Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Perks of Being a Wallflower

By Stephen Chbosky

(23)

| School & Library Binding | 9780613237529

Like Perks of Being a Wallflower ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Standing on the fringes of life...

offers a unique perspective. But there comes a time to see what it looks like from the dance floor.

This haunting novel about the dilemma of passivity vs. passion marks the stunning debut of a provocat Continue

Standing on the fringes of life...

offers a unique perspective. But there comes a time to see what it looks like from the dance floor.

This haunting novel about the dilemma of passivity vs. passion marks the stunning debut of a provocative new voice in contemporary fiction: The Perks of Being a Wallflower.

This is the story of what it's like to grow up in high school. More intimate than a diary, Charlie's letters are singular and unique, hilarious and devastating. We may not know where he lives. We may not know to whom he is writing. All we know is the world he shares. Caught between trying to live his life and trying to run from it puts him on a strange course through uncharted territory. The world of first dates and mixed tapes, family dramas and new friends. The world of sex, drugs, and The Rocky Horror Picture Show, when all one requires is that perfect song on that perfect drive to feel infinite.

Through Charlie, Stephen Chbosky has created a deeply affecting coming-of-age story, a powerful novel that will spirit you back to those wild and poignant roller coaster days known as growing up.

470 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Charlie nos gana desde el primer momento porque en algún momento todos nos hemos sentido como él

    Hacía mucho tiempo que un libro no me sorprendía tanto. Quiero decir, sabía más o menos lo que me iba a encontrar, pero ha superado con creces lo que esperaba de él.

    Las Ventajas de ser un Marginado nos muestra como era la adolescencia a principios ...(continue)

    Hacía mucho tiempo que un libro no me sorprendía tanto. Quiero decir, sabía más o menos lo que me iba a encontrar, pero ha superado con creces lo que esperaba de él.

    Las Ventajas de ser un Marginado nos muestra como era la adolescencia a principios de los años noventa, no muy diferente de como es ahora, pero sin tanta tecnología a su alrededor. Se tratan temas importantes como las drogas, las relaciones tanto de amistad como de pareja, la soledad… engancha mucho como Charlie nos cuenta su historia del primer año de instituto.

    Una de las cosas que más me ha gustado de este libro, es el hecho de que todo se toma desde un punto de vista natural y sin tabúes.

    Además, ya es hora de leer literatura sobre adolescentes y adultos de carne y hueso, sin vampiros u hombres lobo de por medio, esto refresca bastante y da un soplo de aire nuevo.

    Lo más curioso de este libro es que es epistolar, es decir, el relato se nos presenta mediante una serie de cartas que Charlie le envía a un “querido amigo”.

    Charlie tiene una manera de escribir especial, diferente y nos presenta las situaciones con naturalidad y sin tapujos, llegando a ser un poco chocante en algunos momentos.

    Las Ventajas de ser un Marginado se lee rápido e invita a la reflexión, a la reflexión sobre uno mismo y como es nuestra vida.

    Nota: 9.75 “Charlie nos gana desde el primer momento porque en algún momento todos nos hemos sentido como él.”

    Is this helpful?

    Agnes de Lioncourt said on Sep 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tre stelle e mezzo

    Purtroppo sono rimasta delusa da questo libro. Mi aspettavo un romanzo di formazione, ma mi sono trovata a leggere il diario di un adolescente da cui non trapela alcuna delle emozioni che caratterizzano il periodo della vita che il protagonista si tr ...(continue)

    Purtroppo sono rimasta delusa da questo libro. Mi aspettavo un romanzo di formazione, ma mi sono trovata a leggere il diario di un adolescente da cui non trapela alcuna delle emozioni che caratterizzano il periodo della vita che il protagonista si trova a vivere. Insomma, i temi dell'adolescenza ci sono tutti, forse troppi, ma di quel periodo manca tutto il resto: la rabbia, la suscettibilità, la tensione del crescere. Sembra di entrare nella vita di adulti che provano ad essere di nuovo adolescenti.
    Per quanto questo atteggiamento possa essere scusato nel protagonista, non trova alcuna giustificazione in tutti gli altri personaggi.
    Non era vissuta così l'adolescenza negli anni Novanta e lo è tanto meno adesso.
    Quattro stelle per la pienezza tematica.
    Tre per lo stile.
    Due per la caratterizzazione dei personaggi.

    Is this helpful?

    Marika said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Adesso non esageriamo

    Paradossalmente, ho preferito il film, nonostante sia stato girato dall'autore stesso. Il libro mi è sembrato troppo prosaico e stilisticamente elementare persino considerando il target del pubblico adolescente cui si rivolge. Anche i personaggi risu ...(continue)

    Paradossalmente, ho preferito il film, nonostante sia stato girato dall'autore stesso. Il libro mi è sembrato troppo prosaico e stilisticamente elementare persino considerando il target del pubblico adolescente cui si rivolge. Anche i personaggi risultano scarsamente caratterizzati (soprattutto Charlie sa essere di una stupidità disarmante). Insomma, nulla di particolarmente deprecabile ma credo che le caratteristiche della storia siano state filtrate meglio dalla versione di celluloide.

    Is this helpful?

    Ċ ℓąίгε said on Sep 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Molto "adolescenziale" la forma scritta del libro: una serie di lettere a un ragazzo sconosciuto, scritte dal protagonista di cui non sapremo mai il vero nome. Ma del resto è a un pubblico di adolescenti che il libro si rivolge, ed è per questo proba ...(continue)

    Molto "adolescenziale" la forma scritta del libro: una serie di lettere a un ragazzo sconosciuto, scritte dal protagonista di cui non sapremo mai il vero nome. Ma del resto è a un pubblico di adolescenti che il libro si rivolge, ed è per questo probabilmente che mi è sembrato un libro mai in grado di decollare. Gradevoli le ultime dieci pagine.

    Is this helpful?

    Ale said on Sep 1, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Feste, bevute, fumate e citazioni. Ecco com'è scandito il libro

    Ho letto questo libro un bel po' di tempo fa, mi sembra fosse appena uscito il film (che però ho visto ultimamente). Questa non è una vera e propria recensione, bensì una semplice opinione riguardo il libro.
    È uno di quei libri che, riletti oggi, no ...(continue)

    Ho letto questo libro un bel po' di tempo fa, mi sembra fosse appena uscito il film (che però ho visto ultimamente). Questa non è una vera e propria recensione, bensì una semplice opinione riguardo il libro.
    È uno di quei libri che, riletti oggi, non mi prenderebbero e non mi piacerebbero come invece è successo in passato (stesso discorso per Bianca come il latte, rossa come il sangue). Neanche allora avevo una bellissima opinione di questo libro, comunque.
    La prima cosa che non ho capito quando ho cominciato il libro, è stato lo stile. Nonostante Charlie sia un ragazzo un po' anormale, comunque ha frequentato la scuola e il suo stile frivolo ed elementare non ha quasi senso. Addirittura in certo punti dice cose tipo "il prof mi ha detto di cominciare ad usare i congiuntivi, quindi comincerò ad utilizzarli" e così via.
    Il libro affronta temi come l'omosessualità e gli abusi in famiglia, ma non in maniera pesante, anzi, con un certa leggerezza (che non significa superficialità). È scandito da feste, bevute, fumate, frasi prese da libri o film e ancora feste, bevute, fumate e citazioni. È un po' quei libri che ti dicono che per crescere devi per forza passare un periodo in cui ti fumi un pacchetto al giorno, torni a casa alle due di notte ubriaco marcio, segui il tuo gruppo di amici come una pecora incapace di intendere e di volere e copi sul diario le belle frasette dei libri per far capire che non sei tanto stupido, ma che un minimo di intelligenza esistenziale ce l'hai.
    Non è esattamente la mia concezione di crescita. Alla fine il libro è veloce da leggere, anche carino, ma è il solito libro adolescenziale che spaccia la crescita per qualcosa che non è.

    Is this helpful?

    Sheere Hikari said on Sep 1, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Intendiamoci, è un libriccino con poche pretese, dal sentimentalismo facile. Però a volte anche il sentimentalismo facile può risultare gradevole.

    Is this helpful?

    Charlie said on Aug 29, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book