Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

2012: la grande crisi

Di

Editore: Ponte alle Grazie

4.1
(50)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 385 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8862202628 | Isbn-13: 9788862202626 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Business & Economics , Political , Social Science

Ti piace 2012: la grande crisi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Il capitolo più interessante e chiaro è il primo (da 5stelle!) in cui ci si concentra sulle cause finanziarie che hanno portato alla crisi dei mutui subprime del 2008 in America. L'autore riesce perfettamente nel suo intento (dichiarato) di usare un lingauggio equilibrato tra il tecnico e il divu ...continua

    Il capitolo più interessante e chiaro è il primo (da 5stelle!) in cui ci si concentra sulle cause finanziarie che hanno portato alla crisi dei mutui subprime del 2008 in America. L'autore riesce perfettamente nel suo intento (dichiarato) di usare un lingauggio equilibrato tra il tecnico e il divulgativo riuscendo così ad approfondire a dovere la questione senza perdere in chiarezza.

    Segue poi un capitolo sulla situazione attuale della politica economica mondiale ed in particolare sui debiti sovrani (a mio avviso il più dispersivo e meno riuscito).

    Troviamo poi 2 capitoli incentrati su quelle che oggi sono le due principali potenze mondiali: la Cina e gli USA. L'autore è ben riuscito nell'intento di delineare le diverse caratteristiche sociali ed economiche di questi stati (in particolare le criticità!) e nel descrivere e contestualizzare le politiche estere ed economiche attuate dagli stessi.

    Infine un capitolo conclusivo in cui si tirano le somme e si azzardano delle previsioni (inevitabilmente vaghe e giornalisticamente fosche!) sulla "crisi del 2012" sulla base di diverse scadenze politiche e di titoli di debiti pubblici previste per quest'anno.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho apprezzato molto le spiegazioni veramente accessibili su come funzionano alcuni prodotti finanziari e la retrospettiva sulle politiche valutarie americane.
    Per quanto riguarda molti degli altri temi, non è sempre chiaro quali affermazioni si fondino su dati (e quanto questi dati siano af ...continua

    Ho apprezzato molto le spiegazioni veramente accessibili su come funzionano alcuni prodotti finanziari e la retrospettiva sulle politiche valutarie americane.
    Per quanto riguarda molti degli altri temi, non è sempre chiaro quali affermazioni si fondino su dati (e quanto questi dati siano affidabili) e quali siano illazioni dell'autore.
    In ogni caso indubbiamente interessante.

    ha scritto il 

  • 5

    Una lettura stupefacente, un'analisi precisa e puntuale, che fotografa l'attuale situazione mondiale con un'incredibile nitidezza.


    Un libro pieno di dati, di riferimenti (anche ad articoli di giornale, su cui continuare gli approfondimenti), di previsioni analitiche sulle potenziali evoluz ...continua

    Una lettura stupefacente, un'analisi precisa e puntuale, che fotografa l'attuale situazione mondiale con un'incredibile nitidezza.

    Un libro pieno di dati, di riferimenti (anche ad articoli di giornale, su cui continuare gli approfondimenti), di previsioni analitiche sulle potenziali evoluzioni delle problematiche che affliggono oggi la nostre nazioni. E senza disdegnare di suggerire, ogni tanto, qualche soluzione, in maniera per altro brillante.

    Una lettura che dovrebbe essere consigliata a tutti.

    ha scritto il 

  • 5

    Questo libro è fondamentale per poter comprendere appieno il momento storico molto particolare in cui ci troviamo e la criticità del prossimo triennio 2012-2014.
    La multidisciplinarietà propria dell'approccio storico fa di questo libro una ritratto a tutto tondo, comprensibile ed estremamen ...continua

    Questo libro è fondamentale per poter comprendere appieno il momento storico molto particolare in cui ci troviamo e la criticità del prossimo triennio 2012-2014.
    La multidisciplinarietà propria dell'approccio storico fa di questo libro una ritratto a tutto tondo, comprensibile ed estremamente prezioso, su tutti temi cruciali che leggiamo ogni giorno sui giornali.
    Con un anno di anticipo, essendo uscito nelle librerie a novembre 2010.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto interessante, da ri-leggere soprattutto in questi giorni di bufera dei mercati (inizio agosto 2011).

    Alcune parti potrebbero risultare un pochino ostiche a chi (come me) non mastica di economia, tuttavia è un libro da leggere per comprendere cosa accadrà all'economia mondiale.

    ha scritto il 

  • 4

    Se avete già ben approfondito altrove la crisi del 2008, le sue cause e conseguenze, e gli scenari internazionali, potreste non trovarci niente di nuovo. Si tratta di una specie di riassunto divulgativo "a libro di storia" relativo all'ultima decina d'anni e con delle ipotesi relative al futuro p ...continua

    Se avete già ben approfondito altrove la crisi del 2008, le sue cause e conseguenze, e gli scenari internazionali, potreste non trovarci niente di nuovo. Si tratta di una specie di riassunto divulgativo "a libro di storia" relativo all'ultima decina d'anni e con delle ipotesi relative al futuro prossimo. Interessante e molto chiaro.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho sentito parlare Giannulli una sera durante un programma radio che stavo svogliatamente ascoltando guidando verso casa dopo un interminaile viaggio di lavoro...
    Pochi minuti e avevo deciso di "dover" leggere un suo libro.
    Ora che ho finito il primo ho deciso di leggerli tutti (non s ...continua

    Ho sentito parlare Giannulli una sera durante un programma radio che stavo svogliatamente ascoltando guidando verso casa dopo un interminaile viaggio di lavoro...
    Pochi minuti e avevo deciso di "dover" leggere un suo libro.
    Ora che ho finito il primo ho deciso di leggerli tutti (non sono molti).
    2012 e' un libro veramente interessante, ci sono paragrafi che - a mio parere - meriterebbero di svilupparsi in interi libri. Giannulli tocca un pò tutti i temi degli ultimi anni, origini e conseguenze della crisi finanziaria, "duelli" tra grandi potenze, miserie italiane (anche se con molta discrezione)... anche una panoramica di base della struttura di potere cinese di cui non sapevo nulla.
    Libro meraviglioso per i curiosi, consiglio!

    ha scritto il 

  • 4

    Dolores de panza

    Politica, economia, finanza. Il passato remoto e quello prossimo per capire il presente e provare a immaginare l'imminente futuro, che sendo l'autore è nero come la pece, a livello internazionale in generale, per l'Italia in particolare.
    Giannuli è allo stesso tempo rigoroso e piacevole da ...continua

    Politica, economia, finanza. Il passato remoto e quello prossimo per capire il presente e provare a immaginare l'imminente futuro, che sendo l'autore è nero come la pece, a livello internazionale in generale, per l'Italia in particolare.
    Giannuli è allo stesso tempo rigoroso e piacevole da leggere grazie a uno stile spesso giornalistico, ma con le opinione ben separate dai fatti.
    Purtroppo la prima parte del libro è per ''iniziati'' alla finanza e molti rischieranno di perdersi, ma superato lo scoglio... 2012 la grande crisi è un pozzo di spunti di riflessione e punti di partenza per ricerche, approfondimenti, ragionamenti, ecc.
    Consigliabile ai curiosi, sconsigliato ai pigri

    ha scritto il 

  • 0

    e pensare che l'ho comprato a casaccio, tra i libri in bella vista da FNAC via Roma. Molto bello. Mi chiedo che cosa mi sono perso a Bruxelles mentre leggevo rapporti sostanzialmente inutili. Molto interessante il fatto che larga parte delel citazioni vengano da giornali italiani (a testimonianza ...continua

    e pensare che l'ho comprato a casaccio, tra i libri in bella vista da FNAC via Roma. Molto bello. Mi chiedo che cosa mi sono perso a Bruxelles mentre leggevo rapporti sostanzialmente inutili. Molto interessante il fatto che larga parte delel citazioni vengano da giornali italiani (a testimonianza del buon giornalismo nazionale, salvo appunto faccende cadute nel dimenticatorio). Molte notizie e riflessioni che mi erano in larga parte sfuggite. Limes spesso citato. Anche le note sono ottime.
    da leggere

    ha scritto il