Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

127 ore intrappolato dalla montagna

Di

Editore: Rizzoli

3.9
(132)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 349 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Chi tradizionale , Francese , Olandese

Isbn-10: 8817048631 | Isbn-13: 9788817048637 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Massimo Cappon

Disponibile anche come: Altri

Genere: Biography , Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace 127 ore intrappolato dalla montagna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Qualche giorno di ferie, un viaggio organizzato che salta e Aron, un giovane ingegnere americano, ne approfitta per dedicarsi alla sua passione di sempre: le scalate. Arrampicatore esperto che non teme di uscire in solitaria, improvvisa un’escursione nel Blue John Canyon, nello Utah. Lascia detto solo quando ritornerà, ma non dove è diretto: una leggerezza che si trasforma in un pericolo mortale. Mentre scende in un canyon, sceglie un appoggio instabile e si ritrova sul fondo, con il braccio bloccato dal peso di un enorme masso. A nulla vale provare a smuovere la roccia o inciderla con il coltellino multiuso. Presto Aron deve arrendersi all’evidenza: è intrappolato, ha cibo e acqua per un giorno solo e nessuno sa dove si trova. Quanto può sopravvivere un uomo nel deserto? si chiede contando ansiosamente le ore. Almeno cinque lunghi giorni, durante i quali i tentativi di liberarsi cedono pian piano il passo alla disidratazione, alla stanchezza, alle allucinazioni, ma anche al ricordo di tante avventure e degli affetti che lo aspettano. È proprio la decisione di tornare a ogni costo dai suoi cari a guidarlo verso un gesto estremo: quando Aron capisce che le prossime ore gli saranno fatali, con una lama si amputa il braccio e inizia una corsa contro il tempo per risalire le ripide pareti e trovare aiuto prima di morire dissanguato. 127 ore è il racconto drammatico e coinvolgente di un’esperienza estrema, di un coraggio che supera ogni ostacolo. Ma soprattutto è la testimonianza di una passione inesauribile per la vita, per la bellezza della natura e per la montagna più aspra, quella che pone l’uomo di fronte a sfide incredibili e gli fa scoprire la forza della determinazione. La stessa che ha salvato Aron e lo ha portato a riprendere le scalate.
Ordina per
  • 4

    Tratto da una storia vera, quella di Aron Ralston, ragazzo americano che nel 2003 è rimasto intrappolato in un canyon per 5 giorni. Allo stremo delle forze, senza più acqua nè cibo, in preda a quell'unico istinto di sopravvivenza che può salvarti, Aron si è amputato il braccio ed è tornato alla v ...continua

    Tratto da una storia vera, quella di Aron Ralston, ragazzo americano che nel 2003 è rimasto intrappolato in un canyon per 5 giorni. Allo stremo delle forze, senza più acqua nè cibo, in preda a quell'unico istinto di sopravvivenza che può salvarti, Aron si è amputato il braccio ed è tornato alla vita 'nascendo' una seconda volta. La sua storia ha fatto il giro del mondo e la sua passione per la montagna e le scalate lo hanno spinto di nuovo verso l'avventura,anche con una mano sola.

    ha scritto il 

  • 0

    Dopo aver visto il film ho provato a leggere il libro... a mio giudizio cosa infattibile. Va bene solo ed esclusivamente se siete patiti di natura ed escursioni e quindi amate perdervi nel resoconto delle avventure più estreme e pericolose che vi vengano in mente. Personalmente non sono il tipo e ...continua

    Dopo aver visto il film ho provato a leggere il libro... a mio giudizio cosa infattibile. Va bene solo ed esclusivamente se siete patiti di natura ed escursioni e quindi amate perdervi nel resoconto delle avventure più estreme e pericolose che vi vengano in mente. Personalmente non sono il tipo e tutto quello che mi è venuto in mente leggendo il libro è stato che prima o poi doveva capitare (della serie era stato ampiamente avvertito).

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    127 ore è un libro dal ritmo piuttosto lento, forse perché nella metà dei capitoli il protagonista è bloccato da un masso in fondo ad un canyon. Si velocizza un po' alla fine, rendendo la lettura più piacevole. Avevo già visto il film e stavolta non sono potuta correre a rifugiarmi da qualche par ...continua

    127 ore è un libro dal ritmo piuttosto lento, forse perché nella metà dei capitoli il protagonista è bloccato da un masso in fondo ad un canyon. Si velocizza un po' alla fine, rendendo la lettura più piacevole. Avevo già visto il film e stavolta non sono potuta correre a rifugiarmi da qualche parte al momento della descrizione dell'amputazione del braccio...mi ha fatto un po' senso...

    ha scritto il 

  • 4

    So much more than the film

    I was fascinated by Aron's story so I bought the book and want to know how he describes from his own personal experience. It turned out that he writes about a lot of his trips before the accident - he could have died a thousand times because he just likes thrills and excitement. He is touched by ...continua

    I was fascinated by Aron's story so I bought the book and want to know how he describes from his own personal experience. It turned out that he writes about a lot of his trips before the accident - he could have died a thousand times because he just likes thrills and excitement. He is touched by Chris McCandless's story. Me too! So I feel like I've struck a chord with Aron and I feel I can totally relate to his experiences.

    What I didn't expect is that I cried again reading the part about his mum. Gosh I've changed to becoming a mellow person now. When I was alone in a foreign land, I always remind myself of Aron's story and I keep telling myself to stay safe. I've changed. Not the person who just wants to seek exitement anymore.

    English is my second language and his writing is a little bit hard for me to follow.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    La storia è così incredibile e assurda che se fosse stato un romanzo avremmo detto che non è credibile!
    Invece è tutto vero. Pazzescamente vero!

    La scelta fatta dall'autore è estrema e non puoi, leggendo, domandarti continuamente: "cosa avrei fatto io?" "Ne avrei avuto il coraggio?" ...continua

    La storia è così incredibile e assurda che se fosse stato un romanzo avremmo detto che non è credibile!
    Invece è tutto vero. Pazzescamente vero!

    La scelta fatta dall'autore è estrema e non puoi, leggendo, domandarti continuamente: "cosa avrei fatto io?" "Ne avrei avuto il coraggio?" Non lo so.
    A pensarci a mente lucida mi sembra impossibile. Ma lì la situazione era tutt'altro che normale, le condizioni estreme e credo che lo spirito di soppravvivenza alla fine sia l'istinto più forte e ci porti a fare tutto ciò che è in nostro potere per non soccombere. Vivere è la priorità assoluta. Ed è giusto che sia così.

    Certo nel libro ci sono anche molti altri racconti della sua vita ed è difficile non pensare che tutto sommato l'incoscienza (a volte anche stupida) sia stata troppo spesso la compagna di questo ragazzo.
    Che pazzescamente però si è trovato a lottare contro la morte in quello che probabilmente avrebbe dovuto essere solo una "passeggiata" da sabato pomeriggio!

    ha scritto il 

  • 0

    下面這一段,讓我非常──震撼。
      
    艾倫說的一點也沒錯。很多事情之所以會發生,或許不是我們應得的──卻是我們花了很長時間才走到的。
      
    換句話說,它是應我們希望而生的。
      

      
      「我,恨,你們!」我一邊逐字念出來,一邊用左手掌拍打這可惡的石頭,霎時熱淚盈眶。
      
      怒吼的回音在峽谷響起,然後消失的無聲無息。此刻,另一個聲音在我腦海冷酷地想起。
      
      那個石頭在那裡做它該做的事。石頭滾落,那是它們的本性。它只做了大自然都會做 ...continua

    下面這一段,讓我非常──震撼。
      
    艾倫說的一點也沒錯。很多事情之所以會發生,或許不是我們應得的──卻是我們花了很長時間才走到的。
      
    換句話說,它是應我們希望而生的。
      

      
      「我,恨,你們!」我一邊逐字念出來,一邊用左手掌拍打這可惡的石頭,霎時熱淚盈眶。
      
      怒吼的回音在峽谷響起,然後消失的無聲無息。此刻,另一個聲音在我腦海冷酷地想起。
      
      那個石頭在那裡做它該做的事。石頭滾落,那是它們的本性。它只做了大自然都會做的事。這冥冥之中都安排好了,它在等著你。若沒有你過來動它一下,它仍然會卡在那裡,誰知要卡多久?是你幹的好事,艾倫。你自找的。你選擇今天來這裡;你選擇單獨一個人在峽谷做下降;你選擇不要告訴任何人你的行蹤;你選擇拒絕女性夥伴給你的建議讓你自己陷入麻煩,你創造這個意外。也是你想要事情變成這樣。從很久以前開始,你就朝這個狀況前進。看你走的多遠才發現這景點?這不是你應得的──而是你想要的。
      
      -《127小時》p101

    http://blog.sina.com.tw/su1977/article.php?pbgid=1913&entryid=610876

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia straordinaria, al limite delle possibilità umane. Il libro scava dentro la psicologia del protagonista fornendo dettagli importanti sul suo modo di concepire il rapporto uomo/montagna. Merita ben di più dell'omonima interpretazione cinematografica.

    ha scritto il 

  • 5

    Love will Keep us Alive

    Dopo la lettura del resoconto della disavventura di Aron Rolston, asciugandomi le lacrime continuavo a pensare alla canzone degli Eagles, scritta da Paul Carrack "Love will keep us alive", L'amore ci terrà vivi, perchè io inizialmente credevo che Aron avesse superato l'orribile avversità occorsag ...continua

    Dopo la lettura del resoconto della disavventura di Aron Rolston, asciugandomi le lacrime continuavo a pensare alla canzone degli Eagles, scritta da Paul Carrack "Love will keep us alive", L'amore ci terrà vivi, perchè io inizialmente credevo che Aron avesse superato l'orribile avversità occorsagli per istinto di sopravvivenza. Dopo la lettura mi sono ricreduta, quello che lo ha salvato, che gli ha dato la forza di non darsi mai per vinto e di fare determinate scelte è stato l'Amore. Bellissima lettura. Fa riflettere molto e ripensare alle priorità della vita e aiuta a dar meno peso a tutto quell'insieme di piccole cose che ci creano stress quotidiano.

    ha scritto il 

  • 4

    mi sono ricreduta leggendolo

    All'inizio non mi aveva preso molto, in quanto io di alpinismo e scalate non sono molto informata.
    Andando avanti invece la cosa mi ha entusiasmato,il protagonista ( è una storia vera) si mette a confronto con se stesso, contro i suoi limiti, a livello fisico e psicologico. Mentre lo leggi ...continua

    All'inizio non mi aveva preso molto, in quanto io di alpinismo e scalate non sono molto informata.
    Andando avanti invece la cosa mi ha entusiasmato,il protagonista ( è una storia vera) si mette a confronto con se stesso, contro i suoi limiti, a livello fisico e psicologico. Mentre lo leggi pensi.. " ma io ci sarei riuscita?". Alla fine mi sono perfino commossa perchè mi sono immedesimata.
    Bello veramente!

    Ps: berrete tantissimo leggendo questo libro

    ha scritto il 

  • 5

    Ultimo libro del 2011, che si conclude perciò con un 5 stelline - (il 'meno' è solo per la parte iniziale, in cui ho leggermente faticato ad ingranare).


    Dalle recensioni che avevo letto qua e là (e su anobii) dopo aver visto il film al cinema mesi fa, mi aspettavo un libro a tratti monoton ...continua

    Ultimo libro del 2011, che si conclude perciò con un 5 stelline - (il 'meno' è solo per la parte iniziale, in cui ho leggermente faticato ad ingranare).

    Dalle recensioni che avevo letto qua e là (e su anobii) dopo aver visto il film al cinema mesi fa, mi aspettavo un libro a tratti monotono, fastidioso da quanto autocelebrativo, irritante.
    Devo dire che, invece, questo libro mi è piaciuto e molto (anche più del film), tant'è che mi sono ritrovata a leggere le ultime 120 pagine quasi tutte d'un fiato, pur sapendo già come sarebbe andato a finire.
    Non ho trovato superbia nel racconto dell'autore - e nemmeno troppo nelle sue avventure, in realtà, quanto piuttosto eccessiva intraprendenza e fiducia nelle proprie capacità, e sconsideratezza (mi chiedo ancora come possano averlo definito 'persona molto responsabile' nell'allarme radio... gran parte dei guai in cui si è cacciato sono stati dettati solo da desiderio di adrenalina e da una certa scarsa considerazione del pericolo!).
    Tuttavia, mi è piaciuto il fatto che non abbia nascosto proprio nulla di quello che ha fatto, sia in positivo che in negativo, e che nel purgatorio del Blue John rifletta sul fatto che 'ho sempre pensato di essere quello che sono per quello che ho fatto [...] Ma non è così...' senza escludere però in seguito la propria passione ed abilità per l'alpinismo e l'arrampicata.
    La sua esperienza mi ha fatto riflettere e mi ha tenuta incollata, anche per il realismo che trasuda dalle pagine, grazie alle descrizioni così precise e puntigliose. A tratti davvero commovente, ottimo modo per terminare l'anno.

    ha scritto il 

Ordina per