1Q84

Libro 3: Ottobre-Dicembre

Di

Editore: Einaudi (Supercoralli)

3.9
(5959)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 400 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese , Chi tradizionale , Coreano , Chi semplificata , Olandese , Spagnolo , Tedesco , Inglese , Catalano , Svedese , Francese , Galego , Portoghese , Polacco

Isbn-10: 8806208292 | Isbn-13: 9788806208295 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giorgio Amitrano

Disponibile anche come: eBook , Paperback , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace 1Q84?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La terza parte di "1Q84" si apre con Ushikawa: abbandonato il lavoro di avvocato, lasciato da moglie e figli, l'uomo, così brutto da suscitare repulsione in chiunque lo incontri, ora vive da solo e fa il detective privato. Il suo incarico, commissionato dalla Setta, è di rintracciare Aomame, ma quando si rende conto che la ragazza risulta nascosta da qualche parte ed è praticamente irraggiungibile, decide di concentrarsi su Tengo: qualcosa gli dice che se riuscirà a trovare lui, prima o poi salterà fuori anche lei. Affitta perciò una stanza nel condominio di Tengo e piazza una videocamera davanti all'ingresso della sua casa, per sorvegliare chi entra ed esce. L'intuizione di Ushikawa è corretta e il suo piano avrebbe successo se non fosse per l'entrata in scena di Tamaru (il factotum della "signora" per conto della quale Aomame vendica le donne che hanno subito violenza), che blocca il detective un attimo prima che possa mettere le mani sulla ragazza. Quel grande affabulatore contemporaneo che è Murakami Haruki ha saputo, con la trilogia di "1Q84", creare un universo allo stesso tempo autonomo e sinistramente prossimo al nostro: in questo terzo libro si appresta a scioglierne tutti i misteri, a rispondere alle domande con cui nel precedente volume ha stregato i suoi lettori. Poche volte come in questo caso si può parlare di un romanzo che contiene mondi: tante e tali sono le suggestioni, i temi, le ossessioni a cui riesce a dare forma Murakami.

Ordina per
  • 3

    la storia finalmente finisce

    Libro letto per completezza dopo aver letto il precedente e rimangono i dubbi già espressi, alcune parti sono belle e coinvolgenti altre proprio noiose. Proverò a leggere altro di questo autore per or ...continua

    Libro letto per completezza dopo aver letto il precedente e rimangono i dubbi già espressi, alcune parti sono belle e coinvolgenti altre proprio noiose. Proverò a leggere altro di questo autore per ora, con questa storia, non mi ha coquistato.

    ha scritto il 

  • 5

    "fantastico" in tutti i sensi, da leggere con calma

    Un libro complesso ma scritto in modo chiaro e semplice, in perfetto stile Murakami. Si tratta di un romanzo molto simbolico, di grande fascino e che lascia molti dubbi...
    Alla fine della lettura sono ...continua

    Un libro complesso ma scritto in modo chiaro e semplice, in perfetto stile Murakami. Si tratta di un romanzo molto simbolico, di grande fascino e che lascia molti dubbi...
    Alla fine della lettura sono rimasto un po spaesato e intontito, è come se Murakami mi avesse accompagnato in un luogo e poi mi avesse detto "ok, d'ora in avanti puoi continuare da solo". Adesso ho molto su cui riflettere! Ma è anche questo che si chiede ad un libro no? Cito una frase del romanzo che calza a pennello:
    “Quello che apprezzo di piú, soprattutto per quanto riguarda i romanzi, è non riuscire a comprenderli completamente. Non nutro alcun interesse per le opere di cui mi sembra di capire tutto.”
    Un tema importante in questa opera, come d'altronde anche in altre dello stesso autore, è la ricerca dell'amore. Una ricerca a volte difficile, o impossibile, perchè i due amanti vivono in "mondi" diversi, separati da barriere fisiche o psicologiche, anche se in realtà sono più vicini di quanto possa sembrare.
    Il mio consiglio è di leggerlo con calma, ma non è facile, nel senso che la storia è talmente coinvolgente da costringerti a continuare la lettura. Nel mio caso è stato così e i personaggi già mi mancano. Buona lettura!

    ha scritto il 

  • 0

    Ho poco da dire....l'ho letto ad un anno e mezzo di distanza dal primo volume, quindi temevo di non riuscire e riprendere il filo. Era un timore infondato. Ho amato ancora di più i personaggi e la scr ...continua

    Ho poco da dire....l'ho letto ad un anno e mezzo di distanza dal primo volume, quindi temevo di non riuscire e riprendere il filo. Era un timore infondato. Ho amato ancora di più i personaggi e la scrittura. Le atmosfere. Le stranezze. Sono molto curiosa di leggere altro di questo autore.

    ha scritto il 

  • 4

    E' difficile esprimere a parole la bellezza di questo romanzo che, nonostante comprenda tre libri, è finito per me troppo presto .
    Mi sono letteralmente innamorata dei suoi personaggi, tutti molto sin ...continua

    E' difficile esprimere a parole la bellezza di questo romanzo che, nonostante comprenda tre libri, è finito per me troppo presto .
    Mi sono letteralmente innamorata dei suoi personaggi, tutti molto singolari, perfino dell'investigatore Ushikawa, a dispetto della sua figura orripilante. .
    Haruki Murakami, ha regalato a ognuno una storia pregressa molto particolare che ha segnato profondamente lo stile di vita che tutti si sono costruiti, e ciò, insieme alla conoscenza del loro stato attuale, ha reso ogni carattere molto profondo, mai controverso.
    Anche i personaggi meno ricorrenti hanno avuto il loro percorso importante. Le due amiche di Aomame, entrambe morte violentemente, la signora Ogata Shizue, perfino Tamaru, la sua guardia del corpo gay dall'aspetto di un lottatore.
    L'amore che lega i protagonisti, inoltre, è descritto con una delicatezza unica. Conosciutisi da bambini hanno trascorso vent'anni senza vedersi né sapere niente l'uno dell'altro, ma il loro vincolo non si è mai spezzato. Si è anzi fortificato grazie a "una piccola cosa" che crescendo nel ventre di Aomame li ha fatti rincontrare e ricongiungere.
    Abbandonando il mondo parallelo nel quale erano stati catapultati si pensa che avranno un futuro felice. Molto diverso dalla vita piatta e solitaria di cui si erano avvolti. La coltre di magia entrata a far parte di loro era diventata un ostacolo, per potersi riavvicinare hanno quindi dovuto scavalcare quel muro fatto di irrealtà, riconoscibile dalle due lune che troneggiavano quasi parallele in cielo.
    Anche la "scrittrice" dislessica della Crisalide d'aria è una figura che si erge in tutto il racconto. Mi piacerebbe saperne di più. E' uscita di scena un po' troppo in sordina. Sarebbe bello se l'autore decidesse di dare un seguito alla storia.

    ha scritto il 

  • 2

    Mah....

    Per 250 pagine non accade nulla, davvero nulla. Si rialza nel finale ma senza acuti che possano spingermi a considerare questo terzo libro un libro necessario. Finale non scontato ma nemmeno originale ...continua

    Per 250 pagine non accade nulla, davvero nulla. Si rialza nel finale ma senza acuti che possano spingermi a considerare questo terzo libro un libro necessario. Finale non scontato ma nemmeno originale, strano considerando l'identità dell'autore. In fin dei conti e' una storia d'amore, particolare sicuramente, contornata da alcuni fatti suggestivi, altri carini e altri ancora esagerati; fin troppo esagerati pero' caro Murakami, soprattutto se fini a se stessi.
    Voto complessivo (3 volumi) 3/5, senza dubbio troppo troppo lungo, sicuramente il libro di Murakami che ho apprezzato meno.

    ha scritto il 

  • 5

    Che cosa potrei dire di questo romanzo? Il migliore di Murakami, questo è certo. C'è tutto: amore, mistero, fantasy, inseguimenti e inseguiti, paura e gioia, futuro e passato, violenze e riconciliazio ...continua

    Che cosa potrei dire di questo romanzo? Il migliore di Murakami, questo è certo. C'è tutto: amore, mistero, fantasy, inseguimenti e inseguiti, paura e gioia, futuro e passato, violenze e riconciliazioni, e il tutto narrato con lo stile che solo Murakami riesce a creare. Consigliatissimo, eccome.

    ha scritto il 

  • 3

    Trilogia assurda, coinvolgente, romantica, fantascientifica, visionaria.
    I personaggi sono molto ben delineati e verosimili, impossibile non affezionarsi a loro e alle loro fragilità. Ho adorato la gr ...continua

    Trilogia assurda, coinvolgente, romantica, fantascientifica, visionaria.
    I personaggi sono molto ben delineati e verosimili, impossibile non affezionarsi a loro e alle loro fragilità. Ho adorato la grande cultura di Murakami espressa nelle innumerevoli citazioni e riferimenti e ho ammirato quell'intreccio delle vicende dal sapore spiccatamente kafkiano. Il terzo libro l'ho trovato un po' prolisso e ripetitivo, forse ne bastavano due. La fine è aperta e questo lascia una sensazione di turbamento...E' come se Murakami ci guidasse per mano nei misteri della vita e poi ci abbandonasse di colpo. Forse però perché è certo che, arrivati a questo punto, sappiamo fare da soli ;)

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per