Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

1974

By David Peace

(250)

| Paperback | 9788882371180

Like 1974 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Inverno 1974. Ed Dunford ha ottenuto il lavoro che ha sempre sognato: corrispondente di cronaca nera per lo Yorkshire Post. La piccola Clare Kemplay è scomparsa a Morley; qualche tempo dopo viene ritrovato il suo corpo, con evidenti segni di violenza Continue

Inverno 1974. Ed Dunford ha ottenuto il lavoro che ha sempre sognato: corrispondente di cronaca nera per lo Yorkshire Post. La piccola Clare Kemplay è scomparsa a Morley; qualche tempo dopo viene ritrovato il suo corpo, con evidenti segni di violenza. Per Dunford il caso diventa un'ossessione e così comincia a indagare il legame con altri due casi simili di bambine scomparse.Davanti ai suoi occhi si delinea la figura di un serial killer. Tensione, false piste e indagini deviate per una caccia all'assassino che diventa quasi un pretesto per affondare il bisturi nel corpo malato di un'Inghilterra dipinta nelle sue atmosfere fatte di alcol e pioggia, disagio sociale e cultura punk, intolleranza e menzogne.

63 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    David Peace, nei primi anni 2000, scrive la tetralogia del Red Riding, quattro romanzi ambientati in Inghilterra ispirati a fatti realmente accaduti, che fanno l'eco al lavoro di Ellroy, e dovrebbero essere per lo Yorkshire quello che l'opera dell'am ...(continue)

    David Peace, nei primi anni 2000, scrive la tetralogia del Red Riding, quattro romanzi ambientati in Inghilterra ispirati a fatti realmente accaduti, che fanno l'eco al lavoro di Ellroy, e dovrebbero essere per lo Yorkshire quello che l'opera dell'americano è stata per Los Angeles.
    Il primo volume è 1974, vede come protagonista un giornalista in carriera alle prese con una storia lugubre e perversa: le pagine volano, ma i caratteri restano abbozzati, e le motivazioni incomprensibili.
    È difficile spiegare perchè il protagonista si incaponisca tanto su questa vicenda, è inspiegabile come mantenga la sanità mentale con tutto quello che gli capita (il problema è che il libro vorrebbe mantenere un certo realismo, non c'è quella sospensione di incredulità dei romanzi di Dashiel Hammet che ti consente di passare sopra ad un protagonista imbattibile) ed è un peccato, perchè la trama avrebbe davvero consentito di sviluppare un affresco di grande respiro, di parlare dettagliatamente dell'Inghilterra degli anni '70 anziché lasciare che un pugno di brani al Jukebox fossero l'unico contributo nel dipingere un'epoca e di tratteggiare bene i tanti personaggi che costellano il libro.
    Un page-turner solido, da intrattenimento, nulla di più.

    Is this helpful?

    Giuliano Palumbo said on Sep 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    David Peace

    Mediamente truce (Ellroy è molto più cattivo), 1974 è un hard boiled “marlowiano” dove l’investigatore (in questo caso un giornalista) si degrada fisicamente e moralmente dal principio della storia, fino a precipitare in caduta libera verso gl ...(continue)

    Mediamente truce (Ellroy è molto più cattivo), 1974 è un hard boiled “marlowiano” dove l’investigatore (in questo caso un giornalista) si degrada fisicamente e moralmente dal principio della storia, fino a precipitare in caduta libera verso gli schianti conclusivi. Il protagonista deve diventare “duro” per affrontare il proprio destino; ma per quanto la sua pelle s’inspessisca, continuerà ad essere suonato come un tamburo da una miriade di poliziotti veramente perfidi e assetati di sangue. Il potere è il Male, del quale le forze dell’ordine sono il violentissimo cane da guardia. Il romanzo è un page turner basato sul dialogo, che ricorda una sceneggiatura cinematografica. L’intrico è complicato ma alcune anticipazioni lo svelano anzitempo; comunque sia, nell’economia del testo è data più importanza alla discesa agli inferi del protagonista piuttosto che alla vicenda raccontata; stratagemma di per sé interessante, ma purtroppo malamente sostenuto dalla scrittura. Tutto sommato pare privo di un senso ultimo.
    Primo di una quadrilogia dalla quale è tratta la miniserie britannica Red Riding, spesso paragonata a True Detective.

    Is this helpful?

    Ubiqua said on Sep 4, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Forte come un pugno sui denti
    Duro come un bastone sulle orecchie
    Bella scoperta

    Is this helpful?

    Erredi said on Aug 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Colpi di scena da telenovela, ma tarantiniana.
    Ci si mena di brutto.
    Stile interessante, velocissimo, ansiogeno, un po’ confuso.
    Ma non penso proprio di leggere altro di questo Autore.

    Is this helpful?

    Momi said on Aug 3, 2014 | 3 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    The Man Who Sold The World

    Questo libro è uno dei motivi per cui sono contenta di stare su anobii (a discapito del recente acquisto Mondadori, dei marpioni e dei vari e numerosi mal funzionamenti). Perché se non avessi letto una recensione che mi ha colpito, probabilmente non ...(continue)

    Questo libro è uno dei motivi per cui sono contenta di stare su anobii (a discapito del recente acquisto Mondadori, dei marpioni e dei vari e numerosi mal funzionamenti). Perché se non avessi letto una recensione che mi ha colpito, probabilmente non avrei mai posato gli occhi su di lui. E così non avrei letto un libro davvero interessante. Spietato, essenziale e piacevolmente caotico, 1974 è un bel libro che colpisce lo stomaco e fa fare brutti sogni. Il linguaggio "poliziesco", i personaggi anni '70 e l'intreccio complicato ti trascinano in una spirale di aspettativa che ti lascia senza fiato. Consigliato, per stomaci forti.

    Is this helpful?

    Laura8009 said on Mar 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    'pioveva talmente forte ormai che l'intera città sembrava sommersa dall'acqua. cristo, magari. avrei tanto voluto che la pioggia affogasse tutta quella gente e si portasse via quella città del cazzo.'

    una pioggia sporca e incessante alla 'blade runn ...(continue)

    'pioveva talmente forte ormai che l'intera città sembrava sommersa dall'acqua. cristo, magari. avrei tanto voluto che la pioggia affogasse tutta quella gente e si portasse via quella città del cazzo.'

    una pioggia sporca e incessante alla 'blade runner', male e orribili segreti annidati ovunque alla 'twin peaks', la leeds industriale dei '70 popolata solo da infelici con vite devastate, una scrittura dura, frenetica, azione che inizia sopra ad azione non ancora terminata. non contano i molti personaggi e lo sviluppo intricato: questo è un noir cazzuto!

    Is this helpful?

    marcomaffei12 said on Feb 6, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book