Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Into the Wild

By Jon Krakauer

(80)

| Others | 9781435285736

Like Into the Wild ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

772 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    ‘C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito ma in realtà per l' ...(continue)

    ‘C'è tanta gente infelice che tuttavia non prende l'iniziativa di cambiare la propria situazione perché è condizionata dalla sicurezza, dal conformismo, dal tradizionalismo, tutte cose che sembrano assicurare la pace dello spirito ma in realtà per l'animo avventuroso di un uomo non esiste nulla di più devastante di un futuro certo.’ Con queste parole, scritte dallo stesso Chris McCandles (alias Alexander Supertramp) si riassume in pieno la sua filosofia di vita.
    Chris è figlio di una famiglia benestante di Washington, terminati gli studi con ottimi risultati decide di lasciare i suoi per intraprendere una vita nomade, alla ricerca della libertà assoluta. Con poche cose, lavorando dove capita, vive numerose avventure attraverso i diversi stati dell’America. Due anni di vita libera, durante i quali interrompe qualsiasi rapporto con i genitori, poi la decisione di raggiungere le terre estreme dell’Alaska.
    Ad aprile del 1992, dopo cinque mesi di vita assolutamente selvaggia in quelle terre, senza alcun supporto di civilizzazione, con base un vecchio autobus abbandonato, decide di ritornare a casa. Pago della sua sublime esperienza sembra, nel frattempo, aver maturato pensieri di riconciliazione con se stesso, con la famiglia e con l’intera umanità.
    Qualcosa, però, andrà storto e Chris verrà ritrovato morto in quei territori solitari a settembre dello stesso anno.
    Cosa ha spinto un giovane di buona famiglia ad intraprendere una tale avventura? Quali erano i suoi miti? Perché questo forzato distacco fisico e mentale dalla famiglia? Come può un ragazzo così appassionato della natura e così innamorato della vita cercare la morte in questo modo?
    Dopo il ritrovamento del suo corpo, l’opinione pubblica americana si infiamma, dividendosi in chi considera Chris un fanatico sprovveduto che ha sputato in faccia all’affetto della propria famiglia e al dono della vita, e chi lo considera un idealista che ha seguito il richiamo della natura selvaggia alla ricerca della purezza assoluta, dunque un eroe, un mito.
    Jon Krakauer, alpinista, naturista e giornalista americano non ci sta a sposare una delle due opinioni, in quanto ognuna è riduttiva rispetto alla vera natura di Chris. Krakauer, lui stesso, è stato in Alaska e ce lo racconta nel libro, facendoci solo immaginare la durezza e la magnificenza di quelle terre estreme. Lui stesso ha vissuto la necessità di rivalsa nei confronti di un padre che lo voleva a sua immagine e somiglianza. Lui stesso ha ascoltato e seguito il richiamo della foresta, e come poteva non ascoltare il richiamo poetico di Chris? Un richiamo interiore, segnato in maniera indelebile nelle persone incontrate durante il suo cammino, nei libri letti segnandone i passi amati, sulle pareti del vecchio autobus abbandonato dove ha vissuto gli ultimi 5 mesi di vita, nel diario ritrovato accanto al suo corpo.
    Soltanto con un’empatia del genere si può raccontare la vita di un personaggio come Chris/Alexander, trasformando una biografia in un romanzo dai toni elevati che arriva a sfiorare le corde più profonde dell’anima di chi ci si imbatte, nella partecipazione agli ideali e alle avventure di un personaggio che si può soltanto amare così com’è.
    Il viaggio di Chris è il viaggio esistenziale di ogni anima giovane. Di ognuno di noi.
    Krakauer guida il lettore ad abbandonare ogni pregiudizio, per vivere e morire in totale empatia con la nobiltà d’animo di un uomo che sembra rappresentare una singolare ed elevata figura di essere umano: un Uomo alla ricerca di se stesso che prende consapevolezza delle sue più pure potenzialità, ma che in quanto tale, purtroppo, dimostra tutta la sua vulnerabilità.
    Bellissimo il film tratto dal romanzo con la magistrale regia di Sean Penn.

    Is this helpful?

    Nicoletta Stecconi said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Jon Krakauer non è uno scrittore.
    Di conseguenza Nelle terre estreme non è grande letteratura. Ma racconta una storia vera, la storia di Chris, che è commovente, struggente, "importante".
    Ho cercato in rete le sue fotografie, per vedere il s ...(continue)

    Jon Krakauer non è uno scrittore.
    Di conseguenza Nelle terre estreme non è grande letteratura. Ma racconta una storia vera, la storia di Chris, che è commovente, struggente, "importante".
    Ho cercato in rete le sue fotografie, per vedere il suo viso, i luoghi in cui è stato, i volti delle persone che ha incontrato.

    Krakauer non è uno scrittore e spesso la sua scrittura è scolastica.
    Ma c'è del commuovente nel modo in cui cerca di spiegare chi era McCandless, il perchè delle sue scelte e dei suoi errori, con grande onestà, partecipazione e, direi quasi, affetto.

    Is this helpful?

    Umma said on Oct 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "La felicità è reale solo se è condivisa"

    Il desiderio di libertà assoluta, libertà da vincoli, compromessi, convenzioni, danaro, obblighi nei riguardi di chicchessìa, regole. Libertà di compiere scelte e di vivere "davvero" a contatto con la natura più selvaggia potendo contare soltanto sul ...(continue)

    Il desiderio di libertà assoluta, libertà da vincoli, compromessi, convenzioni, danaro, obblighi nei riguardi di chicchessìa, regole. Libertà di compiere scelte e di vivere "davvero" a contatto con la natura più selvaggia potendo contare soltanto sul proprio coraggio e la propria forza fisica e morale.
    Il bisogno estremo di solitudine e di ricongiungersi al proprio vero io, senza possibilità di venir traviati o distratti da nulla in questo viaggio all'interno della propria coscienza, del proprio sentire.
    Superare limiti ogni giorno, confrontarsi con sè stessi in maniera spietata, arrivare alla conclusione che "la felicità è reale solo se è condivisa", morire per "sbaglio", alfine, per un errore di calcolo.
    Il protagonista di questo scritto era un ragazzo di 23 anni alla ricerca della verità, della purezza, della pace e forse del perdono.
    Le tre stelle sono il mio giudizio sulla struttura narrativa che avrei preferito più semplice e lineare.

    Is this helpful?

    Paintedeyes said on Aug 16, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book