Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Suchen Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

84, Charing Cross Road.

By

Verleger: Btb

4.3
(2723)

Language:Deutsch | Number of Seiten: 158 | Format: Paperback | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) Chi simplified , English , Spanish , Chi traditional , French , Italian , Swedish , Catalan , Finnish , Dutch , Japanese

Isbn-10: 3442731291 | Isbn-13: 9783442731299 | Publish date: 

Auch verfügbar als: Others , Hardcover , Audio CD

Category: Biography , Fiction & Literature , History

Do you like 84, Charing Cross Road. ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • 5

    非常喜歡的一本書,我一直深深迷戀著紙本書,本書作者的挑剔方式常讓我不小心笑出來,好想見見那個年代漂亮的裝幀與精美的插圖喔...雙方的信件來往時分讓人嚮往,好懷念手寫信件的時代,那種等待與滿足,現今早已消逝,感情的聯繫也淡薄取多,要是發生在現在,大概直接就轉接客服了吧。不過看的同時也深感自己視野的不足,好多書都沒看過,看完本書我列了一大長串的書單,並且下定決心這輩子一定要去一趟實地。 (最後一段,真的讓人感到惆悵)

    gesagt am 

  • 3

    interesante a la vez que actual

    Interesante cuando menos. Un libro para los que nos gusta leer y escribir. La correspondencia entre una escritora principiante que acaba escribiendo guiones para la televisión y un librero de viejo de esos de toda la vida, que no sólo vende libros sino que los ama.
    En el transcurso de cada epísto ...weiter

    Interesante cuando menos. Un libro para los que nos gusta leer y escribir. La correspondencia entre una escritora principiante que acaba escribiendo guiones para la televisión y un librero de viejo de esos de toda la vida, que no sólo vende libros sino que los ama. En el transcurso de cada epístola se ve el caracter, amargo para algunos, soberbio para otros, de esta escritora. La soberbia mal entendida o las exigencias que le hace al librero de los ejemplares que quiere obtener son siempre respondidas con la elegancia y educación del carácter inglés. Más allá del aspecto estricto del amor por los libros a uno y otro lado del atlántico, no sé si percibir rasgos de ese carácter americano, tópico quizás, de soberbia creyéndose los dueños y señores del mundo que todo lo cogen sin pedirlo, en contraposición con la educación y buenas formas que el librero inglés demuestra en cada carta. Con el transcurso de los años y las cartas, se forma una relación de amistad a distancia , no sólo con el que es su proveedor de libros sino con su familia y el resto de empleados de la librería. Amistad sosegada que no viene acompañada de un conocimiento personal de las personas, en analogía clara, a pesar de estar escrito a mediados del siglo pasado, con las actuales amistades a través de redes sociales o internet en general donde no sélo no vemos las caras en muchas ocasiones si no que tampoco el trazo de escritura; y aquí cabe una reflexión ¿ estamos perdiendo el contacto humano a favor del de los teclados? Quiero pensar que no, que detrás de letras de word y emoticonos hay personas que viven,lloran y ríen. Personas que, aunque estén muy ocupadas para dar un paseo o tomarse una caña contigo, tienen tiempo para pasarse horas y horas delante de una pantalla y un teclado. Por eso yo sigo intentado, de vez en cuando , seguir escribiendo cartas a papel y boli....y seguir viendo a ese gente que son mis amigos....

    gesagt am 

  • 4

    以頗具古風的書信體寫成,暗示本書故事的真實性,而故事中真摯感人的情感才更具傳奇性。試想,若這故事是虛構的,恐怕只會換來無聊又矯情的罵名吧。

    畢竟是1970年代的書,無論是親筆寫信或是逛實體書店,現在看來都懷舊得令人感傷。我也是在家點點手指,書就會自動寄來的網路書店慣用者,但是從未收過一封來自書店的信,也很少與書店店員對話了。

    作者對於閱讀和買書的看法很有趣,值得愛書人讀後思考一下,唐諾寫的序更是需要用力想很久。為了消弭庸俗生活中的「永恆當下」,我決定要開始好好寫東西了。

    gesagt am 

  • 3

    Questo libretto è simpatico, ma niente di straordinario. Riservato agli appassionati della Londra che fu. Però, a proposito del culto dei libri, vorrei citare un pensiero dell’autrice che condivido parola per parola:
    “Ogni primavera faccio le pulizie generali alla mia libreria e elimino i libri c ...weiter

    Questo libretto è simpatico, ma niente di straordinario. Riservato agli appassionati della Londra che fu. Però, a proposito del culto dei libri, vorrei citare un pensiero dell’autrice che condivido parola per parola: “Ogni primavera faccio le pulizie generali alla mia libreria e elimino i libri che non rileggerò mai più, come elimino i vecchi vestiti che so che non indosserò mai più. E tutti si scandalizzano molto per questo. I miei amici sono strani con i libri. Leggono tutti i best seller, li divorano il più velocemente possibile, penso che saltino un sacco di pagine. E non rileggono MAI nulla una seconda volta, di modo che un anno dopo non ne ricordano una sola parola. Eppure, se mi vedono buttare un libro nel cestino o darlo via si scandalizzano profondamente. Secondo loro compri un libro, lo leggi, lo metti nella libreria, non lo riapri più per il resto dei tuoi giorni, ma NON LO BUTTI VIA! SOPRATTUTTO SE HA UNA COPERTINA RIGIDA! E perché mai? Personalmente non riesco a immaginare nulla di meno sacrosanto di un libro brutto o addirittura di un libro mediocre.”

    gesagt am 

  • 4

    一開場就是不熟裝熟嘛~作者感覺有點唐突又無禮的信函內容竟然讓書店店員愛不釋手???!! 要是我接到這封信都不知道她是在客訴還是開玩笑呢!倒不如說一整個故事也許是那位寫信老小姐自己幻想出來的,她的幽默有時我不覺得好笑啊!果然兩方是要和得來才能通信20年之久,不過為了賣書我願意犧牲.彼此確實有感情在是吧?

    gesagt am 

  • 4

    The author of the book, Helene Hanff is an american writer with a passion for book, especially British classics. Thanks to this passion she starts a correspondence with a library in London that send her antique copy of books.
    This correspondence soon became a friendship, especially with Frank Do ...weiter

    The author of the book, Helene Hanff is an american writer with a passion for book, especially British classics. Thanks to this passion she starts a correspondence with a library in London that send her antique copy of books. This correspondence soon became a friendship, especially with Frank Doel, the chief buyer of Marks and co.

    I enjoyed the book for two mainly things, first because is very intimate and delicate, second because I discovered a London that I didn't know about.

    gesagt am 

  • 2

    Che delusione!

    Sinceramente non riesco a capire il successo di cui ha goduto. Solo un libro che parla di libri e ogni tanto, fra un volume e l’altro, tratteggia con pennellate leggere trent’anni di storia. Ma un cult, addirittura?

    gesagt am 

  • 3

    Woman Salad - 03 ago 14

    Un libro che non c’è bisogno di leggerlo per conoscerlo, ma che bisogna leggerlo per capire perché non si può non amarlo. Perché è un inno ai libri stessi, all’amore per la carta stampata, per la let-tura, per la ricerca di connessioni tra testi. Ma anche un libro pieno di affetto, di amicizia, d ...weiter

    Un libro che non c’è bisogno di leggerlo per conoscerlo, ma che bisogna leggerlo per capire perché non si può non amarlo. Perché è un inno ai libri stessi, all’amore per la carta stampata, per la let-tura, per la ricerca di connessioni tra testi. Ma anche un libro pieno di affetto, di amicizia, di ri-spetto. Ed una piccola fotografia in evoluzione di come sia cambiato il mondo stesso, dalla prima lettera con cui comincia, nel 1949, fino all’ultima, triste ed umana, nel 1970. E chi non conosce il libro, avrà comunque sentito parlare del film che ne fu tratto, con una magica interpretazione di Anne Bancroft ed una sempre eccellente di Anthony Hopkins. Entrambi, libro e film, oggetti di culto tra gli appassionati. È un libro epistolare, che riporta le più significative lettere scambiate dall’autrice Helene Hanff, per la maggior parte con Frank Doel, librario antiquario della libreria Marks & Co, sita, appunto, all’indirizzo del titolo. Helene, amante della letteratura, nonché squattrinata, dopo la seconda guerra mondiale, trova un’inserzione di libri antiquari acquistabili, lei abitante a New York, di là dell’oceano, in quel di Londra. Scrive, e comincia lo scambio tra lei e Frank. Dalle lettere emerge l’amore, di entrambi, per la carta stampata. La ricerca di testi rari, di connessioni, di edizioni integrali (che bei commenti sulla Vulgata della Bibbia o su alcune poesie di John Donne). Emerge in filigrana la vita dell’americana Hanff, che trova anche un suo spazio nel mondo dei libri. Prima come lettrice di testi, poi come sceneggiatrice di serial storici, infine anche autrice di libri per l’infanzia. Ed anche quella del compassato Doel, con la sua famiglia, e la passione per la ricerca della soddisfazione del cliente (tipico esempio del modo d’approccio di commessi anglo-sassoni, che sempre mi ha riempito di ammirazione). Ma tra un testo e l’altro, una citazione e l’altra, le lettere si riempiono anche di altro. L’inglese le manda la ricetta originale dello Yorkshire Pudding o la descrizione dell’incoronazione della regina Elisabetta. Helene ribatte con le partite di baseball dei Brooklyn Dodgers, l’invio di uova in polvere e di calze di nailon (articoli introvabili nell’Inghilterra del primo dopo-guerra). Gli inglesi troveranno in Helene una zia lontana cui inviare pensieri e foto ricordo. Helene comincerà a mettere da parte dollari su dollari per cercare di visitare l’Inghilterra di Geoffrey Chaucer e di Frank Doel. Miss Hanff sbarcherà effettivamente in Inghilterra, dopo aver trascorso anni a guardare apposta film inglesi per scoprire come sono fatte le strade di Londra… Ma il tanto desiderato viaggio si realizzerà purtroppo troppo tardi. Nel 1969 Frank muore prematuramente a seguito di una peritonite e dopo poco tempo Marks & Co deve chiudere definitivamente i battenti. Eppure, quando finalmente riuscirà a entrare nella polverosa libreria che aveva dato forma e risposta a molti dei suoi desideri, Helene si rivolgerà all’amico tanto caro e mai conosciuto di persona, commentando, a metà strada tra il rimpianto e la riconoscenza: “Che ne dice, Frankie, finalmente ce l’ho fatta!”. Il libro, sottilmente, mai esplicitamente, ma con forza, ci ricorda sempre che dobbiamo lottare per ottenere quello che desideriamo, senza mai tirarci indietro. Annullando il tempo e la morte, attraverso l’unico modo sempre valido da millenni: attraverso la letteratura. Certo, io ora mi domando come si sarebbe trasformato il libro e tutto il contorno ai tempi di Internet, tra acquisti online divisi tra Amazon ed e-Bay, amicizie su Facebook, chat su Skype, pubblicazioni in e-book ed altro. Ma questo potrebbe essere l’inizio di un nuovo libro e di una nuova trama. In chiusura, devo però dire che, date le premesse, mi aspettavo uno scatto maggiore, un piacere maggiore della lettura. Forse perché pieno di citazioni ed incroci, avrebbe avuto bisogno anche di un più corposo impianto di note e spiegazioni. Per cui alla fine arriva “solo” a quattro libricini su sei. Certo, comunque un buon voto. Ed un libro (ed un film) da conservare nella memoria di chi ama la carta stampata. “Sono una scrittrice senza soldi che ama i libri.” (1)

    gesagt am 

  • 4

    L'amore per i libri permea la corrispondenza di cui è oggetto questo libricino. Che soddisfazione trovare un volume "vissuto" che si cercava da tempo, quasi che le persone che l'hanno letto prima di noi avessero lasciato all'interno un po' del loro sentimento. In tempi di ebook che splendida lett ...weiter

    L'amore per i libri permea la corrispondenza di cui è oggetto questo libricino. Che soddisfazione trovare un volume "vissuto" che si cercava da tempo, quasi che le persone che l'hanno letto prima di noi avessero lasciato all'interno un po' del loro sentimento. In tempi di ebook che splendida lettura!

    gesagt am 

Sorting by