A Child's Garden of Verses

(Early Best Sellers)

By

Publisher: Classic Books

4.2
(78)

Language: English | Number of Pages: | Format: Library Binding | In other languages: (other languages) Italian , Spanish

Isbn-10: 0742610489 | Isbn-13: 9780742610484 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Paperback , Others , Unbound , Softcover and Stapled , Audio Cassette , Board Book , eBook , Audio CD , School & Library Binding

Category: Children , Fiction & Literature , Foreign Language Study

Do you like A Child's Garden of Verses ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
All the joys and sorrows, fears and fantasies of an imaginative solitary child are brought together in this edition of a much-loved classic. Stevenson's timeless verses bear witness to a happy childhood, and coupled with Wildsmith's bright, imaginative images, the poems create a treasuregarden for every child to explore.
Sorting by
  • 5

    “Odio il cinismo più del diavolo; a meno che siano la stessa cosa” (R.L. Stevenson)

    Esiste qualcosa di più stupefacente della freschezza, semplicità, curiosità, fantasia di un bambino?
    Sì: la freschezza, semplicità, curiosità, fantasia di un uomo adulto che ha saputo mantenere un cuo ...continue

    Esiste qualcosa di più stupefacente della freschezza, semplicità, curiosità, fantasia di un bambino?
    Sì: la freschezza, semplicità, curiosità, fantasia di un uomo adulto che ha saputo mantenere un cuore bambino, non incattivito dalle vicissitudini, dai dolori, dalla malattia, dalla durezza della vita.
    Stevenson (il cui stato di salute fu sempre precario) scrive queste poesie in un periodo di grande debilitazione fisica, si fa bambino per raccontarsi ad altri bambini, per condividerne l’esperienza: i giochi in giardino, la paura del buio, i sogni e gli incubi nel grande letto su cui – come su una nave – ogni notte partiva per viaggi straordinari, l’ammirazione per Leere, il lampionaio che ogni sera accendeva il lampione di fronte a casa sua… e molto altro. Magico, incantevole, straordinario!
    Nella sezione “Musica & Video” della Scheda Libro ho riportato tre poesie contenute in questo volume, musicate da alcuni cantautori scozzesi. Questa, invece, è la poesia con cui si chiude la raccolta:

    To Any Reader
    As from the house your mother sees
    You playing round the garden trees,
    So you may see, if you will look
    Through the windows of this book,
    Another child, far, far away,
    And in another garden, play.
    But do not think you can at all,
    By knocking on the window, call
    That child to hear you. He intent
    Is all on his play-business bent.
    He does not hear, he will not look,
    Nor yet be lured out of this book.
    For, long ago, the truth to say,
    He has grown up and gone away,
    And it is but a child of air
    That lingers in the garden there.

    A ogni lettore
    Come ti vede mamma dal salottino
    giocare intorno agli alberi in giardino
    così vedrai, se tu vorrai guardare
    dalle finestre del libro da sfogliare,
    molto lontano da te un altro bambino
    giocare lontano, in un altro giardino.
    Ma sappi bene che se vorrai bussare
    alla finestra, non ti potrà ascoltare.
    Tutto rapito e chiuso nel suo gioco
    non ti sente né vede neanche un poco.
    Da questo libro non lo potrai rapire,
    perché da tanto tempo, devi capire,
    egli è cresciuto e se ne è andato via,
    per questo tu non sai bene chi sia:
    è d’aria, è tutto d’aria quel bambino
    che indugia ancora in questo giardino.

    said on 

  • 4

    Un tuffo nei ricordi d'infanzia

    Il sottotitolo della raccolta è significativo: "Poesie per grandi incanti e piccoli lettori". E infatti l'autore ha la capacità di incantare il lettore, piccolo o grande che sia, perchè anche se i suo ...continue

    Il sottotitolo della raccolta è significativo: "Poesie per grandi incanti e piccoli lettori". E infatti l'autore ha la capacità di incantare il lettore, piccolo o grande che sia, perchè anche se i suoi versi sono rivolti più che altro ai bambini possono di certo essere gustati da un adulto che desideri ritagliarsi un piccolo spazio di sogno, una pausa per tuffarsi nei ricordi d'infanzia che in modo più o meno simile accomunano un pò tutte le persone.

    Chi, infatti, non ha giocato con pupazzi o soldatini, o con la propria ombra? Chi non ha corso in un prato, o fatto volare aquiloni, o ascoltato favole? Chi non si è domandato dove nasca il vento, come vivono i bambini dall'altra parte del mondo? Chi non ha sognato pirati, re, regine o fantasticato sul sole e sulla luna?

    Versi giocosi, ma anche a volte un pò malinconici. Versi delicati e semplici, eppure ricchi di sentimenti, di emozioni genuine, come lo sono quelle dei bambini, senza il filtro della razionalità e delle sovrastrutture mentali che tolgono agli adulti molto spesso il gusto delle piccole cose.

    said on 

  • 4

    scrivere poesie per bambini, ma non per piccoli adulti, non bamboleggianti, ma rispettose della "diversita'" dell'universo infantile.
    stevenson c'e' riuscito.

    said on 

  • 5

    Il buongiorno in versi

    Ogni mattina una poesia: per iniziare con il sorriso e rendere gentile il risveglio... poi con il cuore pieno di gioia si corre a scuola! ;-)

    said on 

  • 4

    Il 13 novembre del 1850 nasceva Robert Louis Stevenson.
    Una notizia splendida per i lettori che sarebbero venuti dopo.
    Il vero tesoro della letteratura è lui.
    Jorge Luis Borges sosteneva che uno dei m ...continue

    Il 13 novembre del 1850 nasceva Robert Louis Stevenson.
    Una notizia splendida per i lettori che sarebbero venuti dopo.
    Il vero tesoro della letteratura è lui.
    Jorge Luis Borges sosteneva che uno dei motivi per cui
    vale la pena vivere è proprio il fatto che sia esistito
    un uomo come Stevenson. Come dare torto ad un genio?

    said on 

  • 5

    Un piccolo scrigno di poesie e filastrocche che solo l'incanto della scrittura di Stevenson poteva creare. L'autore dipana qui un mondo in miniatura fatto di sogni, desideri e fantasie tra i più puri, ...continue

    Un piccolo scrigno di poesie e filastrocche che solo l'incanto della scrittura di Stevenson poteva creare. L'autore dipana qui un mondo in miniatura fatto di sogni, desideri e fantasie tra i più puri, e lo fa con il trasporto tipico che caratterizza ogni sua opera. Se amate Stevenson, come io lo amo, apprezzerete sicuramente questo piccolo gioiello.

    said on 

  • 5

    "Mai albero ebbe tante foglie sui rami
    nè chiesa o parco videro tanta gente
    quante le stelle che grondavano a sciami
    brillando dall'alto del cielo splendente"
    Bellissime e commoventi; chi di voi si ri ...continue

    "Mai albero ebbe tante foglie sui rami
    nè chiesa o parco videro tanta gente
    quante le stelle che grondavano a sciami
    brillando dall'alto del cielo splendente"
    Bellissime e commoventi; chi di voi si ricorda "esattamente" come ci si sentiva da bambini, da soli, al buio, nel letto, quando si apriva un mondo di visioni, fantasie, racconti, lo leggerà in un fiato.

    said on 

  • 4

    Certo, se uno sa l'inglese, meglio. Non voglio dir male della traduzione, ma per mantenere le rime alcune poesie si trasformano in tutt'altro rispetto all'originale.

    Velieri costruiti nel sottoscala, ...continue

    Certo, se uno sa l'inglese, meglio. Non voglio dir male della traduzione, ma per mantenere le rime alcune poesie si trasformano in tutt'altro rispetto all'originale.

    Velieri costruiti nel sottoscala, pozzanghere che sfociano nell'oceano, letti naviganti, giardini che diventano foreste. Il mondo edificato dai bambini quando giocano. Chissà se gli gnomi contemporanei sono ancora capaci di inventarsi tutte queste storie... Magari, provassimo a spegnere la tv, nascondere i dvd -oltre che calpestare con foga assassina gormiti e winx- e lasciare che i pargoletti si annoiassero a morte in una stanza vuota o in un giardinetto, i 'mondi altri' tornerebbero a fare capolino e le teste dei piccoli si riempirebbero di avventure invece che di merda (oops: "cioccolata che puzza").

    said on 

Sorting by