22-11-1963

By

Uitgever: Luitingh-Sijthoff

4.3
(4145)

Language: Nederlands | Number of Pages: 864 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Chi simplified , English , Italian , Polish , German , Spanish , Turkish , Greek , French , Portuguese , Czech , Chi traditional

Isbn-10: 9024533635 | Isbn-13: 9789024533633 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Hugo Kuipers

Also available as: Paperback , Hardcover

Category: Fiction & Literature , History , Science Fiction & Fantasy

Do you like 22-11-1963 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
22-11-1963, de dag dat John F. Kennedy werd vermoord en de wereld voorgoed veranderde... Wat als die fatale dag voorkomen had kunnen worden? Wat zou jij doen als je die mogelijkheid krijgt? Ga je ervoor? Grijp je die kans? Oké. Maar heb je al over de gevolgen nagedacht? Denk je echt dat de tijd zich zo gemakkelijk laat bespelen... Jake Epping ontdekt een poort in de tijd en reist naar 1958. Lukt het hem om de moord op John F. Kennedy te voorkomen? En tegen welke prijs? Jake merkt dat het verleden zich niet graag laat veranderen en dat de gevolgen onomkeerbaar zijn.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Una Volta Finito ti manca ...

    Questo Libro una volta terminato non vi nego che mi sta un pò mancando. E' molto bello ed anche coinvolgente ma troppo lungo. Capisco che alla base della trama ci sia il personaggio che si distrae dal ...doorgaan

    Questo Libro una volta terminato non vi nego che mi sta un pò mancando. E' molto bello ed anche coinvolgente ma troppo lungo. Capisco che alla base della trama ci sia il personaggio che si distrae dall'obbiettivo per amore, ma cosi forse è troppo. Le descrizioni sono molto belle, ma rendono lungo il libro. Finale per niente scontato

    gezegd op 

  • 1

    Valutazione dell’estratto di amazon

    Letto metà dell’estratto (e del resto avrei dovuto continuare altri 40’ per terminarlo!) e apprezzato lo stile di Stephen che fila via dritto come un fuso, lascio perdere. Sa scrivere in maniera così ...doorgaan

    Letto metà dell’estratto (e del resto avrei dovuto continuare altri 40’ per terminarlo!) e apprezzato lo stile di Stephen che fila via dritto come un fuso, lascio perdere. Sa scrivere in maniera così fluida e nello stesso tempo profonda, curandosi dei dettagli a 360°, ma la trama non riesce a catturarmi. Del resto pochissimi romanzi che non siano dei romance riescono a farlo.

    gezegd op 

  • 5

    per me un ritorno

    Da giovane avevo letto tutti i libri di S.K. (ci fermiamo quindi a più di 20 anni fa) e poi avevo interrotto perchè delusa da alcuni e perchè la vita mi aveva portato ad altre scelte letterarie. Ques ...doorgaan

    Da giovane avevo letto tutti i libri di S.K. (ci fermiamo quindi a più di 20 anni fa) e poi avevo interrotto perchè delusa da alcuni e perchè la vita mi aveva portato ad altre scelte letterarie. Questo libro mi è stato consigliato da un'amica rimasta sempre fedele al Re e mi ha riconciliato coi suoi libri. Bellissimo, magico e nel vero e più puro stile King (la serie tv invece per me è stata una delusione)

    gezegd op 

  • 4

    Come è sottile il mondo

    King ancora una volta mi sorprende, dopo On writing del quale mi sono innamorata (saggio sulla scrittura molto personale), ecco un tomo di 700 pagine tra fantascienza, fantapolitica e sentimento. Perc ...doorgaan

    King ancora una volta mi sorprende, dopo On writing del quale mi sono innamorata (saggio sulla scrittura molto personale), ecco un tomo di 700 pagine tra fantascienza, fantapolitica e sentimento. Perché si, la cosa che mi ha colpito di più è stata proprio il sentimento. Il mondo che conosciamo è fragile, è fatto di uomini e di donne che si affannano, che si lacerano, si feriscono, si amano e si odiano ma l’equilibrio è effimero, il famoso battito di ali di una farfalla lo può mandare in pezzi. E poi il passato non ti permette di prenderti troppe libertà, tende a tornare a posto a costo di schiacciarti nei suoi meccanismi. King riesce a rendere struggente un argomento da manuale di fantascienza, i viaggi nel tempo. E’ un romanzo che contiene molte storie, come un romanzo di romanzi o una storie di storie. Me ne distacco malvolentieri, avrei voluto continuare il viaggio e nel passato e nel presente, avrei voluto sperimentare altre possibilità con Jack-George e stargli accanto ancora un po’. Difficile liberarsene, difficile…

    gezegd op 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Non sappiamo mai su quali vite influiremo, o quando, o perché. Non finché il futuro divora il presente, almeno. Veniamo a saperlo quando è troppo tardi.

    22/11/'63 è il mio primo approccio con King. Sono anni ormai che mi riprometto di iniziare a leggere qualcosa di suo ma puntualmente non lo faccio. Ho deciso di iniziare con questo romanzo perchè vogl ...doorgaan

    22/11/'63 è il mio primo approccio con King. Sono anni ormai che mi riprometto di iniziare a leggere qualcosa di suo ma puntualmente non lo faccio. Ho deciso di iniziare con questo romanzo perchè voglio assolutamente guardare la serie tv che ne è stata tratta, ma non volevo guardarla prima di aver letto il libro.
    La storia ha per protagonista Jake Epping, professore di Lisbon Falls che scopre, nella dispensa del locale di un suo vecchio amico, un passaggio temporale che dal presente porta direttamente al 1958. Sbalordito dalla scoperta, Jake si fa coinvolgere nel piano del suo amico Al: viaggiare indietro nel tempo per sventare l'attentato in cui Kennedy perse la vita nel Novembre del 1963. Forse impedire l'attentato darà inizio ad un'epoca migliore e meno violenta rispetto a quella che seguì l'assassinio di Kennedy. Partito per la sua missione, Jake si trova totalmente immerso nella sua nuova vita nel passato, deciso a cambiare la storia del mondo.
    Viaggi nel tempo, i meravigliosi anni '50 americani e un omicidio da sventare per cambiare il corso della storia! Questi gli ingredienti di quest'avventura che ci conduce avanti e indietro nel tempo nell'America seguendo la missione del Professor Epping. Jake vuole impedire l'omicidio del presidente Kennedy. Lui e Al credono che impedendo la sua morte, il passato cambierà e si potranno evitare tragiche vicende come la guerra del Vietnam, le rivolte razziali e così via. L'incontro con Sadie nel passato, renderà per Jake ancora più difficile ricordare che la sua vita non è lì ma nel presente.
    Purtroppo devo ammettere che la lettura di questo romanzo mi ha preso più tempo del previsto e non è stata molto semplice. Inizialmente ho fatto molta fatica a entrare in sintonia con la storia e a trovare il giusto ritmo di lettura, sono stata giorni ferma sempre sullo stesso punto e ho fatto una fatica immensa nel procedere. Insomma come primo approccio a King non è stato il massimo!
    La trama è molto originale, lo spunto narrativo mi intrigava moltissimo ma purtroppo ho trovato la storia fin troppo dettagliata, anche di dettagli che personalmente ho trovato superflui. Sullo stile non c'è molto da dire, King è indubbiamente uno scrittore dal talento immenso, però da quel che ho potuto capire il suo non è uno degli stili che mi è particolarmente congeniale. L'espediente del viaggio nel tempo è la cosa più interessante del romanzo, così come le conseguenze che si creano una volta cambiato il passato.
    Ho apprezzato molto di più le ultime parti del romanzo e ho trovato il finale davvero molto bello. La storia contiene troppe piccole storie che vanno poi ad intrecciarsi, a mio parere questo rende il romanzo troppo e inutilmente intricato. Credo che a questo punto King sarà messo in pausa, anche perchè non amo particolarmente thriller e horror. Non me ne vogliano gli amanti di King ma credo che io e lui non siamo fatti l'uno per l'altra!

    gezegd op 

  • 0

    Molto molto,ma molto,bellissimo.

    " nemmeno la gente in grado di ritornare nel passato sa cosa le riservi il futuro ". Uno straordinario mix tra ordinario e sopranaturale si ritrova in questo viaggio nel tempo,costruito da un ottimo l ...doorgaan

    " nemmeno la gente in grado di ritornare nel passato sa cosa le riservi il futuro ". Uno straordinario mix tra ordinario e sopranaturale si ritrova in questo viaggio nel tempo,costruito da un ottimo lavoro balck ground socio- culturale .Percorso narrativo bellissimo che tra pessimismo e romanticismo (anche filosofico) che induce ad una riflessione sul libero arbitrio e sulle conseguenze,che le nostre scelte, che si originano da esso.

    gezegd op 

  • 2

    Prossima fermata: passato

    Premessa: aggiungete mezza stella alle due che aNobii mi costringe ad usare.
    Il genere di questo romanzo non è nelle mie corde, infatti me ne tengo lontana.
    E di King, finora, avevo letto i quattro ra ...doorgaan

    Premessa: aggiungete mezza stella alle due che aNobii mi costringe ad usare.
    Il genere di questo romanzo non è nelle mie corde, infatti me ne tengo lontana.
    E di King, finora, avevo letto i quattro racconti di "Stagioni diverse", belli, e altri racconti contenuti in un volumone dal titolo "Incubi e deliri", non mi erano piaciuti.
    Questo "22/11/63" mi era stato presentato come un libro molto sentimentale e, alla componente fantastica/fantascientifica, non avevo pensato, pur sapendo quale sia il genere praticato da King.
    Al primo impatto, quindi, appena si è svelato l'elemento portante fantastico, mi son sentita "tradita", ma non volevo mollare lì il libro. E non l'ho fatto.
    Il romanzo mi ha preso a fasi alterne, ma nel complesso non mi ha avuta: prolisso, soprattutto quando si soffermava su dettagli legati a patologie, francamente non sentivo la mancanza di descrizioni particolareggiate degli effetti di virus gastro-intestinali; dialoghi poco interessanti, a volte mi son sembrati addirittura banali; mi ha infastidito il rivolgersi continuamente al lettore, che ero io in questa determinata circostanza, e visto che non mi sentivo coinvolta, mi dava sui nervi quel continuo tirarmi dentro, perché non riusciva comunque ad accattivarsi la mia simpatia; la storia d'amore un po' ingenua e con sfumature rosa, nulla di che, ammetto però che il finale mi ha intenerito molto. Ecco, è per il finale che attribuisco quella mezza stella in più.
    È inutile: re e regine non mi hanno mai attratto. È colpa del mio animo illuminista e repubblicano, che prevale sempre in me.

    gezegd op 

  • 0

    Aspettatevi solo King

    King dice che spesso uno scrittore scrive di un tizio che fuma il sigaro solo per scrivere di un tizio che fuma un sigaro, e niente altro. Fondamentalmente è quello che fa, e forse a farlo, i numeri l ...doorgaan

    King dice che spesso uno scrittore scrive di un tizio che fuma il sigaro solo per scrivere di un tizio che fuma un sigaro, e niente altro. Fondamentalmente è quello che fa, e forse a farlo, i numeri lo gridano, é il migliore tutti: non aspettatevi schieramenti politici, attacchi, allegorie, metafore metafisiche, congetture e quant’altro, come anche in quest’opera, vista la tematica trattata, era facile caderci, ma non per lui. Credo che tutti almeno una volta nella vita, abbiano fantasticato sulla possibilità di poter tornare indietro nel tempo e modificare degli avvenimenti significativi della nostra esistenza. Poter prendere delle decisioni con il senno di poi e riscrivere il destino in modo a noi più congeniale. King ragiona in grande e ci sono degli avvenimenti, come in questo caso l'assassinio di Kennedy, che hanno influito nella vita e nella morte di milioni di persone; egli immagina come potrebbe essere il presente se si potesse tornare indietro modificando, ad esempio, quell'avvenimento. Però, quando si conosce il passato, non si può mai essere certi del futuro che riserva, e se le famose ciambelle usciranno con il buco. Ecco, questa è la minestrina di King, niente di visionario, niente di eclatante, niente di illuminante, magari un po' diluita, come solo lui sa allungarla senza farla sembrare annacquata, condirla con equilibrio, finché non si prosciuga il piatto, ghermendoci con la sua empatica capacità favellante. King non è Gordon Ramsey, King è la nonna con il celeberrimo minestrone di ferragosto, magari non resta impressa a fuoco nella memoria, ma ci infonde sensazioni di placida lietezza.

    gezegd op 

  • 4

    Non è un capolavoro però...

    Però si legge bene, dannatamente bene. Non è il solito King a mio parere ma non reputo ciò un difetto, anzi, fa bene cambiare stile ogni tanto. La trama è avvincente e i colpi di scena ci sono e sono ...doorgaan

    Però si legge bene, dannatamente bene. Non è il solito King a mio parere ma non reputo ciò un difetto, anzi, fa bene cambiare stile ogni tanto. La trama è avvincente e i colpi di scena ci sono e sono ben riusciti. Avrei eleminato qualche parte, un centinaio di pagine in tutto che poco aggiungono alla storia ma alla fine dei conti sono abbastanza soddisfatto. Me lo sarei goduto di più se non avessi visto la serie di J.J. Abrams ma lo consiglio anche a quelli che come me sapevano già dove si andava a parare: la FOX è stata brava ma la prosa di King è tutta un'altra cosa. Chi invece è totalmente all'oscuro deve assolutamente leggerlo, non se ne pentirà!

    gezegd op 

Sorting by
Sorting by