1984

Por

Editor: Companhia das Letras

4.5
(33131)

Language: Português | Number of Páginas: 414 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , French , Spanish , Russian , Chi simplified , Chi traditional , Italian , German , Norwegian , Catalan , Dutch , Japanese , Swedish , Hungarian , Polish , Slovenian , Greek , Basque , Galego , Czech , Danish , Indian (Hindi) , Turkish

Isbn-10: 8535914846 | Isbn-13: 9788535914849 | Data de publicação:  | Edition 1

Translator: Heloisa Jahn , Alexandre Hubner ; Cover Design: Kiko Farkas , Elisa Cardoso ; Afterword: Erich Fromm , Thomas Pynchon , Ben Pimlott

Também disponível como: Others

Category: Fiction & Literature , Political , Science Fiction & Fantasy

Do you like 1984 ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Winston, herói de 1984, último romance de George Orwell, vive aprisionado na engrenagem totalitária de uma sociedade completamente dominada pelo Estado, onde tudo é feito coletivamente, mas cada qual vive sozinho. Ninguém escapa à vigilância do Grande Irmão, a mais famosa personificação literária de um poder cínico e cruel ao infinito, além de vazio de sentido histórico. De fato, a ideologia do Partido dominante em Oceânia não visa nada de coisa alguma para ninguém, no presente ou no futuro. O'Brien, hierarca do Partido, é quem explica a Winston que "só nos interessa o poder em si. Nem riqueza, nem luxo, nem vida longa, nem felicidade: só o poder pelo poder, poder puro".
Quando foi publicada em 1949, poucos meses antes da morte do autor, essa assustadora distopia datada de forma arbitrária num futuro perigosamente próximo logo experimentaria um imenso sucesso de público. Seus principais ingredientes - um homem sozinho desafiando uma tremenda ditadura; sexo furtivo e libertador; horrores letais - atraíram leitores de todas as idades, à esquerda e à direita do espectro político, com maior ou menor grau de instrução. À parte isso, a escrita translúcida de George Orwell, os personagens fortes, traçados a carvão por um vigoroso desenhista de personalidades, a trama seca e crua e o tom de sátira sombria garantiram a entrada precoce de 1984 no restrito panteão dos grandes clássicos modernos.
Algumas das ideias centrais do livro dão muito o que pensar até hoje, como a contraditória Novafala imposta pelo Partido para renomear as coisas, as instituições e o próprio mundo, manipulando ao infinito a realidade. Afinal, quem não conhece hoje em dia "ministérios da defesa" dedicados a promover ataques bélicos a outros países, da mesma forma que, no livro de Orwell, o "Ministério do Amor" é o local onde Winston será submetido às mais bárbaras torturas nas mãos de seu suposto amigo O'Brien.
Muitos leram 1984 como uma crítica devastadora aos belicosos totalitarismos nazifascistas da Europa, de cujos terríveis crimes o mundo ainda tentava se recuperar quando o livro veio a lume. Nos Estados Unidos, foi visto como uma fantasia de horror quase cômico voltada contra o comunismo da hoje extinta União Soviética, então sob o comando de Stálin e seu Partido único e inquestionável. No entanto, superando todas as conjunturas históricas - e até mesmo a data futurista do título -, a obra magistral de George Orwell ainda se impõe como uma poderosa reflexão ficcional sobre os excessos delirantes, mas perfeitamente possíveis, de qualquer forma de poder incontestado, seja onde for.
Sorting by
  • 5

    1984 è uno dei libri che più mi ha travolto a livello emotivo. Durante la lettura cresceva un senso di inquietudine che è perdurato sino alla fine forse per la terribile possibilità che quanto raccont ...continuar

    1984 è uno dei libri che più mi ha travolto a livello emotivo. Durante la lettura cresceva un senso di inquietudine che è perdurato sino alla fine forse per la terribile possibilità che quanto raccontato dall'autore possa realizzarsi in un vicino o lontano futuro.

    dito em 

  • 0

    Transit NxT

    We can therefore edit the many different file formats of our customers directly, without the translator having to be aware of this.

    Translators should be able to translate and not have to deal with la ...continuar

    We can therefore edit the many different file formats of our customers directly, without the translator having to be aware of this.

    Translators should be able to translate and not have to deal with large numbers of different file formats.

    CAT tools can read a variety of different file formats and isolate the text to be translated, therefore protecting the remaining file constituents from being modified.

    PRODOC has used the file-based CAT tool Transit since 1994 and the server-based CAT tool memoQ since 2015.
    Both tools provide us with an optimized translating environment, with the following advantages.

    dito em 

  • 4

    Manifesto sulla Libertà

    Un romanzo, ma che per me è più un saggio sulla libertà, della sua importanza e della sua fragilità.

    Orwell comunica in modo forte: il clima che si respira è opprimente, la fragilità dei protagonisti ...continuar

    Un romanzo, ma che per me è più un saggio sulla libertà, della sua importanza e della sua fragilità.

    Orwell comunica in modo forte: il clima che si respira è opprimente, la fragilità dei protagonisti è quasi palpabile e la forza del "Grande fratello" è percepibile e pervasiva, anche verso il lettore.
    Questa durezza però ci mostra l'importanza della libertà individuale. per contrasto.

    dito em 

  • 5

    Ho dovuto lasciar decantare parecchio questo libro prima di azzardarmi a scriverci su due parole.
    Ecco, è un libro di un'angoscia senza paragoni.
    Parte lento, apparentemente in maniera innocua, perché ...continuar

    Ho dovuto lasciar decantare parecchio questo libro prima di azzardarmi a scriverci su due parole.
    Ecco, è un libro di un'angoscia senza paragoni.
    Parte lento, apparentemente in maniera innocua, perché eccettuato quel Grande Fratello che guarda qualsiasi cosa - anche il pensiero - e la facilità con cui gli esseri umani finiscono vaporizzati (non uccisi, proprio scomparsi come se non fossero mai esistiti), sembra perfino un mondo in cui ci si può abituare a vivere. Un mondo in cui, se ci si nasce, si vive perfino bene (ma solo perché non si ha alcuna consapevolezza che esista ALTRO).
    Poi cominciano le storture, che aumentano pian piano in un crescendo narrativo che è mostruoso. Il libro si rivela, infine, per quello che è: la narrazione della morte dell'umano.
    Il primo atto di ribellione del protagonista, Winston, è il tenere un diario in cui buttar giù tutto l'odio verso il Grande Fratello e verso una società che sente sbagliata senza saper bene perché. Ha vaghi ricordi di qualcosa d'altro che è esistito prima della Rivoluzione che ha portato alla dittatura, ma più di tutto il suo dubbio si basa su una sensazione di nostalgia indefinita e struggente verso qualcosa di diverso che deve essere esistito perché il corpo, il cuore, lo ricordano. La memoria, invece, è persa.
    La memoria personale (una vita sempre uguale, scandita in ogni suo attimo e condita di gin scadente che ottenebra, in cui si punta all'abolizione di ogni emozione, di ogni sentimento, di qualsiasi cosa non sia dominabile dal sistema) e anche quella storica, perché il passato viene accuratamente manipolato.
    I dubbi di Winston, che giacciono nelle frasi che scrive nel dialogo, simbolo della ribellione e del potere che ancora la parola potrebbe avere, aumentano quando si mette in cerca dell'umanità perduta. Aumentano quando conosce Julia e riscopre una passione dai caratteri ancestrali che non ha mai provato nella vita ma che in qualche modo riconosce come giusta, umana, liberatrice. Una passione che è la più pericolosa delle ribellioni, in quanto incontrollabile e istintiva. Una passione che viene consumata in una stanzetta piena di ricordi del passato, di oggetti che si può solo immaginare a cosa servissero. Una passione che, lo sanno entrambi, è una condanna all'annientamento.
    Annientamento che si realizza in pagine di una brutalità disarmante, in un mondo in cui non ci si può fidare di niente e di nessuno, né degli amici né dei propri stessi figli. Un mondo in cui non si sa chi mente e chi no, chi è spia e chi no, perché in verità sono tutti quanti spie anche senza rendersene conto.
    Dopo l'annientamento della memoria, arriva l'annientamento del corpo. Dopo l'annientamento del corpo, arriva quello del cuore, in cui ti portano via anche quell'ultimo piccolo centimetro di libertà e di amore entro cui sei libero, dentro di te. Tradisci anche chi più ami, in ogni senso. E dell'umano non resta nulla se non uno scheletro. Completamente vinto.
    Un romanzo potente, attualissimo, denso, geniale in alcune sue intuizioni.
    La dittatura impara dai propri errori, perfeziona la morte dell'umano in nome di qualcuno che - a differenza dei vari grandi dittatori del XX secolo - nemmeno esiste, perché il Grande Fratello esiste nel Partito e per il Partito, ma che sia una persona fisica è più che mai dubbio. Lo scopo ultimo è raggiungere il controllo totale, il potere fine a se stesso.
    Illuminanti i passi che parlano del concetto di "guerra necessaria", così come quelli che parlano della forza della massa, dei prolet, forza che però non è in grado di concretizzarsi perché manca dei mezzi per farlo.
    Inquientanti le analogie con la nostra società anche per quanto riguarda il linguaggio e il suo ruolo.
    Leggere di Byron, Shakespeare e della letteratura "tradotta" in neolingua - e dunque annientata - è stata una pugnalata al cuore. Bassissima e profonda. Leggere dello scopo della neolingua, una lingua che va a rovescio perché non si crea ma si distrugge, è stato anche peggio. Una sassata, un macigno in pieno petto. Meno significati si danno alle parole, meno possibilità c'è che si riesca a riflettere. Quant'è vero! Penso ai populismi assortiti, all'odio da social, all'analfabetismo (funzionale e non) che dilaga, a una società sempre più ebete e che legge sempre di meno. Mi spavento un po'.
    Di certo non entrerò più in internet con gli occhi di prima.
    Non dopo aver scoperto il bipensiero.
    Col senno di poi, dopo una lunga decantazione, agghiacciante.
    Piesse: O'Brien, lo sapevo. L'ho saputo dal momento in cui Winston ha giurato quelle cose orrende.

    dito em 

  • 3

    Bello? Non lo so. Inquietante? Decisamente si. Mi ha spaventato, intrigato, annoiato, incuriosito....di certo una mia lacuna che andava assolutamente colmata

    dito em 

  • 5

    Livelli altissimi di qualsiasi cosa.

    Sarà che sono amante del genere, ma questo libro è davvero spettacolare. L'ho letto anni fa e lo ricordo come fosse ieri. Ricordo la storia, ma soprattutto ricordo le emozioni che ho provato leggendol ...continuar

    Sarà che sono amante del genere, ma questo libro è davvero spettacolare. L'ho letto anni fa e lo ricordo come fosse ieri. Ricordo la storia, ma soprattutto ricordo le emozioni che ho provato leggendola. E' un capolavoro. Buona lettura

    dito em 

  • 5

    Big Brother is watching you

    In una società oppressa da uno spietato regime totalitario, dove tutto è sottoposto ad un controllo agghiacciante, Winston Smith è alla ricerca di una dimensione umana che gli consenta di potersi ...continuar

    In una società oppressa da uno spietato regime totalitario, dove tutto è sottoposto ad un controllo agghiacciante, Winston Smith è alla ricerca di una dimensione umana che gli consenta di potersi esprimere e consumare la propria passione fisica per Julia, la sua amante. Ma gli incontri d'amore clandestini e il desiderio di unirsi a lei senza procreare, rappresentano degli psicoreati per il Grande Fratello: la massima autorità dai tratti somatici hitleriani che impera e appare ovunque attraverso teleschermi e manifesti di propaganda, esercitando un totale dominio sui cittadini per mano di un'organizzazione paramilitare poliziesca. In quest'atmosfera di delirante asfissia sociale, dove è in atto una vera e propria paralisi culturale e umana, mentre vige la logica del bipensiero e i dissidenti sono perseguitati affinché si convertano all'ideologia del Partito Unico, Winston non può fare altro che nascondersi e fuggire dal sistema feroce e onnipotente di fronte al quale è destinato a riscuotere soltanto un' amarissima sconfitta
    Un geniale romanzo di fantapolitica attraversato da un'accecante bagliore di terribilitá che affronta il tema del totalitarismo, della distopia, l'annientamento della libertà di ogni individuo in una immaginaria epoca post nucleare.

    dito em 

Sorting by
Sorting by
Sorting by