Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

1984

By

Verleger: Ullstein

4.5
(31264)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 314 | Format: Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) English , French , Spanish , Russian , Chi simplified , Chi traditional , Portuguese , Italian , Norwegian , Catalan , Dutch , Japanese , Swedish , Hungarian , Polish , Slovenian , Greek , Basque , Galego , Czech , Danish , Indian (Hindi) , Turkish

Isbn-10: 3550063784 | Isbn-13: 9783550063787 | Publish date: 

Auch verfügbar als: Others , Audio CD

Category: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Do you like 1984 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    Da leggere assolutamente

    Dopo averlo iniziato e interrotto dopo appena 50 pagine, finalmente sono riuscito a leggerlo per intero. Un libro monumentale, che riesce a mostrare un intero mondo distopico che a tratti non di disco ...weiter

    Dopo averlo iniziato e interrotto dopo appena 50 pagine, finalmente sono riuscito a leggerlo per intero. Un libro monumentale, che riesce a mostrare un intero mondo distopico che a tratti non di discosta poi troppo da quello attuale. Ho apprezzato moltissimo il discorso legato alla neolingua e di come questa sia direttamente connessa alla capacità o meno di formulare un'idea e di esprimerla. A pensarci è tremendamente vero. Magistrali le descrizioni e la resa dello stato d'animo dei protagonisti, nonché l'atmosfera asfittica che caratterizza l'intera storia. Ho trovato un po' pesante l'inserzione del libro di Goldstein, forse non indispensabile per l'intera storia.
    Per un attimo ho sperato in un finale diverso, ma nonostante tutto è giusto che sia finito così.

    gesagt am 

  • 4

    Letto da: Laura.

    Quanto mai attuale anche se non pare vero che si possa arrivare a tanto.Eppure, se ci guardiamo intorno qualche sintomo lo troviamo...
    Che lotta dura e' il cercare di ragionare con la ...weiter

    Letto da: Laura.

    Quanto mai attuale anche se non pare vero che si possa arrivare a tanto.Eppure, se ci guardiamo intorno qualche sintomo lo troviamo...
    Che lotta dura e' il cercare di ragionare con la propria testa!

    gesagt am 

  • 4

    George Orwell ti conduce in una società claustrofobica, un tunnel buio dal quale sembra impossibile poter uscire. Eppure, nonostante io non ami assolutamente i romanzi distopici, questo libro mi ha co ...weiter

    George Orwell ti conduce in una società claustrofobica, un tunnel buio dal quale sembra impossibile poter uscire. Eppure, nonostante io non ami assolutamente i romanzi distopici, questo libro mi ha condotto fino alla fine legandomi a sé per mezzo del suo protagonista, Winston. E' questo per me il potere di questo romanzo, leggendolo noi tutti diventiamo Winston, il suo sentimento, la sua paura, l'approccio maldestro nell'iniziare il diario: il grido silenzioso che non può emettere. Entriamo nei suoi sogni, nel senso di colpa (era morta amandolo, quando lui era troppo piccolo ed egoista per amarla a sua volta); nella sua tristezza... nel suo sgomento ("ma come posso farne a meno..." piagnucolò, "come posso fare a meno di vedere quello che ho davanti agli occhi"...).
    Il racconto è così esasperato da andare oltre i limiti del possibile, eppure, dentro noi, va a toccare corde dolorose e vere che ci riportano ad orrori -reali e possibili- generati dall'uomo e dalla sua sete di potere e prevaricazione, in ogni tempo e in ogni dove. Orrori del passato di cui la storia è piena e orrori del presente purtroppo. Credo che chiuso il libro -nero-, Orwell possa davvero far apprezzare di più tutto ciò che abbiamo ed auspicare ad un mondo migliore dove esista e trionfi -sempre- il valore dei sentimenti e la dignità per ogni essere vivente.

    gesagt am 

  • 5

    Un libro bellissimo ma anche molto angosciante. Il continuo senso di controllo e di paura vissuto dal protagonista, la descrizione dettagliata della vita delle persone e della società mi ha lasciato l ...weiter

    Un libro bellissimo ma anche molto angosciante. Il continuo senso di controllo e di paura vissuto dal protagonista, la descrizione dettagliata della vita delle persone e della società mi ha lasciato l'amaro in bocca, anche perché oltre alla fantasia c'è anche molta realtà.

    gesagt am 

  • 5

    2+2 a volte può fare anche 5

    Uno dei migliori romanzi che abbia mai letto, e tra l'altro uno dei primi in classifica su scala mondiale. Perchè oltre ad essere scritto benissimo, riesce a disegnare una realtà molto attuale, anche ...weiter

    Uno dei migliori romanzi che abbia mai letto, e tra l'altro uno dei primi in classifica su scala mondiale. Perchè oltre ad essere scritto benissimo, riesce a disegnare una realtà molto attuale, anche se il libro è stato scritto nel '48 dove Orwell già immaginava come sarebbe stato il futuro (appunto nel 1984). La sua opera non rispecchia pienamente la realtà attuale ma si avvicina moltissimo. Un libro che va letto con estrema attenzione, così da poter capire in che direzione sta andando il mondo, soprattutto la situazione politica italiana ed europea, dove le guerre vengono chiamate missioni di pace e tante altre prese per i fondelli. Ma il libro non tratta solo di politica, ma anche e soprattutto dell'amore che, in questo ipotetico futuro, è addirittura vietato.

    "In fin dei conti, come facciamo a sapere che due più due fa quattro? O che la forza di gravità esiste davvero? O che il passato è immutabile? Che cosa succede, se il passato e il mondo esterno esistono solo nella vostra mente e la vostra mente è sotto controllo?"

    gesagt am 

  • 4

    Testimone dell'era Totalitaria, Orwell, a pochi anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con conseguente caduta del Nazismo, crea una distopia in cui l'umanità è sotto il giogo di una forma poli ...weiter

    Testimone dell'era Totalitaria, Orwell, a pochi anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, con conseguente caduta del Nazismo, crea una distopia in cui l'umanità è sotto il giogo di una forma politica che del totalitarismo riprende tutti i più folli e criminali elementi, come la mistificazione della realtà e il rifiuto dei diritti umani, e che, ben lungi dall'accontentarsi di dominare ogni aspetto della vita privata e pubblica, ambisce al controllo totale del Partito non solo sui comportamenti manifesti dell'Uomo ma, a monte, sulla più istintiva interiorità umana (e, da lì, anche la razionalità).
    Il Partito assurge quasi a ruolo di Divinità: onnipresente giudice e plasmatore della realtà.
    Il suo "verbo" è qualcosa a cui tutti si devono adeguare, poiché la realtà è tale solo in quanto "percepita" dal cervello umano. E su quello e sui processi cognitivi il partito reclama totale dominio.
    Bene. In questo mondo da incubo e illiberale si svolgerà la storia dei protagonisti. Una storia che Orwell, memore dei tragici anni appena vissuti dall'umanità (il libro è del 1949), scrive come monito per tutti.
    Per ricordarci quanto importanti siano le nostre libertà e quanto poco saggio sia il darle per scontate.
    Poiché, per quanto possa sembrare assurdo il grado di sottomissione al quale tutta la popolazione mondiale è soggetta, non dobbiamo dimenticare che con Hitler e Stalin principalmente, ma non solo con loro, ci siamo andati molto vicino.
    Il libro non ha un lieto fine e lascia poche speranze per un riscatto dell'umanità.
    Ed è in questo che, secondo me, Orwell commette il suo errore di valutazione. Come diceva Hannah Arendt, in un regime totalitario, ogni nuova nascita è un atto politico e rivoluzionario (in potenza).
    Ogni nuova nascita introduce un elemento di novità potenzialmente destabilizzante, che non è detto possa essere eternamente sotto il controllo di un sistema fatto, non dimentichiamolo, da uomini fallibili.
    E questa è una forza che solo facendo autodistruggere l'umanità può essere contrastata. Ma il partito non lo farà mai: perché senza umanità distruggerebbe se stesso... mentre il suo scopo è sopravvivere.
    Dunque il punto debole sta proprio nel fatto che tutta la struttura è composta da uomini.

    Gran bel libro, scritto benissimo. Unico difetto: un po' prevedibile. Ma è proprio cercare il pelo nell'uovo, perché i pregi, in questo caso, sono altri.

    gesagt am 

  • *** Dieser Kommentar enthält Spoiler! ***

    2

    MI ASPETTAVO DI PIù!

    Questo libro non mi ha fatto particolarmente impazzire... semplicemente mi aspettavo di più dalla breve trama il libro sembrava molto bello invece si è rivelato molto noioso, è stato davvero difficil ...weiter

    Questo libro non mi ha fatto particolarmente impazzire... semplicemente mi aspettavo di più dalla breve trama il libro sembrava molto bello invece si è rivelato molto noioso, è stato davvero difficile terminarlo perché non mi ha preso per niente.. la storia era descritta molto bene ma forse per i miei gusti è troppo surreale l'unica parte che mi ha colpito un po' di più è stata nella 2° parte quando ci sono stati i vari incontri con la giovane ragazza dell'associazione antisesso soprattutto perché la ricerca dei vari nascondigli era molto intrigante ma oltre a quello beh per me è stato un FLOP...

    PS. Lo so sono una delle poche che non lo ha apprezzato!

    gesagt am 

  • 4

    Le solite cazzate.

    Sapete tutti di cosa parla il libro e l'immenso talento narrativo di Orwell, inutile che mi metta a tesserlo anche io in questa recensione. Non è un utile produrre decine di recensioni tutte uguali.
    W ...weiter

    Sapete tutti di cosa parla il libro e l'immenso talento narrativo di Orwell, inutile che mi metta a tesserlo anche io in questa recensione. Non è un utile produrre decine di recensioni tutte uguali.
    Winston arriva ad auspicare un mondo senza il Grande Fratello, un mondo che la storia ricorda a fatica. Più di una volta passa tra le righe che Orwell contrapponga alla claustrofobica e terribile dittatura il passato dimenticato, auspicando un ritorno ad esso. Il ritorno ai capitalisti dal cappello a cilindro, descritti così miseramente dal Grande Fratello.
    Oggi non viviamo in un mondo contrapposto come Winston, chi crede che esistano due o più fazioni mondiali contrapposte e antitetiche è uno sciocco. Basta aprire un po' di più gli occhi per capire che noi oggi viviamo in un mondo dove siamo tutti uguali, in un mondo dove i capitalisti, ovviamente, ci sono. Quindi mi chiedo: oggi non c'è assenza di informazione? Quello che sappiamo è vero? Ci invaghiamo sempre di chi vogliamo e mai di uno stereotipo di uomo o donna creato dalla società? Il capitalismo non è una forma anch'esso di totalitarismo? Oggi 2+2 fa 4 o continua a fare 5? Se così fosse, continuiamo a perdere, sempre noi.

    gesagt am 

  • 3

    Big Brother is watching you! War is peace! Freedom is slavery! Ignorance is strenght!

    Ahimè, questo romanzo rispecchia molto il futuro attuale: siamo tutti controllati continuamente.
    Orwell, con questo geniale romanzo, ci illustra la sua pesante critica verso i regimi totalitari e auto ...weiter

    Ahimè, questo romanzo rispecchia molto il futuro attuale: siamo tutti controllati continuamente.
    Orwell, con questo geniale romanzo, ci illustra la sua pesante critica verso i regimi totalitari e autoritari, quali il fascismo, il nazismo, il comunismo ...
    Terminato in due settimane, 1984 è tristissimo, a tratti pesante e claustrofobico, specie nella terza parte.

    gesagt am 

Sorting by