1984

By

Publisher: Chelsea House Publications

4.5
(33399)

Language: English | Number of Pages: 216 | Format: Library Binding | In other languages: (other languages) French , Spanish , Russian , Chi simplified , Chi traditional , Portuguese , Italian , German , Norwegian , Catalan , Dutch , Japanese , Swedish , Hungarian , Polish , Slovenian , Greek , Basque , Galego , Czech , Danish , Indian (Hindi) , Turkish

Isbn-10: 079109300X | Isbn-13: 9780791093009 | Publish date:  | Edition 2

Curator: Harold Bloom

Also available as: Paperback , Hardcover , Audio Cassette , Softcover and Stapled , Audio CD , Mass Market Paperback , Others , eBook , Leather Bound

Category: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Do you like 1984 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    attuale

    E' un romanzo inquietante soprattutto se si pensa che e' stato scritto nel 1948 e in qualche modo anticipa tante tematiche attuali. Molti pensieri sono condivisibili oggi e stiamo attenti:"il grande f ...continue

    E' un romanzo inquietante soprattutto se si pensa che e' stato scritto nel 1948 e in qualche modo anticipa tante tematiche attuali. Molti pensieri sono condivisibili oggi e stiamo attenti:"il grande fratello ci guarda.".....

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    finale deludente

    leggendo le recensioni degli altri lettori ho l'impressione di essere l'unico che è rimasto deluso dal finale, un finale che mi ha sinceramente deluso, un finale che è la vittoria del sistema che Wins ...continue

    leggendo le recensioni degli altri lettori ho l'impressione di essere l'unico che è rimasto deluso dal finale, un finale che mi ha sinceramente deluso, un finale che è la vittoria del sistema che Winston cercava di smascherare

    said on 

  • 5

    La dominanza del linguaggio.

    Il linguaggio è visto come orizzonte del proprio mondo: più il primo si contrae e più il mondo si impoverisce. Il senso del mondo è il senso del nostro linguaggio, senza il quale non potremmo avere un ...continue

    Il linguaggio è visto come orizzonte del proprio mondo: più il primo si contrae e più il mondo si impoverisce. Il senso del mondo è il senso del nostro linguaggio, senza il quale non potremmo avere un mondo; sicché il controllo del linguaggio non può che essere il controllo del mondo.

    said on 

  • 4

    La prima parola che mi viene in mente è terrificante.
    La seconda è profetico, anche se in realtà Orwell non aveva nessun intento di descrivere un ipotetico futuro, ma stava solo riportando quello che, ...continue

    La prima parola che mi viene in mente è terrificante.
    La seconda è profetico, anche se in realtà Orwell non aveva nessun intento di descrivere un ipotetico futuro, ma stava solo riportando quello che, a suo parere, stava avvenendo nella sua contemporaneità.
    Tra l'altro una scrittura netta e pulita.
    Veramente da leggere.

    said on 

  • 3

    Rating: 3.5/5 stars

    It was fascinatingly creepy learning bit by bit the world described by Orwell. A sick, degenerated reality that seems just like the perfect setting for a dystopian novel, but that ...continue

    Rating: 3.5/5 stars

    It was fascinatingly creepy learning bit by bit the world described by Orwell. A sick, degenerated reality that seems just like the perfect setting for a dystopian novel, but that in truth disturbingly has got some common points with the world we live in.
    Mental manipulation, centralized power, constant control, suppressed social classes... do they remind you of something?
    It was as if Orwell had already foreseen the future, or simply understood the human nature.

    Of course it wasn't an easy read nor a light one, because stopping to reflect is simply inevitable and sometimes even confusing, but it's without any doubt a book that everybody should read. It really makes you become more open-minded and critical towards what surrounds you.
    Secondly, it was one of the few books I enjoyed even if they were mostly descriptive (particularly in the first part). But it was really intriguing witnessing that distressing society through the eyes of an oblivious rebel, how he came to the point that he saw himself as crazy because he couldn't even discern between his real memories and what the government claimed was The Truth.

    The only part I had some struggles with was the one in the middle: it consists in three chapters of the book circulating among the political opponents and is totally theoretical, exactly like a textbook.

    said on 

  • 5

    Che vuoi dire che non sia stato già detto?
    Splendido e terribile e fin troppo realistico e verosimile e profetico.
    Leggevo e pensavo a come stesse accadendo proprio ora.
    Le fake-news la post-truth che ...continue

    Che vuoi dire che non sia stato già detto?
    Splendido e terribile e fin troppo realistico e verosimile e profetico.
    Leggevo e pensavo a come stesse accadendo proprio ora.
    Le fake-news la post-truth che altro sono se non versioni del doublethink?
    E l'imbecilimento della televisione e le bufale on line sui vaccini e l'olio di palma e la biodinamica?
    Certo, tutto sembra il futuro prospettato nel fim Idiocracy, ma quella è la versione ottimistica, pre crisi economica.
    Saremo tutti "proles" e. non so quanto più fortunati, "inner party"

    said on 

  • 5

    Uno sguardo "distopico" sul mondo che sarà, o che è stato, o che è. Perché la gente ci avvisa da decenni e noi non stiamo mai a sentire? Vorrà dire che mi metterò comoda per vedere avverarsi nella rea ...continue

    Uno sguardo "distopico" sul mondo che sarà, o che è stato, o che è. Perché la gente ci avvisa da decenni e noi non stiamo mai a sentire? Vorrà dire che mi metterò comoda per vedere avverarsi nella realtà la storia di Orwell. Magari sarà all'altezza del libro.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by