Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

48 poesie

Di

Editore: Arnoldo Mondadori (I miti poesia, 47)

4.1
(70)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 64 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804436131 | Isbn-13: 9788804436133 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luigi Panarese

Ti piace 48 poesie?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Fu un momento
    quello in cui posasti
    sul mio braccio,
    in un movimento
    più di stanchezza
    che di pensiero,
    la tua mano
    e la ritirasti.
    Sentii o no?


    Non so. Ma ricordo
    e sento ancora
    qualche memoria
    fissa e corporea
    ove posasti
    la mano che ebbe
    qualche senso
    incompreso,
    ma ta ...continua

    Fu un momento quello in cui posasti sul mio braccio, in un movimento più di stanchezza che di pensiero, la tua mano e la ritirasti. Sentii o no?

    Non so. Ma ricordo e sento ancora qualche memoria fissa e corporea ove posasti la mano che ebbe qualche senso incompreso, ma tanto lieve!...

    Tutto questo è nulla: su una strada però com'è la vita c'è molto d'incompreso...

    Che so io se quando la tua mano sentii posarsi sul mio braccio, e un poco, un poco, sul cuore, non ci fu un ritmo nuovo nello spazio?

    Come se tu, senza volerlo, mi toccassi per dire qualche mistero, improvviso ed etereo, che neppure sapevi dovesse esistere.

    Così la brezza dice sui rami senza saperlo un'imprecisa cosa felice.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi piace meno de "L'enigma e le maschere" e infatti non lo consulto, l'ho letto. Qui Pessoa è tragico, drammatico, depresso e non accidioso... però ci penso quando, assai di rado, sono depressa. Ci penso e mi conforto "Boia! Comunque c'è chi sta peggio di me!"... avere qualcosa di simile quando s ...continua

    Mi piace meno de "L'enigma e le maschere" e infatti non lo consulto, l'ho letto. Qui Pessoa è tragico, drammatico, depresso e non accidioso... però ci penso quando, assai di rado, sono depressa. Ci penso e mi conforto "Boia! Comunque c'è chi sta peggio di me!"... avere qualcosa di simile quando sei giù è pur sempre meglio che andare a un party pieno di gente felice... Gli avrei proprio dato 3 stelline, anche essendomi un po' offesa per il fatto che non è bello come "L'enigma e le maschere" tuttavia gliene darò quattro perchè c'è "Fu un momento"

    Fu un momento quello in cui posasti sul mio braccio, in un movimento più di stanchezza che di pensiero, la tua mano e la ritirasti. Sentii o no?

    e poi continua e anche il resto è bello ma mi manca il tempo, la mia pausa è finita. Bello però, no? "in un movimento più di stanchezza che di pensiero" ... bello... a me piace...

    ha scritto il 

  • 5

    tra i temi simbolici di pessoa in questa raccolta breve si trova spesso il tema del sogno come ripudio e rifugio esistenziale.
    "La notte, venendo come nulla,
    mi ricorda ciò che cessai di essere"

    "Fluttuo, in intimo abbandono
    alla superficie di non sentirmi"...

    ha scritto il 

  • 5

    "La morte è la curva della strada,
    morire è solo non esser visto.
    Se ascolto, odo il tuo passo
    esistere come io esisto.

    La terra è fatta di cielo.
    La menzogna non ha nido.
    Mai nessuno s'è perduto.
    Tutto è verità e cammino."

    ha scritto il