A Calais

Di

Editore: Adelphi (Biblioteca minima, 68)

3.6
(120)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 49 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8845931145 | Isbn-13: 9788845931147 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Lorenza Di Lella , Maria Laura Vanorio

Ti piace A Calais?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Quello che mi interessa è poter scrivere un reportage esattamente nello stesso modo in cui scriverei un libro". (Emmanuel Carrère) Commissionato dal trimestrale "XXI", questo reportage appare in Francia nel numero datato Primavera 2016, in contemporanea, quindi, con l'edizione italiana.
Ordina per
  • 0

    Interessante e attuale, scritto in modo scorrevole. Peccato sia tutto sommato poco approfondito; come qualcuno ha già detto si tratta di un lungo articolo, nulla di più

    ha scritto il 

  • 3

    Poche pagine, un reportage per un giornale, molto utili per capire una realtà lontana e sconvolgente. Che ben si collega al libro che ho letto dopo, Io sono con te di Melania Mazzucco. Userei questa p ...continua

    Poche pagine, un reportage per un giornale, molto utili per capire una realtà lontana e sconvolgente. Che ben si collega al libro che ho letto dopo, Io sono con te di Melania Mazzucco. Userei questa parola UMANITA'. L'umanità che manca, perché l'umanità non è umana.

    ha scritto il 

  • 2

    Non è un libro, è un lungo articolo, o se preferite un lungo racconto nello stile di Carrère. Sembrano appunti di viaggio, non particolarmente meditati e non particolarmente approfonditi. Colpisce com ...continua

    Non è un libro, è un lungo articolo, o se preferite un lungo racconto nello stile di Carrère. Sembrano appunti di viaggio, non particolarmente meditati e non particolarmente approfonditi. Colpisce come sempre la capacità di scrittura, ma non vedo alcun punto di vista particolarmente originale.

    ha scritto il 

  • 5

    Un piccolo libro che riesce in 40.000 battute a permetterti di entrare in uno degli universi delle migrazioni. E Carrere tiene con la sua scrittura equilibrata e con la sua intelligenza le fila di una ...continua

    Un piccolo libro che riesce in 40.000 battute a permetterti di entrare in uno degli universi delle migrazioni. E Carrere tiene con la sua scrittura equilibrata e con la sua intelligenza le fila di una narrazione per nulla facile.
    Ti viene desiderio che davvero possa diventare libro e eh lui resti nella Calais spaccata dalle contraddizioni e dalle difficoltà profonde del nostro tempo ben più di 15 giorni.

    ha scritto il 

  • 3

    Breve reportage per raccontare la Giungla dal di fuori, vale a dire attraverso le impressioni e le reazioni dei cittadini di Calais. Difficoltà economiche di una città in declino, convivenza forzata c ...continua

    Breve reportage per raccontare la Giungla dal di fuori, vale a dire attraverso le impressioni e le reazioni dei cittadini di Calais. Difficoltà economiche di una città in declino, convivenza forzata con una realtà complessa di emarginazione e povertà, derive estremiste e timidi raggi di speranza - ma tutto questo è stato scritto prima dello sgombero dell'ottobre 2016. Chissà se Carrère tornerà per raccontare cosa è realmente successo...

    ha scritto il 

  • 3

    Pochissime pagine di questo furbissimo e un po' antipatico autore. Poco più di un articolo e tuttavia interessante e ben scritto, molto! Un reportage da uno degli inferni del nostro mondo che è poi un ...continua

    Pochissime pagine di questo furbissimo e un po' antipatico autore. Poco più di un articolo e tuttavia interessante e ben scritto, molto! Un reportage da uno degli inferni del nostro mondo che è poi un riflesso di quell'abisso terribile o meraviglioso che è il cuore umano.

    ha scritto il 

  • 4

    animali da scrittura

    La metafora del colibrì: ognuno deve nel suo piccolo fare qualcosa per spegnere l'incendio anche se apparentemente è inutile. Questo racconta Carrere e questo fa lui da scrittore: va a Calais dove c'è ...continua

    La metafora del colibrì: ognuno deve nel suo piccolo fare qualcosa per spegnere l'incendio anche se apparentemente è inutile. Questo racconta Carrere e questo fa lui da scrittore: va a Calais dove c'è la "giungla" in questi giorni sgombrata, e racconta puntando i riflettori su chi sta di fianco alla tragedia. Gli spettatori sono per una volta sezionati e restituiti alla loro fragilità umana.

    ha scritto il 

  • 2

    OGNI PAESE HA LA SUA LAMPEDUSA

    La Lampedusa francese si chiama Calais.

    Carrere scrive un articolo lungo 40.000 battute che in Francia è stato pubblicato da un quotidiano sulla situazione di Calais, si è prefissato come obiettivo ...continua

    La Lampedusa francese si chiama Calais.

    Carrere scrive un articolo lungo 40.000 battute che in Francia è stato pubblicato da un quotidiano sulla situazione di Calais, si è prefissato come obiettivo quello di parlare di Calais ma senza nominare i migranti, parlare dei suoi abitanti sì, della città sì, ma tacere dei nuovi ospiti.
    Ma dunque di cosa vogliamo parlare?
    Delle sue fabbriche di merletti, pizzi e tulle che per anni sono stati la principale fonte di occupazione della popolazione?
    Del suo porto, il più grande in Francia per numero di passeggeri e il secondo in Europa?
    Dei voti che che alle elezioni virano pesantemente verso le Front National?
    E chissenfrega!

    Perché oggi, parlare di Calais senza fare i conti con i migranti, diventa una utopia dialettica, inesorabilmente il discorso non può non cadere che lì.
    Come per Lampedusa: decenni fa si parlava dell’isola come di uno scoglio inaccogliente ma gettato in un mare cristallino e meravigliosamente turchese, oggi non si può citare il suo mare senza citare chi vi approda illegalmente.
    A Calais c’è il più grande campo di migranti d’Europa chiamato Jungla (chissà poi perché…), si trova a pochi passi dalla circonvallazione che conduce al porto e lì sostano, per un tempo indefinito, uomini donne, bambini in attesa di riuscire di notte e furtivamente a passare in Gran Bretagna, saltando su un camion o nella stiva di una nave, o nascosti in un vagone di un treno.
    Esiste un trattato, il Trattato di Le Touquet, firmato nel 2003, per calmierare e regolamentare i flussi migratori tra Londra e Parigi, l’intesa stabilisce che la Francia controlli i confini della Gran Bretagna e, viceversa, la Gran Bretagna controlli i confini francesi, il problema è che dalla Gran Bretagna nessuno cerca di entrare in Francia mentre a migliaia ogni notte cercano di compiere il passaggio inverso.

    Calais per i migranti dovrebbe essere solo una tappa, una cesura delle loro esistenze, un trampolino verso la realizzazione dei loro sogni.
    C’è anche un murales, realizzato a Calais da Bansky il più grande autore di street artists raffigurante nientemento che Steve Jobs, che aveva origine siriane per parte paterna, con in spalla uno zaino e sotto il braccio un computer. Un’opera murale diventata emblema e patrimonio della città al pari de Les bourgeois de Calais dello scultore Rodin che vuole accomunare i destini di chi ce l’ha fatta e di chi tenta di farcela.

    E Carrere si azzarda ad un paragone, forse improprio, ma che mi ha molto colpito quando dice che alcuni residenti francesi, pur vivendo in una situazione meno precaria dei migranti, in realtà hanno meno prospettive perchè per loro la situazione è stagnante e definitiva, nessun altro mondo dorato o fasullamente dorato li attende potenzialmente ricco di nuove opportunità.
    Alla fine due stelle perché?
    Non perché Carrere non abbia ben argomentato, lo ha fatto se accogliamo questo suo breve pamphlet per ciò che è e doveva essere: un articolo editoriale comparso su un quotidiano, breve e sinteticamente concluso, di media sostanza.
    Le due stelle sono per Adelphi, per la sua scelta editoriale di creare una collana Biblioteca Minima dedicata ai longform, articoli lunghissimi, a metà tra giornalismo e letteratura narrativa circolanti in internet o comparsi su blog che la gente su schermo o su smartphone si stanca di leggere dall’inizio alla fine, e forse all’arroganza di dargli dignità di libro.

    L’unica consolazione è il prezzo 1,98 in ebook per 49 pagine.

    ha scritto il 

Ordina per