Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

11 settembre

Di ,

Editore: Marco Tropea (I tigli)

3.7
(224)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 124 | Formato: Paperback

Isbn-10: 884380362X | Isbn-13: 9788843803620 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Marco Pensante , Pino Modola , Irene Piccinini

Genere: History , Political , Social Science

Ti piace 11 settembre?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il mattino del 12 settembre i quotidiani del mondo intero titolano in tutte le lingue: "Attacco all'America". Un messaggio la cui forza sconvolgente non è dovuta soltanto all'entità della sciagura, ma anche alla novità assoluta dell'attentato al World Trade Center e al Pentagono. Questo libro raccoglie gli interventi di Noam Chomsky nel mese successivo a quel martedì. Si può vincere il terrorismo? Chi è il nemico che ha lanciato l'attacco? A queste domande e a molte altre l'autore risponde scansando le interpretazioni troppo semplicistiche che sono state avanzate, su fronti opposti, nelle stesse settimane. Chomsky propone una visione complessa dei rapporti fra America, Europa e Oriente, ricordandoci eventi del passato.
Ordina per
  • 2

    Quasi tre stelle....

    La parziale delusione, più che per i contenuti, che sicuramente ci sono, viene dal fatto di essere un libro costituito da un insieme di interviste rilasciate da Chomsky pochi giorni dopo il tremendo attentato alle torri gemelle:se le opinioni espresse rispecchiano un equilibrio incredibile per es ...continua

    La parziale delusione, più che per i contenuti, che sicuramente ci sono, viene dal fatto di essere un libro costituito da un insieme di interviste rilasciate da Chomsky pochi giorni dopo il tremendo attentato alle torri gemelle:se le opinioni espresse rispecchiano un equilibrio incredibile per essere giudizi dati cosi a caldo la stessa cosa non si può dire della realizzazione del saggio, con troppe domande e risposte ripetute e a volte sovrapposte.

    Anche se so benissimo che si tratta di una raccolta di interviste rilasciate da Noam si sarebbe potuta fare più attenzione nell'evitare di proporre nel libro domande e risposte fotocopia....

    Per il resto un saggio che merita, dotato di una grandissima analisi e di una invidiabile imparzialità.

    Peccato per la realizzazione....

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Datato

    Sono interviste date da Chomsky una decina di giorni dopo l'11 settembre. Non aveva una visione di insieme e quindi sono un po' datate. Inoltre il libro è un mera operazione commerciale perchè bene o male le cose che dice sono le stesse in ogni intervista, e non potrebbe essere altrimenti visto c ...continua

    Sono interviste date da Chomsky una decina di giorni dopo l'11 settembre. Non aveva una visione di insieme e quindi sono un po' datate. Inoltre il libro è un mera operazione commerciale perchè bene o male le cose che dice sono le stesse in ogni intervista, e non potrebbe essere altrimenti visto che sono tutte state realizzate intorno al 20 settembre.

    ha scritto il 

  • 3

    L'11 Settembre è stato un argomento che mi ha sempre attratto e affascinato, sia perché lo considero un evento storico che ha cambiato il mondo e l'umanità come pochi, sia perché mi sono fatto sempre più l'idea che tra quello che l'opinione pubblica sa e quello che è realmente accaduto quel giorn ...continua

    L'11 Settembre è stato un argomento che mi ha sempre attratto e affascinato, sia perché lo considero un evento storico che ha cambiato il mondo e l'umanità come pochi, sia perché mi sono fatto sempre più l'idea che tra quello che l'opinione pubblica sa e quello che è realmente accaduto quel giorno c'è un'enorme differenza. Chomsky viene spesso indicato tra gli intellettuali moderni più critici nei confronti della politica americana, e in effetti lo conferma in questa serie di interviste rilasciate nelle settimane immediatamente successive all'attacco al WTC. Vengono fatti molti esempi di come gli stessi USA, nel passato, si possono considerare uno stato terroristico alla stregua dei cosiddetti "stati canaglia". Tuttavia, essendo uscito nel 2001, questo lavoro sente tutto il peso degli anni passati e si rivela meno appassionante del previsto per il lettore che, come me, si avvale del senno del poi. In ogni caso, le idee di Chomsky mi incuriosiscono, quindi leggerò certamente qualcos'altro.

    ha scritto il 

  • 0

    -oh ma non hai da studiare?
    ma sì faccio l'aerosol e vado


    [stracciamaroni come solo al cinema
    quando c'è quello che entra quando vuole lui


    e col suo testone e col suo cappotto copre
    tutto lo schermo]


    [e tu non gli puoi dire niente perché come minimo
    o ha un tesserino o grosso ...continua

    -oh ma non hai da studiare? ma sì faccio l'aerosol e vado

    [stracciamaroni come solo al cinema quando c'è quello che entra quando vuole lui

    e col suo testone e col suo cappotto copre tutto lo schermo]

    [e tu non gli puoi dire niente perché come minimo o ha un tesserino o grosso com'è

    ti fa passare la voglia di mostrare le tue gengive al mondo]

    ["gengiva" per me è una parola come lontananza per Leopardi - non so se si capisce]

    ha scritto il 

  • 4

    ..'la cosa importante è non rimanere intimiditi dalle farneticazioni isteriche nè dalle bugie e mantenersi il più vicino possibile alla verità , all'onestà e alla responsabilità perle conseguenze umane di ciò che facciamo o non facciamo.' Chomsky da leggere, sempre

    ha scritto il 

  • 4

    Per evitare di ragionare sull'onda del momento... Si legge in fretta ma non si dimentica facilmente. Ogni volta che leggo un libro di Chomsky mi sembra di poter essere meno inutile e banale.

    ha scritto il 

  • 3

    Si. Non é particolarmente difficile pensare che a furia di CIA
    e Cile
    e colpi di stato pilotati
    e signori della guerra armati e finaziati,
    alla fine non si capisce come,
    ma sta roba uno se l' é abbastanza cercata e magari poi fra dieci anni...
    i servizi segreti deviati e sai tu che cazzo. ...continua


    Si. Non é particolarmente difficile pensare che a furia di CIA e Cile e colpi di stato pilotati e signori della guerra armati e finaziati, alla fine non si capisce come, ma sta roba uno se l' é abbastanza cercata e magari poi fra dieci anni... i servizi segreti deviati e sai tu che cazzo.

    Fatto sta che a un corso di aggiornamento di ingegneria applicata alle costruzioni in zona sismica, un illustre docente non é stato in grado di dare risposta al mio quesito: "Se il combustibile di un Boeing 747 é contenuto nei serbatoi alari e non vi é dubbio che dette ali nell' impatto sono precipitate in strada tranciate dalle nervature metalliche dell' edificio, quale combustibile ha reso plastiche le strutture verticali delle Twin towers?"....... ............. .............

    ha scritto il 

  • 3

    Sebbene condivida ampiamente le idee di Chomsky (e forse proprio per questo) non voglio giudicarle.
    Giudico la forma del libro che non mi è piaciuta granché.
    La raccolta di interviste, rilasciate poi, in un periodo così breve, lascia al lettore la sensazione che C. continui a ripetere g ...continua

    Sebbene condivida ampiamente le idee di Chomsky (e forse proprio per questo) non voglio giudicarle.
    Giudico la forma del libro che non mi è piaciuta granché.
    La raccolta di interviste, rilasciate poi, in un periodo così breve, lascia al lettore la sensazione che C. continui a ripetere gli stessi concetti per tutto il libro in maniera quasi compulsiva.
    Leggete qualcos'altro di C. e godete.

    ha scritto il