻讀粒子物理學博士學位。2008年1月於義大利出版處女作《質數的孤獨》,兩年內售出逾34國版權,全歐暢銷逾500萬冊,贏得五座文學獎,包括義大利最重要的史特雷加文學獎,成為該獎項有史以來最年輕的得主。得過該獎項的都是義大利重量級小說家,包括安伯托.艾可、《週期表》作者普利摩.李維等人。

譯者簡介

林玉緒

政大統計系畢。七年半的公務員生涯之後,辭職前往義大利中部語言大學就讀,選修文化組;之後,又考上翡冷翠大學,選讀義大利近代文學。旅居義大利近九年。曾為特約記者,現為自由文字工作者。

Sorting by
  • 2

    È innegabile che il libro si faccia leggere in modo scorrevole e piacevole. La letteratura è tuttavia altra cosa: è narrazione e stile. Questo libro sembra più la traccia per un film. Non c'è una idea ...continue

    È innegabile che il libro si faccia leggere in modo scorrevole e piacevole. La letteratura è tuttavia altra cosa: è narrazione e stile. Questo libro sembra più la traccia per un film. Non c'è una idea stilistica di fondo, o una pretesa di originalità poetica. Il merito del libro in questione è questo: tratta la spinosa tematica dell'autismo senza cadere in semplificazioni e stereotipi fuorvianti.

    said on 

  • 2

    tanto rumore....

    .... per poco
    Capisco in parte il clamore suscitato per questo libro quando uscì. In effetti si inserisce in un filone abbastanza di moda negli ultimi anni: adolescenti esageratamente e poco credibilm ...continue

    .... per poco
    Capisco in parte il clamore suscitato per questo libro quando uscì. In effetti si inserisce in un filone abbastanza di moda negli ultimi anni: adolescenti esageratamente e poco credibilmente problematici, genitori ebeti e assenti, storie senza grossi obbiettivi.
    E in effetti le due solitudini dei protagonisti riflettono questa moda.
    Ho trovato i personaggi abbastanza "finti" e poca introspezione sul dolore che portano dentro, poco credibili nelle loro esagerate manie o intenzione di auto punirsi.
    Prosa decisamente semplice e scorrevole, con qualche frasetta a effetto.
    Alla fine ho forse preferito l'altro libro di Giordano

    said on 

  • 0

    Una solitudine forzata

    Ho recentemente letto la solitudine dei numeri primi attratta dalla fama del libro e dal titolo originale, ma come molti altri sono rimasta delusa. Già fin dai primi due capitoli la storia si apre con ...continue

    Ho recentemente letto la solitudine dei numeri primi attratta dalla fama del libro e dal titolo originale, ma come molti altri sono rimasta delusa. Già fin dai primi due capitoli la storia si apre con il parallelismo tra le vite di due personaggi, Alice e Mattia. Come suggerisce il titolo, l'unico vero protagonista di questo libro è la solitudine, una solitudine perpetua, buia e logorante che finisce per attaccarsi anche al lettore. La sua ubiquità finisce però per renderla quasi irreale. Evidentemente Giordano voleva passarci la difficoltà di queste vite a rialzarsi dalla loro solitudine, ma anche sotto questo punto di vista il romanzo è inconcludente poichè non ci mostra neanche la volontà di Alice e Mattia di reagire.
    La potenza della loro solitudine non passa al lettore perchè, come per evidenziare il buio c'è bisogno di luce, anche questa loro solitudine per sopravvivere avrebbe bisogno di qualche raggio di speranza. Ciò che manca in questo libro è un equilibrio, oltre che tra i sentimenti dei personaggi anche tra il rapporto di questi con la realtà. Mentre si legge questo libro è difficile innamorarsi di uno o dell'altro personaggio in quanto ciascuno di loro è rappresentato come i suoi problemi e il suo unico sentimento. Nessun personaggio, seppur notando la loro situazione, reagisce per aiutarli, ma anzi vengono quasi contagiati. Più che soli questi personaggi sono morti.
    Un romanzo delicato, si, ma talmente dedicato da non riuscire a passare sotto la pelle del lettore. Le parole si posano su di lui come un velo di polvere persistente e pesante. Alla fine del libro l'unica preoccupazoine è quella di toglierlo.

    said on 

  • 1

    TERRIBILE

    Una noia mortale. Non so come abbia fatto a leggerlo tutto, in ogni caso è così poco coinvolgente che nemmeno ricordo bene la trama.. Decisamente sopravvalutato!!

    said on 

  • 0

    Un libro letto da molti... ma piaciuto a pochi!

    Ho recentemente letto La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, sapendo che è un libro molto famoso mi sono incuriosita e l'ho cominciato. La prima parte racconta appunto gli episodi di parten ...continue

    Ho recentemente letto La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, sapendo che è un libro molto famoso mi sono incuriosita e l'ho cominciato. La prima parte racconta appunto gli episodi di partenza di tutto l'intreccio, dove i protagonisti sono bambini. Mattia, durante una festa di compleanno, abbandona la gemellina ritardata in un parco per non essere costretto a passare tutto il pomeriggio con lei. Alice, invece, durante una vacanza in montagna finisce fuori pista e fa un brutto incidente. Si rompre una gamba e questo la porta a diventare zoppa per sempre. A questo punto possiamo dire che inizia la "seconda fase" della storia, ovvero l'adolescenza dei due ragazzi. Alice e Mattia non sono normali, lui è profondamente depresso e si autolesiona, mentre lei smette di mangiare e si ammala di anoressia. Tutto questo viene condito con una serie di amicizie malate che non fanno che peggiorare la situazione. Frequentando la stessa scuola, Mattia e Alice finiscono per incontrarsi e diventare amici. Questa amicizia si rivela duratura, ma davvero strana... e arriviamo alla "terza fase" del libro, ovvero l'età adulta. Sostanzialmente non succede niente, a parte il fatto che per alcuni anni Mattia si trasferisce in Germania. Non voglio rivelare la parte finale del libro, ma anche qui non succede praticamente niente. Ho trovato questo libro estremamente piatto e noioso. Forse la prima parte si salva, ma da quella che poteva essere una bella storia con il giusto pretesto, è nato un aborto. Non capisco cosa Paolo Giordano volesse accendere nel lettore con questo libro. Ho tentato di vedere anche il film ad esso ispirato sperando che fosse un po' più "frizzante", ma non c'è stata via di scampo... SCONSIGLIO VIVAMENTE LA LETTURA DI QUESTO LIBRO

    said on 

  • 1

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La solitudine del mio neurone al termine del libro. ...continue

    [DISCLAIMER] Questo commento nasce da un'esigenza ironica e non vuole screditare né il libro né l'autore né gli altri lettori [/DISCLAIMER]

    La solitudine del mio neurone al termine del libro.

    said on 

  • 1

    L'inutilità... fatta libro!

    Sostanzialmente un libro inutile.
    Personaggi inutili, storia non sviluppata come meritava, finale inutile all'ennesima potenza! Non ho capito dove Giordano pensava di poter accompagnare il lettore... ...continue

    Sostanzialmente un libro inutile.
    Personaggi inutili, storia non sviluppata come meritava, finale inutile all'ennesima potenza! Non ho capito dove Giordano pensava di poter accompagnare il lettore... sostanzialmente, questo libro è una tragedia dalla prima all'ultima pagina.
    Non c'è speranza, non c'è la scintilla, non c'è nulla!
    #delusioneestrema

    said on 

  • 3

    "La solitudine dei numeri primi" affronta tematiche particolari. La colpa, la diversità, l'anoressia, il senso di inadeguatezza nei confronti degli altri. E lo fa attraverso gli episodi della vita di ...continue

    "La solitudine dei numeri primi" affronta tematiche particolari. La colpa, la diversità, l'anoressia, il senso di inadeguatezza nei confronti degli altri. E lo fa attraverso gli episodi della vita di due adolescenti, che crescendo si portano appresso il loro bagaglio di dubbi e incertezze. Il libro in sè è scorrevole e piacevole, però sono rimasta un pò delusa perchè tutto il clamore suscitato, Premio Strega 2008, tutto il passaparola che si è fatto l'ho riscontrato poco nella storia in sè. E' stato per talmente tanto tempo in cima alle classifiche dei libri più letti, e quindi anche dei più venduti credo, che mi ero creata delle aspettative maggiori rispetto alla storia che invece ho letto.

    said on 

Sorting by
Sorting by