Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il padre infedele

By Antonio Scurati

(140)

| eBook | 9788858763261

Like Il padre infedele ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

EPUB con Adobe DRM

Quando Giulia, una mattina in cucina, dice al suo compagno Glauco Revelli che non ama più gli uomini, a Glauco si presenta l'occasione per riannodare i fili della sua vita di uomo, di padre, di marito. Glauco Revelli è un uomo di Continue

EPUB con Adobe DRM

Quando Giulia, una mattina in cucina, dice al suo compagno Glauco Revelli che non ama più gli uomini, a Glauco si presenta l'occasione per riannodare i fili della sua vita di uomo, di padre, di marito. Glauco Revelli è un uomo di circa quarant'anni, laureato in filosofia, che eredita dal padre un ristorante storico e tradizionale di Milano, che da anni ha la stessa clientela. Dopo una protratta adolescenza di vagabondaggio sessuale, conosce Giulia, redattrice, se ne innamora e inizia con lei una convivenza. È l'arrivo di una figlia, Alice, a stravolgere gli equilibri instabili della coppia. Giulia entra in una crisi profonda post partum, rifiutandosi al compagno. Glauco inizia a sperimentarsi padre fedele: a scontrarsi con gioie e dolori, contrattempi e insospettabili felicità, diurne e notturne, di un rapporto con la figlia; ma inizia anche a scoprirsi marito infedele. Intanto il ristorante rilevato dal padre, rivisitato alla luce di un nuovo gusto, affronta il crollo e la volatilità dei consumi; la crisi dei crediti delle banche sembra stringerlo in una morsa. Per Glauco, insomma, nella vita familiare e professionale, è il tempo delle scelte e della consapevolezza.

61 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Per me fastidioso, scrittura inutilmente saccente.

    Is this helpful?

    Anna-Maria said on Jul 19, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    La generazione del non-uomo

    Ammetto che ho deciso di leggere questo libro solo perchè era tra i migliori del Premio Strega. Adesso andrò un pò contro corrente rispetto a tutte le recensioni su questo libro. A me non è piaciuto per niente,penso perchè non è proprio il mio stile, ...(continue)

    Ammetto che ho deciso di leggere questo libro solo perchè era tra i migliori del Premio Strega. Adesso andrò un pò contro corrente rispetto a tutte le recensioni su questo libro. A me non è piaciuto per niente,penso perchè non è proprio il mio stile,ma cercavo qualcosa di diverso per allontanarmi un pò dal genere thriller,qualcosa di rilassante. Questo libro,a mio modestissimo parere,non è per niente rilassante,per capire certe frasi dovevo rileggerle o lasciar perdere e magari perdevo il filo del discorso e stato molto pesante come libro nonostante la trama e il filo logico del libro sia bello. Praticamente non si può dire spoiler perchè non c'è niente di imprevisto o da scoprire.Narra la storia di questo uomo che non si sente all'altezza di essere tale,non si sente uomo perchè la moglie lo rifiuta,non si sente padre perchè sua figlia è comunque attaccata alla madre,non si sente se stesso e non pensava che la sua vita potesse essere quella,dentro questo romanzo leggiamo le difficoltà di un uomo diventare tale. Diciamo che la trama mi è piaciuta molto,ma non il modo in cui è stato scritto.
    PER CHI LO VOLESSE IO HO E-BOOK,BASTA CHIEDERE =)

    Is this helpful?

    Francesca Figura said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La generazione del non-uomo

    Ammetto che ho deciso di leggere questo libro solo perchè era tra i migliori del Premio Strega. Adesso andrò un pò contro corrente rispetto a tutte le recensioni su questo libro. A me non è piaciuto per niente,penso perchè non è proprio il mio stile, ...(continue)

    Ammetto che ho deciso di leggere questo libro solo perchè era tra i migliori del Premio Strega. Adesso andrò un pò contro corrente rispetto a tutte le recensioni su questo libro. A me non è piaciuto per niente,penso perchè non è proprio il mio stile,ma cercavo qualcosa di diverso per allontanarmi un pò dal genere thriller,qualcosa di rilassante. Questo libro,a mio modestissimo parere,non è per niente rilassante,per capire certe frasi dovevo rileggerle o lasciar perdere e magari perdevo il filo del discorso e stato molto pesante come libro nonostante la trama e il filo logico del libro sia bello. Praticamente non si può dire spoiler perchè non c'è niente di imprevisto o da scoprire.Narra la storia di questo uomo che non si sente all'altezza di essere tale,non si sente uomo perchè la moglie lo rifiuta,non si sente padre perchè sua figlia è comunque attaccata alla madre,non si sente se stesso e non pensava che la sua vita potesse essere quella,dentro questo romanzo leggiamo le difficoltà di un uomo diventare tale. Diciamo che la trama mi è piaciuta molto,ma non il modo in cui è stato scritto.
    PER CHI LO VOLESSE IO HO E-BOOK,BASTA CHIEDERE =)

    Is this helpful?

    Francesca Figura said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Nah, non lo finirò mai. Venti pagine e già mi ha fatto venire l'ulcera.. Che scrittura fastidiosa e auto-compiaciuta!!
    Bocciato.

    Is this helpful?

    Sery-amente said on Jul 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Autocompiaciuto

    Di fatto il libro racconta la storia e le riflessioni di uno chef sui suoi rapporti in particolar modo con la figlia bambina che è per lui una sorta di centro di gravità permanente (come direbbe Battiato) e con la compagna. Il problema è che queste d ...(continue)

    Di fatto il libro racconta la storia e le riflessioni di uno chef sui suoi rapporti in particolar modo con la figlia bambina che è per lui una sorta di centro di gravità permanente (come direbbe Battiato) e con la compagna. Il problema è che queste due figure femminili e in generale tutti i personaggi del libro appaiono come pretesti per le sue riflessioni, ma non hanno spessore, sono pochissimo caratterizzate.
    E' chiaro che l'intento non è raccontare di loro, ma del protagonista/voce narrante, però l'esito non è sempre felice. A tratti le sue riflessioni sono stucchevoli, altre decisamente antipatiche. Il tutto condito con una vena di auto-giustificazione che è vero che è sempre un po' presente nei romanzi in prima persona, ma qui, a mio parere, un po' troppo.

    Is this helpful?

    LaCitty said on Jul 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Un veloce excursus di un uomo che ritrova se stesso nella sua essenza di padre, più che in quella di marito/compagno/amante di una donna che ha perso fiducia negli uomini e che non si riconosce nel suo essere amante/moglie/madre. Una crisi di identit ...(continue)

    Un veloce excursus di un uomo che ritrova se stesso nella sua essenza di padre, più che in quella di marito/compagno/amante di una donna che ha perso fiducia negli uomini e che non si riconosce nel suo essere amante/moglie/madre. Una crisi di identità, la loro, comune a tante coppie che, prese nel vortice di una vita in cui è 'obbligatorio' apparire più che essere all'insegna di una felicità fittizia "a basso costo" e quindi mai reale, non hanno più difese né riescono a vedere oltre la propria (in)felicità.
    Per lui, padre, l'unica certezza o meglio "il compimento" perfetto del suo agire è rappresentato da Anita, quella figlia da cui sa trarre la forza per sentirsi concreto in una vita di vanità; la sua esperienza gli offre la possibilità di far maturare la sua coscienza anche se, spesso, i 'Demoni' del vivere quotidiano lo (at)traggono in inganno. “Forse vivere assieme a un altro essere umano significa proprio questo: rendersi responsabili delle proprie ellissi, delle scelte riguardo alle cose che si ritiene possibile passare sotto silenzio, quelle omissioni necessarie al racconto di una vita in comune.” Così è necessario riconoscersi in un altro essere, per copletare il proprio ciclo di vita e per offrire la certezza, più che la speranza, di riuscire ad affrontare la vita con la migliore disposizione, in un 'nascere e rinascere' salvifico per sé e per l'altro da sé generato dal primo, a dispetto del 'dolore' attraverso il quale passa l'esperienza della vita stessa: “Il trauma è un’esperienza della massima efficacia. Il trauma è l’esperienza, il trauma è l’efficacia”
    Da un presente comune vissuto in simbiosi, la mente risale ad un passato di crescita personale per protendersi, alla fine, verso un futuro riservato solo alla figlia: ecco la sintesi di una vita fortemente vissuta perché il 'cerchio' possa chiudersi senza rimpianti: “Le lascerò il piccolo dramma di un uomo cui non riusciva, per quanto si sforzasse, di conciliare la fedeltà del padre con la fedeltà a se stesso? Ma forse no. Forse sarà tutto più semplice, più lieve, più sereno. Forse mia figlia...ritroverà...il ricordo...”

    Is this helpful?

    Gabbiano said on Jul 15, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (140)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • eBook 208 Pages
  • ISBN-10: 8858763262
  • ISBN-13: 9788858763261
  • Publisher: Bompiani
  • Publish date: 2013-10-xx
  • Also available as: Paperback
Improve_data of this book

Groups with this in collection