Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

1Q84

Libros 1 y 2

By Haruki Murakami

(59)

| Mass Market Paperback | 9788483835999

Like 1Q84 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

En japonés, la letra Q y el número 9 son homófonos, los dos se pronuncian kyū, de manera que 1Q84 es, sin serlo, 1984, una fecha de ecos orwellianos. Esa variación en la grafía refleja la sutil alteración del mundo en que habitan los personajes de es Continue

En japonés, la letra Q y el número 9 son homófonos, los dos se pronuncian kyū, de manera que 1Q84 es, sin serlo, 1984, una fecha de ecos orwellianos. Esa variación en la grafía refleja la sutil alteración del mundo en que habitan los personajes de esta novela, que es, también sin serlo, el Japón de 1984. En ese mundo en apariencia normal y reconocible se mueven Aomame, una mujer independiente, instructora en un gimnasio, y Tengo, un profesor de matemáticas. Ambos rondan los treinta años, ambos llevan vidas solitarias y ambos perciben a su modo leves desajustes en su entorno, que los conducirán de manera inexorable a un destino común.
Y ambos son más de lo que parecen: la bella Aomame es una asesina; el anodino Tengo, un aspirante a novelista al que su editor ha encargado un trabajo relacionado con La crisálida de aire, una enigmática obra dictada por una esquiva adolescente. Y, como telón de fondo de la historia, el universo de las sectas religiosas, el maltrato y la corrupción, un universo enrarecido que el narrador escarba con precisión orwelliana.

1239 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Qualcuno mi deve dire perché Murakami parla di Marlboro, Volkswagen e Ferragamo invece di dire semplicemente sigarette, automobile e scarpe. Lo pagano gli sponsor? E perché deve sempre abusare del citazionismo: Čechov, Janáček, Orwell, Jay Gat ...(continue)

    Qualcuno mi deve dire perché Murakami parla di Marlboro, Volkswagen e Ferragamo invece di dire semplicemente sigarette, automobile e scarpe. Lo pagano gli sponsor? E perché deve sempre abusare del citazionismo: Čechov, Janáček, Orwell, Jay Gatsby, Steve McQueen, tutti insieme appassionatamente a darsi a pugni. I riferimenti storici e socio-politici sembrano basarsi su nozioni prese sbrigativamente da Wikipedia; la caratterizzazione dei personaggi è dozzinale, alcuni passaggi sono bambineschi. Il romanzo è seminato di riassuntini svilenti e ripetizioni (descrive i personaggi e gli elementi principali delle storie di ognuno un milione di volte); le scene di sesso non hanno nulla di sessuale, sono un po' grottesche e vengono riproposte troppo spesso. Nonostante questo, ho avuto dalla lettura ciò che desideravo: una storia che mi tenesse inchiodata al libro per ore e uno stimolo per l'immaginazione.

    Is this helpful?

    r. sparrow said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Quando si tratta di Murakami non riesco ad essere obiettiva.
    Ogni volta che leggo un suo libro penso che non si potrà spingere oltre, puntualmente vengo smentita e resto incollata alle pagine e alla trama complessa.
    Anche leggendo la trilogia mi sono ...(continue)

    Quando si tratta di Murakami non riesco ad essere obiettiva.
    Ogni volta che leggo un suo libro penso che non si potrà spingere oltre, puntualmente vengo smentita e resto incollata alle pagine e alla trama complessa.
    Anche leggendo la trilogia mi sono rimasti appiccicati addosso i protagonisti soprattutto le donne Fukaeri e Aomame mentre per gli uomini ci sarebbero da fare diverse considerazioni: capaci di violenza gratuita e di passività esemplare, restano impresse come figurine di carta.
    Mi piace il genere surreale per cui non ho faticato ad entrare e uscire nel 1Q84 però è vero che alla fine della lettura restano sospese delle questioni e non solo riguardanti la trama.
    L'impressione che ho avuto è di una chiara operazione di scrittura, peraltro portata a termine sembra quasi di fretta, in alcuni punti non sembra nemmeno scritta da Murakami (soprattutto nella parte iniziale tutto quel soffermarsi sulle marche famose dei capi di abbigliamento...sembrava la Kinsella...), poi le citazioni sempre colte e interessanti di letteratura e di musica ma riportare interi brani sembra un trucco per allungare il brodo.

    Is this helpful?

    Controvento said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Che fatica!

    Finalmente è finito xD Troppo, davvero troppo lento...tra gli eventi narrati e il numero di pagine c'è uno squilibrio tale da far impallidire perfino i più prolissi autori ottocenteschi!Sono già andata a leggere il finale del terzo libro su wikipedia ...(continue)

    Finalmente è finito xD Troppo, davvero troppo lento...tra gli eventi narrati e il numero di pagine c'è uno squilibrio tale da far impallidire perfino i più prolissi autori ottocenteschi!Sono già andata a leggere il finale del terzo libro su wikipedia perchè non ho nessuna intenzione di affrontare un altro tomo simile (e pare che il terzo sia perfino più lento!) Ma allora perchè 4 stelle? Be', perchè sebbene io sia una saltatrice di pagine seriale, qui non ne ho saltata neanche mezza. Lo stile dell'autore è ipnotico, ti trascina tuo malgrado con sé e non ti molla finchè non hai visto cosa accade ad Aomame (il mio personaggio preferito direi) Tengo, Fukaeri e i personaggi che ruotano intorno a loro. E poi ci sono due storie nella storia, cioè il racconto Il paese dei gatti (uno dei più inquietanti che abbia mai letto) e il libro La crisalide d'aria (che è poi l'elemento intorno a cui ruotano tutte le vicende del libro) che meriterebbero una pubblicazione a parte per quanto sono interessanti. Insomma bello, ma continuo a cercare un titolo di Murakami che mi prenda del tutto, ce la farò?? xD

    Is this helpful?

    Angiemela said on Jul 25, 2014 | 7 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Boh, secondo me Murakami è troppo intelligente per la sosttoscritta, non lo capisco. eppure Tokyo blues mi era piaciuto molto

    Is this helpful?

    Lux Mosca said on Jul 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    " "Non si lasci ingannare dalla apparenze. La realtà è sempre una sola."

    Is this helpful?

    Laura-St. Jimmy said on Jul 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il mio secondo libro di Murakami. Uno scrittore abile.
    Una evasione coinvolgente. Bellissimo.
    Quella malinconia è sempre presente in ogni storia, il giallo e la doppia storia ti impongono una lettura continua, senza sosta.
    Ne sono rimasta appassionat ...(continue)

    Il mio secondo libro di Murakami. Uno scrittore abile.
    Una evasione coinvolgente. Bellissimo.
    Quella malinconia è sempre presente in ogni storia, il giallo e la doppia storia ti impongono una lettura continua, senza sosta.
    Ne sono rimasta appassionata.
    Un difetto: a volte troppo ripetitivo in alcune descrizioni dette e ridette.
    Le scene di sesso un po' crude.
    Comunque sia, appena terminato sono corsa a comprare il libro terzo.

    Is this helpful?

    Linda T said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book