Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

1Q84: Books 1 and 2

Books 1 & 2

By

Publisher: Random House

4.1
(7048)

Language:English | Number of Pages: 816 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , Dutch , German , Catalan , Galego , Italian

Isbn-10: 144648419X | Isbn-13: 9781446484197 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Paperback

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like 1Q84: Books 1 and 2 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Haruki Murakami is an international phenomenon. When Books One and Two of his latest masterpiece, 1Q84, were published in Japan, a million copies were sold in one month, and the critical acclaim that ensued was reported all over the globe. Readers were transfixed by the mesmerising story of Aomame and Tengo and the strange parallel universe they inhabit. Then, one year later, to the surprise and delight of his readers, Murakami published an unexpected Book Three, bringing the story to a close.





In order to reflect the experience of 1Q84's first readers, Harvill Secker is publishing Books One and Two in one beautifully designed volume and Book Three in a separate edition. A long-awaited treat for his fans, 1Q84 is also a thrilling introduction to the unique world of Murakami's imagination. This hypnotically addictive novel is a work of startling originality and, as the title suggests, a mind-bending ode to George Orwell's Nineteen Eighty-Four. (The number 9 in Japanese is pronounced like the letter 'Q').





The year is 1984. Aomame sits in a taxi on the expressway in Tokyo.





Her work is not the kind which can be discussed in public but she is in a hurry to carry out an assignment and, with the traffic at a stand-still, the driver proposes a solution. She agrees, but as a result of her actions starts to feel increasingly detached from the real world. She has been on a top-secret mission, and her next job will lead her to encounter the apparently superhuman founder of a religious cult.





Meanwhile, Tengo is leading a nondescript life but wishes to become a writer. He inadvertently becomes involved in a strange affair surrounding a literary prize to which a mysterious seventeen-year-old girl has submitted her remarkable first novel. It seems to be based on her own experiences and moves readers in unusual ways. Can her story really be true?





Both Aomame and Tengo notice that the world has grown strange; both realise that they are indispensable to each other. While their stories influence one another, at times by accident and at times intentionally, the two come closer and closer to intertwining.

Sorting by
  • 3

    Nel complesso è un libro molto fantasioso e surreale, ma non onirico, come altri suoi. Ci sono molte cose surreali a cui si fa fatica a credere. Non è tra i romanzi migliori di Murakami che ho letto f ...continue

    Nel complesso è un libro molto fantasioso e surreale, ma non onirico, come altri suoi. Ci sono molte cose surreali a cui si fa fatica a credere. Non è tra i romanzi migliori di Murakami che ho letto fin'ora.

    said on 

  • 4

    Strana analogia con Orwell e il suo "1984"

    Due volumi.
    Scrittura semplice e appassionante, trascina il lettore come un fiume in piena dalla prima all'ultima pagina.
    Forse il bello di Murakami sta proprio in ciò che lascia di non detto, di sfug ...continue

    Due volumi.
    Scrittura semplice e appassionante, trascina il lettore come un fiume in piena dalla prima all'ultima pagina.
    Forse il bello di Murakami sta proprio in ciò che lascia di non detto, di sfuggente.
    Trovo che siano libri che affrontano temi come la solitudine, l'abbandono, l'amore, il bene e il male in maniera che fanno riflettere molto!
    Cit.:
    "La maggior parte delle persone è incapace di giudicare il valore dei libri. Però nessuno vuole rimanere fuori dalla corrente che muove il mondo": - Komatsu -

    said on 

  • 1

    Nessun punto di incontro

    Un libro che ho trovato estremamente lento e difficile da leggere. Ho evitato l'abbandono solo perché mi sono forzata ad andare avanti.

    said on 

  • 5

    « Per quanto uno possa essere dotato di talento, non è affatto sicuro che avrà da mangiare a sufficienza, mentre uno che possiede intuito non a vrà mai problemi a pagarsi il pranzo. »

    said on 

  • 4

    Ho impiegato veramente un sacco di tempo per finirlo. Di solito li abbandono i libri che non mi "prendono", questo non son riuscita...perchè infondo sì...è un davvero un bel libro. Ma forse c'è troppa ...continue

    Ho impiegato veramente un sacco di tempo per finirlo. Di solito li abbandono i libri che non mi "prendono", questo non son riuscita...perchè infondo sì...è un davvero un bel libro. Ma forse c'è troppa roba. Troppa.

    said on 

  • 1

    Ho provato a leggerlo per ben due volte in due momenti diversi della mia vita ma non c'è empatia fra me e Murakami.
    Non riesco a far scendere la protagonista dal taxi e non me ne voglia ma per me può ...continue

    Ho provato a leggerlo per ben due volte in due momenti diversi della mia vita ma non c'è empatia fra me e Murakami.
    Non riesco a far scendere la protagonista dal taxi e non me ne voglia ma per me può rimanere dove si trova.

    said on 

  • 3

    2Q15

    I personaggi di Murakami mangiano e dormono, restano molto tempo in casa aspettando, qualche volta parlano al telefono. Se proprio vogliono strafare, fanno stretching. Se li bracca una organizzazione ...continue

    I personaggi di Murakami mangiano e dormono, restano molto tempo in casa aspettando, qualche volta parlano al telefono. Se proprio vogliono strafare, fanno stretching. Se li bracca una organizzazione di fanatici, leggono Proust. In sottofondo, Janáček o James Taylor o il clarinetto di Barney Bigard.

    La suggestione dello stile di Murakami è tale che subito perdi ogni ingenua fiducia nelle coincidenze. Il romanzo me l’hanno regalato due anni fa, che io l’abbia letto in questo periodo in cui ho un assoluto bisogno di fare stretching e dopo che due sabati fa a un matrimonio abbia conosciuto una ragazza che fa la personal trainer non può essere una coincidenza, me lo confermi Murakami? Se dietro al tutto non ci sono i Little People e una crisalide d’aria, come minimo ci sarai tu che ci covi. La personal trainer che verrà a prendere un caffè a casa nostra è la Aomame in transito tra un 1Q84 e l’altro, in astinenenza da buco di ago: quello che lei fa sul collo dei maschi che secondo lei se lo meritano? Non so esattamente cosa si siano dette la donna che ho sposato e questa personal trainer al ricevimento due sabati fa, ma quando l’Aomame coi capelli ricci e di Latina mi ha chiesto “Tu di che segno sei?” e io le ho risposto riflettendo sul fatto che forse astrologia e fisiologia non sono proprio lo stesso campo, lei si è fatta due calcoli astrali. Il mio segno con il segno della donna che ho sposato non fila liscio, a me non è piaciuta per niente la sua espressione, per questo sto facendo il possibile perché la nuova amicizia tra la donna che ho sposato e la Aomame del 1Q84 dove vivo io non si realizzi. Siccome io un Tengo non lo sono di sicuro, non vorrei fare la parte dell’Ushikawa della storia.

    Buggerare Murakami per 1Q84 sarebbe troppo facile. Murakami, purtroppo per lui, ha raggiunto un tale livello di equilibrio e esperienza, nella sua scrittura, un perfezionismo nello stile, che può scrivere qualsiasi fesseria: basta mettere sottosopra una tartaruga e il pretesto per raccontare con calmo e tragico realismo un Giappone – e una umanità – apatica, anestetizzata, assuefatta, disanimata, angosciata dalla solitudine più tranquilla e pacata, è trovato.

    Due sono le cose difficilissime in letteratura: la sintesi perfetta, e il poter fare del tutto a meno della sintesi senza perciò scadere nel disastro dello scrivere pagine non necessarie. Delle centinaia di pagine di Murakami io non me ne perdo una, e chi se ne frega se rispetto all’economia dell’opera quelle pagine non aggiungono niente, se assomigliano in maniera sinistra a pagine già lette nello stesso romanzo o nella decina dei suoi altri romanzi: me le leggo lo stesso, sono piacevoli, dosate, educate, se ridicono qualcosa è un qualcosa che non guasta se viene ridetto, e pazienza se in quella pagine non si è fatto altro che descrivere un trentenne che si risveglia, fa una doccia, prepara un pranzo veloce, si sdraia sul divano, si ricordai un ricordo già ricordato cento volte fino a quando non s’è fatta ora di andare a letto spegnendo le luci.
    I
    n 1Q84 il discorso di Murakami continua, come non si fosse mai sospeso, come fosse impossibile sosponderlo, riproponendo l’incosistenza e l’illogità delle cose, l’insufficienza del piacere carnale, l’elemento teologico dell’immaginazione, il potere incredibile dell’amore. Leggendo 1Q84 mi sono detto “Se non hai amato, un romanzo così superbamente banale sull’amore non lo puoi scrivere.”

    Il limite di Murakami è quello che si è dato da solo: continuare a scrivere un grande romanzo come solo lui puo scriverlo. Io lo so, che lo leggerò tutto, come so che – se continua così – per aver letto tutto Murakami può bastare averne letto qualcosa, “Kafka sulla spiaggia” e “Norvegian Wood”, il resto è duplicare la luna, ma di lune ne basta una: due lune non sono più di una luna, anzi il rischio concreto è che due lune laddove ce ne è sempre stata benissimo la unica e sola siano meno di quell’unica luna.

    said on 

Sorting by
Sorting by