Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

1Q84

Books 1, 2 & 3

By

Publisher: Alfred A. Knopf

4.0
(514)

Language:English | Number of Pages: 925 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , Italian

Isbn-10: 0307957020 | Isbn-13: 9780307957023 | Publish date: 

Translator: Jay Rubin , Philip Gabriel

Also available as: Hardcover , Audio CD , Paperback , Boxset , Others

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like 1Q84 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
An ode to George Orwell's "1984" told in alternating male and female voices relates the stories of Aomame, an assassin for a secret organization who discovers that she has been transported to an alternate reality, and Tengo, a mathematics lecturer and novice writer.
Sorting by
  • 2

    Non dico che sia privo di inventiva. Non dico che i personaggi non siano ben delineati. E non dico nemmeno che sia banale, scontato o male orchestrato. Eppure, non riesce a convincermi fino in fondo, ...continue

    Non dico che sia privo di inventiva. Non dico che i personaggi non siano ben delineati. E non dico nemmeno che sia banale, scontato o male orchestrato. Eppure, non riesce a convincermi fino in fondo, questo corposissimo romanzo in tre volumi. In alcuni passi l’ho trovato ridondante, se non pleonastico: un accumulo di dettagli che in più di una occasione non hanno ragione d’esserci, nel libro. Parti che rallentano, a volte per me esasperandolo, il ritmo della narrazione. Io credo che tutta la struttura portante del libro sia giocata, non senza una abilità fuori dal comune e ciò va tenuto presente, su due o tre elementi chiave, di cui io purtroppo non riesco a condividere la bontà: il sesso, che trova nel romanzo un ruolo tanto ampio da cadere in alcuni passaggi in un voyeurismo più sensazionalistico che pertinente ai fini del racconto; la suspense circa l’incontro dei due protagonisti, asse narrativo per 1100 pagine sfruttato fino all’osso ovvero fino ad alcuni tratti di una banalità e scontatezza che non mi aspettavo da un autore di questa caratura; e la trama fantascientifica, vero elemento positivo a mio avviso dell’opera, trattata molto intelligentemente con i canoni della narrazione “gialla” che invita il lettore a una lenta indagine e scoperta su quanto accade, purtroppo anch’essa “sporcata” con un ruolo non secondario affidato a una forma nemmeno del tutto “politically correct” di vedere la sessualità, che per me va a minare dalle basi anche quello che di buono il romanzo tentava di far passare al lettore. La sensazione globale che ne traggo è quella di essere alle prese con un libro molto ben scritto, che contiene due-tre trovate intelligenti che ne giustificano la lettura, ma costruito enfatizzando gli aspetti sbagliati di una vicenda, pensata in maniera un po’ troppo ammiccante.

    said on 

  • 0

    Tra fratture della realtà e labirinti della mente

    Leggere tutto 1Q84 non è impresa da poco: un lavoro monumentale, tre romanzi in uno. Ma, se il lettore non si fa prendere dalla fretta, dall'ansia di arrivare in fondo, la ricompensa è grande. La tram ...continue

    Leggere tutto 1Q84 non è impresa da poco: un lavoro monumentale, tre romanzi in uno. Ma, se il lettore non si fa prendere dalla fretta, dall'ansia di arrivare in fondo, la ricompensa è grande. La trama, tutto sommato, è semplice, e corre lungo due binari paralleli; due storie che si intrecciano. Ma si dipana lentamente, dettaglio dopo dettaglio, con un approccio quasi forensico, che si combina con un'atmosfera a tratti irreale. Il mondo in cui si muovo i protagonisti non è fantastico, è distonico, o - meglio - presenta delle piccole crepe, che lo rendono anormale. Il confine tra realtà e illusione diventa così ambiguo, e affascinante. Murakami si conferma un grande narratore, dallo stile inconfondibile. Una sorta di Proust, o un creatore di labirinti della mente e del cuore, il giudizio spetta solo al lettore di questo lavoro affascinante.

    said on 

  • 1

    un verbale della polizia sarebbe più interessante

    non riesco a salvare nulla di questa palla mostruosa.
    Il modo di scrivere è di un piattume inaspettato, e rasenta un verbale della polizia.
    Descrizioni inutili che durano pagine e che non portano a nu ...continue

    non riesco a salvare nulla di questa palla mostruosa.
    Il modo di scrivere è di un piattume inaspettato, e rasenta un verbale della polizia.
    Descrizioni inutili che durano pagine e che non portano a nulla mi hanno solo infastidita e annoiata.
    L'impressione generale è che questo libro, dopo una capace opera di pulizia, sarebbe più snello e leggibile, e durerebbe meno (uno solo dei tre libri, diciamo), ma Murakami, chissà perchè, si era fissato con la scrittura di un'opera nel vero senso del termine.
    Peccato che il ghost writer in questo caso servisse a lui. Dov'è Tengo quando serve?

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Más de 4,5 que de 5, y el tercer libro menos todavía, por artificialmente estirado. Pero recomendable como un todo. Final felíz, cosa que se agradece, ya que si después de este tocho me deja con el es ...continue

    Más de 4,5 que de 5, y el tercer libro menos todavía, por artificialmente estirado. Pero recomendable como un todo. Final felíz, cosa que se agradece, ya que si después de este tocho me deja con el estómago revuelto probablemente no habría vuelto a leer nada de Murakami. Este es el primero que leo, y al ser así probablemente lea más. Eso sí, dándome un descanso, porque es un poco denso.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Ho un buon ricordo di Norwegian Wood ma a 'sto punto mi chiedo se ero sbronza.

    La storia acchiappa, è un fatto. Son tutti strambi, c'è questa sensazione di sospensione costante che ti prepara alla catastrofe, stai lì che aspetti, aspetti e pensi "ecco ci siamo, chissà che succed ...continue

    La storia acchiappa, è un fatto. Son tutti strambi, c'è questa sensazione di sospensione costante che ti prepara alla catastrofe, stai lì che aspetti, aspetti e pensi "ecco ci siamo, chissà che succede adesso". Aspetti...poi aspetti ancora. Vai avanti da uno spiegone all'altro e inizi a sentirti un po' strano. Non è successa una mazza ma lui ti spiega le cose uguale. Tipo ti ricorda trecento volte che brava è lei con le arti marziali, che pippa incredibile è lui a scrivere, che tette giganti c'ha la regazzina. Ti ripete 'ste robe all'infinito e no, non aiutano, perché non essendoci quasi altro a parte quelle quattro caratteristiche appiccicate a dei personaggi abbozzati e piuttosto forzati, uno se le ricorda abbastanza bene. E ti cresce il fastidio perché pare che l'autore stia scrivendo a dei ritardati, tipo che mi aspettavo i disegnini a un certo punto.

    Vai però avanti lo stesso in nome di quella candidatura al Nobel che, cazzo, qualcosa significherà pure. Arriverà il momento in cui tutto avrà un senso e...wait? What? I Little People? Il leader di una setta religiosa che ha rapporti sessuali con delle bambine e pure con sua figlia adolescente? Qua m'è partito un megalol e l'ho finito per inerzia, e intendiamoci, non perché mi abbia scandalizzata ma perché la sensazione di presa per il culo è cresciuta e ha raso al suolo qualunque altra cosa. Mi è parsa proprio l'ultima risorsa di uno che non sapeva di che scrivere. Comunque magari sono io che non ho la sensibilità, eh.

    said on 

  • 4

    Chi ama questo Autore, non può non leggere 1Q84.

    "Abbiamo avuto bisogno di tutto questo tempo perché comprendessimo fino a che punto eravamo soli." Un bellissimo romanzo. Una bellissima trama. Come sempre, essendo stato scritto da Murakami, è ambien ...continue

    "Abbiamo avuto bisogno di tutto questo tempo perché comprendessimo fino a che punto eravamo soli." Un bellissimo romanzo. Una bellissima trama. Come sempre, essendo stato scritto da Murakami, è ambientato in un mondo un po' fantastico. Onirico. Ti fa rimanere incollato fino all'ultima pagina. E speri con tutto te stesso che Aomame e Tengo si riescano finalmente ad incontrare. Il destino gioca una parte fondamentale in questo romanzo. Con un ottimo finale.

    said on 

  • 0

    MI ASPETTAVO DI MEGLIO

    bello...ma mi aspettavo di meglio. Ogni 100 pagine spunta lo "spiegone" che fa il riassunto delle pagine precedenti. non male ma decisamente troppo lungo.

    said on 

  • 4

    Tangenziale

    anche se sono oltre 1000 pagine, il libro scorre che è una bellezza. la storia è bella ed avvincente. lui scrive benissimo e secondo me, è il migliore, fin'ora, che abbia letto di Murakami Harumi!

    p.s ...continue

    anche se sono oltre 1000 pagine, il libro scorre che è una bellezza. la storia è bella ed avvincente. lui scrive benissimo e secondo me, è il migliore, fin'ora, che abbia letto di Murakami Harumi!

    p.s.: l'edizione in 3 volumi della Einaudi è semplicemente Bellissima!!!

    ora facciamo passare almeno quattro libri, prima di affrontarne un altro

    said on