Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L' ABC della relatività

By Bertrand Russell

(91)

| Others | 9788878181960

Like L' ABC della relatività ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Tutti sanno che Einstein cambiò la storia del pensiero umano quando mise apunto le teoria della relatività, ma ben pochi hanno le idee chiare aproposito. Molti dei tentativi di divulgazione, cominciati con lo stessoEinstein, hanno falli Continue

Tutti sanno che Einstein cambiò la storia del pensiero umano quando mise apunto le teoria della relatività, ma ben pochi hanno le idee chiare aproposito. Molti dei tentativi di divulgazione, cominciati con lo stessoEinstein, hanno fallito l'obiettivo di rendere pienamente comprensibili irisultati fondamentali della teoria superando lo scoglio del complessoapparato di dimostrazioni matematiche che la sostiene. Questo libro spiegaper gradi al lettore non specialista le teorie della relatività ristretta egenerale e ne mostra le applicazioni pratiche in innumerevoli campi.

19 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    http://antoniodileta.wordpress.com/2013/05/14/labc-dell… “A un certo numero di persone superiori piace moltissimo ripetere “tutto è relativo”. Si tratta naturalmente di una sciocchezza, perché se tutto fosse relativo non ...(continue)

    http://antoniodileta.wordpress.com/2013/05/14/labc-dell…

    “A un certo numero di persone superiori piace moltissimo ripetere “tutto è relativo”. Si tratta naturalmente di una sciocchezza, perché se tutto fosse relativo non ci sarebbe più nulla con cui stare in relazione. Comunque, senza cadere in assurdità metafisiche, si può sostenere che, nel mondo fisico, tutto è relativo a un osservatore. Questa opinione, vera o falsa che sia, non è quella adottata dalla “teoria della relatività”. Forse il nome non è stato felicemente scelto; certo ha indotto in confusione i filosofi e la gente incolta. Tutti costoro immaginano che la nuova teoria dimostri come, nel mondo fisico, tutto sia relativo; mentre, al contrario, essa è volta a escludere quel che è relativo e a giungere a una sistemazione delle leggi fisiche che sia completamente indipendente dalle condizioni dell’osservatore. Si è scoperto, è vero, che tali condizioni hanno un effetto maggiore di quel che non si pensasse su ciò che appare all’osservatore; ma al tempo stesso Einstein ha indicato come si possa trascurare completamente questo effetto. È da qui che trae origine tutto quel che vi è di sorprendente nella sua teoria”.
    (Bertrand Russell, “L’ABC della relatività”, Tea edizioni)

    Il titolo di questo saggio di Bertrand Russell, filosofo, matematico e scrittore di fama mondiale, è indicativo circa il carattere molto divulgativo dello stesso. Scritto per la prima volta nel 1925, quindi a pochi anni dalla formulazione delle teorie di Einstein sulla relatività, fu riedito, con parziali modifiche, nel 1958. Nonostante gli anni trascorsi, il libro mantiene la sua validità, quanto meno in rapporto alla relatività, mentre lo stesso non può dirsi con riferimento alla meccanica quantistica e alla cosmologia, che peraltro sono citate solo in alcuni passaggi dell’opera. Russell, partendo da una considerazione sulla difficoltà, per la nostra mente, di comprendere una teoria che sembra stravolgere ciò che percepiamo nella nostra esistenza quotidiana, cerca di spiegarci in maniera comprensibile e senza quasi alcuna formula matematica, che cosa hanno significato per la fisica le teorie di Einstein sulla relatività ristretta e generale. L’autore, quindi, ci mette in guardia dalla facile banalizzazione insita nell’espressione “tutto è relativo”, alla quale molti riducono il tutto, sottolineando come il compito della fisica sia quello di ricercare leggi indipendenti dalla condizione dell’osservatore. Si tratta di un testo che consiglio soprattutto a chi è a totale digiuno della materia e non ha voglia di cimentarsi in dimostrazioni matematiche. Bisogna tenere presente, però, quanto detto sopra, cioè la data di pubblicazione del saggio, quindi confrontarlo con altre più recenti pubblicazioni divulgative.

    Is this helpful?

    Sisifo77 (Antonio Di Leta) said on May 14, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non ci si aspetti un libro facile facile, ma sicuremente un bel testo su un argomento "anti-intuitivo" per eccellenza.

    Is this helpful?

    Dario Burattini said on May 31, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un esempio di divulgazione scientifica perfetta: rigoroso e chiaro.

    Is this helpful?

    Flavio said on May 30, 2012 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    L'ABC della relatività, o "Il dono del divulgatore scientifico"!

    Questo testo di Bertrand Russel è una piacevole lettura per tutti coloro che:
    a) amano la fisica, ad ogni livello;
    b) hanno sentito parlare di quanto ha scoperto Einstein, e vogliono capirne di più.
    E' una piacevole lettura perché l'esposizione d ...(continue)

    Questo testo di Bertrand Russel è una piacevole lettura per tutti coloro che:
    a) amano la fisica, ad ogni livello;
    b) hanno sentito parlare di quanto ha scoperto Einstein, e vogliono capirne di più.
    E' una piacevole lettura perché l'esposizione di Bertrand Russel è così limpida da chiarire concetti piuttosto astrusi e complicati in disegni mentali o metafore o accostamenti che sembrano, quali abiti aderenti, modellare l'idea complessa che vi soggiace. Così, dal 1905, anno della relatività ristretta, che scioglieva i contrasti tra teoria meccanica e teoria elettromagnetica della luce, rivedendo i concetti di spazio e di tempo assoluti, al 1915, anno in cui Einstein introdusse una teoria relativistica della gravitazione -relatività generale-, che descriveva le proprietà dello spazio-tempo a quattro dimensioni, secondo la quale la gravità è la manifestazione della curvatura dello spazio-tempo, Bertand Russel si rende copilota di un volo calmo sul paesaggio in mutamento della fisica, e non solo.
    Russell, infatti, qui come in altre opere divulgative (valga per tutte la monumentale "Storia della filosofia occidentale"), sottolinea come ogni atto del pensiero sia collocato in un constesto storico, geografico e sociale, da cui non può prescindere. In questo senso ci spiega come è stato possibile passare dai concetti di spazio e tempo al concetto di spazio-tempo. Di come gli esperimenti dei fisici abbiano declinato il loro oggetto lungo vie diverse e articolate, durante lo scorrere del 1900. Di come ogni fisico o scienziato sia figlio della propria storia individuale, entro cui si colloca l'eventuale 'quid' di misteriosa follia creatrice che spicca il salto verso nuovi orizzonti mentali.
    Dell'"ABC della relatività" occorre considerare, quindi, non soltanto l'aspetto divulgativo-scientifico, ma anche la scelta narrativo-esplicativa. Una scelta di una narrazione pacata, molto pacata, lenta nei momenti difficili, ma di una lentezza curiosa, che si riempie di esempi ed aneddoti. Tutto scorre, nel testo di Russel; tutto appare coerente, lieve, presente al lettore come se fosse il racconto di una storia già compresa. E' il dono (nel doppio senso: 'per noi' e 'di lui') del divulgatore scientifico.

    Is this helpful?

    Alessandroberia said on Jan 2, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (91)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 190 Pages
  • ISBN-10: 887818196X
  • ISBN-13: 9788878181960
  • Publisher: TEA
  • Publish date: 1997-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Paperback , Hardcover
Improve_data of this book