Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

A Biblioteca da Morte

Por

Editor: Planeta

3.6
(8160)

Language:Português | Number of Páginas: 376 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) Italian , English , Spanish , Catalan , French , Dutch , German , Polish

Isbn-10: 9896570345 | Isbn-13: 9789896570347 | Data de publicação:  | Edition 1

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like A Biblioteca da Morte ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
A acção decorrer em três épocas, ano de 777, pós-Segunda Guerra Mundial e nos nossos dias. Tudo começa quando um assassino em série inicia uma série de mortes. Nada une as vítimas a não ser um postal que todas receberam onde são informadas do dia e da hora em que vão morrer.<br />Designado para o caso um agente lendário do FBI com um passado conturbado, um problema com bebida, e nada a perder. Acaba por descobrir-se que o segredo para tão estranho comportamento está encerrado numa biblioteca de um convento que originou uma série de mortes em 777.
Sorting by
  • 4

    Tópico y típico en su inicio

    Previsible en la trama policíacapero imprevisible en el final. Libro que no deja de ser una introducción a la trama que da la razón de ser de la saga.

    dito em 

  • 1

    Library of the Dead (2009)

    Personalmente faccio fatica a comprendere tanto entusiamo per questo fenomeno (da baraccone) editoriale da "oltre due milioni di copie vendute solo in Italia" (dove se no) e tanto amato dai (non)letto ...continuar

    Personalmente faccio fatica a comprendere tanto entusiamo per questo fenomeno (da baraccone) editoriale da "oltre due milioni di copie vendute solo in Italia" (dove se no) e tanto amato dai (non)lettori nostrani. E mi è anche difficile restare serio.

    Il romanzo si svolge su tre piani temporali differenti: l'oggi del romanzo, cioè l'anno 2009, tra Los Angeles e Las Vegas, con incursioni nella celebre Area 51 in Nevada, quella degli UFO; il Medioevo, nei pressi dell'abazia di Vectis, sull'isola di Wight (di chi canta hippy hippy hippy hippy hippy hippy hippy); e il 1947, anno in cui un gruppo di archeologi trova i sotterranei dell'abazia e il suo magico contenuto. L'autore ha dimenticato i dinosauri, poi il pacchetto sarebbe stato completo.

    Nel 2009 c'è il solito serial killer e il solito profiler dell'FBI, alcolizzato improbabile e donnaiolo in pantofole, che vorrebbe ma non posso essere come Marlowe e altri eroi hard boiled.

    Chiunque abbia letto almeno un romanzo della vastissima narrativa sui serial killer (cito il più famoso, cioè Thomas Harris), si rende immediatamente conto di due cose: 1) il profiler Will Piper è un incapace, 2) un serial killer come Doomsday non può che essere uno scherzo di qualche tipo. L'unico contributo alle indagini fornito da questo idiota di Pi(p)per consiste nel ripetere l'ovvio: non ci sono due omicidi simili. Non c'è uno schema. Se non fosse per le cartoline minatorie, non saprebbero che quest casi sono collegati. Ma va? Non se ne accorge neppure a pagina 82, quando la soluzione gli cade praticamente addosso. L'autore è un po' più sveglio del suo personaggio e sa che non può continuare il suo gioco a lungo, e poi deve incastrare le sue storie nel passato, per cui a metà libro circa viene fuori come sono avvenuti i delitti. Per quel che mi riguarda il romanzo poteva finire li, tanto dei soliti alcolici ingeriti fuori tema e della love story di quart'ordine potevo farne anche a meno. Soprattutto perchè nel finale ci viene rivelato nuovamente l'ovvio.

    L'idea di terminare la trilogia non mi sfiora neppure. E, detto fuori dai denti, tutta questa nuova moda imperante di trasformare gloriosi generi letterari come il giallo, l'horror e la fantascienza in appendici del romanzetto rosa per aspiranti Cenerentola con la fregola del licantropo e affini creature soprannaturali, giovani avvenenti miliardari col vizietto del frustino da equitazione inclusi, non mi piace proprio per niente.

    dito em 

  • 5

    Ancora splendido

    Avevo letto questo libro credo un paio di anni fa e mi era piaciuto molto. Settimana scorsa ho finito un altro libro di questo scrittore e mi è tornato il desiderio di rileggere "La biblioteca dei mo ...continuar

    Avevo letto questo libro credo un paio di anni fa e mi era piaciuto molto. Settimana scorsa ho finito un altro libro di questo scrittore e mi è tornato il desiderio di rileggere "La biblioteca dei morti". In tre giorni l'ho divorato. Ho già prenotato in biblioteca il seguito, " Il libro delle anime".
    Questo scrittore mi piace parecchio...cercherò altre sue opere.

    dito em 

  • 3

    L' idea di base è bella, per quanto riguarda lo sviluppo della storia
    mi ha intrigato la parte ambientata nel passato, mentre quella ambientata nel presente è abbastanza lineare , piatta, inoltre i pe ...continuar

    L' idea di base è bella, per quanto riguarda lo sviluppo della storia
    mi ha intrigato la parte ambientata nel passato, mentre quella ambientata nel presente è abbastanza lineare , piatta, inoltre i personaggi principali sono davvero stereotipati.

    Comunque come lettura estiva di intrattenimento va piu che bene.

    dito em 

  • *** Este comentário contém <i>spoilers</i>! ***

    3

    Idea intrigante

    L'idea di fondo del libro mi ha veramente presa, quello che ho trovato poco accattivante è stato il contesto dei giorni nostri, troppo romanzato all'americana, il tipo tenebroso con problemi d'alcol c ...continuar

    L'idea di fondo del libro mi ha veramente presa, quello che ho trovato poco accattivante è stato il contesto dei giorni nostri, troppo romanzato all'americana, il tipo tenebroso con problemi d'alcol che trova attraente la sua collega più giovane. Scontato.

    dito em 

  • 2

    Mah.
    Mi aspettavo decisamente di più, l'idea era buona, ma il racconto non è avvincente, e considerando che il lettore scopre buona parte della verità molto presto questa è una grave pecca.
    I personag ...continuar

    Mah.
    Mi aspettavo decisamente di più, l'idea era buona, ma il racconto non è avvincente, e considerando che il lettore scopre buona parte della verità molto presto questa è una grave pecca.
    I personaggi sono quantomeno passabili, ma niente che mi faccia simpatizzare troppo per l'uno o per l'altro.
    Ripeto, l'idea era buona, ma si poteva fare di meglio.
    Proverò col seguito.

    dito em 

Sorting by
Sorting by