Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

黑塔Ⅵ

蘇珊娜之歌

By

Publisher: 皇冠文化出版有限公司

4.0
(2257)

Language:繁體中文 | Number of Pages: 488 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , Spanish , German , French , Italian , Polish , Chi simplified , Portuguese , Dutch , Russian , Greek

Isbn-10: 9573324067 | Isbn-13: 9789573324065 | Publish date: 

Translator: 馮瓊儀

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like 黑塔Ⅵ ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

史蒂芬.金在本集中親自粉墨登場!作家日記首度曝光!

回到一九九九年紐約的街角,蘇珊娜聽見〈永恆哀傷的男子〉這首歌。她的回憶開始決堤,而這份回憶,正是開啟『業之門』的鑰匙……

  與狼群的大戰結束後,蘇珊娜被她的分裂人格米亞綁架到一九九九年的紐約市。艾迪和羅蘭緊追在後,但卻意外到達了一九七七年的緬因州。迎接兩人的是一場混亂的槍戰,死裡逃生後,他們找到了二手書商卡文.塔,終於買下塔先生手中的空地,擁有了那朵撐起全宇宙生命的玫瑰!接著他們又去拜訪創造《黑塔》的作家史蒂芬.金,當這位說故事大師看到自己筆下的人物竟然活生生的站在自家前院時,嚇得差點昏倒!但卻連他也無法掌控槍客們未來的命運。

  一方面,蘇珊娜跟著米亞來到『迪西小豬』餐廳,眾多吸血鬼與下等人圍繞著等待新生兒的誕生。蘇珊娜之前曾感應到艾迪要她拖延生產的時間,等傑克和卡拉漢去救她,但陣痛卻逼得她非生不可了!蘇珊娜飽嘗此生最大的痛苦與恐懼,這時,她清楚的聽到那首喚醒她所有回憶的歌曲──這首歌會成為最後的輓歌嗎?而腹中身分不明的小傢伙,又能否乘著歌聲來到世間呢?……

◎史蒂芬金選官方網站www.crown.com.tw/book/stephenking

●皇冠讀樂Club:blog.roodo.com/crown_blog1954/●皇冠青春部落格:www.wretch.cc/blog/CrownBlog●皇冠影音部落格:www.youtube.com/user/CrownBookClub

作者簡介

【說故事大師】史蒂芬.金 Stephen King

  1947年生於美國緬因州波特蘭市。自1973年出版第一部長篇小說《魔女嘉莉》後,到目前為止共寫了超過四十本長篇小說和二百多篇短篇小說。他的作品已被翻譯成三十多種語言,暢銷超過三億本,甚至被譽為『每個美國家庭都有兩本書,一本是《聖經》,另一本則是史蒂芬?金的小說』。他的作品也是影視改編的熱門題材,被拍成的電影、電視作品已高達上百部。

  1999年,史蒂芬.金曾發生嚴重車禍,僥倖大難不死,在鬼門關前走了一遭後,他一度傳出將封筆,但寫作畢竟是史蒂芬.金的最愛,結果康復後,他又立刻投入寫作。2003年,他獲得美國國家圖書基金會頒發給他『傑出貢獻獎』;2004年,則獲得世界奇幻文學獎『終身成就獎』的肯定;2007年,他又榮獲美國推理作家協會『愛倫坡獎』的『大師獎』。

  在史蒂芬.金為數眾多的作品中,以歷時三十多年才終於完成的奇幻巨作《黑塔》七部曲最為壯觀,也最受金迷討論。史蒂芬.金自1970年即開始構思創作《黑塔》系列的第一部,而書裡的人物與情節,也經常出現在史蒂芬.金後來的其他作品中,堪稱是所有金氏作品的原型與骨幹。目前史蒂芬.金與妻子定居於緬因州。

譯者簡介

馮瓊儀

  台大外文系、師大譯研所畢業,現為文字工作者。譯有《超奢華愛情》、《第十四道門》、《黑暗地底城》等書。

Sorting by
  • 0

    il penultimo capitolo della Torre si dirige verso il "nostro" mondo, anche se in anni diversi. e le vicende dei vari personaggi, pur se su piani temporali diversi si intrecciano tra di loro e con i fa ...continue

    il penultimo capitolo della Torre si dirige verso il "nostro" mondo, anche se in anni diversi. e le vicende dei vari personaggi, pur se su piani temporali diversi si intrecciano tra di loro e con i fatti reali (naturalmente la sfera nera è depositata nel World Trade Center in attesa della sua inaspettata caduta), e soprattutto con la vita dello scrittore stesso, parte attiva della vicenda. i personaggi così, pur toccandosi e palpandosi, vengono a contatto col fatto che la loro vicenda è stata creata e narrata da un'altra persona. che nel famoso incidente che lo coinvolse, sarebbe dovuto morire... la vicenda nel suo insieme ha già i contorni dell'epico.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Letto da: Laura.

    Ho deciso di mettere quattro stelline anche a questo capitolo della saga anche se:

    - ne avrebbe persa una per la perdita di un po' di mordente nella storia, rispetto ai due precedenti ...continue

    Letto da: Laura.

    Ho deciso di mettere quattro stelline anche a questo capitolo della saga anche se:

    - ne avrebbe persa una per la perdita di un po' di mordente nella storia, rispetto ai due precedenti volumi
    - ne riacquista una per aver dato a Stephen King stesso un ruolo nella storia; ruolo che si rivelerà anche più importante di una semplice comparsata.
    Ok, procedo verso la Torre Nera!

    said on 

  • 4

    Susannah-Mia, in pieno travaglio, ha attraversato la porta che dal Calla l’ha condotta nel 1999, per raggiungere coloro che la aiuteranno a partorire il figlio di nessuno. Mia, una nuova inquietante p ...continue

    Susannah-Mia, in pieno travaglio, ha attraversato la porta che dal Calla l’ha condotta nel 1999, per raggiungere coloro che la aiuteranno a partorire il figlio di nessuno. Mia, una nuova inquietante personalità, ha infatti preso possesso del suo corpo, ma stavolta non si tratta di schizofrenia, bensì di una nuova e pericolosa manovra di coloro che servono il Re Rosso e che hanno promesso al demone femminile un corpo per generare un neonato. Eddie Dean vorrebbe precipitarsi alla ricerca della moglie, ma quando si è in viaggio tra le epoche per salvare il cardine dei mondi, La Torre Nera, non c’è tempo per i sentimentalismi. Convocata l’assemblea dei Manni e aperta la porta verso gli altri mondi, Père Callahan e Jake vengono risucchiati nella stessa dimensione in cui è fuggita Susannah, mentre Roland ed Eddie, nel Maine anno del Signore 1977, devono vedersela con i redivivi Jack Andolini e George Biondi per poter recuperare da Calvin Torre l’atto di proprietà del terreno su cui sorge la Rosa. E visto che sono lì, perché non andare a parlare con colui che sembra avere le mani in pasta nella loro missione, il giovane scrittore Stephen King in persona?
    Sono pronto a giurare sull'Uomo-Gesù che sarebbe caduto dalle mie grazie qualsiasi altro scrittore che avesse commesso la narcisissima mossa di introdursi tra i suoi personaggi e in un così importante ruolo (un creatore di mondi... ma forse che scrivere non è proprio questo?). Sì, perché King, distruggendo ogni barriera tra finzione e realtà, si catapulta nella Torre Nera e stringe letteralmente la mano ai suoi stessi personaggi, sia pure sottolineando i propri difetti e i suoi trascorsi da beone e drogato. A conclusione del romanzo, una raccolta di pagine dal suo diario, lettere e articoli che, invece di essere postfazione, rimangono in un mondo fittizio stravolgendo la realtà con un inquietante 'e se?'.

    said on 

  • 3

    IL MANCATO PARTO DELLA SCHIZOFRENICA

    LETTO IN EBOOK
    _________________
    E sei! Sono infine arrivato a leggere il sesto romanzo della serie “La Torre Nera”, scritta da Stephen King.
    Come noto il ciclo si compone dei romanzi:
    1. La torre ner ...continue

    LETTO IN EBOOK
    _________________
    E sei! Sono infine arrivato a leggere il sesto romanzo della serie “La Torre Nera”, scritta da Stephen King.
    Come noto il ciclo si compone dei romanzi:
    1. La torre nera I: L'ultimo cavaliere (1982, pubblicato originariamente come romanzo breve; edizione rivista nel 2003) (The Dark Tower I: The Gunslinger)
    2. La torre nera II: La chiamata dei Tre (1987) (The Dark Tower II: The Drawing of the Three)
    3. La torre nera III: Terre desolate (1991) (The Dark Tower III: The Waste Lands)
    4. La torre nera IV: La sfera del buio (1997) (The Dark Tower IV: Wizard and Glass)
    5. La torre nera V: I lupi del Calla (il titolo annunciato era L'Ombra Strisciante[1][2]) (2003) (The Dark Tower V: Wolves of the Calla)
    6. La torre nera VI: La canzone di Susannah (2004) (The Dark Tower VI: Song of Susannah)
    7. La torre nera VII: La torre nera (2004) (The Dark Tower VII: The Dark Tower)
    8. La torre nera: La leggenda del vento (2012) (The Dark Tower: The Wind Through the Keyhole)

    A quanto pare però la storia si dovrebbe concludere con il settimo volume, essendo l’ottavo una sorta di spin off che si colloca cronologicamente più dalle parti degli eventi narrati nel quarto libro.
    Ai 7/8 libri principali, sono collegate numerose altre opere di King. Riporto di seguito la ricostruzione che ho trovato su wikipedia:
    • L'ultimo cavaliere
    • Mucchio d'ossa
    • L'ombra dello Scorpione
    • La Chiamata dei Tre
    • Gli occhi del Drago
    • Terre Desolate
    • Rose Madder
    • L'ombra dello scorpione
    • La Sfera del Buio
    • Scheletri
    • L'Ombra dello Scorpione
    • I Lupi del Calla
    • Le notti di Salem
    • La gente delle dieci
    • Mucchio d'Ossa
    • La casa del buio (per il termine opopanax)
    • La Canzone di Susannah
    • Gli Occhi del Drago
    • La Casa del Buio
    • Il talismano
    • Le piccole sorelle di Eluria
    • Desperation
    • I vendicatori
    • Cuori in Atlantide
    • Buick 8 (HiA, Dieffenbacker il poliziotto)
    • Insomnia
    • It
    • Shining
    • La torre nera
    • Tutto è fatidico
    • Cuori in Atlantide
    • Buick 8 (HiA, Dieffenbacker il poliziotto)
    • Insomnia
    • It

    I collegamenti in realtà non finiscono qui. Nel romanzo che ho appena letto, “La Canzone di Susannah”, per esempio, ci sono riferimenti sia a “Le notti di Salem”, opera che direi costituisce quasi un prequel della serie, sia a “It” il cui spirito aleggia sulla storia. Sento persino dei legami con “22/11’63”.
    Questo sesto volume condivide con il terzo un brutto finale o per meglio dire un non-finale, che ci lascia sospesi in attesa di leggere il successivo, come se, in realtà, il terzo e il quarto volume come il sesto e il settimo fossero due parti della stessa storia, a loro volta inserite nella trama generale.
    Peccato da poco, direte voi, dato che comunque stiamo parlando di un’opera che ha senso (ma aspetto di leggere l’ultimo volume per confermare che questo “senso generale” esiste) solo se letta nel suo insieme.
    Questo sesto volume è scritto, come è consuetudine del grande King, con la consueta professionalità, tecnica e maestria, eppure c’era una parola, mentre leggevo, che mi si affacciava alla testa: “disordinato”. Strano, perché il libro segue un suo ordine e un suo filo, ma è stata una sensazione che mi ha fatto compagnia spesso, forse per i passaggi /salti dalle vicende della schizofrenica Suasannah/Mia/Detta a quelle delle coppie separate Roland Deschain /Eddie Dean e Jake Chambers / Padre Donald Callahan (con annesso bimbolo Oy).
    Diciamo, poi, che tutto sommato la gravidanza di Susannah/Mia non è coinvolgente come altre parti del ciclo e la stessa triplice schizofrenia di quella che può dirsi la vera protagonista di questo volume è ormai cosa nota e stuzzica meno che nelle precedenti letture. Diciamo che la gravidanza sembra un filo troppo esile per una trama, anche se deve reggere solo un volume su otto e più. Il fatto poi di non riuscire neppure a capire se l’atteso neonato/ Tizio sarà una specie di Rosemary’s Baby o altro, svuota l’intero libro di un suo senso. Simpatica l’introduzione nella storia del personaggio Stephen King, un po’ meno i suoi diari semi-falsi in appendice, compresa la morte alla “Mr Mercedes”, che se non altro hanno il pregio di confermarci qualcosa che già avevamo intuito: King ha scritto questa saga senza sapere dove andasse a parare e inventandone gli sviluppi un po’ per volta. Speriamo davvero che il settimo volume sia da coronamento al tutto e non, invece, una delusione, che smonti l’intera costruzione di questa saga, che potrebbe essere una di quelle, assieme, a quella di Harry Potter, meglio realizzate che io abbia mai letto.
    Anche se questo volume mi pare abbassare un po’ il tono della serie, l’interesse rimane alto e la saga di qualità. Appena possibile, dunque, dopo una pausa per leggere altro, passerò al settimo e decisivo volume.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Questo sesto volume è il peggiore della saga… i nostri protagonisti si dividono in coppie e viaggiano nello spazio e nel tempo, tutto ciò che succede viene descritto in modo quasi esasperante, la cosa ...continue

    Questo sesto volume è il peggiore della saga… i nostri protagonisti si dividono in coppie e viaggiano nello spazio e nel tempo, tutto ciò che succede viene descritto in modo quasi esasperante, la cosa si fa pesante soprattutto perché i capitoli sono farciti con alcuni episodi di dubbia utilità per non dire completamente fini a se stessi. Quindi, oltre all’aspetto concettuale dell’allungare la minestra in merito alla trama l’autore ci si ferma pure sopra a ricamare dal lato descrittivo. Il libro ingrana giusto nella parte finale dove si viene a creare una sorta di preambolo per l’avvenimento vero e proprio, a cui si potrà assistere solo nel libro successivo.
    Come se non bastasse lo stesso King si fa una capatina all’interno della storia, e nonostante all’apparenza sembra trattarsi di poco più di un semplice cameo viene affermato a chiare lettere che il suo contributo è fondamentale per la missione di Roland. Detto fuori dai denti, se “il paroliero” non si da una svegliata, riprende in mano la Torre Nera e va avanti con la storia il nostro gruppetto è destinato a fallire miseramente. Inoltre nell’ultimo capitolo scritto a mo di diario troviamo passo passo le tappe che hanno portato l’autore alla decisione di proseguire la storia di Roland, “rimasta nel cassetto” per diversi anni. Viene poi introdotto il tema dei walk-in (viaggiatori spazio temporali di altri mondi) e pure ulteriori aneddoti sulla vita dello scrittore… se tali accorgimenti sono un tentativo di conferire maggior realismo alla storia a mio avviso non fanno invece che sortire l’effetto contrario… Avrei preferito lo stesso approccio tenuto fino a questo momento, con King sullo sfondo che narra una storia frutto della fantasia, non un autore che ruba la piazza ai propri personaggi raccontando il suo “incontro ravvicinato del terzo tipo” ecc… che hanno dato il via a tutto quanto.

    said on 

  • 5

    Siamo in diittura d'arrivo

    Penultimo libro di questa saga.
    Il ritmo è quasi frenetico: il tempo sta davvero scivolando via e il ka-tet si divide.
    Un libro molto strano e diverso rispetto a tutti gli altri:si sente quasi la nost ...continue

    Penultimo libro di questa saga.
    Il ritmo è quasi frenetico: il tempo sta davvero scivolando via e il ka-tet si divide.
    Un libro molto strano e diverso rispetto a tutti gli altri:si sente quasi la nostalgia dei viaggi nel Medio-mondo e del semplice raccontare del cammino di Roland e dei suoi compagni di viaggio... ma la storia deve andare avanti.
    Per chi si avventura per la prima volta in questa saga, posso solo dire che questo volume è solo una piccola preparazione psicologica per l'ultimo libro.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Il ritmo si risolleva

    Con Song of Susannah la saga della Torre Nera esce dalla palude in cui si era ritrovata con gli ultimi due capitoli. Evento raro negli anni Novanta-Duemila, Stephen King riesce per una volta a essere ...continue

    Con Song of Susannah la saga della Torre Nera esce dalla palude in cui si era ritrovata con gli ultimi due capitoli. Evento raro negli anni Novanta-Duemila, Stephen King riesce per una volta a essere conciso e a tenere alta la tensione.
    Un capitolo di passaggio, che chiude diversi discorsi e trame, dà qualche risposta e presenta il personaggio che meno ci si aspetta: Stephen King stesso. Solo uno spudorato come lui poteva giocarsi questa mossa e da sola basta, con la sua bizzarria, a salvare una saga che stava trascinandosi troppo lentamente.
    Genialata o mossa da peracottaio, il fatto che King sia un personaggio della saga e che il suo incidente quasi mortale sia un evento cardine è un espediente narrativo talmente fuori dal comune che vale comunque la pena proseguire.

    said on 

  • 4

    Ormai mi sono affezionato ai protagonisti di questa saga.
    In questo volume, si trovano decisamente in difficoltà, e divisi.
    Tra rivelazioni sconcertanti, geniali scelte narrative, momenti di tensione, ...continue

    Ormai mi sono affezionato ai protagonisti di questa saga.
    In questo volume, si trovano decisamente in difficoltà, e divisi.
    Tra rivelazioni sconcertanti, geniali scelte narrative, momenti di tensione, uno splendido (e inusuale per King) brano di puro lirismo seguito subito dopo da uno di puro terrore, "La canzone di Susannah" è un ottimo romanzo, la sua funzione di penultimo episodio della saga la svolge in maniera eccellente: giunti alla fine, non si vede l'ora di iniziare l'ultimo volume.

    said on 

Sorting by