Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Intervista col vampiro

By Anne Rice

(737)

| Others | 9788877823243

Like Intervista col vampiro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In una stanza d'albergo Louis racconta la sua vita ad un esterrefatto giornalista, la lunghissima, estenuante vita di un vampiro. Duecento anni assieme al suo maestro Lestat ed alla piccola Claudia, duecento anni in giro per il mondo, nascondendosi d Continue

In una stanza d'albergo Louis racconta la sua vita ad un esterrefatto giornalista, la lunghissima, estenuante vita di un vampiro. Duecento anni assieme al suo maestro Lestat ed alla piccola Claudia, duecento anni in giro per il mondo, nascondendosi dalla luce e succhiando sangue...
Da questo romanzo di Anne Rice il film di Neil Jordan con Tom Cruise e Brad Pitt.

671 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    intervista?

    Ok, diciamo che mi aspettavo grandi cose.... ma l'ho trovato scontato, qualche volta raccapricciante e non per le scene di decomposizione. Ho trovato molto falsa la figura di Claudia, vampira bambina che può crescere a livello intellettuale (dopo la ...(continue)

    Ok, diciamo che mi aspettavo grandi cose.... ma l'ho trovato scontato, qualche volta raccapricciante e non per le scene di decomposizione. Ho trovato molto falsa la figura di Claudia, vampira bambina che può crescere a livello intellettuale (dopo la morte? Dracula avrebbe avuto il finale di Coppola annzicchè quello di Stoker). Tutto il romanzo, in fondo, ruota attorno a lei e al rapporto del protagonista nei suoi confronti... a me non è piaciuto, probabilmente perchè amo molto Dracula di Stoker.

    Is this helpful?

    Miriamglserrano said on Jul 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    quando finisce la passione

    ripeto spesso, più a me stessa che al mio interlocutore, che ciò che dobbiamo temere non è la morte del corpo ma quella dell’anima, quella morte che avviene, il corpo ancora vivente, quando il desiderio di risposta si spegne, quando cinismo abitudine ...(continue)

    ripeto spesso, più a me stessa che al mio interlocutore, che ciò che dobbiamo temere non è la morte del corpo ma quella dell’anima, quella morte che avviene, il corpo ancora vivente, quando il desiderio di risposta si spegne, quando cinismo abitudine rassegnazione uccidono la passione che come un pilastro di fuoco rende vivo e pregno di scopo e significato ogni gesto ed ogni attimo di vita;

    la rice, in linea con la migliore tradizione horror, tratteggia un personaggio in tutto fedele all’iconografia classica del vampiro, il cui animo tormentato ed assetato, la passione per la vita, le sue domande e l’ansiosa ricerca di risposte, rendono il protagonista, nell’orrore e nel fascino del suo destino, amabile e desiderabile sia dai suoi simili che ancora conservino in sé un desiderio di vita, sia dagli umani scevri da bigotti pregiudizi; fin quando questa passione vive, la vita è travolgente dolorosa inquietante bruciante sensuale,
    quando però la passione, vinta dalla delusione dall’amarezza, tradita dal crudele e cinico opportunismo, schiacciata da invidie e gelosie, muore, resta il rassegnato susseguirsi di momenti uguali, giorni che ripetono se stessi eternamente e un filo di malinconia forse nostalgia per quando si soffriva nello spirito fino a ferire il corpo ma si era vivi;

    vince nella narrazione un riuscitissimo esercizio di immedesimazione, tale da domandarsi quando la rice sia lei stessa stata un vampiro

    QF

    Is this helpful?

    Queen Faee said on Jun 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Fu il primo libro di genere gotico- vampiresco che lessi. Lo ricordavo in effetti come il migliore che avessi letto ed ultimamente ho voluto verificare se stavo eccessivamente mitizzando questo romanzo, andando avanti negli anni, oppure no; così l’ho ...(continue)

    Fu il primo libro di genere gotico- vampiresco che lessi. Lo ricordavo in effetti come il migliore che avessi letto ed ultimamente ho voluto verificare se stavo eccessivamente mitizzando questo romanzo, andando avanti negli anni, oppure no; così l’ho riletto.
    Oggi mi viene da pensare che in certi passi è un po’ troppo stucchevole e manieristico, in particolar modo l’intero rapporto con Armand è sviluppato male e apporta poco alla storia secondo me.
    Ma per il resto è un libro incredibile. I vampiri della Rice hanno una complessità, una seduzione, un alone intorno impareggiabile. Ci si innamora di queste creature. I protagonisti sono caratterizzati benissimo, ci si lega ad essi e alle loro storie.
    Il racconto è romantico, malinconico, drammatico. E’ un tipo di storia matura, a tratti filosofica e con degli interrogativi sul senso della vita.
    Questo libro ha tutto: storia, fascino e riflessione. Un cult per gli amanti del genere.

    Is this helpful?

    Alex-Noir said on May 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Morboso

    Sono un po' preoccupata per la tipa che da quarant'anni continua a scrivere di questo... Vista la filosofia comune, decisamente meglio dedicarsi a D'Annunzio...

    Is this helpful?

    Mauraccia said on Apr 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Deludente

    E' il classico esempio di libro che avrebbe potuto benissimo avere la metà delle pagine che effettivamente si ritrova, senza che la trama subisse alcuna modifica.
    La Rice si dilunga eccessivamente nella descrizione degli stati d'animo, tanto da appe ...(continue)

    E' il classico esempio di libro che avrebbe potuto benissimo avere la metà delle pagine che effettivamente si ritrova, senza che la trama subisse alcuna modifica.
    La Rice si dilunga eccessivamente nella descrizione degli stati d'animo, tanto da appesantire la lettura fino all'inverosimile. L'ho finito forzatamente, solo per non abbandonare la storia a metà.
    La maggior parte delle riflessioni non sono neanche introspezioni serie ma paturnie da quindicenne (leggi Louis).
    Quasi finale scontato (l'incendio) e finale vero irritante (che versione della storia racconterà Lestat al cronista? - comprate il seguito e lo scoprirete).
    Se cercate libri sui vampiri evitatelo.

    Is this helpful?

    zia Bibi said on Apr 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Allora....devo dire che è stato un po' pesante leggere questo libro... All'inizio scorreva abbastanza rapido, Lestat è un bel personaggio, Loius un po' troppo noioso per essere un vampiro!!!
    Claudia non la sopporto....
    La seconda parte è stata molto ...(continue)

    Allora....devo dire che è stato un po' pesante leggere questo libro... All'inizio scorreva abbastanza rapido, Lestat è un bel personaggio, Loius un po' troppo noioso per essere un vampiro!!!
    Claudia non la sopporto....
    La seconda parte è stata molto pesante.. Non riuscivo veramnete a leggere, ho impiegato un bel po' anche perchè mi annoiava molto...
    Il finale un po' scontato direi... Durante la lettura ho pensato che sarebbe accaduto quello.... Banale!
    Insomma.... Se dovessi rileggerlo...non lo farei..
    A volte troppo filosofico e pensatuccio!

    Is this helpful?

    Australia Vittoria said on Feb 18, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book