Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il più grande uomo scimmia del Pleistocene

By Roy Lewis

(173)

| Hardcover

Like Il più grande uomo scimmia del Pleistocene ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Il libro che avete fra le mani è uno dei più divertenti degli ultimi cinquecentomila anni" ha scritto Terry Pratchett. E' vero, tanto tempo è passato, da quando vissero Ernest, il narratore di questo libro, con la sua ingegnosa famiglia, dal padre E Continue

"Il libro che avete fra le mani è uno dei più divertenti degli ultimi cinquecentomila anni" ha scritto Terry Pratchett. E' vero, tanto tempo è passato, da quando vissero Ernest, il narratore di questo libro, con la sua ingegnosa famiglia, dal padre Edward, che fu senza dubbio "il più grande uomo scimmia del Pleistocene", a quell'amabile reazionario di zio Vania, che tornava sempre a vivere sugli alberi, a quel viaggiatore incallito dello zio Ian, per non parlare delle ragazze. Un curioso gruppetto, che si trovò, sotto la guida del grande Edward, nella delicata situazione di chi dà all'evoluzione una spinta che non si riequilibrerà mai: la spinta da cui siamo nati tutti noi. Ragionando con impeccabile acume scientifico, nonchè un delizioso humour freddo, Edward e i suoi scoprirono "alcune delle cose più pericolose su cui la specie umana abbia messo le mani: il fuoco, la lancia, il matrimonio e così via", sempre sulla base di una elementare esigenza: quella di "cucinare senza essere cucinati e mangiare senza essere mangiati". E naturalmente non mancarono le dispute e i crucci, perchè ogni volta si poteva discutere se quelle nuove invenzioni erano davvero buone o cattive, se non rischiavano di sfuggire al controllo e soprattutto se non andavano un pò troppo contro la natura. Mah ...
Pubblicato per la prima volta nel 1960, e poi ripreso più volte sotto vari titoli, questo libro si è fatto strada silenziosamente fra i classici della fantascienza a ritroso. Ma in realtà è un libro inclassificabile: una riflessione romanzesca, acutissima e leggera, su tutta la storia dell'umanità, contrassegnata in ogni dettaglio da quella limpidezza e da quell'ironia che appartengono alla migliore tradizione letteraria e scientifica inglese. Quando il celebre biochimico Jacques Monod lesse questo libro, segnalò all'autore uno o due errori tecnici, subito aggiungendo "che non importavano niente perchè la lettura del libro l'aveva fatto ridere tanto che era caduto da un cammello in mezzo al Sahara".

801 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    T. Pratchett ritiene il libro uno dei più divertenti degli ultimi 500K anni. Io lo trovo anche istruttivo, commovente e drammatico.

    Is this helpful?

    Vandebeers said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Terry Pratchett ha detto che "è uno dei romanzi più divertenti degli ultimi 500.000 anni". No. E' brillante, ma non l'ho trovato particolarmente divertente. Forse l'ironia è cambiata negli anni, non so, ma a me ha strappato solo qualche sorriso.

    Is this helpful?

    la zia bea said on Sep 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro simpatico per spiegare parte dell'evoluzione umana in modo anticonvenzionale, ma a parte questo non l'ho trovato divertentissimo e imperdibile come sostiene Terry Pratchett nella prefazione.

    Is this helpful?

    Flavietta said on Sep 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Anacronistico e dissacrante...

    Magari non sarà proprio - come recita la quarta di copertina - uno dei libri più divertenti degli ultimi cinquecentomila anni, ma è certamente geniale per la forma, quasi profetica, di voler rappresentare un futuro che ancora non era che soltanto un ...(continue)

    Magari non sarà proprio - come recita la quarta di copertina - uno dei libri più divertenti degli ultimi cinquecentomila anni, ma è certamente geniale per la forma, quasi profetica, di voler rappresentare un futuro che ancora non era che soltanto un frutto di qualche audace, primordiale astrazione. Un "Pleistocene" molto, molto vicino a noi.

    Is this helpful?

    Roberto Anzaldi said on Sep 9, 2014 | 1 feedback

Book Details

Improve_data of this book