Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

2001: A Space Odyssey

By

Publisher: Orbit

4.2
(1893)

Language:English | Number of Pages: 252 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , Italian , French , Catalan , Chi simplified , Russian , German , Portuguese , Dutch , Japanese , Polish , Czech , Romanian

Isbn-10: 1857236645 | Isbn-13: 9781857236644 | Publish date: 

Cover Design: Chris Moore

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , School & Library Binding , Audio CD , Audio Cassette , Others , Leather Bound , Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like 2001: A Space Odyssey ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
On the moon an enigma is uncovered. So great are the implications that, for the first time, men are sent out deep into the solar system. But before they can reach their destination, things begin to go wrong, horribly wrong...
Sorting by
  • 4

    NON SIAMO SOLI NELL’ETERNITÀ

    LETTO IN EBOOK
    ________________
    Leggere un libro o vedere il film che ne è stato tratto è quasi sempre un’esperienza molto diversa. Vidi per la prima volta “2001 odissea nello spazio” poco dopo la sua ...continue

    LETTO IN EBOOK
    ________________
    Leggere un libro o vedere il film che ne è stato tratto è quasi sempre un’esperienza molto diversa. Vidi per la prima volta “2001 odissea nello spazio” poco dopo la sua uscita in Italia, dunque quando ero ancora bambino e fu il film che più mi ha impressionato in tutta la mia vita. Certo le emozioni di un bambino sono molto diverse da quelle di un adulto, ma ancora mi porto dentro certe immagini di quel film, visto quando avevo forse sei o otto anni. Incredibilmente a impressionarmi tanto fu la sua velocità: la velocità con cui si passava dalla scena con gli uomini primitivi agli scenari spaziali, ma, soprattutto, la velocità con cui passava il tempo per il protagonista una volta raggiunto il monolite su Saturno. Non ricordavo, dal film, che fosse in realtà su uno dei suoi satelliti, Giapeto. L’invecchiamento del protagonista rimase a lungo il mio incubo prediletto.
    Ho scritto che “incredibilmente” del film mi impressionò la velocità, perché rivedendolo anni fa, da adulto, ne notai l’incredibile lentezza!
    Il cinema nel frattempo era cambiato molto! I ritmi dei film degli anni ’60, oggi ci paiono terribilmente lenti, anche di un film come questo, che segnò un grande passo avanti verso il cinema moderno, con i suoi effetti speciali.
    Oggi ho finito di rileggere il romanzo scritto dall’inventore britannico Sir Arthur Clarke e pubblicato nel 1968. Si tratta di un’opera nata assieme al film, di cui Clarke curava la sceneggiatura per il regista Stanley Kubrick, ispirandosi al proprio racconto “La sentinella”. Un romanzo nato in tal modo dovrebbe allora essere molto simile al film, ma i due mezzi sono così diversi che le due storie differiscono non poco, nonostante la trama comune. Diverse sono le emozioni che generano.
    Sono vari anni che ho visto il film, per cui la memoria potrebbe ingannarmi, ma non ricordo che nel film venisse spiegato come nel libro il modo in cui il monolite interagiva con i così detti uomini-scimmia, facendo esperimenti con loro, fino a portarli a scoprire come manipolare gli oggetti.
    Anche l’attraversamento del monolite sul satellite di Saturno fu reso da Kubrick grazie a effetti visivi all’epoca di grande impatto mentre nel romanzo vi è una maggior speculazione “filosofica”, se così si può dire. In sostanza il film è più indeterminato e lascia maggior spazio alle ipotesi. Questo se vogliamo è quasi strano, perché di solito si dice che è il romanzo a lasciar più spazio all’immaginazione, dato che tocca al lettore tradurre le parole in immagini. Questa presumo sia la grandezza di registi come Kubrick, che fanno del cinema “letteratura”.
    Una cosa che film e romanzo hanno in comune è una descrizione secondo me troppo prolissa della stazione spaziale e delle manovre dell’astronave. Clarke, come altri autori di fantascienza con formazione scientifica, ha il difetto di voler mettere nei suoi libri troppe descrizioni tecnico-scientifiche, che con il progredire delle conoscenze rischiano di diventare superate e che comunque annoiano chi non sia un fisico o un chimico.
    Comunque è un romanzo con ben tre parti di un notevole fascino: l’incontro degli uomini primitivi con il primo monolite, la follia del computer Hal 9000 e l’attraversamento di quella sorta di warm-hole che pare essere il monolite giapetiano. Tre episodi che da soli riscattano tutte le debolezze del romanzo che, sebbene breve, avrebbe potuto essere scremato di varie parti.
    In ogni caso un libro e un film da cui non si può prescindere: due classici da conoscere anche se non si amano.

    said on 

  • 4

    Muy recomendable para los que no entendieron la película

    Este es un libro que atrapa desde el principio, aunque juega con la baza a su favor de que casi todo el mundo ha visto o conoce la película de Kubrik. Y que pocos la entendieron. La novela de Clarke e ...continue

    Este es un libro que atrapa desde el principio, aunque juega con la baza a su favor de que casi todo el mundo ha visto o conoce la película de Kubrik. Y que pocos la entendieron. La novela de Clarke esclarece los puntos más abstrusos de la versión cinematográfica, pero con un lirismo y conocimiento de la materia muy naturales, entendibles por (casi) todo el mundo. No debe faltar en la estantería de todo buen aficionado a la sci-fi.

    said on 

  • 4

    Forma è sostanza

    La sostanza di questo romanzo è il silenzio interstellare e la sensazione di allontanamento inesorabile da ciò che è familiare, approssimandosi all'Ignoto. La forma è splendidamente cristallina, come ...continue

    La sostanza di questo romanzo è il silenzio interstellare e la sensazione di allontanamento inesorabile da ciò che è familiare, approssimandosi all'Ignoto. La forma è splendidamente cristallina, come la notte interstellare. Una roba che trovo spesso in autori british.
    Finale stucchevole. Lo preferisco all'osannato film, cui manca la compattezza del romanzo.

    said on 

  • 4

    Forse perché c'è di mezzo un certo "Kubrick", non lo so, ma questo romanzo è un vero capolavoro della fantascienza pre-moderna. Se non è forse per lo stile narrativo che ha o per il ritmo che è tutt'a ...continue

    Forse perché c'è di mezzo un certo "Kubrick", non lo so, ma questo romanzo è un vero capolavoro della fantascienza pre-moderna. Se non è forse per lo stile narrativo che ha o per il ritmo che è tutt'altro digeribile - il fatto certo è che dentro 2001 c'è tutto - la vita prima, durante e quella successiva alla quale siamo oggi legati, con un epilogo del tutto originale sull'esistenza e la straordinaria rivelazione della missione che implica l'uomo, ovvero la ricerca della conoscenza nel mistero e nell'inconoscibile - noi stessi.

    said on 

  • 3

    Non avevo capito il film, e pensavo che leggere il libro sarebbe stato illuminante.

    In parte sì, in parte ho ancora le idee confuse!

    Meglio la seconda parte, la prima è un po' lenta. ...continue

    Non avevo capito il film, e pensavo che leggere il libro sarebbe stato illuminante.

    In parte sì, in parte ho ancora le idee confuse!

    Meglio la seconda parte, la prima è un po' lenta.

    said on 

  • 3

    Molto inferiore al film, limita la storia al solo punto di vista scentifico, al contrario di Kubrick che aveva dato al soggetto una svolta più esistenzialista. Comunque è una pietra miliare della fant ...continue

    Molto inferiore al film, limita la storia al solo punto di vista scentifico, al contrario di Kubrick che aveva dato al soggetto una svolta più esistenzialista. Comunque è una pietra miliare della fantascienza, e deve essere letto.

    said on 

Sorting by
Sorting by