Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

7

Il numero maledetto

Di ,

Editore: Newton Compton (Vertigo)

3.7
(114)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8854135763 | Isbn-13: 9788854135765 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: M. Ceragioli

Genere: Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace 7?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Mary Shayne aveva desiderato che il suo diciassettesimo compleanno fosse speciale, un evento da ricordare, ma di certo non immaginava che si sarebbe svegliata nuda, nel letto di un negozio di mobili, con i postumi di una terribile e inspiegabile sbronza. E la giornata prosegue nel peggiore dei modi: a scuola nessuno sembra ricordare il suo compleanno, non le sue migliori amiche, Amy e Joon, non il suo ragazzo, Trick che, invece di farle gli auguri, la lascia. Con il trascorrere delle ore, Mary si convince sempre più che qualcuno ce l'abbia con lei, e i fatti le danno ragione, perché prima della fine della giornata viene uccisa a sangue freddo. Ma la morte non è che l'inizio di una nuova odissea. Mary, infatti, si ritrova intrappolata in uno strano limbo, costretta a rivivere il giorno della propria morte attraverso gli occhi delle sette persone che le erano più vicine, ognuna delle quali - scopre con sgomento - aveva più di una ragione per odiarla. Ma chi di loro l'ha uccisa? E perché? Per scoprirlo e cercare di cambiare ciò che è stato, Mary dovrà fare i conti con i dolorosi misteri e gli inconfessabili segreti che si nascondono sotto la patina dorata del suo mondo perfetto.
Ordina per
  • 2

    Seven souls non è quello che definirei un "grande romanzo". Preferirei piuttosto etichettarlo come un passatempo vagamente gradevole. Non mi ha convinto del tutto e sono stato in grado di trovare qualcosa che mi ha infastidito. Bisogna ammettere che io trovo quasi sempre qualcosa ch ...continua

    Seven souls non è quello che definirei un "grande romanzo". Preferirei piuttosto etichettarlo come un passatempo vagamente gradevole. Non mi ha convinto del tutto e sono stato in grado di trovare qualcosa che mi ha infastidito. Bisogna ammettere che io trovo quasi sempre qualcosa che mi irrita o che non condivido o che a mio parere stona, ma se nel complesso il libro mi piace sorvolo con il cuore in pace; in questo caso no. A tutti i lettori che possono riscontrare nelle mie le loro stesse pretese, non consiglio questo libro. Una grande colpa è da attribuirsi alla casa editrice italiana e originale statunitense: nella sinossi ufficiale, gran parte della trama è rivelata senza tanti complimenti. Io leggo sempre la sinossi (come mi pare giusto che sia; è stava pubblicata in retrocopertina per quello scopo) e questo spoiler gratuito ha portato riscontro nel mio scontento. Lo posso dire senza sentirmi in colpa, a questo punto: la protagonista muore perchè portata da qualcuno che la odia a essere vittima di una maledizione egiziana e rivive il suo ultimo giorno sulla terra per scoprire chi è l'artefice dell'omicidio - o, per essere precisi, chi ha avuto l'idea di scagliare l'anatema che arriva dalla terra delle piramidi, che in teoria la odio (e proprio tanto, direi). Adesso che si conosce questo dettaglio, si può leggere il libro sapendo cosa ci si può aspettare proseguendo con le pagine. La protagonista deve essere una ragazza molto viziata e segretamente perfida, perchè sul subito non si direbbe che sia così malvagia anche se l'evento previsto conduce a pensarla così. E, stando a come la penso io, non lo è nemmeno avanzando tra i capitoli: al contrario lo sono i suoi amici - che amici di sicuro non sono. La storia è ambientata a New York è la prosa dei due autori non è imprecisa o superficiale, ma per tutto l'arco della vicenda l'ho sentita fredda e non mi ha fatto appassionare come desidero da un libro. Mi ha intrigato perchè volevo sapere come si sarebbero districati i fatti, questo sì. Adesso non lo vorrei sapere più, ma tant'è. Non riesco a capire come questo libro abbia ricevuto i complimenti che gli hanno attribuito. Certamente a ognuno può piacere il libro che vuole e ogni opera è un capolavoro per qualcuno; non metto in dubbio questo. Ogni libro merita di essere letto e amato da persone di buona volontà. Ma, per quanto mi riguarda, se la protagonista deve essere rappresentata come una vera stronza senza cuore e meritevole di morte violenta (una ragazzina può essere destinataria di tanto astio?), perchè le motivazioni delle sei persone che più la odiano mi sono sembrate sciocche? O meglio, alcune non sono cause di rancore, altre non lo sono di desiderio di vendetta così estrema. Poi è certo che se una di queste persone inizia la maledizione e le altre vengono coinvolte, un motivo bisogna pur trovarlo, no? NO! Il finale non l'ho compreso. Secondo me è confuso oppure senza un vero senso. Questo libro lo iniziai l'autunno scorso, ma poco dopo la metà lo abbandonai perchè in quel periodo ero psicologicamente labile. Questo luglio mi è tornata voglia di proseguire la lettura, ma l'unica cosa che ho guadagnato - lo dico a malincuore - è un libro in più nella Challenge di quest'anno.

    Ecco il mio pensiero.

    *-*-*

    Eh sì, è proprio una lurida puttana meritevole di morire ammazzata una ragazza che parla alla madre del fidanzato dei suoi problemi con la droga che lo rendono ingestibile, magari per trovare una soluzione. Bah!

    Certe cose non le reggo. :/

    ha scritto il 

  • 4

    Se questo libro ha un problema, è che la trama riportata sulla copertina praticamente ne racconta una metà abbondante.
    Per il resto è un romanzo ben scritto e ideato che mescola in maniera armonica elementi sovrannaturali e comuni, creando un mix accattivante che tiene il lettore incollato al lib ...continua

    Se questo libro ha un problema, è che la trama riportata sulla copertina praticamente ne racconta una metà abbondante. Per il resto è un romanzo ben scritto e ideato che mescola in maniera armonica elementi sovrannaturali e comuni, creando un mix accattivante che tiene il lettore incollato al libro dalla prima all'ultima pagina. Per carità, chi legge abitualmente libri gialli e/o ha un forte istinto capirà subito chi è/sono il/i colpevole/colpevoli ed anche il/i movente/moventi... ma questo non rovina la narrazione. Una lettura non imprescindibile ma senza dubbio godibile.

    ha scritto il 

  • 3

    Mary Shayne, il giorno del suo diciassettesimo compleanno si sveglia completamente nuda, in un negozio di mobili. Successivamente, la giornata non migliora: nessuno a scuola le fa gli auguri e il suo ragazzo la lascia. Mary è sempre più convinta che qualcuno sta tramando contro di lei, infatti a ...continua

    Mary Shayne, il giorno del suo diciassettesimo compleanno si sveglia completamente nuda, in un negozio di mobili. Successivamente, la giornata non migliora: nessuno a scuola le fa gli auguri e il suo ragazzo la lascia. Mary è sempre più convinta che qualcuno sta tramando contro di lei, infatti a fine giornata viene uccisa a sangue freddo. Successivamente, si ritrova intrappolata in uno strano limbo, in cui rivive il giorno della sua morte per sette volte: ogni volta, dal punto di vista di una persona diversa, che aveva delle buone ragioni per odiarla. Il libro risulta abbastanza scorrevole, e anche i temi trattati sono interessanti. Anche i personaggi, sono stati caratterizzati bene, non sono per nulla banali, o stereotipati. Il motivo per cui ho dato 3 stelle a questo libro è il finale, che ho trovato molto deludente e prevedibile. Lo considererei un semi-thriller, in quanto per tutto il libro ci sono dei buoni momenti di tensione, però l'assassino è davvero troppo banale, e questo secondo me, da un libro che viene definito 'Una rivoluzione' è inaccettabile. Tutto sommato consiglio questo libro, per 'staccare la spina', perchè è coinvolgente e si legge in fretta.

    ha scritto il 

  • 4

    "il mistico e l'ascetico incontrano il thriller e l'horror"

    Recensione su ...il piacere della lettura http://leggiamo.altervista.org/thriller_7ilnumeromaledetto.htm

    Nota: Un unico appunto. Non leggete la trama sul risvolto d copertina, toglie parte della suspense.

    ha scritto il 

  • 4

    Sono rimasta sorpresa da quanto mi sia piaciuto questo libro, scritto bene, la trama coinvolgente con molti colpi di scena non sempre prevedibili. Per certi versi l'ho trovato un racconto molto cattivo se si può definire così, la protagonista di ritroverà a pagare un caro prezzo per la superficia ...continua

    Sono rimasta sorpresa da quanto mi sia piaciuto questo libro, scritto bene, la trama coinvolgente con molti colpi di scena non sempre prevedibili. Per certi versi l'ho trovato un racconto molto cattivo se si può definire così, la protagonista di ritroverà a pagare un caro prezzo per la superficialità e l'insensibilità con cui tratta le sue amicizie e la sua famiglia, all'inizio non si riesce a capire come effettivamente lei è, se non quando per via di un maleficio è costretta a vivere per alcuni momenti i ricordi dei suoi amici e li scopre quanto lei sia stata stron...con loro, capirà quanto odio si cela sotto ai loro visi sorridenti e capirà che ormai è troppo tardi, il finale doveva essere più crudele....consigliato!

    ha scritto il 

  • 4

    http://toccareilcieloconunlibro.blogspot.it/2013/05/recensione-7-il-numero-maledetto-di.html
    Se volete un consiglio, non leggete la trama di questo libro.Perché ne svela più della metà.Se siete curiosi di leggerlo e volete informarvi sulla storia vi basterà sapere che 7 il numero maledetto tratta ...continua

    http://toccareilcieloconunlibro.blogspot.it/2013/05/recensione-7-il-numero-maledetto-di.html Se volete un consiglio, non leggete la trama di questo libro.Perché ne svela più della metà.Se siete curiosi di leggerlo e volete informarvi sulla storia vi basterà sapere che 7 il numero maledetto tratta di una storia molto, molto particolare. E' il giorno del diciassettesimo compleanno di Mary.Il giorno perfetto, che lei aspettava da tanti anni, è finalmente arrivato. Peccato che vada tutto storto. Per iniziare, Mary si sveglia in un letto da Crate & Barrell, un negozio di mobili, sola, nuda e senza alcun ricordo della notte precedente.Ed è solo l'inizio: questo si rivelerà un giorno molto misterioso, in cui niente ha un senso per la ragazza... Ho iniziato questo libro pochi giorni prima del mio compleanno.Sapevo di cosa parlava ed ho chiesto a me stessa: "Perché l'hai cominciato proprio adesso, non potevi farlo prima?". Il fatto è che la storia riesce a prendere molto, quindi avevo davvero paura di svegliarmi nuda da Mobilissimo. Per fortuna non è successo. Ma passiamo al libro. 7 il numero maledetto è scritto veramente bene.Ho letto poche volte libri a quattro mani, ma devo dire che riescono sempre a centrare l'obiettivo. Questo riesce a prenderti dalla prima parola e non ti fa staccare facilmente dalla lettura. Lo sfondo su cui si muovono i personaggi è New York, ma non raggiunge una grande importanza. Tutti i personaggi sono ben caratterizzati ed hanno una storia precisa. Mary,ovviamente, è la protagonista.E' la classica ragazza popolare, bellissima, amata da tutti.Anche se lei non è veramente così.Mary Shayne non esiste veramente, è solo una facciata creata dalla ragazza per essere al centro dell'attenzione.Durante il corso del libro si scoprono molte azioni abbastanza spiacevoli da lei compiute, ma devo dire che come personaggio mi è piaciuta, anche se non sempre condividevo le sue opinioni. Mary a casa ha una vita abbastanza difficile, con il padre morto dieci anni prima, la madre malata ed abbastanza melodrammatica (anche se solo nella prima parte) e la sorella che sostiene costantemente la donna che le ha dato la vita. Fuori, invece, ha molti amici, come Joon ed Amy, ed un meraviglioso fidanzato, Patrick. Il libro è diviso in tre parti.La prima è la più noiosa, anche se nient'affatto brutta, ma dalla seconda si inizia veramente ad entrare nel vivo della storia e ad interessarsi a questa. I colpi di scena si succedono uno dopo l'altro, lasciando il lettore costantemente col fiato sospeso, fino ad arrivare alla fine. Sotto certi punti di vista un libro un po' inquietante, ma ho scoperto ormai da un po' che questo genere di libri mi spaventa ed affascina allo stesso tempo. Iniziando la lettura non sapevo che cosa aspettarmi e sono rimasta molto soddisfatta da quello che ho trovato, un libro veramente bello, ben scritto, che riesce a portarti dentro di sé in un momento. Mi sento di consigliarlo veramente a tutti, ma soprattutto a chi a voglia di qualcosa di nuovo, diverso da qualsiasi cosa abbia mai letto. Per alcuni particolari potrebbe ricordare altre letture, ma riesce comunque ad essere originale e nuovo. @@@@ stelle! Ed ecco la citazione che ho scelto da questo libro: Riconobbe quel pulsare, quel ritmo: il proprio cuore, lento e regolare come il suono smorzato della grancassa della peggiore band del mondo, mentre suona e risuona il proprio pezzo peggiore. Dolore a base di vodka, l'aveva definito una volta, un cupo dolore pulsante.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    sconvolta! sono sconvolta! non so ancora se in senso positivo o negativo ma forse il mio commento riuscirà a farvi capire.
    mi ha ricordato un misto tra: alla fine ti dirò addio (libro che mi è piaciuto moltissimo!) e gossip girl.
    l'inizio è stato lento e abbastanza noioso, non mi prendeva, forse ...continua

    sconvolta! sono sconvolta! non so ancora se in senso positivo o negativo ma forse il mio commento riuscirà a farvi capire. mi ha ricordato un misto tra: alla fine ti dirò addio (libro che mi è piaciuto moltissimo!) e gossip girl. l'inizio è stato lento e abbastanza noioso, non mi prendeva, forse perchè era troppo particolareggiato o forse gli autori non sono riusciti a farmi amare la protagonista o a catturarmi sin dalle prime pagine.. ma, dalla seconda parte in poi è stato un esplosione di emozioni e di corsa contro il tempo per sapere chi è il vero colpevole e cosa vedrà lei quando è nel corpo di tutti i suoi "amici"! tutto inizia a prendere vita da metà storia, perchè vuoi assolutamente sapere che è successo davvero! le rivelazioni che i vari personaggi rivelano sono sconvolgenti perchè non te le aspetteresti mai da come inizia la storia e da come la protagonista descrive. per lei sono tutti così speciali e buoni e non vuole vedere oltre, ma resta a guardare solo in superficie dove può fare finta di niente. a quanto pare tutti hanno un motivo per odiarla! la parte vista da scott e joon me le sarei vagamente immaginate senza troppi problemi, anche se non con un piano così ben articolato, che si rivela poi essere un piano della sorella ellen. la parte che non mi aspettavo proprio è stata da amy. non mi aspettavo minimamente fosse lesbica perchè nella storia non si capiva. quando hanno fatto riapparire joon dalla finestra ho pensato all'esorcista o a cose simili e mi è venuto il cagotto! (scusate l'espressione). per fortuna dylan si è ripreso quel tanto che bastava a collaborare un minimo e a cercare di fare qualcosa di sensato! ellen, l'avrei uccisa io con le mie mani, anzi no, direi che tutti si meriterebbero di avere una grande punizione! per fortuna che è un opera di fantasia, ma la domanda comunque sorge spontanea: ma come fanno certe persone e stare bene con loro stesse? non ti senti male a voler ammazzare qualcuno? in ogni caso la fine non mi è piaciuta moltissimo anche se "tutto si è risolto per il meglio". mary, la protagonista, si spara e muore ma rimane nel corpo di sua sorella..che fine terribile!! io continuo a dire che sarebbe stato meglio sopprimerli tutti!

    ha scritto il 

  • 4

    A tratti mi ha ricordato "After", però devo dire che questa storia è molto diversa.. e da metà in poi mi ha preso parecchio.. Forse non è da 4 stelline, perchè l'inizio è piuttosto noioso.. ma ho deciso di premiarla solo per il finale.. ^_^

    ha scritto il