9 ottobre 1963: Che Iddio ce la mandi buona

La frana del Vajont

Di ,

Editore: Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi

0.0
(0)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 95 | Formato: Tascabile economico

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Educazione & Insegnamento , Storia , Da consultazione

Ti piace 9 ottobre 1963: Che Iddio ce la mandi buona?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
[Che iddio ce la mandi buona] Valdinucci/Menotti, 2013 Longarone

Terminato [e immediatamente pubblicato la parte riproduzione delle pagine]Il tributo alle vittime del Vajont http://www.vajont.info/vittime.html e ai loro familiari [da parte della PARTE SANA] del Servizio dei Geologi Italiani http://sgi.isprambiente.it/geoportal/catalog/main/home.page:La presentazione di questo libro/affermazione di coscienza è stata in buona sostanza l'innesco concreto della [penosa e laidamente *IPOCRITA*] corsa alle "scuse Istituzionali" che poi si è vista tre giorni dopo in questo CINQUANTESIMO: Grasso, Letta (in differita post-Lampedusa), Napolitano & Co.: http://news.centrodiascolto.it/video/tg1/2013-10-09/cronaca-e-costume/anniversario-della-tragedia-del-vajont[A Longarone coi parassiti di contorno, immancabili: locali, regionali & 'centrali'. E tutti costoro - notare bene! - a cercare e a chiedere ALTRI SOLDI]:Qui la parte ufficiale "Alvaro Valdinucci" (quella documentazione che "Longarone *NON* volle/e *NON* vuole" !!): https://www.facebook.com/notes/tiziano-dal-farra/alvaro-valdinucci-la-documentazione-che-longarone-non-vollevuole-/10151800867523463:La Edison http://www.edison.it/ - che ne ha mille e un motivo [di rivalsa, ma anche d'immagine] - aveva anche provato a 'patrocinare' questo libro, ma l'autore Menotti ha [giustamente, fieramente, decisamente] declinato l'offerta. E NON a CASO, questo libro è "fuori commercio". Quindi raro, e DOPPIAMENTE prezioso.Ringrazio [anche a nome vostro] Carolina Teza che me ne ha fatto gradito dono, oggi pomeriggio. E da stasera, è *di tutti*. Notato? milioni di copie potenziali: http://www.vajont.info/CHE_IDDIO.pdf:Questo libro, da solo, fa polpette del sindaco di Longarone Padrin e del suo *osceno*, vermigeno, inaccettabile "perdono personale agli ingegneri", disse ... https://www.facebook.com/pages/Scuse-pubbliche-e-dimissioni-del-sindaco-di-Longarone/561726957217233?fref=ts ... Ma anche dei "negazionisti" contemporanei 'accademici' alla Maurizio Reberschak [che come degno emulo dell'identica VILTA' ACCADEMICA di Dal Piaz, ardì profferire al TG3 Veneto che "nella frana del Vajont *NON C'E' ALCUN DOLO*"] ... E alla 'D'Alpaos'.

Questo libro - secondo me - in un mondo normale, mediamente onesto, dovrebbe essere testo di corso e prova D'ESAME di AMMISSIONE [maturità], nelle Università italiane. Quelle "che sfornano capponi" tuttora (cit., Sandro Canestrini, 1969, in "Vajont, genocidio di poveri" http://www.vajont.info/mainpage.html).

Quegli stessi capponi ad esempio, tutti con nomi e cognomi, descritti in questo libro. Che con i loro illustri tomi, allevarono generazioni di avvocati, e ingegneri e geologi per poi buttare alle ortiche le loro carriere e dignità [se mai l'ebbero, questa] nell'affare Vajont.

Grazie Menotti, e Graziano, e d'Oriano. Puoi scaricare il loro DONO, in pdf, QUI: http://www.vajont.info/CHE_IDDIO.pdf:. : : .: