Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

1984

Di

Editore: Mondadori (Oscar, 454 - Oscar Narrativa, 45)

4.5
(31272)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 342 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Russo , Chi semplificata , Chi tradizionale , Portoghese , Tedesco , Norvegese , Catalano , Olandese , Giapponese , Svedese , Ungherese , Polacco , Sloveno , Greco , Basco , Galego , Ceco , Danese , Indiano (Hindi) , Turco

Isbn-10: A000199228 | Data di pubblicazione:  | Edizione 8

Traduttore: Gabriele Baldini ; Curatore: Aldo Chiaruttini

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri , Rilegato in pelle , eBook

Genere: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Ti piace 1984?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Oscar 454-Oscar narrativa 45 (I ed. Apr.1973)

7° Ristampa: dic. 1983
Nuova copertina con sottotitolo: "L'anno che stiamo per vivere raccontato 36 anni fa nella più famosa delle profezie".

9° Ristampa: marzo 1984
stessa copertina con sottotitolo "L'anno che stiamo vivendo raccontato 36 anni fa nella più famosa delle profezie".

* * *

>
Ordina per
  • 4

    Anacronistico genio.

    Ho paura di non riuscire a trovare le parole adatte a descrivere questo libro e ciò che ha suscitato in me. Delusione? Esaltazione? Dipende da come lo guardo. Se infatti considero l'intreccio e la tra ...continua

    Ho paura di non riuscire a trovare le parole adatte a descrivere questo libro e ciò che ha suscitato in me. Delusione? Esaltazione? Dipende da come lo guardo. Se infatti considero l'intreccio e la trama non posso dire che mi abbia appassionato più di tanto: la storia è piuttosto monotona e non sono riuscita ad entrare in sintonia con i protagonisti, Winston, un uomo abbastanza mediocre e che mi ha lasciato un senso quasi di ribrezzo, e Julia, un'ochetta pronta alla ribellione tanto per, senza un motivo profondo e radicato. D'altronde non posso non riconoscere la grandezza di questo libro da un punto di vista idealistico, che è senza dubbio il più importante.Letto oggi molti dei fatti spiegati e raccontati sembrano quasi banali, scontati, ma se si considera che é stato scritto nel 1950 fa venire quasi i brividi per la sua eversività e per la sua brillantezza. Senza tralasciare lo stile del mio amato Orwell che riuscirebbe a rendere semplice e interessante anche il libretto di istruzioni del forno a Microonde. Grazie Orwell per l'ennesima tua perla. Ovviamente continuerò a leggere i tuoi capolavori.

    ha scritto il 

  • 5

    Da leggere assolutamente

    Dopo averlo iniziato e interrotto dopo appena 50 pagine, finalmente sono riuscito a leggerlo per intero. Un libro monumentale, che riesce a mostrare un intero mondo distopico che a tratti non di disco ...continua

    Dopo averlo iniziato e interrotto dopo appena 50 pagine, finalmente sono riuscito a leggerlo per intero. Un libro monumentale, che riesce a mostrare un intero mondo distopico che a tratti non di discosta poi troppo da quello attuale. Ho apprezzato moltissimo il discorso legato alla neolingua e di come questa sia direttamente connessa alla capacità o meno di formulare un'idea e di esprimerla. A pensarci è tremendamente vero. Magistrali le descrizioni e la resa dello stato d'animo dei protagonisti, nonché l'atmosfera asfittica che caratterizza l'intera storia. Ho trovato un po' pesante l'inserzione del libro di Goldstein, forse non indispensabile per l'intera storia.
    Per un attimo ho sperato in un finale diverso, ma nonostante tutto è giusto che sia finito così.

    ha scritto il 

  • 4

    Letto da: Laura.

    Quanto mai attuale anche se non pare vero che si possa arrivare a tanto.Eppure, se ci guardiamo intorno qualche sintomo lo troviamo...
    Che lotta dura e' il cercare di ragionare con la ...continua

    Letto da: Laura.

    Quanto mai attuale anche se non pare vero che si possa arrivare a tanto.Eppure, se ci guardiamo intorno qualche sintomo lo troviamo...
    Che lotta dura e' il cercare di ragionare con la propria testa!

    ha scritto il 

  • 4

    George Orwell ti conduce in una società claustrofobica, un tunnel buio dal quale sembra impossibile poter uscire. Eppure, nonostante io non ami assolutamente i romanzi distopici, questo libro mi ha co ...continua

    George Orwell ti conduce in una società claustrofobica, un tunnel buio dal quale sembra impossibile poter uscire. Eppure, nonostante io non ami assolutamente i romanzi distopici, questo libro mi ha condotto fino alla fine legandomi a sé per mezzo del suo protagonista, Winston. E' questo per me il potere di questo romanzo, leggendolo noi tutti diventiamo Winston, il suo sentimento, la sua paura, l'approccio maldestro nell'iniziare il diario: il grido silenzioso che non può emettere. Entriamo nei suoi sogni, nel senso di colpa (era morta amandolo, quando lui era troppo piccolo ed egoista per amarla a sua volta); nella sua tristezza... nel suo sgomento ("ma come posso farne a meno..." piagnucolò, "come posso fare a meno di vedere quello che ho davanti agli occhi"...).
    Il racconto è così esasperato da andare oltre i limiti del possibile, eppure, dentro noi, va a toccare corde dolorose e vere che ci riportano ad orrori -reali e possibili- generati dall'uomo e dalla sua sete di potere e prevaricazione, in ogni tempo e in ogni dove. Orrori del passato di cui la storia è piena e orrori del presente purtroppo. Credo che chiuso il libro -nero-, Orwell possa davvero far apprezzare di più tutto ciò che abbiamo ed auspicare ad un mondo migliore dove esista e trionfi -sempre- il valore dei sentimenti e la dignità per ogni essere vivente.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro bellissimo ma anche molto angosciante. Il continuo senso di controllo e di paura vissuto dal protagonista, la descrizione dettagliata della vita delle persone e della società mi ha lasciato l ...continua

    Un libro bellissimo ma anche molto angosciante. Il continuo senso di controllo e di paura vissuto dal protagonista, la descrizione dettagliata della vita delle persone e della società mi ha lasciato l'amaro in bocca, anche perché oltre alla fantasia c'è anche molta realtà.

    ha scritto il 

  • 5

    2+2 a volte può fare anche 5

    Uno dei migliori romanzi che abbia mai letto, e tra l'altro uno dei primi in classifica su scala mondiale. Perchè oltre ad essere scritto benissimo, riesce a disegnare una realtà molto attuale, anche ...continua

    Uno dei migliori romanzi che abbia mai letto, e tra l'altro uno dei primi in classifica su scala mondiale. Perchè oltre ad essere scritto benissimo, riesce a disegnare una realtà molto attuale, anche se il libro è stato scritto nel '48 dove Orwell già immaginava come sarebbe stato il futuro (appunto nel 1984). La sua opera non rispecchia pienamente la realtà attuale ma si avvicina moltissimo. Un libro che va letto con estrema attenzione, così da poter capire in che direzione sta andando il mondo, soprattutto la situazione politica italiana ed europea, dove le guerre vengono chiamate missioni di pace e tante altre prese per i fondelli. Ma il libro non tratta solo di politica, ma anche e soprattutto dell'amore che, in questo ipotetico futuro, è addirittura vietato.

    "In fin dei conti, come facciamo a sapere che due più due fa quattro? O che la forza di gravità esiste davvero? O che il passato è immutabile? Che cosa succede, se il passato e il mondo esterno esistono solo nella vostra mente e la vostra mente è sotto controllo?"

    ha scritto il 

  • 4

    Testimone dell'era Totalitaria, Orwell, a pochi anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con conseguente caduta del Nazismo, crea una distopia in cui l'umanità è sotto il giogo di una forma poli ...continua

    Testimone dell'era Totalitaria, Orwell, a pochi anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con conseguente caduta del Nazismo, crea una distopia in cui l'umanità è sotto il giogo di una forma politica che del totalitarismo riprende tutti i più folli e criminali elementi, come la mistificazione della realtà e il rifiuto dei diritti umani, e che, ben lungi dall'accontentarsi di dominare ogni aspetto della vita privata e pubblica, ambisce al controllo totale del Partito non solo sui comportamenti manifesti dell'Uomo ma, a monte, sulla più istintiva interiorità umana (e, da lì, anche la razionalità).
    Il Partito assurge quasi a ruolo di Divinità: onnipresente giudice e plasmatore della realtà.
    Il suo "verbo" è qualcosa a cui tutti si devono adeguare, poiché la realtà è tale solo in quanto "percepita" dal cervello umano. E su quello e sui processi cognitivi il partito reclama totale dominio.
    Bene. In questo mondo da incubo e illiberale si svolgerà la storia dei protagonisti. Una storia che Orwell, memore dei tragici anni appena vissuti dall'umanità (il libro è del 1949), scrive come monito per tutti.
    Per ricordarci quanto importanti siano le nostre libertà e quanto poco saggio sia il darle per scontate.
    Poiché, per quanto possa sembrare assurdo il grado di sottomissione al quale tutta la popolazione mondiale è soggetta, non dobbiamo dimenticare che con Hitler e Stalin principalmente, ma non solo con loro, ci siamo andati molto vicino.
    Il libro non ha un lieto fine e lascia poche speranze per un riscatto dell'umanità.
    Ed è in questo che, secondo me, Orwell commette il suo errore di valutazione. Come diceva Hannah Arendt, in un regime totalitario, ogni nuova nascita è un atto politico e rivoluzionario (in potenza).
    Ogni nuova nascita introduce un elemento di novità potenzialmente destabilizzante, che non è detto possa essere eternamente sotto il controllo di un sistema fatto, non dimentichiamolo, da uomini fallibili.
    E questa è una forza che solo facendo autodistruggere l'umanità può essere contrastata. Ma il partito non lo farà mai: perché senza umanità distruggerebbe se stesso... mentre il suo scopo è sopravvivere.
    Dunque il punto debole sta proprio nel fatto che tutta la struttura è composta da uomini.

    Gran bel libro, scritto benissimo. Unico difetto: un po' prevedibile. Ma è proprio cercare il pelo nell'uovo, perché i pregi, in questo caso, sono altri.

    ha scritto il 

Ordina per